Gli effetti storici e culturali degli attacchi della Turchia in Kurdistan

Stampa

Negli ultimi anni lo stato turco invasore ha intensificato i suoi brutali attacchi contro l’esistenza del popolo curdo. Intende annientare la cultura, la lingua e la storia del popolo curdo e, quindi, si sforza di cambiare la struttura demografica del Kurdistan in modo sistematico. Gli occupanti hanno attaccato senza sosta per tre mesi il Kurdistan meridionale (Bashur) e hanno fatto ricorso a tutti i metodi per nascondere i loro fallimenti.

||||
|||| ||||

I curdi dovrebbero essere consapevoli della loro storia

I governi iracheno e del Bashur rimangono in silenzio contro gli attacchi di invasione dello stato turco. Nonostante gli attacchi contro gli insediamenti civili, entrambi i governi non hanno espresso alcuna reazione. Lo stato turco usa il KDP (Partito Democratico del Kurdistan) per provocare una guerra civile all’interno del Kurdistan. Ali Sileman, copresidente della direzione dei siti storici della regione dell’Eufrate, ha valutato la questione per ANHA. Ha affermato: “I curdi dovrebbero imbracciare le armi anche nel campo culturale.Lo stato turco ci attacca non solo in modo militare. Affrontiamo attacchi in ogni ambito. La Turchia ricorre ad ogni tipo di attacco per annientare la cultura e la storia. Sfortunatamente, anche alcuni ambienti curdi hanno partecipato a questi piani”.

Sottolineando che lo stato turco devasta principalmente i siti storici nelle regioni che occupa, Ali Sileman ha proseguito: “Essi demoliscono siti storici per cambiare e cancellare la storia della regione che ospita reperti storici, alcuni dei quali risalgono al 12.000 aC. Questi manufatti dimostrano le radici storiche del popolo curdo. Lo stato turco che esiste in questi territori da solo mille anni nega l’esistenza del popolo curdo nel corso della storia e quindi intende annientare tutti i valori storici in Kurdistan”.

Ali Sileman ha anche osservato che gli attacchi ad Afrin non sono indipendenti da questi piani e che Afrin è soggetta a una politica di turchificazione. Ha sottolineato che il turco è la lingua educativa obbligatoria nelle scuole di Afrin e ha aggiunto: “I popoli del Medio Oriente sono qui da 12mila anni. Potete scoprire facilmente questo fatto quando guardate la storia dell’Impero della Media.Quindi, i curdi dovrebbero essere consapevoli della loro storia e non permettere mai che venga spazzata via”.

Il silenzio del governo del Bashur mette a rischio il popolo curdo

Berivan İsmail, copresidente regionale dell’Eufrate del Partito dell’unione democratica (PYD), ha valutato la questione, affermando: “Ci sono stati innumerevoli accordi riguardanti i territori del Kurdistan. Il governo del Bashur è rimasto in silenzio su tutti questi accordi.

Questo silenzio mette a rischio il popolo curdo. Lo stato turco bombarda ogni giorno il popolo curdo nel Kurdistan meridionale. Per quanto tempo potrà essere mantenuto questo silenzio contro una tale violenza?

Esprimendo che lo stato turco non può spezzare la forza di volontà del popolo curdo e quindi usa il governo Bashur, Berivan ha affermato: “Il governo del Bashur serve i ristretti interessi personali. Mentre il nemico attacca per spezzare la forza di volontà del popolo, i funzionari del Kurdistan meridionale non possono porsi queste domande: perché il popolo curdo affronta un genocidio nelle proprie terre e perché le montagne del Kurdistan sono esposte ad attacchi così estremi?

Berivan İsmail ha sottolineato che il governo del Kurdistan meridionale è stato incorporato nei piani dello stato turco per provocare una guerra all’interno del Kurdistan e ha aggiunto: “La Turchia usa il governo del Kurdistan meridionale per spezzare la resistenza della guerriglia. Questo è quello che fa da anni». Rivolgendosi alle organizzazioni per i diritti umani e alla comunità internazionale, ha infine affermato: “Gli attacchi contro il popolo curdo e le montagne del Kurdistan dovrebbero essere fermati. Tutti dovrebbero assumersi la responsabilità di difendere il popolo curdo di fronte agli attacchi genocidi. Il popolo curdo, inoltre, dovrebbe formare l’unità nazionale e frustrare i piani degli occupanti con il proprio potere, senza appoggiarsi ad altre forze”.

Da Rete KurdistanRete Kurdistan

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons