InfoAut
Immagine di copertina per il post

Brasile: indigeni sono repressi dalla Polizia Militare in un blocco stradale a San Paolo

Il blocco della strada Bandeirantes faceva parte di una mobilitazione nazionale contro l’approvazione del Progetto di Legge 490/07.

Martedì (30) non era ancora spuntato il sole quando la fila di copertoni bruciati, al suono dei canti sacri di centinaia di indigeni del popolo guaraní mbya, della Terra Indigena Jaraguá, ha bloccato la strada Bandeirantes. La manifestazione pacifica degli indigeni sarebbe continuata verso la litoranea di Tietê, ma è stata interrotta dalla repressione della Polizia Militare, che ha lanciato gas lacrimogeni, getti d’acqua e ha sparato proiettili di gomma contro i manifestanti.

La protesta a San Paolo fa parte di una mobilitazione nazionale contro l’approvazione del Progetto di Legge (PL) 490/07 che, tra gli altri passi indietro relativi ai diritti dei popoli indigeni, stabilisce un termine. Mercoledì scorso (24), la Camera dei Deputati ha approvato l’esame del PL con carattere d’urgenza e, secondo il presidente della camera, Arthur Lira (PP), dovrebbe essere votato questo martedì (30).

La tesi del quadro temporale, da approvarsi, limita il diritto di demarcazione delle terre unicamente agli indigeni che occupavano il loro territorio tradizionale nel 1988, anno di approvazione della Costituzione Federale.

La manifestazione ha camminato lungo la corsia verso il fiume Tietê, lasciando libera una corsia della strada, come era stato concordato con la Polizia Militare. Nonostante ciò, alle 8.39 am, le forze di sicurezza dello stato hanno iniziato la repressione.

Dopo circa 20 minuti di resistenza con scudi di bambù, i manifestanti si sono ritirati dalla via e la Polizia Militare ha effettuato una specie di inseguimento fino all’entrata del centro abitato. Dall’alto del viadotto, i poliziotti non hanno aspettato nemmeno che una indigena che si era sentita male fosse caricata dai suoi compagni, continuando a sparare.

Un elicottero della Polizia Militare è sceso così vicino alle persone che camminavano verso l’entrata del paese che, per il vento che ha provocato, ha spezzato a circa 5 metri d’altezza grossi rami di un albero che sono caduti. Anche dopo che tutti si erano rifugiati nel paese, l’elicottero continuava a sorvolare la comunità. Almeno cinque indigeni sono rimasti feriti. Tra loro, uno ha ricevuto un proiettile di gomma in fronte.

“Tarcísio, il nostro governatore, è anti indigeno”, precisa ad Arapoty Guarani Mbya. “Con questi attacchi, bombe, gas al peperoncino, proiettili di gomma, gli antisommossa che sono la sicurezza del governatore, ci hanno aggrediti, ci hanno fatto allontanare. Ma non rimarrà così. Andiamo alla resistenza, vendicarsi”, dice.

In un’intervista con Brasil de Fato, Thiago Karai Djekupe spiega che nelle ultime settimane il Congresso Nazionale ha concentrato i propri sforzi per creare progetti che violano le leggi sulla conservazione del Bosco Atlantico e la protezione delle terre indigene.

“Il Congresso ha fatto un grave passo indietro relativamente alle politiche indigene, ha anche attaccato il Ministero dei Popoli Indigeni per minare i nostri processi di demarcazione e ha anche sottoposto a votazione d’urgenza il PL 490, che comporta la tesi del quadro temporale come progetto di legge, anche il termine è già programmato per andare in giudizio nel STF (Supremo Tribunale Federale) il giorno 7. Il Congresso ha messo su una strategia per creare una situazione di conflitto e di pressione nella votazione sul termine ed esporci ad una situazione di violenza”, ha aggiunto.

“#PL 490 não” è stato lo striscione che precedeva la manifestazione indigena, come attualizzazione della lotta che, secoli addietro, resistette allo sterminio praticato dal gruppo sertanista paolista che onora la strada. Un altro striscione, rosso, con le parole “demarcare Yvyrupa”, fa riferimento all’espressione che, in guaraní, designa la struttura che sostiene la terra.

“Il popolo guaraní sta lottando qui per la vita e dicendo ‘no’ ai rovesci che vengono ad ucciderci. Il nostro popolo originario era qui prima dell’arrivo dei colonizzatori”, dichiara l’indigeno Tamikuã Txihi Kerexu. “Allora, stare qui oggi, in questo luogo che porta il nome di un pioniere che tagliò la terra indigena per fare una strada, è simbolico. Siamo qui per la nostra madre terra, per la natura, per la nostra gente, per i nostri bambini che sono il nostro futuro”, ha spiegato a Brasil de Fato.

“Siamo trattati dallo stato brasiliano, da più di 523 anni, come invasori di territori. Non stiamo invadendo, siamo figli di questa terra, la nostra stirpe e i nostri antenati stavano qui e per questo stiamo resistendo”, ha argomentato Tamikuã Txihi Kerexu. “Stiamo dando una risposta al Congresso che ha votato contro i popoli originari. Per questo diciamo ‘no’ a questo PL che è per la distruzione. Una volta di più lo stato brasiliano, insieme a questo vertice, vuole proteggerci mediante il PL, non è sufficiente averci uccisi durante questo periodo di cinque secoli”, ha aggiunto.

Pressione ruralista

Il PL 490 era rimasto arenato alla Camera dal novembre del 2021 ed è tornato in agenda, realizzando i desideri del gruppo ruralista per essere votato in tutta fretta, prima che il medesimo tema sia esaminato dal Supremo Tribunale Federale (STF). Il verdetto della Corte Suprema sul termine è previsto per il prossimo 7 giugno, quando una mobilitazione organizzata dall’Articulação dos Povos Indígenas do Brasil (Apib) vuole riunire a Brasilia migliaia di indigeni.

Prima che il ministro Alexandre de Moraes avesse chiesto di essere visto, altri due sono giunti a votare. Il relatore Edson Fachin si è mostrato contro il termine e il ministro Nunes Marques, a favore. Il movimento indigeno ha chiamato questo il “verdetto del secolo”. Secondo il Consiglio Indigeno Missionario (Cimi), l’approvazione del termine, potrebbe colpire circa il 95% delle aree indigene.

Oltre a bloccare il processo di demarcazione di centinaia di territori tradizionali, il nuovo criterio può aprire uno spiraglio alla messa in discussione delle approvazioni già concluse nei tribunali. Secondo il Cimi, delle 1.393 terre indigene (TI) in Brasile, il 62% necessita ancora di una regolarizzazione.

Una di queste è la TI Jaraguá. Dei 532 ettari reclamati dai guaraníes mbya e già dichiarati di dominio indigeno, solo 1,7 ettari sono stati approvati (dal 1987). Occupando meno di due campi di calcio, l’estensione demarcata lo trasforma nel territorio indigeno più piccolo del paese.

“In questi ultimi sei anni abbiamo subito una violenza assurda da parte di persone non indigene”, ha detto Thiago Karai Djekupe, del popolo Guaraní Mbya, della TI Jaraguá.

“Abbiamo deciso, insieme al nostro popolo, anziani e anziane, guerrieri e guerriere, che è necessaria una risposta a questi attacchi promossi dalla politica di odio, anti indigena che agisce contro tutti gli studi e gli indizi dei disastri, e causa problemi di riscaldamento globale”, dice il manifesto del popolo guaraní mbya davanti alla votazione del PL 490.

30 maggio 2023

Brasil de fato / Resumen Latinoamericano

Traduzione di Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

brasilePOPOLI INDIGENIscontri

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: un altro sabato di mobilitazione popolare in tutta Italia

Giornata di mobilitazione sabato 2 marzo 2024 in Italia in solidarietà con la Palestina e il popolo palestinese.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il PKK è un’organizzazione terroristica?

Il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e il suo cofondatore e leader di lunga data, Abdullah Öcalan, sono stati per molti anni nella lista dei terroristi degli Stati Uniti e dell’Unione Europea (UE).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Commercio di armi: Leonardo Spa partecipa al massacro dei Palestinesi

L’alleanza tra Leonardo Spa, azienda italiana a partecipazione pubblica che è attiva nella produzione e fornitura di tecnologie e armi a livello mondiale nonchè primo produttore di armi nell’Unione Europea, e Israele è consolidata da decenni ed è florida.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

No alla disumanizzazione! Fermiamo il genocidio!

Pubblichiamo di seguito l’appello alla mobilitazione in solidarietà alla Palestina lanciato dal coordinamento Torino per Gaza per domani sabato 2 marzo rivolto a tutte le piazze italiane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stati Uniti: alle primarie democratiche del Michigan in molti hanno votato scheda bianca contro il genocidio in Palestina

Martedì nello stato del Michigan ci sono state le primarie del partito Repubblicano e di quello Democratico per scegliere i candidati alla presidenza degli Stati Uniti, in vista delle elezioni di novembre.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: al salto dei tornelli per l’aumento del biglietto

I più giovani fanno il salto. I più anziani chiedono permesso per evitare la spesa della SUBE. Madri e padri fanno passare sotto i propri figli. Una cartolina argentina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il vero piano israeliano per Gaza è la deportazione dei palestinesi

A più di 140 giorni dall’inizio della guerra di Gaza,  il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha finalmente proposto un non-piano per il futuro di Gaza ,un elenco di principi irrealizzabili e slegati dalla realtà.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Trappole esplosive e imboscate: come i sadici “Hunger Games” di Israele mirano a far morire di fame la popolazione di Gaza

Ci sono crescenti segnalazioni di agguati israeliani che prendono di mira direttamente i civili a Gaza mentre aspettano gli aiuti, spesso dopo che falsi messaggi segnalano che i soccorsi sono in arrivo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Crescono le spese militari dell’Italia in Africa nonostante le violazioni dei diritti umani

Aumenta l’impegno militare nel continente Africano: il governo Meloni, in continuità con i governi precedenti, proroga le missioni in corso e ne aggiunge di nuove, anche nei paesi che violano i diritti umani e il diritto internazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: In Chiapas a gennaio si contano 2300 profughi indigeni

Secondo il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de Las Casas, in questo mese di gennaio, la violenza generalizzata nelle comunità del sud del Chiapas in Messico, ha provocato l’uscita di più di duemila abitanti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ecuador: Una guerra contro il movimento indigeno

Il decreto di Conflitto Armato Interno emesso dal governo di Daniel Noboa “si inscrive in modo diretto nella Dottrina dello Shock come condizione di possibilità per l’aggiustamento economico”, sostiene l’economista ecuadoriano Pablo Dávalos.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: il CAM in Sciopero della Fame dice che “Non ci può essere dialogo con militarizzazione, prigionieri politici e senza la restituzione delle terre”

Dal 13 novembre sono in sciopero della fame i prigionieri politici mapuche del CAM (Coordinamento Arauco-Malleco) reclusi nel CCP Biobío di Concepción, Ernesto Llaitul, Esteban Henríquez, Ricardo Delgado Reinao e Nicolás Alcamán, per chiedere l’annullamento della sentenza di condanna a più di 15 anni di reclusione che pesa su di loro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: i prigionieri politici mapuche iniziano uno sciopero della fame fino ad ottenere l’annullamento del processo del razzista stato cileno

Facciamo un appello al nostro Popolo, alle comunità in resistenza, così come agli oppressi in generale, ad accompagnare questa mobilitazione con denunce, proteste e azioni contro lo stato cileno e principalmente contro i veri nemici, i capitalisti e i loro lacchè, responsabili di tante ingiustizie, così come del saccheggio dei territori ancestrali.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Popolo mapuche: accanimento giudiziario verso i dirigenti mapuche con condanne carcerarie eterne

La persecuzione verso le dirigenze mapuche non cessano, nemmeno dietro le sbarre, dove ultimamente abbiamo visto condanne di decine d’anni, una vita intera in carcere, un peso della legge che non cade così nemmeno sui violentatori di diritti umani di questo paese.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cile: rifiuto della condanna senza prove di 4 prigionieri politici mapuche del CAM

Queste azioni si iscrivono in un progressismo liberale che reprime i movimenti popolari, una tendenza che soddisfa le richieste dell’estrema destra e dei grandi imprenditori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: confermata l’estradizione in Cile dell’attivista mapuche Jones Huala

Questo martedì la Corte Suprema di Giustizia argentina ha emesso un verdetto con cui convalida l’ordine d’estradizione in Cile del lonko mapuche Facundo Jones Huala, detenuto da gennaio nel carcere penale federale di Esquel, Chubut, nell’ambito di una causa penale realizzata nel paese transandino e sulla cui legalità ci sono più che troppi sospetti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Raccogliere la lotta: voci di resistenza agroecologica

Da una scuola recuperata da una comunità mapuche ranquel, ora convertita in un progetto agroecologico, diverse organizzazioni, assemblee e la stessa comunità Rupu Antu Linkoln hanno discusso del futuro ambientale del Paese.