InfoAut
Immagine di copertina per il post

Stanco dopo otto mesi dall’inizio della guerra di Gaza, l’esercito israeliano è sull’orlo del “collasso”

Mentre l’esercito israeliano si trova ad affrontare gravi carenze di uomini, stanchezza e diserzione e la dirigenza politica si concentra sulla sua sopravvivenza, un alto generale israeliano prevede che la fine di Israele sia vicina.

Fonte: English version

Di Dan Cohen 3 giugno 2024

Il 9 ottobre, due giorni dopo l’assalto militare a sorpresa di Hamas alle basi e agli insediamenti israeliani intorno a Gaza, il Primo Ministro Benjamin Netanyahu si è impegnato a sconfiggere Hamas.

Tuttavia, otto mesi dopo, Israele non è riuscita a raggiungere l’obiettivo dichiarato. Invece, si trova ad affrontare un isolamento internazionale senza precedenti, un’instabilità politica, accuse di Genocidio presso la massima Corte mondiale e mandati di arresto per la sua dirigenza. Senza una fine in vista, dato che Netanyahu rifiuta le proposte di cessate il fuoco, l’esercito israeliano si trova ora ad affrontare la sfida più terribile di sempre: carenza di personale, stanchezza e diserzione.

Una serie di articoli apparsi sui media israeliani rivelano l’ardire della sfida che Israele si trova ad affrontare.

Amir Rapaport, un importante giornalista israeliano con stretti legami con l’istitutivo militare, ha scritto che i vertici dell’esercito sono preoccupati per “l’esaurimento fisico e mentale dei soldati, in particolare quelli in servizio effettivo, insieme a una grave carenza di comandanti”.

Ha aggiunto che queste carenze sono “presenti in tutti i ranghi dell’esercito, con la carenza più grave tra i comandanti sul campo, comandanti di plotone e di compagnia, e anche oltre. Addestrare ciascun comandante è un processo che richiede anni e la carenza si avverte ovunque”.

L’esercito israeliano ammette la morte di 644 soldati e 3.703 feriti dal 7 ottobre. Tuttavia, il numero dei feriti è quasi certamente sottostimato. Ad aprile, il quotidiano israeliano Calcalist ha riferito che 7.200 soldati erano rimasti feriti, quasi il doppio di quanto rivelato dalle statistiche ufficiali del governo. Questi numeri sono sicuramente aumentati ora che la Resistenza Palestinese a Gaza ha effettuato numerosi attacchi riusciti contro le Forze dl’Invasione Israeliane.

Coloro che continuano a combattere hanno il compito di operare nelle aree che l’esercito israeliano ha dichiarato conquistate mesi fa. Il 6 gennaio Israele ha affermato che Hamas era stato sconfitto nel campo profughi di Jabaliya. Tuttavia, i soldati tornarono lì a maggio, conducendo un’operazione di 20 giorni che molti descrissero come “Sisifo”, un riferimento al mito greco di un Re punito con il compito infinito di spostare un masso su una ripida collina, solo per vederlo rotolare giù di nuovo.

Un comandante di compagnia del 196º Battaglione si lamentò: “È frustrante vedere questo, sette mesi e mezzo dopo l’inizio della guerra”.

Dai resoconti tradizionali non risulta che Israele abbia commesso atroci massacri nella sua seconda fallita riconquista di Jabaliya, lasciando una scia di cadaveri in decomposizione in mezzo a vaste aree ridotte in macerie.

Nel frattempo, un sondaggio della Direzione Risorse Umane dell’IDF pubblicato dal sito di notizie israeliano Ynet ha rilevato che solo il 42% degli ufficiali dell’esercito di carriera israeliani ha indicato che vorrebbe continuare a prestare servizio militare, rispetto al 49% nell’agosto 2023. Questa diminuzione ha scioccato i vertici dell’esercito israeliano, che prevedevano il morale sarebbe aumentato in tempo di guerra.

“Il protrarsi guerra è estenuante, la vita familiare ne è influenzata sia per gli uomini che per le donne che non vedono i loro coniugi e figli, e il compenso è inadeguato date le lunghe ore di servizio sommate allo stress e alla responsabilità implicite in alcuni ruoli”, osserva l’articolo.

Al di là degli aspetti personali, il miserabile fallimento di Israele nello sconfiggere Hamas o nel riportare a casa i prigionieri di guerra ha influito sulla loro volontà di continuare a combattere.

“Il senso di fallimento perseguita gli ufficiali e non vogliono prestare servizio in un’organizzazione fallita”, secondo la citazione di un alto ufficiale nell’articolo.

Infatti, alcuni soldati riservisti si sono rifiutati di combattere. Ad aprile, 30 paracadutisti di una compagnia di riservisti hanno informato i loro comandanti che non si sarebbero presentati in servizio a causa del loro esaurimento. Il comandante della compagnia si è lamentato con Channel 12 che il morale dei soldati è “molto basso”.

“L’IDF e lo Stato stanno per collassare dall’interno”

Il Maggiore Generale Yitzhak Brik, l’ex difensore civico militare che si è guadagnato il soprannome di “Profeta dell’ira” per aver previsto con precisione molto prima del 7 ottobre che Israele era totalmente impreparato per un’imminente guerra regionale, ha scritto un articolo avvertendo che Israele ha già perso la guerra contro Hamas e il rifiuto della dirigenza politica e militare di riconoscere questo fatto sta spingendo Israele in un “abisso”.

“Un fatto è certamente chiaro, e lo firmo conoscendo i fatti: l’IDF non ha il potere di vincere questa guerra contro Hamas, e certamente non contro Hezbollah. Penso di sì, non perché non vogliamo vincere, ma semplicemente perché Dio non è dalla nostra parte. Il nostro esercito è piccolo e affaticato e non ha forze a sufficienza. In questa situazione, ogni giorno che la guerra continua, la nostra situazione peggiora”, ha scritto Brik.

Se la guerra non verrà fermata immediatamente, avverte Brik, lo Stato israeliano finirà presto.

“L’IDF e lo Stato stanno per collassare dall’interno. Il crollo dello Stato è solo una questione di tempo perché potremmo perdere se scoppiasse anche una guerra regionale totale. I ‘capitani’ a livello politico e militare, che stanno conducendo la guerra a Gaza, non vogliono riconoscere i duri fatti di cui sono responsabili. Hanno un solo programma: continuare a combattere ad ogni costo perché è l’unica cosa che garantisce loro di continuare a mantenere le loro posizioni per un altro breve periodo di tempo”.

Mentre Israele lotta per ottenere qualsiasi risultato a Gaza che vada oltre il commettere un Genocidio, il Ministro delle Finanze israeliano Bezalel Smotrich fantastica di sconfiggere il molto più forte gruppo militante libanese Hezbollah e di conquistare l’area “fino al Litani”.

“Molti di coloro che hanno ascoltato le sue osservazioni hanno sollevato dubbi sulla capacità dell’IDF di portare a termine una simile missione”, ha commentato Rappaport sulla fantasia di Smotrich.

L’avvertimento di Brik sulla dirigenza è ancora più terribile.

“Devono essere fermati, stanno conducendo il popolo di Israele come pecore al macello; Questo è un gruppo dirigente che è andato completamente e assolutamente fuori di testa ed ha perso la ragione. Non perseguono la salvezza del Paese, ma la salvezza di se stessi e della propria sopravvivenza al potere”.

Brik paragona il destino di Israele alla rivolta biblica di Bar Kochva, quando i fanatici ebrei tentarono di insorgere contro l’Impero Romano, ma subirono una sconfitta storica e causarono ingenti perdite alla popolazione ebraica. Mentre gli ebrei vedono la fallita rivolta come un monito contro i falsi messia, le ideologie sioniste fanno il contrario, prendendone ispirazione e ponendole come sue ispirazioni centrali.

Con l’esercito israeliano fisicamente e moralmente stanco che cammina sull’acqua (più precisamente, sul sangue) a Gaza, e l’amministrazione Biden che rifiuta di usare la sua influenza per costringere Netanyahu a firmare un accordo di cessate il fuoco, potrebbero essere i più stretti alleati di Israele a spingere Israele verso lo scenario apocalittico previsto da Brik.

Dan Cohen è un giornalista e regista americano residente a Washington, DC. È il conduttore di Behind the Headlines (Dentro la Notizia). Ex membro di RT America, Cohen ha collaborato con Al Jazeera English, Alternet, Electronic Intifada, The GrayZone, Middle East Eye, Mondoweiss, The Nation e Vice News.

Traduzione di Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

esercito israelianopalestina

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sapienza per la Palestina: la Rettrice scrive la mobilitazione risponde.

Qualche giorno fa la rettrice Antonella Polimeni ha mandato una mail a tutt* gli/le student* della Sapienza per condannare la tendopoli che si è tenuta al pratone e l’occupazione della facoltà di lettere. Com’è noto entrambe queste iniziative sono avvenute in solidarietà con il popolo palestinese. Riportiamo sia la mail della rettrice Polimeni sia tre […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il pubblico ministero accusa gli arrestati di “possibile sedizione contro l’ordine istituzionale” e sollecita la “prigione preventiva”

Oggi in una conferenza stampa la ministra della Sicurezza ha detto che “il colpo di stato moderno è il tentativo di rendere vano il funzionamento delle istituzioni democratiche”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele affonda lentamente nella crisi istituzionale

In pochi giorni abbiamo assistito ad un botta e risposta tra esercito e governo israeliano sulle pause tattiche. Oggi Netanyahu ha annunciato lo scioglimento del gabinetto di guerra.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro e fuori il G7. Il bilancio del contro-vertice e l’esito (debole) del documento finale

Si è chiuso il meeting in Puglia del G7 presso il resort di lusso di Borgo Ignazia, alla presenza delle elitè mondiali: al tavolo i leader di Italia (che l’ha presieduto), Francia, Germania, Stati Uniti, Giappone, Canada e Gran Bretagna.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

G7: al via il summit nel brindisino. Diversi gli appuntamenti per opporsi al vertice

Giovedì 13 giugno via al vertice G7, lo (stanco) rito dei cosiddetti Grandi del mondo, riuniti nel 2024 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele continua la guerra genocida: il cessate il fuoco rimane lontano

In questi giorni la guerra genocida protratta da Israele nei confronti della Striscia di Gaza non si arresta.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Germania: un’analisi del voto

Gli esiti delle elezioni europee in Germania si iscrivono in una tendenza generale di un’Europa belligerante in crisi, aprono la via alle destre più estreme, cancellano le poche illusioni rimaste rispetto alla rappresentanza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

48 palestinesi di Gaza torturati a morte da Israele

Quarantotto detenuti palestinesi di Gaza sono stati torturati a morte durante la loro detenzione dall’esercito israeliano, ha riferito Haaretz. L’esercito afferma che sta conducendo indagini penali sulle morti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nantes: rivoluzione o barbarie?

È questa l’alternativa proposta dallo striscione in testa alla manifestazione di Nantes

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Mantenere il sangue freddo, rimanere strategici, definire gli obiettivi a breve, medio e lungo termine, acquisire forza, puntare al 2027.

Abbiamo tradotto questo contributo di Houria Bouteldja apparso su QG Décolonial per continuare ad approfondire quanto sta accadendo in Francia in merito alla costituzione di un nuovo Fronte Popolare per le prossime elezioni.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla colonia, alla fabbrica, ai quartieri popolari: l’antirazzismo politico in Francia. Intervista a Said Bouamama

Abbiamo realizzato questa intervista a Said Bouamama ad aprile 2024 durante il Festival Altri Mondi – Altri Modi tenutosi al centro sociale Askatasuna a Torino, quando il movimento per la Palestina, perlomeno a Torino, era in una fase diversa, potremmo dire agli albori, da quella che sta attraversando in questi mesi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bergamo: Pride si schiera per la Palestina, il Comune revoca il patrocinio

La decisione di ritirare il patrocinio è scaturita in seguito ad un post pubblicato sui social del Bergamo Pride, che ha preso pubblicamente posizione a sostegno del popolo palestinese e contro il genocidio in atto.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

DA CHE PARTE STAI? Per la fine immediata delle 23 misure cautelari contro compagne e compagni di Bologna

Dal 4 giugno 23 persone, attive nei movimenti sociali di Bologna, sono sottoposte a misure cautelari, 13 di loro hanno ricevuto un divieto di dimora, ossia il divieto di poter entrare in città.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Aggressione repressiva alle lotte a Bologna!

Da questa mattina è in corso la notifica di 22 misure cautelari nei confronti di compagne e compagni di Bologna, e altre decine e decine di notifiche di indagine.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’alleanza anticoloniale. Dalle ultime proteste in Francia in solidarietà alla Palestina

Dopo l’intervista di Netanyahu alla tv nazionale TF1, le proteste a favore della Palestina in Francia hanno raggiunto un livello ineguagliato di rabbia e intensità rispetto alle manifestazioni precedenti.