InfoAut
Immagine di copertina per il post

Intervista alle Sdf in Siria: “Aleppo e Raqqa i prossimi obiettivi”

Le Sdf non sono interessate dall’attuale cessate il fuoco in Siria, perché l’organizzazione politica che le rappresenta, il congresso democratico siriano (che unisce rappresentanti politici da tutta la Siria e si batte per una soluzione confederale nel paese), è stata esclusa dai colloqui di Ginevra principalmente a causa del veto turco e dell’ostilità saudita, kuweitiana e qatariota (stati che prediligono l’instaurazione di un governo d’ispirazione religiosa e reazionaria in Siria). Le Sdf combattono in prima istanza, d’altra parte, una delle principali forze escluse dai colloqui di Ginevra, lo stato islamico. Infoaut e Radio Onda d’Urto hanno incontrato ad Hasakah, nel sud del cantone di Cizire (regione autonoma del Rojava, nord-est della Siria), il portavoce ufficiale delle Sdf Heval Talal, combattente di origine turcomanna, e gli hanno rivolto alcune domande sulla situazione attuale della guerra in Siria.

Heval Talal, nelle scorse settimane le Sdf sono state impegnate nella regione di Shaddadi, a sud di Hasakah, dove anche di recente non sono mancati scontri con lo stato islamico. Qual è il vostro giudizio sull’attuale stato delle cose nel sud di questa provincia?

La situazione è buona, ma stiamo procedendo verso il sud del paese e siamo impegnati a pacificare la città di Mergada, dove ancora ci sono delle resistenze. Nell’ultima settimana siamo stati impegnati due volte in combattimenti da parte dell’Is in quella zona. Inoltre non bisogna dimenticare che l’area più calda da queste parti è quella al confine con l’Iraq, dove subiamo attacchi ogni giorno.

Avete intenzione di avanzare verso Deir El Zor, a breve [il bastione dell’Is nell’oriente siriano, Ndr]?

Non ora. Al momento le nostre priorità sono altre. C’è il problema rappresentato dal cantone di Afrin, che è a tutt’oggi isolato dal resto del Rojava e circondato da forze ostili. Inoltre più importanti per noi attualmente sono le città strategiche di Aleppo e Raqqa. Forse successivamente muoveremo su Deir El Zor.

Sono quindi fondate le voci che danno un’operazione su Raqqa non lontana nel tempo?

Non è detto. Al momento le nostre forze si trovano a trenta chilometri da Raqqa, ma stiamo ancora studiando la situazione. È anche possibile che decideremo di concentrarci in prima battuta sulla parte settentrionale di Aleppo.

In Rojava circolano accuse nei confronti dell’Enks (consiglio nazionale curdo in Siria, alleato del Pdk curdo-iracheno di Massud Barzani) riguardo ad aggressioni, da parte di gruppi armati di quel partito, alle Ypg di stanza a Sheik Massud, il quartiere curdo proprio nel nord di Aleppo. Sono voci fondate?

Anche a noi sono arrivate queste voci, ma se devo essere sincero le forze di Barzani, ad Aleppo, non le abbiamo viste.

Nella zona tra Aleppo e Jarablus, quindi anche nella striscia di terra che separa i cantoni di Kobane e Afrin, si muovono anche i cosiddetti “Nipoti di Saladino”, un gruppo curdo d’ispirazione musulmana che ha minacciato varie volte le Ypg-Ypj.

Sì, sono presenti in quella zona. Sono un gruppo curdo che ci è ostile, lavorano per la Turchia e ottengono il suo supporto. Si tratta tuttavia di un gruppo piccolo e inconsistente, che in origine faceva parte dell“esercito libero siriano” [il controverso coordinamento di bande armate oggi militarmente in crisi, Ndr].

Alcuni combattenti delle Ypg ci hanno detto che sarebbero felici di sconfinare in Iraq per partecipare alla liberazione di Mosul. Pensate che una partecipazione delle Sdf all’operazione sia possibile?

No, le Sdf opereranno esclusivamente in Siria; ma ci sono delle forze curde impegnate nella lotta per la liberazione di Mosul in questi giorni: si tratta della guerriglia del Pkk.

Diverse volte, durante i combattimenti con l’Is, forze aree hanno supportato l’avanzata delle Sdf. Le voci sono discordanti, tuttavia, sulla provenienza di questi attacchi. Provenivano esclusivamente dagli Stati Uniti o anche dalla Russia?

Quando è in corso un’operazione militare delle Sdf, gli Stati Uniti offrono il loro supporto bersagliando obiettivi dello stato islamico, se necessario. Non è mai esistito, invece, un coordinamento con la Russia.

Circa due settimane fa il Rojava ha proclamato l’autonomia, e tanto il governo siriano quanto quello turco si sono affrettati a negare legittimità a questa dichiarazione. Temete si possano verificare scontri armati con queste forze, in futuro?

Il popolo siriano ha bisogno del federalismo. La soluzione federale è necessaria per il benessere della popolazione. Il regime siriano non può opporsi a questa necessità, e non soltanto per ragioni politiche: dal punto di vista militare esso è debole, e non è in grado di impensierirci con le forze residuali che mantiene in Rojava [in alcuni quartieri di Qamishlo e Hasakah, Ndr]. Anche mosse di altro genere verrebbero respinte.

Per quanto concerne la Turchia, è una forza a noi avversa, non è un mistero. Ciononostante, la proclamazione dell’autonomia del Rojava è un fatto interno al contesto siriano e la Turchia non può in alcun modo interferire, né oltrepassare il confine che la divide dalla Siria.

Tuttavia la Turchia interferisce, se è vero che ha da tempo comunicato il suo diktat riguardante il non oltrepassamento delle Sdf dell’Eufrate a ovest, oltre la cosiddetta “linea rossa”.

È vero, intenzione della Turchia è bloccare il nostro progetto nell’area compresa tra i cantoni di Kobane e Afrin, a ridosso del suo confine. Tuttavia la Turchia deve fare i conti con due dati di fatto: in primo luogo, quell’area è territorio siriano, non turco; in secondo luogo, quella zona è occupata dallo stato islamico.

Ora noi stiamo conducendo una lotta contro lo stato islamico, e piaccia o no alla Turchia, noi ripuliremo anche quella zona, non ci fermeremo affatto a Kobane e Afrin. La Turchia supporta l’Is, ma noi libereremo la regione in questione da quelle forze, per le quali proprio quell’area è strategica, appunto perché è lì che ricevono supporto logistico e militare dal governo turco.

Sono ormai quasi due anni che vi confrontate militarmente con lo stato islamico. Oltre alla Turchia, quali sono le forze che lo sostengono?

Molti dei militanti dell’Is provengono dall’Asia centrale e dai paesi arabi. Molti sono anche i combattenti dell’Is che provengono dal Rojava, in particolare da alcuni villaggi arabi dove ha attecchito l’ideologia dell’Islam radicale. Daesh era parte dell’esercito libero siriano, all’inizio, poi se ne è staccato grazie a un ingente afflusso di denaro e armi, e si è segnalato come forza preponderante nella regione che occupa. Tuttavia, non siamo in grado di dire di più su chi al momento stia fornendo supporto militare a questa forza.

Lo stato islamico esercita un’attrattiva anche all’interno della popolazione curda?

Sì, ci sono combattenti curdi in Daesh, in particolare provenienti dal Kurdistan iracheno. Soltanto pochi giorni fa Daesh stesso ha diffuso un video di propaganda rispetto alla sua guerra contro le forze curde, in cui tra l’altro si vedono le immagini della decapitazione di un soldato peshmerga, e l’uomo che commette questo atto si rivolge agli spettatori in curdo, è chiaramente un miliziano curdo.

Un grosso problema per la resistenza del Rojava, ma anche per quella del Bakur [Kurdistan turco, Ndr] è rappresentato dalle relazioni politiche che la Turchia di Erdogan riesce a intrattenere con l’Unione Europea. Cosa volete dire al riguardo?

Non possiamo che ricordare che non soltanto Erdogan supporta Daesh, ma che fornisce appoggio a molti altri gruppi radicali, oltre a massacrare civili e distruggere intere città in Turchia. L’Europa dovrebbe come minimo intimargli di interrompere le stragi che compie e i suoi atti di terrorismo.

In questo momento gran parte dell’attenzione europea è rivolta agli effetti dell’attentato commesso dall’Is a Bruxelles; quale messaggio vuogliono mandare le Sdf alla popolazione belga?

Le forze siriane democratiche si stringono attorno ai familiari delle vittime della strage. Porgiamo loro le nostre condoglianze ed esprimiamo il nostro auspicio che il Belgio possa tornare ad essere un paese pacifico. Ciò che possiamo fare in prima persona è continuare a combattere Daesh in territorio siriano, e non cessiamo di aver bisogno di aiuto su questo fronte.

Dal corrispondente di Infoaut e Radio Onda d’Urto ad Hasakah, Rojava

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

aleppoIsissdfsiriaypg

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Combattenti stranieri per Israele: mercenari o guardiani “dell’unica democrazia” del Medio Oriente?

Israele sta usando i combattenti stranieri nella sua Guerra Genocida contro Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’INTIFADA NON SI FERMA NEANCHE IN ESTATE

Assemblea nazionale al Festival Alta Felicità venerdì 26/07/2024 ore 18.00 dell’Intifada Studentesca

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La partenza dei coloni israeliani è aumentata del 150% dal 7 ottobre

I media israeliani evidenziano un notevole aumento di coloni israeliani che lasciano la Palestina occupata, con preoccupazioni per la sicurezza e l’incolumità che guidano questa “migrazione inversa”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Mesopotamia: cos’è Hezbollah? Intervista a Fabio Merone

Grazie al contributo di Fabio Merone, ricercatore che si occupa di islam politico e, in generale, di politica nel mondo arabo, in questa puntata andiamo scopriamo il movimento sciita libanese Hezbollah (“Il partito di Dio”).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Regno Unito. L’analisi del voto e gli scenari di scontro possibile

Abbiamo chiesto a George, del collettivo politico e d’inchiesta militante Notes From Below, una panoramica sui risultati delle elezioni in UK e sulle conseguenze politiche per l’area britannica.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Italia: l’aeronautica militare e la marina nell’Indo-Pacifico. Continua l’investimento nell’ambito bellico

L’Aeronautica Militare va nell’Indo-Pacifico con un consistente numero di aeromobili e personale per partecipare all’esercitazione Pitch Black 2024 in Australia, alla Rising Sun 24 in Giappone, nonché per addestrarsi insieme alla Marina Militare in mare aperto.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Tempo delle elezioni e tempo della rivolta.

Alla luce di alcuni momenti di mobilitazione degli ultimi giorni a cui abbiamo avuto occasione di partecipare, raccogliendo testimonianze e punti di vista, proviamo a tratteggiare qualche considerazione sull’attuale situazione in Francia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le “Dita” di Netanyahu a Gaza ricordano i passati fallimenti israeliani

Ciò che Netanyahu sta cercando di attuare a Gaza è una copia scadente delle strategie precedenti utilizzate da altri leader israeliani

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: il sessennio “si chiude con repressione, sangue e sequestro dei popoli da parte dello stato”

“Il sessennio di Andrés Manuel López Obrador si chiude con repressione, sangue e sequestro da parte dello stato dei popoli che difendono il proprio territorio ed esercitano i propri diritti all’autodeterminazione, alla protesta, alla libertà d’espressione e ad un ambiente sano”

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kenya: le proteste della generazione Z contro il presidente Ruto si allargano alle classi popolari

Nuove manifestazioni ieri in Kenya, organizzate dalle associazioni per i diritti civili e dai giovani della Generazione Z. Lo slogan delle piazze è: “Ruto se ne deve andare”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Raid israeliano a Damasco: un quadro degli attori e delle strategie nel conflitto in Medio Oriente.

Proviamo a dare un quadro del clamoroso attacco dell’esercito israeliano contro la sede consolare iraniana nella città di Damasco (Siria), avvenuto lunedì 1 aprile, a cui ha fatto seguito l’attacco israeliano contro i convogli umanitari della WCK del 2 aprile.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La Russia, l’ISIS e lo scacchiere della Jihad internazionale

La Russia è da tempo nel mirino dell’Isis e il gravissimo attentato di Mosca ne è la conferma. L’Isis, nonostante la sconfitta del Califfato nato tra Siria e Iraq, continua ad essere forte nel Caucaso, nel cosiddetto Khorasan e in Africa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

SDF: gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un atto di aggressione barbara e terroristica

Gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un “atto di aggressione barbarica e terroristica”, lo hanno affermato le SDF in una nota. Questa mattina la Turchia ha continuato ad attaccare la regione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Perché è stupido e disonesto equiparare Hamas allo Stato Islamico?

L’equiparazione tra Hamas e l’Isis è una delle carte che il governo israeliano si è giocato dall’inizio del conflitto, paragone ampiamente ripreso da molti media occidentali.

Immagine di copertina per il post
Culture

InfoAut Podcast: Il partigiano Orso – Incontro con Alessandro Orsetti

Lorenzo è caduto nel 2019, ma la sua storia e il suo martirio continuano a dare un esempio prezioso di come si possa uscire dall’isolamento e dalla frustrazione, e iniziare a cambiare il mondo a partire dalle proprie azioni.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La Turchia e le sue dighe: assetare terra e popolazione per l’egemonia regionale

Di fatto la costruzione di queste dighe promuove una forma di controllo del territorio che accompagna sfruttamento coloniale e militarizzazione e ha per conseguenze la distruzione del patrimonio curdo, assiro e armeno;  come l’allagamento pianificato della bimillenaria città di Hasankeyf, seguito alla costruzione della diga di Ilisu, ha dimostrato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Libano: rimpatrio forzato dei rifugiati siriani.

Il governo libanese ha iniziato una campagna di deportazione forzata dei rifugiati siriani presenti sul suo territorio, i rastrellamenti da parte dell’esercito sono in corso da diverse settimane nel silenzio dei media.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Terremoto: il punto della situazione tra Turchia, Kurdistan e Siria

Continua a salire il bilancio delle vittime del terremoto in Turchia e Siria: secondo le ultime stime sono stati raggiunti i 16mila morti, ai quali va aggiunto un numero mai precisato di dispersi e decine di migliaia di feriti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Medio Oriente: raid israeliani su aeroporto Damasco. Due palestinesi uccisi in Cisgiordania

Israele spadroneggia da tempo nei cieli di Libano e Siria senza nessuna reazione difensiva. Lo scorso giugno, l’aeroporto di Damasco era stato messo fuori uso per diversi giorni a causa dei missili di Tel Aviv.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il movimento curdo nega il proprio coinvolgimento nell’attentato di Istanbul

Dopo l’attentato di ieri ad Istanbul che ha provocato sei morti e decine di feriti il governo di Erdogan ha immediatamente accusato il PKK e le Ypg/Ypj di essere responsabili dell’attentato. Il movimento curdo ha respinto con forza queste accuse e ha denunciato un piano oscuro del dittatore turco per colpire Kobane.