InfoAut
Immagine di copertina per il post

Testimonianze: “Coloni hanno causato una nuova Nakba” a Huwwara

Nablus – MEMO. Domenica, coloni israeliani hanno compiuto una “nuova Nakba” contro i palestinesi nel quartiere di Huwwara, secondo quanto affermato da un testimone oculare.

da Infopal

Abdul Kareem, un insegnante di scuola elementare, ha dichiarato: “Non c’è bisogno di immaginare come la gang sionista abbia compiuto la Nakba nel 1948. Devi solo guardare ciò che i coloni ebrei israeliani hanno fatto a Huwwara. Hanno compiuto una nuova Nakba”, riferendosi al modo in cui le bande sioniste hanno costretto i palestinesi ad abbandonare le loro case per fare spazio alla creazione dello stato di Israele oltre 70 anni fa.

Durante gli attacchi dei coloni a Huwwara, Burin, Za’tara e Asira al-Qabliyah, le famiglie palestinesi sono state viste fuggire dalle loro case prima o dopo essere state attaccate dalle folle di coloni.

Nel frattempo, l’ex-sindaco del municipio di Hawwara, Mansour Addamidi, ha detto: “Hanno fatto irruzione nelle case palestinesi dentro e fuori il quartiere. Siamo stati totalmente impotenti”.

Ha dichiarato a Haaretz: “L’esercito israeliano e i coloni sono dalla stessa parte e nessuno li ferma. Non riconosciamo più chi è un soldato e chi è un colono, poiché molti dei coloni indossano l’uniforme militare e portano armi”.

Un residente di Hawara ha dichiarato a Haaretz che “i coloni si sono comportati senza alcun deterrente e si sono mossi liberamente per diverse ore”, sottolineando che alcuni di loro portavano armi e lanciavano cocktail Molotov e pietre contro le case palestinesi.

Ha aggiunto: “Sono entrati nella cittadina e sono andati ovunque. Hanno dato fuoco alle case e hanno danneggiato molte auto […]. Non conosciamo nemmeno l’estensione dei danni. Abbiamo sentito solo urla dalle case, molte famiglie sono fuggite dalle loro dimore per paura di essere bruciate vive”.

Un altro testimone oculare ha detto che “erano equipaggiati con strumenti per tagliare”.

Guarda il video qui.

Forte indignazione internazionale verso l’assalto dei coloni a Huwwara

Nablus – The Palestine Chronicle. Coloni ebrei hanno attaccato la cittadina palestinese di Huwwara, nella Cisgiordania occupata, domenica sera, uccidendo un uomo e ferendo oltre 100 persone. L’attaco è stato seguito da una forte condanna a livello internazionale.

Ambasciatore britannico: “Israele dovrebbe combattere la violenza”.

Neil Wigan, l’ambasciatore britannico in Israele, ha criticato la violenza dei coloni contro i palestinesi e le loro proprietà, affermando che “Israele dovrebbe combattere la violenza”.

Wigan ha utilizzato la sua pagina Twitter ufficiale per esprimere la sua condanna agli attacchi dei coloni fanatici, che hanno ucciso un palestinese, ne hanno feriti più di 100 altri e hanno bruciato decine di case, veicoli e strutture.

“Scenari terribili a Huwwara, stasera, con notizie di un uomo palestinese ucciso e molti altri feriti in un attacco dei coloni”.

Ha continuato dicendo che Israele dovrebbe portare davanti alla giustizia chiunque sia responsabile. “Israele dovrebbe affrontare la violenza delle colonie, con i responsabili portati davanti alla giustizia”.

Deputato canadese: “Violenza terrificante”.

Il deputato canadese Niki Ashton ha denunciato la violenza dei coloni a Huwwara.

Sulla sua pagina Twitter ufficiale, il politico canadese ha citato un tweet dell’attivista palestinese Issa Amro, in cui ha pubblicato un video dei coloni israeliani che bruciano case palestinesi, veicoli, alberi e negozi nella suddetta cittadina.

Ashton ha descritto la violenza dei coloni come “inaccettabile” e “terrificante”, aggiungendo che “il Canada non può stare in silenzio mentre questo accade”.

Francia: violenza “inaccettabile”.

La portavoce del ministero degli Esteri, Anne Claire Legendre, ha sottolineato che il suo paese segue con grande preoccupazione la violenza e la situazione in corso in Cisgiordania.

Legendre ha sottolineato in un comunicato stampa che la violenza contro i civili palestinesi è “inaccettabile”.

La Francia ha chiesto al governo israeliano, come parte delle sue responsabilità come potenza occupante, di proteggere i civili palestinesi e di perseguire i responsabili degli atti violenti nella città di Huwwara.

Price: gli Stati Uniti stanno lavorando per ripristinare la calma.

Il portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, Ned Price, ha condannato la crescente violenza delle colonie nella Cisgiordania occupata.

“Questi sviluppi sottolineano l’imperativo di una ‘de-escalation‘ immediata delle tensioni […], ha detto in un tweet.

“Gli Stati Uniti continueranno a lavorare con israeliani e palestinesi e i nostri partner regionali per ripristinare la calma”.

La relatrice speciale dell’ONU per la situazione dei diritti umani nel territorio palestinese, Francesca Albanese, ha condannato la violenza dei coloni israeliani in un tweet, lunedì.

Albanese ha anche condannato la “continua distorsione dei fatti”, citando un tweet del portavoce degli Stati Uniti Ned Price, che ha descritto l’assalto a Huwwara come conseguenza di un “attacco terroristico che ha ucciso due israeliani”.

“Condanno l’occupazione coloniale dei Territori palestinesi da parte di Israele da 55 anni (e l’incitamento di recenti politici israeliani a commettere crimini) che sta causando violenza continua/efferate perdite di vite”, ha scritto Albanese.

“Condanno anche la continua distorsione dei fatti di questa violenza e delle sue cause profonde”.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

coloniisraelenabluspalestina

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il PKK è un’organizzazione terroristica?

Il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e il suo cofondatore e leader di lunga data, Abdullah Öcalan, sono stati per molti anni nella lista dei terroristi degli Stati Uniti e dell’Unione Europea (UE).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Commercio di armi: Leonardo Spa partecipa al massacro dei Palestinesi

L’alleanza tra Leonardo Spa, azienda italiana a partecipazione pubblica che è attiva nella produzione e fornitura di tecnologie e armi a livello mondiale nonchè primo produttore di armi nell’Unione Europea, e Israele è consolidata da decenni ed è florida.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

No alla disumanizzazione! Fermiamo il genocidio!

Pubblichiamo di seguito l’appello alla mobilitazione in solidarietà alla Palestina lanciato dal coordinamento Torino per Gaza per domani sabato 2 marzo rivolto a tutte le piazze italiane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stati Uniti: alle primarie democratiche del Michigan in molti hanno votato scheda bianca contro il genocidio in Palestina

Martedì nello stato del Michigan ci sono state le primarie del partito Repubblicano e di quello Democratico per scegliere i candidati alla presidenza degli Stati Uniti, in vista delle elezioni di novembre.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: al salto dei tornelli per l’aumento del biglietto

I più giovani fanno il salto. I più anziani chiedono permesso per evitare la spesa della SUBE. Madri e padri fanno passare sotto i propri figli. Una cartolina argentina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il vero piano israeliano per Gaza è la deportazione dei palestinesi

A più di 140 giorni dall’inizio della guerra di Gaza,  il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha finalmente proposto un non-piano per il futuro di Gaza ,un elenco di principi irrealizzabili e slegati dalla realtà.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Trappole esplosive e imboscate: come i sadici “Hunger Games” di Israele mirano a far morire di fame la popolazione di Gaza

Ci sono crescenti segnalazioni di agguati israeliani che prendono di mira direttamente i civili a Gaza mentre aspettano gli aiuti, spesso dopo che falsi messaggi segnalano che i soccorsi sono in arrivo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Crescono le spese militari dell’Italia in Africa nonostante le violazioni dei diritti umani

Aumenta l’impegno militare nel continente Africano: il governo Meloni, in continuità con i governi precedenti, proroga le missioni in corso e ne aggiunge di nuove, anche nei paesi che violano i diritti umani e il diritto internazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cella di isolamento per Marwan Barghouti: si teme per la sua vita, afferma gruppo per i diritti dei prigionieri

La Commissione palestinese per gli Affari dei detenuti ha dichiarato lunedì di temere per la vita dell’importante leader Marwan Barghouti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia al comando della nuova missione militare europea ASPIDES per proteggere Israele e il commercio di fonti fossili

E’ sempre più Risiko nell’immensa area marittima compresa tra Bab el-Mandeb, Hormuz, Mar Rosso, golfo di Aden, mar Arabico, golfo di Oman e golfo Persico

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sono un medico americano che si è recato a Gaza. Quello che ho visto non è stata una guerra, è stato un annientamento

Il mio ultimo giorno, un ragazzo è corso verso di me e mi ha dato un piccolo regalo. Era una pietra trovata sulla spiaggia, con un’iscrizione in arabo scritta con un pennarello: “Da Gaza, con amore, nonostante il dolore”.