InfoAut
Immagine di copertina per il post

L’azienda italiana che (cyber)difende i mondiali di calcio

Proponiano un contributo raccolto su Wired.it riguardo agli attacchi informatici che si stanno verificando in queste settimane e che hanno come obiettivo quello di colpire i siti brasiliani, allargando così le proteste nel web, ormai diventato un vero e proprio campo di battaglia. Il contributo pubblicato il 16 giugno esamina il modo di lavorare di un’azienda italiana di Orvieto che collabora con l’amministrazione e le autorità brasiliane per “prevenire, analizzare e gestire” gli attacchi informatici. Quanto proponiamo qui sotto, ci sembra essere interessante per alcuni aspetti riguardanti le forme di controllo e gestione del web, riferito per lo ad più azioni hacktiviste, rilasciate all’interno di un rapporto che Wired esamina, rendendolo così pubblico.

I Mondiali di calcio di quest’anno saranno ricordati anche per l’ondata di proteste che hanno suscitato, per strada e offline. Ormai da giorni in Brasile si assiste a quotidiane manifestazioni di piazza, ma anche a una nutrita serie di attacchi informatici, in buona parte condotti da gruppi hacktivisti, come Anonymous.

Non tutti però sanno che ad aiutare la pubblica amministrazione brasiliana a difendersi dalle proteste online è una piccola azienda italiana, Tiger Security, con sede a Orvieto. Che ha deciso di uscire allo scoperto rilasciando in queste ore un report – che Wired.it ha potuto vedere in anteprimasul lavoro svolto finora e la situazione attuale nel cyber-spazio brasiliano. “Cerchiamo di far capire meglio certi fenomeni, diamo un contributo informativo a chi svolge attività politiche o ai servizi di sicurezza, quindi cyber intelligence, raccolta di informazioni in rete e nel deep web, analisi ecc, e poi forniamo delle soluzioni tecnologiche”, spiega a Wired.it il Ceo Emanuele Gentili.

Che però sul tipo di soluzioni non si sbottona: “Non sono invasive”, si limita a specificare. Di sicuro, un’attenzione crescente è dedicata ai social network.Sono uno degli strumenti principali da cui deduciamo informazioni, anche se non tutto quello che viene da lì è buono, è necessario scremare”. Tiger Security è nata in Umbria nel 2010, conta su una decina di persone oltre a varie collaboratori esterni, e lavora con le forze dell’ordine e le agenzie di sicurezza di vari Paesi. Incluso quelle brasiliane. Monitoraggio delle minacce emergenti di tipo digitale, di malware e virus scritti ad hoc, analisi del sentiment nei social, ricerca su fonti aperte, ma anche strumenti più specifici su cui però si mantiene un certo riserbo.

Lo stato dell’arte della guerriglia digitale in occasione della Coppa del Mondo 2014 in Brasile”, rilasciato online in queste ore dall’azienda di Orvieto, mette subito l’accento su un aspetto sempre più rilevante del mondo hacktivista: le sue crescenti e continue connessioni con l’attivismo fisico. Strada e reti IRC, piazze e social network tendono a muoversi sempre più all’unisono e a influenzarsi reciprocamente, e il Brasile è l’ennesima conferma di questo fenomeno.

Anche dal punto di vista digitale le 12 città ospitanti – afferma il report – sono da considerarsi tra i principali obiettivi degli hacktivisti. Già numerose, infatti, sono le evidenze di violazioni e compromissioni mirate ai sistemi istituzionali e ai servizi di pubblica utilità dei vari municipi, risorse fondamentali per la corretta ricezione del flusso turistico generato dall’evento sportivo. Questi episodi sottolineano ancora una volta la convergenza degli obiettivi fisici con quelli digitali, favorita e veicolata anche dal massiccio utilizzo di strumenti di aggregazione virtuale come sono i social network”.

Gli attacchi contro obiettivi governativi sono iniziati in realtà ben prima dei mondiali, a partire dallo scorso aprile, e da allora hanno avuto una crescita quasi esponenziale che tocca gli oltre duemila target al giorno. Secondo Gentili, l’andamento degli attacchi potrebbe dipendere da come si evolveranno i Mondiali. In ogni caso già ora si assiste a una netta predilezione per obiettivi di tipo governativo, malgrado nella lista nera degli hacktivisti siano finiti anche gli sponsor della manifestazione.

Decisamente più presa di mira la parte istituzionale e governativa brasiliana, le municipalità, i trasporti pubblici”, commenta Gentili. Osservazione confermata da alcuni degli stessi membri di Anonymous, che Wired ha contattato nel canale #OpMundial2014 di AnonOps, e che viene motivata anche con la volontà di tenere sotto pressione il governo Rousseff. Con cui alcuni hanno per altro “una relazione complicata”. “Il Brasile potrebbe giocare un ruolo importante, anche su alcuni temi che ci sono cari, pensa alla richiesta di asilo di Snowden”, mi dice uno di loro. Tra l’altro, in concomitanza con le proteste contro la FIFA, sono state rilanciate sui social proprio le immagini di manifestanti con la maschera di Edward Snowden.

A ogni modo, tornando al rapporto di Tiger Security, viene evidenziato come buona parte degli attacchi non sia condotta da brasiliani, bensì da europei, americani, messicani, indiani, tunisini e turchi. E come alcuni abbiano rispolverato uno strumento ormai famigerato in molti ambienti anon, quali le Web Hive, che permettono di lanciare attacchi DDoS in modo collaborativo utilizzando il proprio browser (in passato questo genere di democratizzazione spinta dell’hacking ha mietuto molte vittime tra gli utenti meno accorti e capaci).

Notevole poi l’attacco perpetrato ai danni del Ministero degli Affari Esteri brasiliano attraverso un’attività di spear-phishing; gli hacktivisti hanno inviato oltre 600 email dirette a caselle istituzionali in tutto il mondo, “invitando gli operatori ed i diplomatici ad inserire le proprie credenziali email all’interno di un sito internet appositamente strutturato dagli attaccanti”, scrive il rapporto. Credenziali che sono state poi usate per entrare nella corrispondenza di molti dipendenti, e da lì accedere a ulteriori documenti o informazioni utili per violare siti istituzionali.

Tra i siti che hanno subito attacchi di vario tipo (DDoS, deface, o intrusioni con conseguente leak, fuoriuscita di documenti) spiccano Worldcup2014.gov.br, Policiamilitar.sp.gov.br, Metro.sp.gov.br.


Ancora ieri sera è stato violato il sito di Electronorte, con la pubblicazione online di migliaia di account email, numeri di telefono e altri dati.

Il sito di Anonymous Brasil mantiene una lista storica di tutti i siti colpiti in vario modo: sono oltre un centinaio. Mentre gli hashtags da seguire online sono #OpHackingCup, #OpMundial2014, #OpWorldCup. Le ragioni della protesta sono spiegate in questo video in inglese, dove si ricordano, oltre alle ingenti spese sostenute per gli stadi e la manifestazione, la crescente criminalizzazione del dissenso e delle proteste della popolazione, e la repressione intensificatasi in occasione dei Mondiali.

 


Critiche
non dissimili da quelle espresse da varie Ong internazionali, come Amnesty International.

In quanto agli attacchi informatici, se è vero che le azioni hacktiviste fanno più rumore, quelle realmente dannose sono condotte da altri soggetti – cybercriminali e/o spionaggio da parte di entità straniere – che possono provare a sfruttare la situazione di confusione. Dalle truffe e frodi perpetrate con la promessa di vendita o vincita di biglietti per gli eventi, alla diffusione di applicazioni mobili inutili e dannose, specie su telefonini Android, alla compromissione di dispositivi POS e ATM. Oppure gli attacchi mirati e persistenti contro specifiche organizzazioni. Un genere di attività che Gentili concorda essere ben più pericolosa di quella hacktivista. Ma di cui si tende a parlare molto meno.

da Wired

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

anonymuosbrasilehackermondiali2014

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Immagini di classe. Produzione artistica, operaismo, autonomia e femminismo

Jacopo Galimberti, Immagini di classe. Operaismo, Autonomia e produzione artistica, DeriveApprodi, Bologna 2023

Immagine di copertina per il post
Culture

Dune nell’immaginario di ieri e di oggi

Dune può dirsi un vero e proprio mito contemporaneo capace di segnare profondamente l’immaginario collettivo

Immagine di copertina per il post
Culture

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.

Immagine di copertina per il post
Culture

L’ecosocialismo di Karl Marx

Disponibile la tesi di dottorato del filosofo giapponese Kohei Saito, pubblicata dalla casa editrice Castelvecchi.

Immagine di copertina per il post
Culture

Contadini

La premessa: alla base di tutta la nostra vita c’è la produzione agricola.

Immagine di copertina per il post
Culture

Nutrire la rivoluzione.

Che rapporto c’è tra città e campagna, che rapporto vediamo tra la questione del cibo – della possibilità di un suo approvvigionamento – e la rivoluzione che immaginiamo. Sono alcuni dei temi del libro “Nutrire la rivoluzione. Cibo, agricoltura e rottura rivoluzionaria”, pubblicato da Porfido edizioni per la collana i Sanpietrini nel 2023.

Immagine di copertina per il post
Culture

In attesa di un altro mondo: tre film sulla fine del sogno americano

Ha avuto inizio a Venezia, il 9 gennaio di quest’anno, una rassegna cinematografica “itinerante” di tre film e documentari di tre registi italiani under 40 che hanno vissuto parte della propria vita negli Stati Uniti e che hanno deciso di raccontarne aspetti sociali, ambientali e politici molto al di fuori dell’immagine che troppo spesso viene proiettata dai media di ciò che un tempo era definito come American Way of Life.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le contraddizioni e le moderne intuizioni di un editore militante

Molto si è scritto, detto e discusso a proposito della lotta armata in Italia, attraverso saggi, articoli, dibattiti e testimonianze di vario indirizzo, calibro e dalle finalità non sempre limpide.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il Decreto Crescita e il calcio ordoliberale

La mancata proroga del Decreto Crescita per la Serie A serve solo a dimostrare che il libero mercato del calcio non è tale

Immagine di copertina per il post
Culture

Note su cinema e banlieue

Lo scritto che segue riprende alcune tematiche approfondite in un libro in fase di ultimazione dedicato alla messa in scena delle banlieue nel cinema francese.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile. “Non produrremo un solo bullone”: i metalmeccanici della General Motors scioperano per contrastare i licenziamenti

I 4.000 lavoratori della fabbrica di São José dos Campos affermano che torneranno al lavoro solo se i loro colleghi saranno reintegrati.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: studenti obbligano università a fermare conferenza di gruppo sionista nel loro campus

Studenti palestinesi e brasiliani sono riusciti a impedire che il capo del gruppo di difesa sionista StandWithUs Brasil, Andre Lajst, tenesse una conferenza presso l’Università Federale dell’Amazzonia (UFAM), in Brasile.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile. Con 100.000 contadini a Brasilia, la Marcha das Margaridas esige l’accesso alla terra e la lotta contro la violenza

La manifestazione si svolge ogni quattro anni e onora la sindacalista Margarida Maria Alves, assassinata nel 1983.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Miniera di sangue. Report sul progetto minerario Belo Sun

La società appartiene al gruppo canadese Forbes & Manhattan, una banca d’affari focalizzata su progetti minerari internazionali, che intende costruire la più grande miniera d’oro a cielo aperto del Brasile e allontanare più di 800 famiglie dalla regione, che saranno trasferite nello stato di Mato Grosso. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: indigeni sono repressi dalla Polizia Militare in un blocco stradale a San Paolo

Dopo circa 20 minuti di resistenza con scudi di bambù, i manifestanti si sono ritirati dalla via e la Polizia Militare ha effettuato una specie di inseguimento fino all’entrata del centro abitato.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Brasile: Cinque anni senza Marielle, cinque anni di impunità

Il 14 marzo si compiono 5 anni dall’assassinio di Marielle Franco e dell’autista Anderson Gomes. Ho presente l’impatto che fu ricevere da Rio, il messaggio straziante di mia figlia Julieta, sua amica e compagna di militanza: “Papà hanno ucciso Marielle”. Aveva 36 anni. di Schachter Silvio Dopo la sua morte, migliaia di brasiliani e persone […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sicurezza informatica: attacco hacker in tutto il mondo, decine di sistemi compromessi anche in Italia

Un massiccio attacco informatico è in corso in tutto il mondo. Sono decine i sistemi compromessi anche in Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I militari guardiani dell’estrattivismo in America Latina

Stanno uscendo nuovi dati che confermano il ruolo delle forze armate nell’assalto di domenica 8 gennaio al parlamento, al palazzo del governo e alla Suprema Corte di Giustizia a Brasilia. Non ci si sbilancia con il sospetto che gli assaltatori (terroristi secondo media e autorità) contarono sulla simpatia o un puntuale appoggio dei militari, ma loro sono stati gli organizzatori dell’evento.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Cosa è rimasto dell’eredità di Aaron Swartz, oggi

Nel suo racconto almeno una parola deve essere subito chiarita: chi sia un hacker.