Contestato Adinolfi a Vitualzio

Stampa

Riportiamo di seguito il comunicato dell’iniziativa che si è svolta ieri pomeriggio a Vitulazio, in provincia di Caserta, contro Mario Adinolfi, direttore del quotidiano “La Croce” e fondatore del “Popolo della famiglia”, conosciuto soprattutto per le sue idee omofobe e sessiste, arrivato in città per la presentazione del suo ultimo libro “O capiamo o moriamo”. Al suo arrivo però, ha trovato tutta la rabbia e l’indignazione della popolazione dell’Agro Caleno, per nulla disposta ad accogliere sul proprio territorio personaggi che provano a divulgare le proprie idee bigotte e fascistoidi.

||||
|||| ||||

 

CONTESTATO L’OMOFOBO ADINOLFI A VITULAZIO. VERSO L’ASSEMBLEA DEL 18 NOVEMBRE.

“Questa sera, venerdì 10 novembre, abbiamo deciso di scendere in piazza per contestare a gran voce il fondamentalista Mario Adinolfi giunto a Vitulazio per racimolare qualche voto con la scusa di presentare la sua ultima "fatica" letteraria. Lo stesso personaggio che, nel 2013, definì "merde" i Campani colpiti dalla crisi dei rifiuti e che quotidianamente propaganda odio a buon mercato da spacciare a qualche mente fragile, non poteva avere e ha avuto nessun diritto di parola, nessuna agibilità politica sul nostro territorio. Siamo scesi così in piazza compatti contro razzismo e omofobia, per difendere i diritti di tutte e di tutti, in questo crescente clima di intolleranza e discriminazione in cui sguazzano i fascisti e che qualche improvvisato intellettuale da avanspettacolo va propagandando. La nostra iniziativa è stata accolta con entusiasmo e solidarietà dalle donne e dagli uomini presenti in piazza, segno inoppugnabile del fatto che quella di Adinolfi è una presenza non gradita, che ha suscitato rabbia e indignazione se non in quei pochi sprovveduti disposti ad ascoltarlo.

Il prossimo appuntamento è fissato per sabato 18 novembre alle 18:00 allo Spazio Cales, dove terremo un'assemblea pubblica sui diritti e le tematiche di genere verso e oltre il corteo nazionale del 25 a Roma organizzato dalla rete Non Una di Meno.”

Comunicato stampa venerdì 10 Novembre 2017 Spazio Cales, via Fabbrica delle Armi Bianche - Sparanise

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons