Roma: 10 ottobre contro l’isolamento e per la libertà di Abdullah Öcalan

Stampa

Il risveglio sociale in Kurdistan e il suo appello per un mondo di giustizia sociale affascinano le persone di tutto il mondo che desiderano una democrazia radicale, la liberazione della donna e l’ecologia. Tuttavia, questa culla della speranza continua ad essere esposta ad attacchi: che si tratti della guerra di aggressione e occupazione della Turchia in Rojava / Siria settentrionale, la guerra contro il popolo del Kurdistan settentrionale e la guerra spietata contro l’opposizione democratica in Turchia da parte del regime dell’AKP, così come l’operazione militare in corso nel Kurdistan meridionale / Iraq settentrionale. Questa politica è tacitamente sostenuta dal governo tedesco e dall’Unione Europea.

||||
|||| ||||

Rappresentante politico e portatore di speranza

In nessun luogo l’isolamento è più concreto che sull’isola prigione turca di Imrali. Qui il fondatore e mente del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), Abdullah Ocalan, è stato tenuto in detenzione dal 15 febbraio 1999. È stato l’unico prigioniero lì per oltre dieci anni. Nonostante le condizioni indescrivibili della sua prigionia, non ha mai smesso di sperare in una soluzione pacifica ai conflitti in Medio Oriente, soprattutto alla questione curda. Per diversi anni il governo turco ha negoziato con Öcalan per trovare una soluzione al conflitto. Inoltre, la stragrande maggioranza dei curdi è con Öcalan. 3,5 milioni di curdi lo hanno sottoscritto come loro rappresentante politico nel 2005/2006.

La soluzione della questione curda è bloccata

Allo stato attuale, lo stato turco sta ancora una volta sottoponendo Öcalan a una politica di isolamento senza precedenti. Ogni visita del suo gruppo di avvocati o dei suoi familiari a Imrali è il risultato di lunghe lotte sociali. Così, migliaia di persone dentro e fuori le carceri turche hanno rotto l’isolamento di Imrali nel maggio 2019 con uno sciopero della fame che è durato per mesi. Dopo anni di diniego da parte delle autorità turche, hanno reso nuovamente possibili consultazioni legali presso Öcalan per un breve periodo di tempo. Tuttavia, dal 7 agosto 2019, il gruppo di difesa e Abdullah Öcalan sono nuovamente fuori contatto. La Procura della Repubblica non reagisce né positivamente né negativamente alle richieste settimanali di visite. Il governo turco blocca così ogni possibilità di negoziazione e una soluzione pacifica alla guerra in Kurdistan e in Medio Oriente.

L’isolamento non riguarda solo una persona

Su Imrali, lo Stato turco non punta solo a isolare la persona di Öcalan. Le conquiste democratiche in Kurdistan e in tutto il Medio Oriente, che si basano sulle idee di Öcalan, sono ovunque l’obiettivo dell’attacco dello Stato turco e dei suoi partner. Öcalan è il pioniere ideologico del confederalismo democratico, un concetto di società democratico di base, liberato dal genere ed ecologico che rappresenta un contro-modello al modello di stato-nazione in crisi in Medio Oriente. Ha posto le basi teoriche e pratiche per il risveglio sociale nel nord della Siria, la liberazione dei curdi yazidi a Shengal e il progetto del Partito Democratico dei Popoli (HDP) in Turchia.

Nonostante le mura della prigione e le opportunità limitate, ha ispirato milioni di persone in tutto il mondo.L’isolamento su Imrali è quindi strettamente legato alla guerra contro il movimento democratico curdo e al suo modello di soluzione, il confederalismo democratico. Per questo motivo, la lotta per la pace e la democrazia nella regione può essere pensata solo insieme alla lotta contro l’isolamento di Öcalan.

Indicatore per la società curda

Il 9 ottobre segna l’anniversario dell’inizio della cospirazione internazionale contro il leader curdo. Öcalan ha dovuto lasciare la Siria 22 anni fa il 9 ottobre 1998, sotto la pressione internazionale della Turchia e della NATO, e ha intrapreso un’odissea per un processo di pace che alla fine ha portato al suo rapimento dall’ambasciata greca a Nairobi da un’operazione di intelligence internazionale in Turchia. . Questo giorno è un giorno di protesta, perché la situazione di Öcalan è considerata anche un metro per la situazione della società curda.

Chiediamo quindi una giornata d’azione decentralizzata contro l’isolamento di Abdullah Öcalan sabato 10 ottobre. Mobilitiamoci insieme per porre fine al sistema Imrali, chiediamo la libertà di Öcalan e rompiamo l’isolamento della sua persona e delle sue idee. !

Partecipa alla giornata di mobilitazione con iniziative creative nelle tue città! Sollevati contro l’isolamento! “

Sabato 10 ottobre ore 15 Piazza Barberini Roma

Segnala l’iniziativa nella tua città a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ufficio di informazione del Kurdistan in Italia
Rete Kurdistan Italia

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons