InfoAut
Immagine di copertina per il post

Puerto Rico si solleva

||||

È sollevazione generale a Porto Rico, dove oramai da più di una settimana, migliaia di persone scendono in piazza per chiedere le dimissioni del governatore Ricardo Rossellò, in seguito alle inchieste di corruzione che hanno portato all’arresto di sei membri del governo e alla pubblicazione di 860 pagine di intercettazioni di una chat Telegram del governatore con altri membri delle istituzioni dell’isla. In queste chat è uscita tutta la misoginia, il maschilismo, l’omofobia, il sessismo che caratterizza l’establishment della colonia Usa, inoltre ne usciva un importante indizio di corruzione rispetto all’uso dei fondi per la ricostruzione e gli aiuti per l’uragano Maria, e il disprezzo classista verso le migliaia di persone colpite dalla catastrofe e la mancanza di rispetto verso le 4.645 vittime che ha causato l’uragano del 2017.

Ieri lunedì 22 luglio centinaia di migliaia di portoricani sono scesi in strada assediando in maniera pacifica il palazzo del governatore e riempiendo le strade della capitale San Juan. Non si sgonfia quindi la protesta dell’ultima settimana e anzi sembra allargarsi e dilagare in molti settori sociali che pagano il sistema di corruzione coloniale che amministra la perla dei Caraibi. Inoltre la manifestazione di lunedì ha fatto in modo che diverse navi da crociera rinunciassero a sbarcare causando ingenti danni economici e di immagine alle compagnie statunitensi.

Le proteste hanno catalizzato un malcontento popolare diffuso verso le politiche del governo e il ruolo degli Stati Uniti, di cui l’isola è di fatto colonia, infatti, negli ultimi anni il governo ha portato avanti politiche neoliberiste di austerità per ridurre il debito pubblico, alimentato fino al 2000, dalla esenzione dalle tasse dei capitali finanziari nell’isola, e ubbidendo supinamente ai dettami di Washington. Tagli all’istruzione, riduzione dei diritti sul lavoro, tagli alla sanità, sono continuati nonostante la catastrofe causata dall’uragano che ha portato quasi al collasso la popolazione portoricana. Infatti appena un anno prima dell’uragano Maria, il 31 agosto 2016, il Congresso degli Stati Uniti ha approvato la Legge di supervisione, gestione e stabilità economica di Porto Rico (PROMESA). Questa legge autorizza la creazione di un Fiscal Control Board (FCB) da parte del governo degli Stati Uniti per affrontare la “crisi del debito” sull’isola. La FCB ha di fatto il potere e l’autorità per ristrutturare il debito e il bilancio di Porto Rico. Questo meccanismo ha fatto in modo che i fondi e gli aiuti per la ricostruzione venissero usati in maniera coloniale per approfondire i meccanismi di sfruttamento e di alienazione dei diritti dei lavoratori portoricani.

Le proteste di questi giorni sono un evento di portata storica per Porto Rico e, anche se il Governatore ha rifiutato di dimettersi rinunciando però alla sua ricandidatura nel 2020, l’intera società dell’isola e moltissimi emigrati all’estero si sono schierati prendendo posizione. A testimonianza di ciò anche il coinvolgimento nelle proteste di numerose star della musica di Porto Rico.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

CENTRAMERICAcorruzioneprotestepuerto ricoUsa

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia al comando della nuova missione militare europea ASPIDES per proteggere Israele e il commercio di fonti fossili

E’ sempre più Risiko nell’immensa area marittima compresa tra Bab el-Mandeb, Hormuz, Mar Rosso, golfo di Aden, mar Arabico, golfo di Oman e golfo Persico

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sono un medico americano che si è recato a Gaza. Quello che ho visto non è stata una guerra, è stato un annientamento

Il mio ultimo giorno, un ragazzo è corso verso di me e mi ha dato un piccolo regalo. Era una pietra trovata sulla spiaggia, con un’iscrizione in arabo scritta con un pennarello: “Da Gaza, con amore, nonostante il dolore”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fasano: manifestazione contro il G7 ed in solidarietà con il popolo palestinese

Tutti quanti hanno ribadito che quella del G7 a Fasano  non è la tanto declamata “Vetrina Internazionale” sostenuta dagli enti locali ma un incontro che porta con sé solo guerre, miseria per il l’intero pianeta, feroci cambiamenti climatici, distruzione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele vuole Anan Yaeesh, l’Italia intanto lo fa arrestare

Il caso del 37enne palestinese, residente a L’Aquila, accusato da Tel Aviv di finanziare la Brigata Tulkarem.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Verona: cariche al corteo contro la fiera delle armi

Sabato si è tenuta a Verona la “European Outdoor Show. Caccia, tiro sportivo, pesca, nautica, outdoor”, una Fiera internazionale delle armi, all’interno della quale sono presenti stand dei principali marchi al mondo dell’industria bellica e balistica.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Medio Oriente: aggiornamenti dal Libano

Bombardamenti nel Sud del Libano: un’escalation controllata?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: ”RAI Radio Televisione Israeliana. No alla propaganda sionista”. La polizia carica i manifestanti 

“Rai Radio televisione israeliana. No alla propaganda sionista”. È uno dei tanti striscioni sorretto dai manifestanti, circa un migliaio, davanti alla sede Rai

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

“Ad Haiti c’è un caos pianificato, un piano del sistema neocoloniale”

Intervista ad Henry Boisrolín del Comitato Democratico Haitiano.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

India: come non sfamare un pianeta affamato

In India è scoppiato un nuovo ciclo di proteste degli agricoltori contro il governo Modi con scontri e lanci di lacrimogeni alle porte di Nuova Delhi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Senegal: rinviate le elezioni presidenziali. Le opposizioni chiamano alla piazza: “E’ un auto-golpe”

Africa. Tensione altissima in Senegal, dove il parlamento di Dakar ha rinviato le elezioni presidenziali, previste per il 25 febbraio, al prossimo 15 dicembre.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Grecia: università occupate contro la legge che equipara gli atenei privati a quelli statali

Più della metà delle facoltà della Grecia sono occupate da studentesse e studenti contro la scelta del governo conservatore di Kyriakos Mītsotakīs di aprire alle università private con una legge che le equiparerà agli atenei statali. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Logistica di guerra: l’idea di difesa degli USA

I bombardamenti guidati da USA e Gran Bretagna in Yemen contro gli Huthi vengono spacciati dalla Nato come “difensivi”. Ma cosa difendono e per chi?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA e Gran Bretagna attaccano lo Yemen. Navi, sottomarini e aerei colpiscono la capitale e le città portuali

Le forze Houthi hanno fatto sapere che i bombardamenti di Stati Uniti e Gran Bretagna hanno ucciso 5 persone e ferito altre 6. I raid sono stati 73 e hanno colpito 5 regioni dello Yemen controllate dagli Houthi.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Salvini, Verdini e la marmellata di cemento

L’inchiesta emersa negli scorsi giorni sui giornali che ha portato all’arresto di Tommaso Verdini, figlio del più noto Denis e fratello della compagna del Capitone, ha tutti gli elementi di una classica storia all’italiana: familismo, cemento, appalti e politica.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Striscia di Gaza: Netanyahu prosegue il genocidio.

La situazione internazionale a fronte del genocidio perpetrato dal governo di Netanyahu all’interno della striscia di Gaza non accenna a dare segnali in senso contrario..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: si allargano le proteste nel mondo arabo e non solo

Le ultime notizie sulla Palestina raccontano di una situazione umanitaria in emergenza totale, nonostante sui giornali nostrani si parli di un’intermediazione da parte di Biden in visita ieri da Netanyahu, per aprire corridoi umanitari nel valico di Rafah al confine con l’Egitto, la realtà è ben altra.