Roma. Perquisizione a Casa Pound. Il blitz finisce con calorose strette di mano tra fascisti e polizia

Stampa

Operazione farsa della Guardia di Finanza a Casapound. Arrivano per una "perquisizione concordata", finisce con un nulla di fatto e strette di mano tra Digos e neofascisti.

||||
|||| ||||

Il 15 ottobre Davide di Stefano si era fatto due chiacchiere in questura e aveva concordato un’ispezione. Ieri, però i fascisti ci hanno ripensato e non hanno fatto entrare gli agenti a via Napoleone III.
La vicenda trova spazio su quotidiani romani solo per il suo grottesco esito: gli agenti della Guardia di Finanza respinti sul portone di Via Napoleone III dagli stessi personaggi con cui pochi giorni prima si erano messi d'accordo (pare che a fare da tramite siano stati gli agente della Digos, evidentemente ritenuti una garanzia da entrambe le parti).
Per le Fiamme Gialle l’obiettivo era quello di dare seguito a un’inchiesta della Corte dei Conti per danno erariale. Dopo alcune sconvolgenti rivelazioni su carta stampata pare che in procura stiano ipotizzando che Via Napoleono III non sia una casa per famiglie italiane in difficoltà ma bensì l’insospettabile sede di un movimento neofascista che usa lo stabile come più gli fa comodo.
Per i giornalisti delle cronache locali comunque il problema pare essere che un tipo di Casapound avrebbe detto ai finanzieri “se entrate finisce in un bagno di sangue”. Rapporto d'amicizia, quello tra casapound e la digos, che non è stato scalfito neanche da questo episodio, così racconta l'epilogo della vicenda il quotidiano la Repubblica "Tentativo respinto, concluso con una serie strette di mano tra i militanti del partito di estrema destra, un sorridente Davide Di Stefano in testa, e gli agenti della Digos in borghese inviati sul posto dalla questura per mediare e arginare possibili disordini". Tutto bene quel che finisce bene.
Insomma Casapound davanti alle telecamere fa la voce grossa minacciando bagni di sangue, dietro sorrisoni e strette di mano calorose con la Digos.
Nessuno scandalo invece che Casapound sia l’unico posto in Italia in cui perquisizioni, ispezioni e operazioni di Polizia vengono concordate preventivamente con la Digos.

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons

});})(jQuery);