InfoAut
Immagine di copertina per il post

41bis = tortura – Solidarietà con Alfredo, Juan, Ivan e Anna, prigionieri anarchici in sciopero della fame

La violenza istituzionale assume le forme di vendetta e tortura nei confronti degli anarchici. Il primo dicembre il tribunale di sorveglianza si pronuncerà sul regime detentivo al 41bis a cui è sottoposto Alfredo.

Questa è una storia di cui difficilmente sentirete parlare, una storia di tortura inflitta per “fare giustizia”, di una tortura codificata per legge nei minimi dettagli, nata in teoria per sconfiggere la mafia e oggi applicata sempre più indiscriminatamente.

da Quarticciolo Ribelle

Dal 20 ottobre scorso, Alfredo Cospito, detenuto del carcere di Bancali in Sardegna è in sciopero della fame contro l’ergastolo ostativo e il 41 bis.

Isolamento pressoché totale in sezione, un colloquio al mese, corrispondenza inibita dal sequestro sistematico, messo a tacere anche se prende parola nei processi in cui è imputato. Il suo sguardo non può allungarsi per più di pochi metri perché l’unico scorcio offerto alle sue giornate sono gli spessi muri di cinta del penitenziario. Le uniche voci che può ascoltare sono quelle gracchianti che gli restituisce il citofono al colloquio. Una tortura per cui l’unica fine prevista è la morte.

Uno sciopero della fame contro la deliberata scelta del tribunale di giocare col suo cervello, di provare a farlo impazzire, di annichilirlo. Uno sciopero della fame a cui a catena si sono aggiunti Juan, Ivan e Anna. Tutti prigionieri anarchici. Mentre si aspetta di sapere se la cassazione metterà fine a l’abominio dell’ ergastolo ostativo, una lotta condotta con gli unici strumenti che i detenuti al 41 bis hanno: i loro corpi.

Il 1 dicembre il tribunale di sorveglianza si pronuncerà sul regime detentivo a cui è sottoposto Alfredo. Più di 200 tra penalisti e giuristi hanno sottoscritto un appello per denunciare l’assurdità di questa vicenda, per raccontare del clima pesante che si respira, delle inchieste associative, delle condanne abnormi (financo per strage!) inflitte agli anarchici in questi mesi. C’è stata un’interrogazione parlamentare. Decine di azioni di solidarietà. Nonostante questo, questa è una storia di cui difficilmente sentirete parlare.

Siamo arrivati al 77esimo suicidio in carcere nel solo 2022. Ennesimo triste record. Bisogna prendere atto che non esiste nessuna funzione rieducativa della detenzione, che rinchiudere le persone in cattività non le rende migliori, che il 41bis di questo sistema assurdo è l’espressione più tragica.

Con Alfredo, Juan, Ivan e Anna. Non lasciamoli soli

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

41bisanarchicicarcereCospito

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Torino, associarsi per resistere: Sara, Emiliano, Jacopo e Francesco sono liber*.

Riceviamo una bella notizia: i quattro giovani studenti arrestati l’11 maggio scorso a Torino, a seguito della manifestazione che indicava in Confindustria la responsabilità della morte di Giuseppe e Lorenzo in alternanza scuola-lavoro, sono finalmente liberi.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Carcere, il vostro record è una strage

82 suicidi nel 2022, detenuti che avrebbero dovuto scontare pochi mesi, detenuti ancora in attesa di giudizio, detenuti con fragilità psichiche. Appesi ai lenzuoli, imbottiti di farmaci, inalano bombolette del gas. Un record che è una strage.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Cospito: la Cassazione stoppa il processo con il rischio ergastolo, mentre il tribunale di sorveglianza conferma il 41Bis

Ancora Cospito: nelle stesse ore della Cassazione, il Tribunale di Sorveglianza ha respinto il reclamo contro il 41bis, la tortura di Stato chiamato eufemisticamente “carcere duro”, a cui resta quindi sottoposto nel penitenziario di Bancali, in provincia di Sassari.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Askatasuna: annullata con rinvio dalla Cassazione l’associazione a delinquere, ma la procura procede con gli arresti su altri reati

Ieri a Torino è andata in scena l’ennesima lunga giornata di resistenza contro il tentativo di Questura e Procura torinese di gettare discredito e soffoccare le lotte di Askatasuna, del Movimento No Tav e dello Spazio Popolare Neruda.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Rinviata alla Consulta la decisione su Alfredo Cospito

La Corte d’Assise d’Appello di Torino chiede alla Corte costituzionale di esprimersi sulle attenuanti di cui potrebbe beneficiare Alfredo Cospito, l’anarchico, al 41bis. La procura generale aveva chiesto l’ergastolo e 12 mesi di isolamento diurno. Lui: «In sciopero della fame fino all’ultimo respiro»

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Grecia, riforma del codice penale e rivolte nelle carceri

Lo scorso ottobre il governo greco presieduto dal partito di destra Nea Demokratia ha votato una serie di modifiche al codice penale nazionale sotto spinta dell’UE e della Corte Europea. 

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Torino: mobilitazione contro il carcere

Nell’anno del record di suicidi in galera (78 fino ad ora) anche il carcere cittadino Lorusso e Cutugno ha pagato il suo contributo di sangue: sono 4 le persone che si sono tolte la vita e molte di più quelle che ci hanno provato.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Lettera aperta al corpo accademico della Sapienza sul 41-bis

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questa lettera aperta rivolta al corpo accademico della Sapienza da parte della componente studentesca sul regime di detenzione del 41-bis.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Carcere: Antigone “Oltre 200 gli operatori penitenziari indagati per tortura e violenze avvenute nelle carceri italiane”

Sono 45 gli indagati tra appartenenti alla polizia penitenziaria, medici, funzionari e direttori pro-tempore del carcere di Ivrea nell’ambito di una nuova inchiesta, coordinata dalla procura, in merito ai pestaggi subiti dai detenuti della casa circondariale.