La rappresaglia di Ankara contro il Pkk prosegue

Stampa

La rappresaglia di Ankara contro il Pkk prosegue

Gli attacchi dell'aviazione in territorio iracheno sono scattati mercoledì scorso in seguito all'intensificarsi della guerriglia del Pkk nel Sud-Est della Turchia e rappresentano un'escalation nel conflitto in corso da 27 anni tra le autorità di Ankara e l'organizzazione che lotta per l'indipendenza del Kurdistan.

In un solo mese i ribelli del Pkk avevano ucciso una quarantina di uomini delle forze di sicurezza turche. Il 17 agosto una mina era esplosa al passaggio di un convoglio nella provincia sud-orientale di Hakkari uccidendo 12 militari e ferendone un'altra decina. I separatisti curdi avevano rivendicato la responsabilità  dell'attentato. Il premier turco Erdogan aveva da subito annunciato il desiderio di vendetta e di rappresaglia: da quel momento si sono susseguiti i raid raid aerei nel Nord dell'Iraq.

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons