InfoAut
Immagine di copertina per il post

2013-2020: Clement Meric vive!

||||

Sette anni fa Clement Meric, militante antifascista parigino di soli 18 anni, veniva assassinato da un gruppo di fasci. In occasione della ricorrenza, abbiamo tradotto il testo dei compagni di Action Antifasciste Paris-Banlieue (AFAPB) che ritorna sulla figura di Clement e sulla necessità dell’antifascismo al giorno d’oggi in Francia e non solo. La scorsa notte intanto il Saint-Sauveur, bar frequentato da compagni e compagne a Menilmontant, è stato attaccato da fascisti con mazze e spray lacrimogeni, ma l’attacco è stato immeditamente respinto dalla popolazione del quartiere. In calce al testo il video dell’azione di questa notte a Bologna in memoria di Clement.

 

Venerdì 5 giugno, come ogni anno, l’Action Antifasciste Paris-Banlieue vuole rendere omaggio a Clément Méric, assassinato sette anni fa. Siamo orgogliosi di aver avuto Clément come compagno. Ricordare l’attualità delle sue lotte, nelle strade ed altrove, è per noi un modo per continuare a ricordarlo.

Nel 2012 si era appena trasferito a Parigi per studiare a Scienze Politiche. Lì si è unito a Solidaires étudiants ed è diventato un militante in università. Da militante antifascista nella sua città natale, Brest, si è poi avvicinato alla scena antifascista parigina, dove ha incontrato l’AFA, la nostra organizzazione, di cui fanno parte militanti rivoluzionari, giovani sindacalisti e ultras della curva Auteuil del Paris Saint-Germain, con cui Clément ha stretto rapidamente amicizia. Per quasi un anno ha militato al nostro fianco, a Parigi e nelle periferie della città, per non lasciare le strade all’estrema destra, a fianco dei migranti braccati e cacciati dalle forze dell’ordine, con i collettivi dei quartieri popolari che si organizzano per chiedere verità e giustizia per tutti i giovani ammazzati dalla polizia, e contro ogni forma di oppressione e discriminazione.

La nostra lotta comune lo ha portato a quel giorno del 5 giugno 2013, a sei anni fa, quando Clément ha incrociato alcuni skinheads neonazisti che indossavano magliette con simboli nazisti e slogan razzisti. Erano membri del piccolo gruppo Third Way, guidato da Serge Ayoub, spesso e volentieri immischiato in casi di omicidi razzisti e di attacchi a militanti antifascisti. Quel giorno Clément fu riconosciuto come militante antifascista ed è per questo che fu preso di mira, preso a pugni in faccia con il tirapugni e lasciato a terra privo di sensi. Clément è morto perché si è rifiutato di abbassare gli occhi.

Dopo la sua morte, abbiamo dovuto far fronte a un’ondata di menzogne. Prima di tutto da parte dell’estrema destra, che ha riportato le versioni degli imputati e ha cercato di far passare Clément per l’aggressore nell’agguato. Poi da parte dei media di destra, che hanno cercato di depoliticizzare la morte di Clément relegandola ad una semplice rissa tra bande andata male. Da parte loro, la stampa e i politici di sinistra hanno cercato invece di recuperare l’immagine di Clément, di farne la vittima di un nemico comune e la figura dell’antifascista al servizio della République, in lotta contro un razzismo essenzialmente morale, incarnato soltanto dall’estrema destra e dal Front National. La stampa ha così creato un’immagine borghese che si distanzia dalla realtà sociale del nostro gruppo. Vogliamo insistere sul tentativo di recuperare questo evento, perché questo è stato seguito da una demonizzazione della figura dell’ “antifa”. Lo abbiamo visto nel 2014 quando abbiamo partecipato alle manifestazioni vietate pro Gaza e contro l’imperialismo. Lo è stato ancora quando abbiamo combattuto contro la violenza della polizia a fianco delle famiglie delle vittime e degli abitanti dei quartieri popolari e quando abbiamo combattuto contro il razzismo di Stato, o contro il prolungamento dello stato di emergenza, che in particolare ha portato una nuova ondata islamofobica. Poi nel 2016, durante il movimento contro la Loi travail, quando la nostra organizzazione si è ritrovata di nuovo al centro dell’attenzione mediatica e politica, per la sua presenza nel “cortège de tête” (la testa del corteo, la parte più offensiva ndt), dove abbiamo partecipato dando impulso alle dinamiche di autodifesa di fronte ai ripetuti attacchi della polizia.

Durante la famosa vicenda del Quai de Valmy, in seguito all’incendio di un’auto della polizia, una montatura poliziesca ha portato all’arresto e poi alla condanna di militanti antifascisti. Tra questi c’era Antonin Bernanos, condannato a cinque anni di carcere, sulla base di una testimonianza anonima di un membro dei servizi segreti della polizia di Parigi. Antifa al servizio della sinistra e mobilitati contro il razzismo e le disuguaglianze tre anni prima, eravamo diventati una nuova minaccia per la sicurezza dello Stato, il nuovo nemico interno, presentati, secondo categorie dettate politicamente dall’apparato poliziesco, come dei “casseurs”, dei “black blocks” o degli “estremisti di sinistra”. Da Clément Méric ad Antonin Bernanos, la posta in gioco era infatti la criminalizzazione delle pratiche sovversive di un’organizzazione politica rivoluzionaria, risolutamente impossibile da recuperare, di cui Clément era fieramente uno dei militanti.

Ad oggi, l’assassino di Clément è libero e Antonin è agli arresti domiciliari lontano da Parigi, dopo essere stato incarcerato preventivamente per 6 mesi. Se subisce questo accanimento giudiziario, è perché Antonin è accusato di non aver lasciato le strade in mano ai fascisti che, dopo essere stati cacciati, hanno sporto denuncia. Ma dobbiamo prendere quello che è successo ad Antonin per quello che è: la vendetta dello Stato contro uno dei tanti e delle tante che unit* hanno contribuito attivamente a rendere impossibile la presenza dei fasci all’interno del movimento Gilets jaunes. Lui ed gli/le altr* che, nonostante la repressione, rifiutano di abbassare la testa contestando la legittimità del potere. Antonin è stato mandato in prigione per abbattere il desiderio di protesta sociale e politica. Per stremare, mediante la repressione, chi da novembre sta lottando. Per cercare di sciogliere le alleanze che si stanno formando e rompere così il movimento. Questo è ciò che è attualmente in gioco con le migliaia di condanne che arrivano a dirotto e le decine di mutilazioni. Questa è la posta in gioco quando i militanti antifascisti, che non hanno mai smesso di scendere in strada e di lottare quotidianamente al fianco dei Gilets jaunes, sono presi di mira dallo Stato.

Sette anni dopo la morte di Clément, le bande fasciste sono ancora attive. Il Rassemblement National (ex Front National, ndt) non è ancora al potere, ma una grossa parte del suo programma è stata ripresa dai governi che si sono succeduti negli ultimi anni. Lo Stato non ha mai smesso di perseguitare, mediante leggi scellerate, i proletari originari dell’immigrazione post-coloniale. L’islamofobia è diventata l’ideologia ufficiale. Le principali prerogative dello stato d’eccezione sono state inserite nel diritto comune, conferendo all’apparato poliziesco poteri esorbitanti. I quartieri popolari subiscono oggi una repressione brutale e costante da parte della polizia che provoca ogni anno la morte di circa 15 giovani neri e arabi. La situazione creata dall’emergenza sanitaria ne è stata una tragica dimostrazione. Durante l’ultimo periodo abbiamo visto un allargamento di questa logica repressiva che, attraverso la militarizzazione delle piazze, ha colpito il movimento sindacale e le mobilitazioni sociali, il movimento dei Gilets jaunes e quello contro la Riforma delle pensioni. In altre parole, contro chiunque – chiunque si ribelli contro lo stato di cose presenti, contro la precarietà, contro la distruzione di ogni possibile forma di comunità.

È in questo contesto di fascistizzazione della nostra società che dobbiamo considerare le nuove aggressioni dei gruppi di estrema destra, ovunque in Europa, e in particolare in Francia. Che i loro membri non vengano mai sfiorati dalle autorità non deve sorprendere: in fondo, non sono altro che il volto brutale della svolta autoritaria che si sta verificando negli Stati occidentali, del cambiamento della governance in tempo di crisi. Quando Génération Identitaire (gruppo neofascista, ndt) organizza ronde sul confine italo-francese per dare la caccia ai migranti, funge da diretto intermediario delle forze di polizia. Questa è solo la forma spettacolare di una pratica ormai normalmente assunta dallo Stato. Criminalizzare l’antifascismo, criminalizzare la lotta contro l’estremismo organizzato di estrema destra, significa criminalizzare il diritto all’autodifesa. Significa mantenere il popolo in uno stato di sottomissione disarmata. Ma noi diciamo con forza che il popolo ha il diritto di difendersi contro i suoi nemici.

Nella lotta contro l’estrema destra, le istituzioni sono un’esca. Non solo perché lo Stato repubblicano, che si pone come baluardo contro il fascismo, ne è in realtà il suo principale promotore. Ma perché, come abbiamo visto fin dalle prime settimane del movimento dei Gilets jaunes, l’attivismo neofascista, che arriva fino all’aggressione fisica, non trova limiti se non in ciò che possiamo mettere noi nelle strade – con la forza e con la dissuasione.

Siamo militanti politici e, per noi, le responsabilità non sono legali, ma prima di tutto politiche. Durante il processo agli assassini di Clément nel settembre 2018, che è stato un momento di verità molto importante per la famiglia di Clément, di fronte agli imputati e ai loro avvocati che cercavano di depoliticizzare il caso è stato necessario ricordare che se Clemente è morto, è stato perché era un militante antifascista. In quell’occasione abbiamo messo sotto accusa il sistema che alimenta e rafforza queste frange reazionarie.

A seguito del movimento contro la riforma delle pensioni, in piena pandemia Covid-19, il processo d’appello contro gli assassini è stato rinviato a data da destinarsi. Ancora una volta, ribadiamo che non ci aspettiamo nulla dai tribunali, che mai hanno tradotto e che mai tradurranno la nostra giustizia. Esattamente come lottiamo contro la prigione. Perché questi luoghi hanno un ruolo fondamentale nel sistema che stiamo combattendo.

Clément aveva scelto da che parte stare ed è da quella parte che noi continuiamo la lotta e che accusiamo, nelle strade, i fascisti, il capitale e lo Stato.

Action Antifasciste Paris-Banlieue (AFAPB) – giugno 2020

[iframe src=”https://www.facebook.com/plugins/video.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2F103255588058000%2Fvideos%2F626461917945789%2F&show_text=0&width=560″ width=”560″ height=”315″ style=”border:none;overflow:hidden” scrolling=”no” frameborder=”0″ allowTransparency=”true” allowFullScreen=”true” ]

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Antifascismo & Nuove Destredi redazioneTag correlati:

antifaclementCLEMENT MERIC

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Milano: La polizia protegge i fascisti e picchia gli antifascisti

Il corteo antifa è partito da piazza Fontana, a pochi giorni dall’anniversario che ricorda l’attentato di matrice fascista che il 12 dicembre 1969 uccise 17 persone.
Assieme alla comunità curda, alla comunità iraniana, a Non Una Di Meno Milano e a diverse realtà sociali, i/le manifestanti hanno attraversato il centro di Milano cantando slogan e cori.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

SUI FATTI DI IERI IN SAPIENZA: L’Università di polizia e di merito

Ieri all’università La Sapienza la polizia carica il presidio di studenti e studentesse antifasciste contro una conferenza organizzata da Azione Universitaria, gruppo neofascista.
L’università mostra il suo volto più oscuro e colluso con l’attuale governo.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Roma: cariche contro gli studenti che contestano il convegno di Azione Universitaria

Questa mattina all’Università La Sapienza di Roma gli studenti hanno subito le dure cariche della polizia schierata a difesa del convegno di Azione Universitaria.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Carpi Antifascista: chiuso il processo, ma non è finita!

Ultimi aggiornamenti sul processo ai/alle 26 antifascistə che nel 2017 contestarono un presidio di Forza Nuova a Carpi: – innanzitutto, lo scorso 4 agosto è scaduto il termine entro il quale la Procura di Modena avrebbe potuto aprire un nuovo processo in relazione ai reati di adunata sediziosa armata con lo scopo di sovvertire l’ordine […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Bologna: la questura denuncia chi si oppone all’odio fascista

Riprendiamo il comunicato del CUA Bologna sulla tornata di denunce che sta notificando in queste ore la questura della città emiliana. SIAMO TUTTƏ ANTIFASCISTƏ! In queste ore, la questura di Bologna sta procedendo con la notifica di alcune denunce contro quel moto di rifiuto dell’odio fascista che qualche mese fa, spontaneamente, aveva visto compatta la […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

“E allora le foibeh?!”

10 febbraio: Giorno del Ricordo. Partiamo della indecorosa propaganda “culturale” portata avanti in queste ultime settimane dalla Regione Piemonte – più di 30000 euro di soldi pubblici – per divulgare l’immagine di un “genocidio del popolo italiano” compiuto sul confine orientale dalle forze partigiane jugoslave. Facciamo un po’ di chiarezza, sia sui fatti storici, sia […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

STRAGE PIAZZA LOGGIA: RUOLO DEL COMANDO NATO DI VERONA E RAPPORTI NEOFASCISTI CON ESPONENTI DEI CARABINIERI E QUESTURA EMERGONO ANCHE DALL’ULTIMA INCHIESTA

Coinvolgimento delle basi Nato di Verona nella strage di Piazza Loggia. Rapporti tra il neofascista Silvio Ferrari – dilaniato dall’ordigno che trasportava il 19 maggio 1974 e che sarebbe stato informatore del vicequestore Lamanna della questura di Brescia – e l’allora capitano Delfino con cui avrebbe partecipato a riunioni a Verona nella sede dei Servizi […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Gravissimo episodio fascista all’Aeronautico di Bergamo

Bergamo – Nei giorni scorsi è stato diffuso in rete dal sito di Wired un video che sta facendo molto discutere a livello nazionale. Nelle immagini si vede infatti il cortile interno dell’istituto Aeronautico navale Antonio Locatelli di Bergamo in cui sono radunati studenti e studentesse in occasione del compleanno del preside dell’istituto, Di Giminiani. Quando […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

I naufraghi di CasaPound e il porto sicuro di Fratelli d’Italia

Riprendiamo da Patria Indipendente questo interessante articolo sulla parabola di CasaPound e i suoi tentativi di entrismo in Fratelli d’Italia. Come si sono ridotti… Dalle grandi ambizioni elettorali a fragile stampella di altre formazioni politiche. Ma il test sul futuro delle tartarughe frecciate, dopo cambi di nome e sede, saranno le prossime amministrative, in particolare […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Carpi: repressione permanente? Azione resistente

Riceviamo e pubblichiamo… Appello alla mobilitazione il 17 Aprile 2021 A Carpi 26 antifascistə che nel 2017 contestarono pacificamente un presidio di Forza Nuova sono investitə da un processo che vedrà la sentenza di primo grado il 23 Aprile, col rischio concreto di essere condannatə dal Tribunale di Modena per aver intonato canti della Resistenza […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Colombia: scontri a seguito di una manifestazione fascista internazionale

La polizia si è scontrata con manifestanti antifascisti fuori da un hotel che ospitava un incontro internazionale di organizzazioni di estrema destra venerdì. Questo incontro di rappresentanti del partito spagnolo Vox e di gruppi di estrema destra provenienti da Colombia, Perù, Cuba, Venezuela e Cile, ha attirato una contro-manifestazione. Gli antifa hanno lanciato pietre e […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’assoluzione di Rittenhouse consegna ai vigilanti razzisti una licenza per uccidere

Il Party for Socialism and Liberation si unisce a milioni di persone in tutto il paese nell’esprimere la nostra completa indignazione per l’assoluzione di Kyle Rittenhouse da tutte le accuse. Ancora una volta, il sistema giudiziario degli Stati Uniti ha funzionato per proteggere un assassino razzista, che è uscito per le strade di Kenosha il 25 […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kenosha, mi dispiace morire

Riprendiamo questa traduzione a cura di Noi non abbiamo patria dal testo pubblicato su ill will il 17 novembre 2021 di riflessione e analisi sul processo a Kyle Ritthenhouse. Buona lettura!   Il processo Il 25 agosto 2020, Kyle Rittenhouse ha ucciso Joseph Rosenbaum e Anthony Huber e ferito Gaige Grosskreutz. Non è il soggetto […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Germania: due antifa condannati a Stoccarda

Mercoledì 13 ottobre, il cosiddetto processo “Wasen” contro due antifascisti di Stoccarda si è concluso presso il Tribunale Regionale Superiore di Stoccarda con pene estremamente pesanti: pene detentive di 4 anni e mezzo per Jo e 5 anni e mezzo per Dy. I due attivisti sono accusati di essere coinvolti in un alterco fisico con […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

GERMANIA: BLOCCO CONTRO IL FASCISMO A LIPSIA

Sabato 18 settembre, migliaia di persone hanno marciato a Lipsia, nell’est della Germania, contro l’estrema destra. Come in Francia, l’apparato statale al di là del Reno si schiera con estrema destra e coloro che la combattono. Una studentessa di 26 anni, Lina, è rinchiusa con altre essendo accusate di “violenza” contro attivisti neonazisti. Durante questa mobilitazione, si è […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

SPAGNA: SCONTRI A MADRID CONTRO IL COMIZIO DEI FASCISTI DI VOX

In Spagna rivolta antifascista, ieri sera, nel quartiere madrileno di Vallecas, storico borgo operaio alla periferia della Capitale che negli anni ha visto crescere una nutrità comunità migrante e vanta la presenza di un delle tifoserie più calde sul tema dell’antirazzismo, i Bukaneros del Rayo Vallecano. Il partito di estrema destra Vox aveva organizzato un […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

ROMA: AGGRESSIONE FASCISTA CONTRO STUDENTI E STUDENTESSE DEL LICEO MAMIANI ‘OCCUPATO’

Aggressione fascista l’altro ieri sera al Liceo Mamiani di Roma, come altri istituti scolastici occupato dagli studenti in protesta contro la DAD e la proposta di Draghi di allungare l’anno scolastico fino al mese di luglio per recuperare i giorni di scuola persi con la pandemia. Alcuni fascisti hanno buttato una bomba carta nel cortile […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Condanne per devastazione e saccheggio a tre antifascisti per la manifestazione del 24 gennaio 2015 a Cremona

Pesanti condanne del Tribunale di Brescia nei confronti di 3 compagni imputati nel processo d’Appello per la giornata di lotta antifascista del 24 gennaio 2015 a Cremona. Ribaltando la sentenza di primo grado, i giudici hanno condannato due di loro a 3 anni e 8 mesi di reclusione, e l’altro compagno a 3 anni e […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Manifestazioni Pro-Trump negli States, scontri e feriti

Negli scorsi giorni gli States hanno visto un’intensa mobilitazione di settori dei sostenitori di Trump al fianco di organizzazioni e milizie di estrema destra. Per quanto il fenomeno non abbia assunto le dimensioni che alcuni si aspettavano, quanto sta succedendo rispecchia, piaccia o meno, una certa tenuta del radicamento sociale dell’ideologia trumpista. I fascisti USA […]