InfoAut
Immagine di copertina per il post

15 tesi partigiane sul Primo Maggio Milanese


Primo Maggio 2015. “Oggi inizia il domani”

“Vorrei evidenziare che le proteste pacifiche sono un lusso che appartiene a chi è già inserito nella cultura dominante, a chi è sicuro che la propria voce verrà ascoltata senza violenza, a chi può permettersi di aspettare che arrivi il cambiamento che vuole ”

“Ferguson: in defense of rioting”, Time Magazine, 24 novembre 2014

 

1. “I Black Bloc devastano Milano”. Ecco in sostanza la lettura dei media mainstream della giornata del Primo Maggio 2015. Noi abbiamo visto molte cose in quella giornata ma la devastazione, la vera devastazione, la vediamo tutti gli altri giorni: ogni giorno in cui non accade nulla, ogni giorno in cui si muore annegati nel Mediterraneo, sui posti di lavoro, nelle guerre dell’Occidente o da soli, per disperazione.

2. La settimana è cominciata con una grande operazione preventiva da parte della polizia. I quartieri Giambellino, Porta Genova e Prealpi sono stati messi sotto assedio. Tredici perquisizioni, otto case sgomberate, la Base di solidarietà popolare in Giambellino sgomberata e distrutta, decine di compagni portati in questura, due arresti e interi quartieri militarizzati. Questo è il bilancio della strategia della questura che voleva tenere impegnati tanti compagni, logorarli per distrarli dalla giornata del primo maggio. Molti dei fermati durante le perquisizioni erano di origine straniera e per questo sono stati trattenuti per ore in questura all’ufficio immigrazione. Questi compagni sono venuti per partecipare alle cinque giornate di Milano, per conoscere le lotte italiane e condividere le esperienze di lotta che attraversano in giro per l’Europa. La stampa ha approfittato di questi fermi, per la maggior parte conclusasi in liberazioni senza procedimenti penali, per costruire il mostro che poteva terrorizzare preventivamente i partecipanti al corteo e il capro espiatorio da servire in pasto all’opinione pubblica.

3. Questo Primo Maggio milanese è stato una giornata scomoda. È scomoda per i rivoluzionari perché il dato centrale – quello della partecipazione, della determinazione, dell’organizzazione, dell’esistenza di una forza rivoluzionaria capace di mettere in atto il proprio rifiuto del divieto di prendersi il centro – viene messo in secondo piano dalla narrazione maggioritaria. È scomoda anche per quelli che alimentano un immaginario conflittuale, purché rimanga su un piano puramente virtuale, per riproporre sempre la stessa formula scadente: un governo un po’ più a sinistra, uno sfruttamento garantito, un capitalismo sostenibile. Almeno ci vediamo più chiaro: voler essere i buoni rappresentanti di tutti quelli che non hanno e non vogliono rappresentanza o stare in maniera partigiana dalla parte dei rivoltosi non sono due posizioni compatibili.

4. La sfida che hanno davanti tutte le lotte, a cominciare da quella per l’abitare, è quella di coniugare due aspetti: partecipazione e conflitto. Man mano che le lotte crescono si prova a mettere insieme, anche in piazza, quelle due dimensioni. Se uno dei due elementi viene a mancare, si rischia di cadere nell’auto rappresentazione di una minoranza attiva incapace di determinare alcun cambiamento di rotta. La partecipazione è stata numerosa ed eterogenea, nonostante il clima di terrore creato nei giorni precedenti. Lo spezzone delle lotte sociali è stato tra i più nutriti del corteo. C’erano i comitati e gli occupanti di quartiere, che portano avanti ogni giorno una lotta reale lontano dai riflettori e dal centro della metropoli. Una lotta per l’abitare, che parte dall’avere un tetto sopra la testa per arrivare alla costruzione di quartieri più vivibili. C’erano anche tanti giovani precari e disoccupati che nel modello Expo non si riconoscono e non vogliono regalare il proprio tempo agli schiavisti del grande evento e hanno preferito scendere in piazza a manifestare la propria opposizione, la propria rabbia. Tante lotte diverse e tanti gesti hanno convissuto rendendo la giornata intensa: c’è chi ha fatto cori e chi ha resistito alle cariche, chi ha ballato il tango e chi la techno, chi ha raccontato la propria lotta a tutta la città e chi ha scritto sui muri con il volto coperto. Un obiettivo è stato sicuramente raggiunto ed era forse quello più importante: da un anno a questa parte la parola d’ordine che ha più risuonato nelle assemblee No Expo era “facciamo male a Expo”. Gli è stato fatto male.

5. Certi gesti sono stati inutili o addirittura sfavorevoli in quel contesto, in quel momento preciso? Crediamo che un gesto sia rivoluzionario non per il suo contenuto, ma per il concatenamento di effetti che genera. I moralisti che elogiano o condannano delle “pratiche” a prescindere, senza mai tenere conto del contesto in cui vengono messe in atto condividono una stessa cecità. Una macchina messa in mezzo alla strada per impedire alla polizia di avanzare e massacrare il corteo non sarà mai la stessa cosa di una macchina sfasciata in mezzo ai manifestanti quando l’urgenza è quella di difendersi tutti insieme. Certi gesti, indirizzati verso obiettivi scelti a caso, rischiano di dimostrare per lo più frustrazione e mancanza di prospettiva, non mettono un granché sul tavolo dell’avanzamento rivoluzionario. Le migliori azioni sono quelle che non hanno bisogno di troppe spiegazioni per essere comprese da tutti, amici come nemici. L’assedio al cantiere di Chiomonte parlava chiaro, come sarebbe stato chiaro se qualcuno il Primo Maggio se la fosse presa con la sede di Expo o, perché no, con la Borsa.

6. Finché non comprendiamo che il potere va minato nella sua materialità come nel suo discorso, il nostro agire rimarrà parziale, e quindi debole. Sabotare il capitalismo significa sì praticare degli obiettivi ma anche saper neutralizzare gli effetti negativi della narrazione mediatica del giorno dopo. Pensare questa neutralizzazione d’anticipo deve essere parte dell’azione stessa. E questa, diciamolo con umiltà, è stata la mancanza più grande della giornata del Primo Maggio. Da questo punto di vista la strada da percorrere è ancora tanta. Quando il conflitto si manifesta, pensare di gestirlo integralmente, governarlo, pascolarlo è contemporaneamente ingenuo e sintomo di delirio di onnipotenza. D’altronde è compito di tutti sviluppare un’intelligenza strategica collettiva rispetto al sentimento generale con cui una determinata azione viene accolta. Il discorso non è, come si potrebbe erroneamente pensare, pretendere di indicare cosa è giusto e cosa è sbagliato in assoluto. Il discorso verte piuttosto su una questione di immaginario. Occorre quindi alimentare giorno per giorno un immaginario “altro” che sia desiderabile e reale, capace quindi di avere qualcosa di meglio da proporre rispetto al sogno di un’automobile di lusso. Su questo, purtroppo, il movimento rivoluzionario è ancora troppo carente.

7. Centrare l’analisi della giornata su alcuni gesti tutto sommato secondari rischia di far perdere di vista il fatto che l’obiettivo che si sono dati tanti manifestanti è stato in parte raggiunto: la zona rossa è stata rifiutata con chiarezza. Per chi c’è stato, per chi ha un minimo di onestà intellettuale, la situazione era chiara: non c’è mai stato unicamente un blocco nero che spaccava tutto a caso ma un concatenamento eterogeneo di persone che ha voluto dirigersi verso l’obiettivo iniziale della manifestazione, il centro di Milano. Erano molti di più di qualche centinaio di cui parla la stampa. Sarà mai che dietro quelle sciarpe nere c’era qualche occupante di casa, qualche precaria, o qualche studente incazzato?

8. Degli errori sono stati commessi, come ne commettono sempre i rivoluzionari mentre tentano di aprire o di cogliere delle possibilità di conflitto. Chi non ci prova mai, chi auto-riproduce sempre sé stesso e non si rimette mai in questione, chi, anche in buona fede, aspetta da sempre che arrivino le giuste “condizioni oggettive” di certo non rischia di sbagliare. Rischiare però non significa mettere in pericolo anche chi non è disposto a mettersi in gioco in prima persona e crediamo che i manifestanti organizzati per l’autodifesa del corteo l’abbiano dimostrato. Forse anche questo aspetto non è stato notato da chi aveva già deciso di accettare di fatto al divieto della questura e di stare il più lontano possibile da ogni forma di conflitto. E’ d’altronde ingenuo credere che dopo sette anni di silenzio mediatico nonostante gli innumerevoli scandali di Expo, bastasse sfilare pacificamente per convincere i media che i No Expo hanno ragione.

9. Riprendere la strada della lotta quotidiana, contro l’Expo, nei quartieri, per l’abitare, non sarà di certo facile e la repressione proverà ad ostacolarci ancora di più. Ma facciamoci una domanda, senza polemica, una domanda onesta: se non ci fosse stata quella prova di conflitto, con che faccia si poteva tornare in quelle lotte, dopo aver proclamato in mille modi che l’inaugurazione di Expo andava ostacolata, scioperata, sgomberata? Allora parliamoci chiaro: vogliamo la rivolta ma senza i rivoltosi, con i loro pregi e i loro difetti? Vogliamo manifestare ma solo quando e dove ce lo dice la polizia? Vogliamo la MayDay internazionale ma solo con ordinate delegazioni di rappresentanza? Vogliamo i Greci ma solo di Syriza? Vogliamo la rivoluzione gentile, senza problemi, senza repressione? Vogliamo il conflitto ma solo a parole? Ricoprire le pareti dei nostri posti, i nostri manifesti, i nostri vestiti di bandiere rosse, nere, curde, di immagini di rivolta e di barricate, riempirci la bocca di slogan altisonanti e mai dare un contributo, anche rischiando di sbagliare, per fare in modo che quell’immaginario si riversi nelle strade?

10. E se non fosse successo nulla? E se fosse stata una manifestazione come le decine a cui giustamente partecipiamo il resto dell’anno? È da questa domanda che dovremo partire per riuscire ad affrontare con sincerità la complessità della giornata del Primo Maggio. Non era una semplice Mayday e chi lo pensa è lontano dalla realtà. L’inaugurazione di Expo segnava un momento importante per chi lotta ogni giorno, per chi non è più disposto a subire. Non era una data come le altre perché il capitalismo italiano si metteva in mostra e festeggiava l’inizio di una nuova fase di devastazione e speculazione. Il consenso non si guadagna solo con l’enunciazione di buoni propositi, ma anche con il coraggio e con la capacità di forzare anche i nostri meccanismi di autoconservazione. Più che il consenso virtuale ci dovrebbe interessare la possibilità di sviluppare degli incontri che possano creare dei legami veri. In questo osare si può anche sbagliare, e ne siamo consapevoli, le cose non sono andate perfettamente come avremmo voluto, ma meglio trovarsi a discutere su cosa non è andato, su come possiamo migliorare la prossima volta, che dover vivere col rimorso o peggio ancora autocelebrare la propria “integrità politica”. A chi invece sputa sulla costruzione politica che componeva uno degli spezzoni variegati del corteo, diciamo che le situazioni non sono solo da godere a proprio piacimento, ma anche da costruire.

11. Mentre c’era in corso la MayDay a Milano i rivoltosi di Baltimora spaccavano vetrine di banche tra le urla festanti della gente e i compagni di Istanbul attaccavano la zona rossa e resistevano alla polizia. Ma si sa, il Black Bloc a distanza è sempre più bello e la zona rossa del vicino è sempre più rossa. Siamo consapevoli della differenza del contesto sociale e della composizione delle piazze in cui questi riot avvengono. Ma non c’è bisogno di andare lontano ed evocare questi esempi, o Kobane o Ferguson, per evidenziare il conservatorismo di alcuni politicanti di movimento: basta tornare a novembre 2014 e ricordare che mentre i quartieri popolari di Milano erano in rivolta qualcuno preferiva tenersi stretto le proprie “conquiste”, senza cercare di contaminarsi o di incuriosirsi. Le rivolte si parlano, si rispondono più velocemente che sui social network, hanno la capacità di cogliere il momento e hanno qualcosa da dire sul mondo, molto di più dei grigi comunicati che escono da assemblee di addetti ai lavori senza passione, senza amore, senza gioia. Le tristi beghe egemoniche e gestionali, la contabilità tra le parrocchie di movimento fa dimenticare a molti che fuori c’è un mondo a cui non frega niente di queste piccolezze.

12. Ancora una volta il gioco della divisione tra pacifico e violento è opera sia di chi governa sia di quella parte di sinistra che crede che per farsi sentire basti ridurre la questione del conflitto a un discorso morale. Non si tratta di fare l’elogio dello scontro minimizzando le infinite altre pratiche che creano avanzamento, anzi crediamo che stia proprio qui la chiave per uscire dalla falsa opposizione tra pacifico e violento. Le pratiche di lotta, siano queste una marcia popolare, delle azioni fuori dalla legalità o dei sabotaggi devono essere valutate da un punto vista strategico e non da un principio ideologico. Gli obiettivi politici non si misurano con eventuali arresti o attacchi da parte del nemico, ma con ciò che la pratica di questi obiettivi possa creare a livello di avanzamento a medio e a lungo termine. E sappiamo bene che saremo sotto attacco anche da chi crede di avere in tasca l’abc della politica, ma sarebbe meglio che costoro guardassero fuori della finestra del proprio centro sociale perché c’è un mondo al di là della propria pratica militante formato famiglia. Per noi ciò che conta è l’avanzare delle lotte e per questo rischiamo e ci organizziamo.

13. Quello che sta accadendo in questi ultimi giorni a Milano è l’emblema dell’ipocrisia della borghesia milanese che si indigna e prende posizione contro i danni del corteo, perché difende la propria città e crede ingiusto che sia “devastata”, ma tace davanti a decenni di sventramento della città, alla distruzione di parchi e alberi per fare spazio al cemento, alla gentrification di intere zone. Così come non dice mai niente della violenza con cui nei quartieri popolari delle famiglie vengono buttate in mezzo a una strada, della speculazione edilizia che arricchisce sempre di più la mafia del mattone, del lavoro gratuito per i giovani precari che vogliono costruirsi un futuro. L’operazione #NessunoTocchiMilano ci sembra un automatismo del cittadino che per lavarsi la coscienza scende in piazza, così come adotta un figlio a distanza per sentirsi solidale. I riflettori a un certo punto si spegneranno e i muri torneranno ad essere imbrattati non solo dai No Expo ma anche dai tantissimi ragazzi e ragazze che scrivono la propria storia, lasciando il segno del proprio passaggio sui muri.

14. Saranno tempi difficili, su questo non ci sono dubbi, ma crediamo che questa scommessa andava fatta e che i risultati politici li vedremo nei prossimi mesi e nei prossimi anni. Non accettiamo il ricatto per cui si dice che da ora gli spazi di agibilità saranno ristretti e quindi era meglio non fare niente. Forse la gestione dell’ordine pubblico a Milano cambierà e lascerà meno margini, ma la pacificazione a cui ci avevano abituato e su cui faceva leva la questura andava superata. Non è con la convivenza pacifica ma è solo con la lotta che riusciremo a strappare l’agibilità politica che la controparte ci vorrà togliere nei prossimi tempi. Sui territori raccoglieremo la forza o la debolezza delle nostre scelte, la sfida ora è quella di allargare, di conoscere nuovi amici, di tessere nuove relazioni, di scoprire nuove lotte. Ci sono vari compagni e compagne arrestati: a loro va la nostra intera e sincera solidarietà. Strano e assurdo pensare che i devastatori dei nostri territori vogliano riutilizzare l’accusa di devastazione e saccheggio come vendetta contro chi individueranno come colpevoli di aver rovinato la festa ad Expo. Si parla di un reato che prevede una pena che arriva a 15 anni. E su questo c’è da riflettere sopratutto quando ci si abbandona facilmente a condanne: non possiamo lasciare soli i compagni arrestati o che lo saranno in futuro, che facciano parte della nostra collettività o meno. Crediamo sia giusto lanciare da subito un appello a sostenere questi compagni e ad attivarsi ognuno nelle proprie città per rompere l’isolamento che cercheranno di creare loro intorno.

15. Le giornate come questa forse hanno tanti difetti però sicuramente un pregio ce l’hanno: quello di segnare uno spartiacque tra chi lotta misurandosi con la realtà per tentare di cambiarla e chi condanna, si indigna o pretende di dare lezioni. In questi giorni abbiamo visto un’istantanea di due mondi inevitabilmente inconciliabili: la società per bene, che abita le vie ricche del centro e insieme a Lega e PD cancella la scritta “Carlo vive” da una parte, e le migliaia di “Carlo” senza nome e col cappuccio che hanno resistito nelle strade. Lasciamo ad altri la posizione altezzosa di chi si permette di giudicare da lontano quale riot sia giusto e quale è sbagliato e scegliamo di stare ancora una volta in mezzo alla mischia, in mezzo alle contraddizioni, dove sta il movimento reale che abolisce lo stato di cose presenti.

Sempre per l’autonomia diffusa
Milano, 4 maggio 2015

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Approfondimentidi redazioneTag correlati:

1maggioMayDayMilanono exponoexpo

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Sapere, potere e controllo della natura: l’intreccio tra tecnologia militare e accademia

Le diramazioni delle scienze e della tecnica sono sottili e articolate, bisogna seguirle e percorrerle per avere evidente il legame tra luoghi del sapere e luoghi di oppressione e guerra.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Ma quale terra promessa? L’agricoltura offensiva coloniale in Cisgiordania

Il secondo tema che abbiamo affrontato è stato quello dell’agricoltura, dell’appropriazione della terra e dei campi e quindi delle modalità di riproduzione fondamentali da parte di Israele.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’energia come epicentro di colonizzazione, accaparramento e discriminazioni.

Proponiamo quindi il contenuto di uno dei dibattiti organizzati alle Università occupate del Politecnico di Torino e di Palazzo Nuovo, insieme a End Fossil.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Cos’è il Fascicolo Sanitario Elettronico e perché dovrebbe interessarci.

Il Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) rappresenta uno strumento che consente alle persone di monitorare e visualizzare l’intera cronologia delle proprie condizioni di salute.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Cosa è andato storto nel capitalismo?

Questa è una brutta notizia per Sharma, forte sostenitore del capitalismo. Cosa è andato storto?

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Fasciarsi la testa. Appunti sulle elezioni europee

Tutte e tutti a fasciarsi la testa, adesso. Però siamo ancora vivi.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla colonia, alla fabbrica, ai quartieri popolari: l’antirazzismo politico in Francia. Intervista a Said Bouamama

Abbiamo realizzato questa intervista a Said Bouamama ad aprile 2024 durante il Festival Altri Mondi – Altri Modi tenutosi al centro sociale Askatasuna a Torino, quando il movimento per la Palestina, perlomeno a Torino, era in una fase diversa, potremmo dire agli albori, da quella che sta attraversando in questi mesi.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La mappa degli impatti e dei conflitti delle Terre Rare. Sfide per una transizione verde e digitale

La Rare-Earth Elements Impacts and Conflicts Map documenta i processi controversi che si svolgono nelle catene di fornitura degli elementi delle Terre Rare (REE): siti di estrazione, lavorazione e riciclo.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla Francia all’Italia, la terra si ribella

Domenica 12 maggio una delegazione del movimento francese Soulèvements de la Terre era a Roma per incontrare altri movimenti ecologisti e invitare alle prossime mobilitazioni. Un racconto a più voci di un importante momento di scambio.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’Europa morirà americana?*

Qual è oggi lo stato dei rapporti transatlantici nel quadro del conflitto ucraino e sullo sfondo del montante scontro Usa/Cina?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada studentesca: le rivendicazioni.

L’articolo viene arricchito quotidianamente con le iniziative, i comunicati e gli aggiornamenti dalle Intifada studentesche in corso..

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

La polizia odia i/le giovani

Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un inasprimento della violenza poliziesca e delle intimidazioni nei loro confronti.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Il significato conteso del 25 aprile di fronte al genocidio. Spinte e possibilità.

Le iniziative ufficiali del 24 e 25 aprile di quest’anno sono state la dimostrazione della separatezza che intercorre tra il sinistro antifascismo istituzionale e quello quotidiano di chi non si rifugia in un’identità stantia priva di sostanza e attinenza alla realtà.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Torture al carcere minorile “Beccaria” di Milano

Torture e violenze (anche sessuali) sui minorenni al Beccaria: arrestati 13 poliziotti penitenziari, 8 sospesi dal servizio.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Solidarietà agli studenti del Severi-Correnti!

Esprimiamo la nostra totale solidarietà nei confronti degli studenti e delle studentesse del liceo Severi Correnti di Milano, che la mattina del 30 gennaio occupavano il loro istituto per denunciare il genocidio in atto in Palestina e contro l’indifferenza per le morti di decine di migliaia di persone sotto le bombe israeliane.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Milano 2-3 marzo 2024: assemblea nazionale dei movimenti per il diritto all’abitare

La fase economica, sociale e politica che stiamo vivendo racchiude in sé tutte le contraddizioni che il sistema capitalistico porta in seno.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Milano: dalla montagna alla città contro le Olimpiadi insostenibili

Il 10 febbraio alle ore 15 partirà da Piazzale Lodi a Milano un corteo contro le Olimpiadi Milano-Cortina del 2026.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

27 gennaio: in Italia cortei per la Palestina vietati, confermati o…posticipati

In Italia ieri, sabato 27 gennaio 2024, diverse manifestazioni per il popolo palestinese, come accade costantemente ormai dall’ottobre 2023. In mezzo ci sono le Questure che hanno disposto, con prescrizioni, il divieto dei cortei.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Prima Classe e sfruttamento di classe

Il commissariamento dell’azienda Alviero Martini Spa di Milano per sfruttamento lavorativo è l’ennesima occasione per riflettere sulle trasformazioni delle filiere del nostro paese e sulle devastanti condizioni di lavoro che stanno dietro il tanto celebrato “Made in Italy”.