Irlanda del Nord: Si intensifica lo sciopero della fame in carcere

Stampa

Il 16 settembre il dottor Issam Hijjawi Bassalat, che è stato arrestato nell’ambito di un’indagine dell’MI5 sulla New IRA, e i prigionieri repubblicani irlandesi hanno iniziato uno sciopero della fame per protestare contro l'isolamento del dottor Hijjawi Bassalat da parte delle autorità carcerarie. Più di 50 prigionieri hanno aderito a questo sciopero, tra cui 20 prigionieri del carcere di Maghaberry a Co Antrim e 21 prigionieri del carcere di Portlaoise. Inoltre, tre prigioniere repubblicane, Mandy Duffy, Sharon Jordan e Christine Connor, attualmente detenute presso l'Hydebank Wood College e il carcere femminile, si sono unite allo sciopero ieri.

||||
|||| ||||

Nel tentativo di smorzare gli animi il servizio carcerario dell’Irlanda del Nord ha riferito che il dottor Hijjawi è stato ricoverato in un’unità di isolamento Covid-19 dopo una visita al Craigavon ​​Hospital al fine di prevenire la diffusione del coronavirus in carcere.

“Se il prigioniero non sviluppa i sintomi di Covid, tornerà alla Roe House martedì”, ha detto NIPS.

Anche il dottor Hijjawi si è unito allo sciopero della fame.

La Irish Republican Prisoners ‘Welfare Association, piattaforma di supporto che è associata alla formazione, Saoradh, si è lamentata del fatto che le condizioni alla Foyle House, dove è attualmente recluso in isolamento il dottor Hijjawi, sono “squallide”.

Al presidio organizzato dall’IRPWA in Rossville Street nel Bogside di Derry, hanno partecipato gruppi di sostegno ai prigionieri e membri repubblicani dissidenti di Saoradh.

Il presidente di Saoradh a Derry, Jude McCrory, ha paragonato la protesta delle prigioni alla campagna del 1981 per lo status politico.

“Quarant’anni dopo che dieci giovani prigionieri di guerra rivoluzionari sono morti di fame, si possono sentire prigionieri rivoluzionari in una prigione britannica attraverso gli sbarchi delle celle che vomitano mentre muoiono di fame”, ha detto.

La veglia è stata anche presieduta da una figlia di Gary Hayden, uno dei prigionieri in sciopero della fame. 

Seanan Hayden, la figlia di Gary Hayden, ha detto che suo padre era di “buon umore” ma la sua famiglia era preoccupata, “Come famiglie, questo è ovviamente un momento molto preoccupante per noi”, ha detto a una veglia nel Bogside questa settimana. “Sappiamo che quando i nostri cari ci telefonano, sono di buon umore e, come è tipico di loro, ci convincono di come stanno andando bene. Ma questo non ci impedisce di preoccuparci”,

Il problema dello sciopero della fame è stato sollevato ieri anche in una riunione del Consiglio distrettuale di Derry City e Strabane. Il membro indipendente, il repubblicano di lungo corso Gary Donnelly, ha proposto che l’autorità selezionino una delegazione trasversale al partito per incontrare le autorità carcerarie e discutere dei termini riguardanti la protesta e le condizioni in cui si trova il dottor Hijjawi. 

Donnelly ha anche chiesto al consiglio di invitare le autorità della prigione di Maghaberry a fornire alle famiglie dei prigionieri aggiornamenti quotidiani.

irl2
 

L’IRPWA ha programmato una grande manifestazione a supporto dei prigionieri alle porte della prigione di Maghaberry sabato.

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons