L’arresto da parte di Israele di bambini palestinesi che raccolgono verdure suscita indignazione

Stampa
Video

‘Come padre palestinese, questo è uno dei tuoi peggiori incubi’, dice a MEE il padre di due dei cinque ragazzi arrestati nelle colline a sud di Hebron.

||||
|||| ||||

Un video di soldati israeliani armati che arrestano un gruppo di cinque bambini palestinesi nella Cisgiordania occupata ha innescato una condanna diffusa da parte di attivisti e gruppi per i diritti umani, che hanno visto l’incidente come “estremamente aggressivo”.

Il video, filmato da un ricercatore sul campo con il gruppo israeliano per i diritti umani B’Tselem, è stato registrato nell’area di Masafer Yatta sulle colline meridionali di Hebron, che ospita dozzine di gruppi di villaggi ed enclave palestinesi, oltre a diversi insediamenti israeliani illegali e avamposti.

“Ho ricevuto una telefonata nel primo pomeriggio che diceva che c’erano dei coloni che inseguivano un gruppo di giovani ragazzi palestinesi vicino al villaggio di at-Tuwani, e che dovevo andarci il più velocemente possibile”, Nasr Nawajaa, un attivista locale e il ricercatore sul campo di B’ Tselem ha detto a Middle East Eye.

‘I soldati trattavano i bambini come dei criminali incalliti, come se avessero commesso un crimine enorme’
– Nasr Nawajaa, ricercatore di B’Tselem
“Quando sono arrivato, c’erano dozzine di soldati israeliani armati e mascherati che trascinavano i bambini verso un gruppo di jeep militari. E ho immediatamente preso la mia macchina fotografica e ho iniziato a filmare“, ha detto Nawajaa.

Nel video girato da Nawajaa e pubblicato da B’Tselem, si possono vedere dozzine di soldati israeliani in equipaggiamento da combattimento che afferrano i bambini terrorizzati e li spingono verso i veicoli militari.

Si possono vedere diversi astanti palestinesi che tentano di intervenire, ma senza successo. Ad un certo punto, si può vedere un ragazzo palestinese più grande che cerca di salvare uno dei minori, a quel punto viene afferrato da un altro soldato e trascinato con il gruppo.

“I bambini urlavano e piangevano, implorando i soldati di chiamare i loro genitori e aspettare che arrivasse la loro famiglia prima di portarli via”, ha detto Nawajaa a MEE.

Ha detto che i soldati erano “estremamente aggressivi” con i bambini, di età compresa tra gli otto e i 13 anni.

“I soldati trattavano i bambini come dei criminali incalliti, come se avessero commesso un crimine enorme”, ha detto Nawajaa, aggiungendo che i soldati “hanno preso i bambini con la forza”.

Secondo Nawajaa, i bambini sono stati detenuti e portati nel vicino insediamento israeliano di Kiryat Arba, dove sono stati trattenuti all’interno dei veicoli militari e interrogati per diverse ore, prima di essere restituiti la sera alle loro famiglie.

“Questi sono solo bambini innocui, che tipo di minaccia potrebbero rappresentare per giustificare questo trattamento?” Chiese Nawajaa.

‘Stavano solo raccogliendo verdure’
Le circostanze dell’arresto dei ragazzi hanno suscitato una condanna diffusa, poiché è emerso che i bambini erano fuori a raccogliere verdure selvatiche ed erbe aromatiche quando sono stati arrestati.

Secondo Nawajaa, i ragazzi stavano raccogliendo un ortaggio selvatico chiamato “akoub”, che fiorisce in primavera in Palestina.

“Molte delle famiglie di Masafer Yatta vivono in condizioni socio-economiche povere”, ha detto Nawajaa a MEE. “‘Akoub può essere venduto a un buon prezzo nel mercato palestinese, così tante famiglie e i loro figli escono a raccogliere la verdura selvatica in questo periodo dell’anno per fare un po’ di soldi per mantenersi”.

Nawajaa ha osservato che mentre Israele aveva precedentemente messo fuorilegge la raccolta di akoub, quella legge è stata abrogata l’anno scorso, rendendo legale il prelievo di 5 kg a persona nell’area in cui si trovavano i ragazzi.

“Non c’era alcuna giustificazione legale per il loro arresto”, ha detto Nawajaa.

I cinque ragazzi, che sono tutti cugini, stavano raccogliendo gli akoub alla periferia di Havat Maon, un insediamento israeliano a sud di Hebron. I coloni di Havat Maon avrebbero quindi iniziato a molestare e cacciare i ragazzi fuori dall’area.

“Questo è qualcosa che fanno i coloni quando vedono i palestinesi vicini all’insediamento”, ha detto a MEE Mohammad Abu Hmeid, il padre di due dei ragazzi. “A volte sparano anche proiettili veri contro i pastori palestinesi che pascolano le pecore nell’area se si avvicinano troppo all’insediamento”.

“Sono solo sollevato che i ragazzi siano riusciti a sfuggire ai coloni. Dio sa cosa sarebbe successo loro se non lo avessero fatto “, disse il padre.

‘Hanno fatto tutto il possibile per spaventare i ragazzi e convincerli a confessare, ma i ragazzi hanno continuato a insistere sul fatto che erano innocenti e non hanno fatto nulla’
– Mohammad Abu Hmeid, padre di due dei ragazzi
Abu Hmeid ha detto che i suoi figli Jaber, 13 anni, e Saqer, 10, e i loro tre cugini, sono fuggiti dai coloni. Hanno abbandonato i loro secchi, bidoni e akoub, lasciandolo indietro e dirigendosi verso la casa del nonno nei pressi di at-Tuwani.

E’ stato lì che il gruppo di soldati israeliani armati ha raggiunto i ragazzi e ha iniziato ad arrestarli.

Secondo la testimonianza di Abu Hmeid, che riecheggiava quella di Nawajaa, sarebbero stati i coloni a chiamare i soldati israeliani e ordinare loro di arrestare i ragazzi. “I coloni hanno accusato i ragazzi di aver tentato di rubare alcuni dei loro uccelli e di aver distrutto alcune delle loro proprietà”, ha detto Abu Hmeid, aggiungendo che i coloni “inventavano storie solo per far arrestare i ragazzi e intimidirli”.

“Tutto quello che stavano facendo era raccogliere akoub, e questo non è un crimine”, ha detto Abu Hmeid, aggiungendo che i soldati hanno confiscato i secchi e i barili dei ragazzi e il loro raccolto di piante. “Non rappresentavano una minaccia per nessuno. Non stavano facendo niente di sbagliato. “

Interrogatorio, minacce e coercizioni

Nella Cisgiordania occupata, i palestinesi vivono secondo la legge militare israeliana, e quando vengono arrestati vengono accusati e processati in tribunali militari che hanno un tasso di condanna di oltre il 99% contro i palestinesi.

In confronto, i coloni israeliani che vivono in Cisgiordania in violazione del diritto internazionale sono soggetti al diritto civile israeliano e non entrano mai in contatto con i tribunali militari.

Mentre la legge militare e civile israeliana stabilisce che l’età minima per la responsabilità penale è di 12 anni, il gruppo per i diritti Defence for Children International – Palestine (DCIP) afferma che le forze israeliane detengono regolarmente bambini palestinesi di età inferiore a questa.

Secondo il gruppo, Israele detiene circa 700 bambini palestinesi all’anno. Ci sono attualmente 168 bambini detenuti di “sicurezza” nella prigione israeliana e, nel 2020, 27 bambini erano detenuti in isolamento.

Il DCIP ha sottolineato che Israele ha ratificato la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia (CRC), che stabilisce che i bambini “dovrebbero essere privati della loro libertà solo come misura di ultima istanza, non devono essere detenuti illegalmente o arbitrariamente e non devono essere sottoposti a tortura e altri trattamenti o punizioni crudeli, inumani o degradanti “.

Secondo DCIP, Israele detiene regolarmente e arbitrariamente i bambini palestinesi, sottoponendoli a lunghi periodi di interrogatorio senza la presenza di un genitore, tutore legale o avvocato. I bambini sono spesso costretti a firmare false confessioni, in documenti scritti in ebraico, una lingua che la maggior parte dei bambini palestinesi non capisce.

“Dal momento dell’arresto, i bambini palestinesi subiscono maltrattamenti e torture per mano delle forze israeliane. Tre su quattro subiscono violenza fisica durante l’arresto o l’interrogatorio “, ha detto il DCIP.

Il processo di arresto e detenzione descritto dal DCIP è simile a quello che è successo ai cinque ragazzi sulle colline di Hebron, secondo le testimonianze sia di Nawajaa che di Abu Hmeid, che affermano che i ragazzi sono stati minacciati dai soldati israeliani durante il loro interrogatorio nel tentativo di costringerli a confessare un crimine che non hanno commesso.

‘Come padre palestinese, questo è uno dei tuoi peggiori incubi. Con l’occupazione israeliana, non possiamo nemmeno proteggere i nostri figli ‘
– Mohammad Abu Hmeid, padre
“Quando i ragazzi sono stati finalmente rilasciati, erano completamente scioccati”, ha detto Abu Hmeid. “È stato solo dopo che li abbiamo portati a casa e si sono calmati un po’ che hanno iniziato a raccontarci cosa è successo”.

“I miei figli ci hanno detto che i soldati hanno tenuto i cinque ammassati nella jeep per tutto il tempo in cui sono stati detenuti, e hanno continuato a minacciarli e molestarli”, ha detto Abu Hmeid.

A un certo punto, i soldati avrebbero detto ai ragazzi che le loro famiglie erano state arrestate e che se non avessero confessato di aver tentato di rubare ai coloni o di aver danneggiato la loro proprietà, i soldati li avrebbero “picchiati”.

“Hanno fatto tutto il possibile per spaventare i ragazzi e convincerli a confessare”, ha detto Abu Hmeid, “ma i ragazzi hanno continuato a insistere sul fatto che erano innocenti e non hanno fatto nulla”.

Ha aggiunto che i due ragazzi più grandi del gruppo, compreso suo figlio Jaber, sono stati convocati per domenica per un altro interrogatorio con le forze israeliane.

Abu Hmeid ha detto a MEE che mentre nessuno dei ragazzi è stato torturato fisicamente durante l’interrogatorio, il trauma mentale che il calvario ha avuto sui bambini “ha causato danni più che sufficienti”.

“Sono così spaventati e terrorizzati, e non so cosa fare per confortarli”, ha detto Abu Hmeid. “Come padre palestinese, questo è uno dei tuoi peggiori incubi. Con l’occupazione israeliana, non possiamo nemmeno proteggere i nostri figli “.

( Fonte: http://reteitalianaism.it/http://reteitalianaism.it/)

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons