InfoAut
Immagine di copertina per il post

Brasile: indigeni sono repressi dalla Polizia Militare in un blocco stradale a San Paolo

Il blocco della strada Bandeirantes faceva parte di una mobilitazione nazionale contro l’approvazione del Progetto di Legge 490/07.

Martedì (30) non era ancora spuntato il sole quando la fila di copertoni bruciati, al suono dei canti sacri di centinaia di indigeni del popolo guaraní mbya, della Terra Indigena Jaraguá, ha bloccato la strada Bandeirantes. La manifestazione pacifica degli indigeni sarebbe continuata verso la litoranea di Tietê, ma è stata interrotta dalla repressione della Polizia Militare, che ha lanciato gas lacrimogeni, getti d’acqua e ha sparato proiettili di gomma contro i manifestanti.

La protesta a San Paolo fa parte di una mobilitazione nazionale contro l’approvazione del Progetto di Legge (PL) 490/07 che, tra gli altri passi indietro relativi ai diritti dei popoli indigeni, stabilisce un termine. Mercoledì scorso (24), la Camera dei Deputati ha approvato l’esame del PL con carattere d’urgenza e, secondo il presidente della camera, Arthur Lira (PP), dovrebbe essere votato questo martedì (30).

La tesi del quadro temporale, da approvarsi, limita il diritto di demarcazione delle terre unicamente agli indigeni che occupavano il loro territorio tradizionale nel 1988, anno di approvazione della Costituzione Federale.

La manifestazione ha camminato lungo la corsia verso il fiume Tietê, lasciando libera una corsia della strada, come era stato concordato con la Polizia Militare. Nonostante ciò, alle 8.39 am, le forze di sicurezza dello stato hanno iniziato la repressione.

Dopo circa 20 minuti di resistenza con scudi di bambù, i manifestanti si sono ritirati dalla via e la Polizia Militare ha effettuato una specie di inseguimento fino all’entrata del centro abitato. Dall’alto del viadotto, i poliziotti non hanno aspettato nemmeno che una indigena che si era sentita male fosse caricata dai suoi compagni, continuando a sparare.

Un elicottero della Polizia Militare è sceso così vicino alle persone che camminavano verso l’entrata del paese che, per il vento che ha provocato, ha spezzato a circa 5 metri d’altezza grossi rami di un albero che sono caduti. Anche dopo che tutti si erano rifugiati nel paese, l’elicottero continuava a sorvolare la comunità. Almeno cinque indigeni sono rimasti feriti. Tra loro, uno ha ricevuto un proiettile di gomma in fronte.

“Tarcísio, il nostro governatore, è anti indigeno”, precisa ad Arapoty Guarani Mbya. “Con questi attacchi, bombe, gas al peperoncino, proiettili di gomma, gli antisommossa che sono la sicurezza del governatore, ci hanno aggrediti, ci hanno fatto allontanare. Ma non rimarrà così. Andiamo alla resistenza, vendicarsi”, dice.

In un’intervista con Brasil de Fato, Thiago Karai Djekupe spiega che nelle ultime settimane il Congresso Nazionale ha concentrato i propri sforzi per creare progetti che violano le leggi sulla conservazione del Bosco Atlantico e la protezione delle terre indigene.

“Il Congresso ha fatto un grave passo indietro relativamente alle politiche indigene, ha anche attaccato il Ministero dei Popoli Indigeni per minare i nostri processi di demarcazione e ha anche sottoposto a votazione d’urgenza il PL 490, che comporta la tesi del quadro temporale come progetto di legge, anche il termine è già programmato per andare in giudizio nel STF (Supremo Tribunale Federale) il giorno 7. Il Congresso ha messo su una strategia per creare una situazione di conflitto e di pressione nella votazione sul termine ed esporci ad una situazione di violenza”, ha aggiunto.

“#PL 490 não” è stato lo striscione che precedeva la manifestazione indigena, come attualizzazione della lotta che, secoli addietro, resistette allo sterminio praticato dal gruppo sertanista paolista che onora la strada. Un altro striscione, rosso, con le parole “demarcare Yvyrupa”, fa riferimento all’espressione che, in guaraní, designa la struttura che sostiene la terra.

“Il popolo guaraní sta lottando qui per la vita e dicendo ‘no’ ai rovesci che vengono ad ucciderci. Il nostro popolo originario era qui prima dell’arrivo dei colonizzatori”, dichiara l’indigeno Tamikuã Txihi Kerexu. “Allora, stare qui oggi, in questo luogo che porta il nome di un pioniere che tagliò la terra indigena per fare una strada, è simbolico. Siamo qui per la nostra madre terra, per la natura, per la nostra gente, per i nostri bambini che sono il nostro futuro”, ha spiegato a Brasil de Fato.

“Siamo trattati dallo stato brasiliano, da più di 523 anni, come invasori di territori. Non stiamo invadendo, siamo figli di questa terra, la nostra stirpe e i nostri antenati stavano qui e per questo stiamo resistendo”, ha argomentato Tamikuã Txihi Kerexu. “Stiamo dando una risposta al Congresso che ha votato contro i popoli originari. Per questo diciamo ‘no’ a questo PL che è per la distruzione. Una volta di più lo stato brasiliano, insieme a questo vertice, vuole proteggerci mediante il PL, non è sufficiente averci uccisi durante questo periodo di cinque secoli”, ha aggiunto.

Pressione ruralista

Il PL 490 era rimasto arenato alla Camera dal novembre del 2021 ed è tornato in agenda, realizzando i desideri del gruppo ruralista per essere votato in tutta fretta, prima che il medesimo tema sia esaminato dal Supremo Tribunale Federale (STF). Il verdetto della Corte Suprema sul termine è previsto per il prossimo 7 giugno, quando una mobilitazione organizzata dall’Articulação dos Povos Indígenas do Brasil (Apib) vuole riunire a Brasilia migliaia di indigeni.

Prima che il ministro Alexandre de Moraes avesse chiesto di essere visto, altri due sono giunti a votare. Il relatore Edson Fachin si è mostrato contro il termine e il ministro Nunes Marques, a favore. Il movimento indigeno ha chiamato questo il “verdetto del secolo”. Secondo il Consiglio Indigeno Missionario (Cimi), l’approvazione del termine, potrebbe colpire circa il 95% delle aree indigene.

Oltre a bloccare il processo di demarcazione di centinaia di territori tradizionali, il nuovo criterio può aprire uno spiraglio alla messa in discussione delle approvazioni già concluse nei tribunali. Secondo il Cimi, delle 1.393 terre indigene (TI) in Brasile, il 62% necessita ancora di una regolarizzazione.

Una di queste è la TI Jaraguá. Dei 532 ettari reclamati dai guaraníes mbya e già dichiarati di dominio indigeno, solo 1,7 ettari sono stati approvati (dal 1987). Occupando meno di due campi di calcio, l’estensione demarcata lo trasforma nel territorio indigeno più piccolo del paese.

“In questi ultimi sei anni abbiamo subito una violenza assurda da parte di persone non indigene”, ha detto Thiago Karai Djekupe, del popolo Guaraní Mbya, della TI Jaraguá.

“Abbiamo deciso, insieme al nostro popolo, anziani e anziane, guerrieri e guerriere, che è necessaria una risposta a questi attacchi promossi dalla politica di odio, anti indigena che agisce contro tutti gli studi e gli indizi dei disastri, e causa problemi di riscaldamento globale”, dice il manifesto del popolo guaraní mbya davanti alla votazione del PL 490.

30 maggio 2023

Brasil de fato / Resumen Latinoamericano

Traduzione di Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

brasilePOPOLI INDIGENIscontri

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: liberi di lottare contro la guerra e affianco al popolo palestinese

Alle 6 di stamani la polizia è andata a casa di 4 compagn per notificare l’applicazione dell’obbligo di firma e contestare vari reati per la manifestazione in solidarietà al popolo palestinese del 13.02 di quest’anno fuori le sedi della RAI di Napoli. da Laboratorio Politico Iskra Giovedi 18 luglio, Presidio h 10, Sede Rai via […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Combattenti stranieri per Israele: mercenari o guardiani “dell’unica democrazia” del Medio Oriente?

Israele sta usando i combattenti stranieri nella sua Guerra Genocida contro Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’INTIFADA NON SI FERMA NEANCHE IN ESTATE

Assemblea nazionale al Festival Alta Felicità venerdì 26/07/2024 ore 18.00 dell’Intifada Studentesca

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La partenza dei coloni israeliani è aumentata del 150% dal 7 ottobre

I media israeliani evidenziano un notevole aumento di coloni israeliani che lasciano la Palestina occupata, con preoccupazioni per la sicurezza e l’incolumità che guidano questa “migrazione inversa”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Mesopotamia: cos’è Hezbollah? Intervista a Fabio Merone

Grazie al contributo di Fabio Merone, ricercatore che si occupa di islam politico e, in generale, di politica nel mondo arabo, in questa puntata andiamo scopriamo il movimento sciita libanese Hezbollah (“Il partito di Dio”).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Regno Unito. L’analisi del voto e gli scenari di scontro possibile

Abbiamo chiesto a George, del collettivo politico e d’inchiesta militante Notes From Below, una panoramica sui risultati delle elezioni in UK e sulle conseguenze politiche per l’area britannica.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Italia: l’aeronautica militare e la marina nell’Indo-Pacifico. Continua l’investimento nell’ambito bellico

L’Aeronautica Militare va nell’Indo-Pacifico con un consistente numero di aeromobili e personale per partecipare all’esercitazione Pitch Black 2024 in Australia, alla Rising Sun 24 in Giappone, nonché per addestrarsi insieme alla Marina Militare in mare aperto.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Tempo delle elezioni e tempo della rivolta.

Alla luce di alcuni momenti di mobilitazione degli ultimi giorni a cui abbiamo avuto occasione di partecipare, raccogliendo testimonianze e punti di vista, proviamo a tratteggiare qualche considerazione sull’attuale situazione in Francia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le “Dita” di Netanyahu a Gaza ricordano i passati fallimenti israeliani

Ciò che Netanyahu sta cercando di attuare a Gaza è una copia scadente delle strategie precedenti utilizzate da altri leader israeliani

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: il sessennio “si chiude con repressione, sangue e sequestro dei popoli da parte dello stato”

“Il sessennio di Andrés Manuel López Obrador si chiude con repressione, sangue e sequestro da parte dello stato dei popoli che difendono il proprio territorio ed esercitano i propri diritti all’autodeterminazione, alla protesta, alla libertà d’espressione e ad un ambiente sano”

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Collassi localizzati, debito ecologico e politiche pubbliche

Le inondazioni nel Rio Grande do Sul, una delle zone più ricche e potenti del Brasile, hanno provocato 163 morti, più di 80 persone disperse e 640.000 persone costrette a lasciare le proprie case.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: dalla cordigliera alla meseta e alla costa, la lotta di un popolo per l’acqua

Tra il 15 e il 21 dicembre 2021, il popolo del Chubut abrogò la Legge di Zonificazione Mineraria che era stata approvata sei giorni prima, senza consultazioni, dai deputati provinciali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Brasile: l’acqua che tutto abbatte

Due donne, già negli anni, attendono i soccorsi alle intemperie, sopra il tetto della vecchia casa familiare, in un villaggio del Rio Grande do Sul.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La strategia estrattivista per entrare nei territori ancestrali raggiunge il suo apice

Il conflitto per il territorio degli Shuar, causato dagli interessi minerari, va avanti da più di 20 anni. Ma questa volta è diverso, sembra essere l’ultima battaglia.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La diffusione del dengue, l’agroindustria e il cambiamento climatico

Le cause dell’epidemia di dengue sono molteplici, conosciute e anche poco affrontate: cambiamento climatico, deforestazione, uso di pesticidi, impatto sui predatori delle zanzare e mancanza di pianificazione territoriale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: i Me`phaa di Tilapa creano sistema di giustizia a difesa del loro territorio

Il popolo Me`phaa di Tilapa, Guerrero, ha presentato il proprio sistema di giustizia denominato Sicurezza di Protezione Territoriale Indigena (Serti), per “difendere il territorio da una prospettiva indigena, olistica e integrale”, di fronte alle minacce di progetti minerari, saccheggio territoriale e controllo dei gruppi del crimine organizzato.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Cosa vuol dire un’università libera?

In TV e sui giornali si è scatenata la canea mediatica nei confronti degli studenti e delle studentesse universitarie che richiedono la fine degli accordi di ricerca militari o di dual use con le università israeliane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

In un recente comunicato, l’Assemblea Comunitaria di Puente Maderas, Municipio de San Blas Atempa, Oaxaca, intitolato significativamente “Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione”, ribadisce il suo rifiuto fondato e il suo impegno di resistenza alla megaopera del Corridoio Interoceanico dell’Istmo di Tehuantepec.