InfoAut
Immagine di copertina per il post

30/31 maggio: “Per una critica della città globalizzata” – Programma del convegno a Bologna

||||

Programma della due giorni di discussione (scaricabile qui) che si terrà al Laboratorio Crash! di Bologna. Tra arte e politica, ricerche e quadri teorici, un momento di incontro per confrontarsi criticamente con le attuali trasformazioni urbane e con le nuove dinamiche del politico che da esse emanano. 

 

L’8 agosto 2017 veniva sgomberato il Laboratorio Crash! sito in via della Cooperazione 10, nella periferia nord di Bologna. Quell’evento, che andava ad attaccare un’esperienza politica, culturale e sociale più che decennale presente nel territorio bolognese, portava con sé tutta una serie di nodi che interrogavano le trasformazioni della città, alcune peculiari, altre senza dubbio legate e simili a quanto stava avvenendo a tante altre latitudini.

Bologna è stata attraversata negli ultimi anni da processi di fortissimo cambiamento che ne stanno rivoluzionando l’aspetto. Basti pensare alla questione di FICO, la Disneyland del cibo di Farinetti, e alla sempre più potente brandizzazione della città sul tema della city of food. Al ruolo di RyanAir e di opere infrastrutturali come il passante Nord o il People Mover nel collegare la città ai principali flussi logistici. All’impatto di piattaforme come Airbnb sul tessuto urbano e in particolare sul diritto all’abitare, che comporta la ridefinizione del rapporto tra centro e quartieri, tra studenti fuorisede, tra vincitori e vinti della battaglia intorno alla montagna di denaro che arriva dal turismo di massa. Quanto avvenuto in città ha portato quindi alla movimentazione di tutti i soggetti che vivono lo spazio urbano, rimescolando ruoli, attitudini e possibilità e aprendo spazi di azione politica inediti, ancora da indagare e mettere a verifica.

Grandi opere infrastrutturali, meccanismi di marketing urbano, impatto della rivoluzione logistica sui rapporti tra capitale e lavoro, speculazione finanziaria in relazione soprattutto all’immobiliare, platform urbanism. Parole chiave già viste in azione sul piano materiale in tante altre città europee, il cui volto è stato stravolto dall’impatto di queste dinamiche. Si tratta allora di portare avanti un lavoro di elaborazione nuova, assumendo le dinamiche ormai completamente globali che informano le dimensioni locali, ridefinendo la politicità dell’urbano, tentando di analizzare le dinamiche su scala planetaria, nelle differenze di condizioni tra diversi luoghi ma anche nel cogliere l’omogeneità di alcuni processi, il divenire uno del pianeta.

Con il convegno dello scorso ottobre “Città, spazi abbandonati, autogestione” da cui scaturì un omonimo ebook (scaricabile qui, e qui le “recensioni” di Mometti, Frixa, Petrillo e Rossi), avevamo iniziato a effettuare un primo carotaggio di questi temi, decisivi per lo sviluppo della nostra città ma tipici di ogni anfratto della metropoli planetaria in gestazione. Questo nuovo momento di dibattito, dal titolo “Per una critica della città globalizzata” (qui la call), intende approfondire ulteriormente l’analisi. Nel frattempo, ci sono state alcune novità.

Lo scorso 4 aprile è stato occupato un nuovo Laboratorio Crash!, di nuovo nella periferia nord della città. Un edificio con una storia che parla essa stessa dei nodi succitati. Abbandonato alla polvere da decenni, l’immobile è di proprietà di un istituto di credito, Ubi Banca, che a sua volta l’aveva rilevata da un altro istituto, Banca Etruria, nel processo di fusione con quest’ultimo. Una serie di vincoli al momento rendono impossibile la rivendita dell’immobile, il quale senza occupazione sarebbe rimasto ulteriormente vuoto in una città dove gli sfratti sono nell’ordine delle centinaia e gli spazi pubblici sottratti alla messa a profitto sono sempre di meno.

Abbiamo allora deciso di organizzare questo convegno cercando di articolare e intrecciare un piano di analisi che guardi alle dinamiche comuni che si sviluppano in tutte le città a livello europeo se non planetario, in stretto dialogo con una serie di riflessioni invece situate, “sul terreno”. Il convegno si compone dunque di due dibattiti su queste tematiche, ai quali si legano una tavola rotonda e un workshop, descritti nel programma in calce, che prevede inoltre una serie di sguardi eterogenei sull’urbano, dalla fotografia al cinema, dalla letteratura all’arte.

 

Programma

– Dalle 15 e per entrambe le giornate: “Urban De-Constructions” – Live painting e contro-cartografie

– Mercatino autogestito di libri e distribuzione delle t-shirt disegnate da Zero Calcare per la campagna Si Amo Afrin

 

     30 maggio: Arte & Politica

 

h. 15.30 Proiezioni “Genealogia della città globalizzata. Un percorso video”

 

     . “La forma della città” (min. 16.13) di Pier Paolo Pasolini – La città antica (1974)

     . “Pruit Igoe” (min. 7.33) di Philip Glass – Il ghetto e l’urbanistica (1983)

     . “The global housing question” (min. 11.11) – La lotta per l’abitare come nuova questione urbana planetaria (2012)

     . “Cast in India” (min. 26) – Chi costruisce materialmente la città globale? (2018)

 

h. 17 Workshop “La fotografia nella città in trasformazione”

 

Presenta e discute: Michele Lapini

 

h. 18.00 Discussione “Conflitti sociali nella città globalizzata. Il territorio e il politico oggi”. Nodi e lineamenti di dibattito tra spazi occupati e inchiesta metropolitana.

 

   Introduce: Laboratorio Crash! (Bologna)

   Discussant: Emilio Quadrelli (Genova)

 

Intervengono:

 

CSOA Askatasuna (Torino): “Metropoli post-industriale, Val Susa, borderscape. Articolazioni”

Compagn* da (Milano): “Milano post-Expò. Metropoli finanziarizzata”

SAO Guernica (Modena): “Cementificazione e autorganizzazione”

IAM (Firenze): “Turismo e periferie” (contributo scritto)

SA Newroz (Pisa): “Spunti di inchiesta da una città di provincia”

Degage (Roma): “La città Capitale” 

CPOA Rialzo (Cosenza): “Prospettive da una città del Sud”

CSOA Ex Carcere (Palermo): “Metropoli mediterranea” (contributo scritto)

 

h. 20 Aperitivo e grigliata sociale con musica e reading “Città invivibili” a cura di Dimore in Movimento

 

 

     31 maggio: Ricerche & Teorie

 

h. 14.30 Dibattito “Traiettorie di ricerca on the ground: quartieri, periferie, confini urbani”

 

Intervengono:

 

Andrea Bottalico e Luca Rossomando (Napoli Monitor – Lo stato delle città)

Anna Giulia Della Puppa (Vrije Universiteit di Amsterdam)

Emanuele Frixa (Università di Bologna)

Enrico Gargiulo (Università Cà Foscari Venezia)

Giuseppe Scandurra (Università di Ferrara)

Alberto Valz Gris (Politecnico di Torino)

Andrea Zinzani (Università di Manchester – Università di Bologna)

 

h. 17.00 Tavola rotonda “Processi trans-urbani di costruzione della città globalizzata”

 

Intervengono:

 

Gennaro Avallone (Università di Salerno)

Felice Mometti (Ricercatore indipendente)

Salvatore Palidda (Università di Genova – presenta il nuovo libro “Resistenze”, DeriveApprodi)

Sonia Paone (Università di Pisa)

Agostino Petrillo (Politecnico di Milano)

Federico Rahola (Università di Genova)

Alvise Sbraccia (Università di Bologna)

 

h. 19.30 Aperitivo e grigliata sociale con live by Dynamica acustic duo

 

ConvegnoZCrash_1.pdf

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Approfondimentidi redazioneTag correlati:

cittàglobalizzazione

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

“Lavender”: la macchina dell’Intelligenza Artificiale di Israele che dirige i bombardamenti a Gaza

L’esercito israeliano ha contrassegnato decine di migliaia di gazawi come sospetti per l’assassinio, utilizzando un sistema di puntamento AI con scarsa supervisione umana e una politica permissiva per i danni collaterali, rivelano +972 e Local Call.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

ELEZIONI LOCALI DEL 2024 IN TURCHIA

Riprendiamo dall’osservatorio internazionale per la coesione e l’inclusione sociale questo quadro sulle elezioni a livello locale che si sono tenute in Turchia il 31 marzo 2024. Pur non condividendo l’enfasi sulla rinascita della socialdemocrazia, il testo ha il merito di fornire un panorama chiaro sulla sconfitta subita dall’AKP di Erdogan. La Turchia ha vissuto una […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Uscita la legge europea sull’Intelligenza Artificiale: cosa va alle imprese e cosa ai lavoratori

Il 13 marzo 2024 è stato approvato l’Artificial Intelligence Act, la prima norma al mondo che fornisce una base giuridica complessiva sulle attività di produzione, sfruttamento e utilizzo dell’Intelligenza Artificiale.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il colore dei manganelli

Quei fatti si inseriscono in un contesto nel quale la repressione – nelle piazze, nei tribunali, nelle carceri, nei centri di detenzione per migranti – è diventata strumento ordinario di governo

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La crisi nel centro: la Germania nell’epoca dei torbidi. Intervista a Lorenzo Monfregola

La Germania, perno geopolitico d’Europa, epicentro industriale e capitalistico del continente, sta attraversando senza dubbio un passaggio di crisi.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Guerre, decoupling ed elezioni negli USA. Intervista a Raffaele Sciortino

Le prospettive del conflitto sociale saranno sempre più direttamente intrecciate con le vicende geopolitiche mondiali, con l’evoluzione delle istanze che provengono da “fuori” e dunque anche con la tendenza alla guerra scaturente dall’interno delle nostre società

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Per una lettura condivisa sul tema pensionistico

All’innalzamento dell’età pensionabile va aggiunto poi un ulteriore problema: mentre gli  importi pensionistici vengono progressivamente abbassati la convenienza  del pensionamento anticipato diminuisce.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Digitalizzazione o giusta transizione?

Sfinimento delle capacità di riproduzione sociale, economia al collasso e aumento del degrado ecologico: di fronte a queste sfide per il settore agricolo non basta il capitalismo verde

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Agricoltori calabresi in rivolta, un’analisi

Ancora sulle proteste degli agricoltori, pubblichiamo questa interessante analisi sulle mobilitazioni in Calabria apparse originariamente su Addùnati il 24 gennaio.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

C’era una volta… oppure c’è ancora Marx?

Non resta dunque, a chi scrive, che lasciare ai lettori il piacere di scoprire, ancora una volta insieme a Marx, una possibile alternativa all’attuale modo di produzione e ai suoi flagelli ambientali, sociali, economici, militari, razziali e di genere.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dove siamo? Tra disordine e responsabilità – Parte 1

Continua irresistibile il degradarsi dell’ordine globale antecedente e si manifestano attori, burattini e teatranti della tempesta che viene. Non abbiamo ancora visto niente, ma è la storia che si è rimessa in moto e questa è gravida di possibilità, nei brevi termini non per forza di buone notizie. Alcune riflessioni per puntate in vista dell’anno che viene.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Per sempre un nemico, pur sempre un nemico

E’ vero che la sua scomparsa è in qualche modo un fatto storico, più che altro per il suo portato simbolico: la definitiva sanzione della fine di una stagione storica e politica, il cui tramonto è iniziato con la crisi finanziaria del 2008, guarda caso momento fatale che innescherà il suo declino, e sta consegnando i suoi ultimi lasciti oggi sull’orlo di una guerra totale.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

I dieci anni che sconvolgeranno il mondo? – Prima parte

Appunti per una nuova teoria dell’imperialismo Sullo sfondo della guerra in Ucraina e della recessione economica globale, l’urto possente che segnerà il prossimo futuro e sta già rimodellando il nostro presente: lo scontro tra Stati Uniti e Cina. È su questo cambiamento di fase che, sabato 3 dicembre, abbiamo voluto ragionare con Raffaele Sciortino a […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Un 2023 di guerre?

Mentre il conflitto in Ucraina non accenna a fermarsi, si riaccendono sotteranei altri conflitti nei “punti caldi” del globo. Non solo la pace sembra lontana, ma i rischi di un’escalation generalizzata, in particolare alle porte dell’Europa, aumentano.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La crisi dell’UE, tra comitati d’affari e spinte geopolitiche

Il terremoto che sta sconvolgendo il Parlamento Europeo dopo l’affaire Qatar odora di “tangentopoli” europea. Lo spettro dell’inchiesta si allarga di giorno in giorno e la vera preoccupazione generale dei politici di ogni schieramento è che salti tutto.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dove va la globalizzazione?

La crisi indotta dalla pandemia covid-19 ha impattato un sistema economico globale che a inizio 2020 era già percorso da molte­plici smottamenti: guerra dei dazi Usa-Cina, caduta delle borse nel 2018 tamponata con le solite iniezioni di liquidità delle banche centrali, segni di recessione in Giappone e Germania ed enormi interventi sul mercato repo [1] della Federal Reserve statunitense a fine 2019.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Stati Uniti e Cina allo scontro globale

Riprendiamo di seguito l’introduzione del nuovo libro di Raffaele Sciortino uscito per Asterios: Stati Uniti e Cina allo scontro globale. Strutture, strategie, contingenze.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La globalizzazione è finita? Quattro domande a Sergio Bologna e Giovanna Visco

Due specialisti di logistica mondiale, Sergio Bologna, presidente di AIOM, Agenzia Imprenditoriale Operatori Marittimi di Trieste, e Giovanna Visco, blogger di Mari, Terre, Merci, intervistati da Paolo Perulli Da Doppiozero 1 La globalizzazione è davvero finita? Il governatore della Banca d’Italia parla dipericolo che ci sia un «brusco rallentamento o un vero e proprio arretramento […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’impatto del Covid sulla globalizzazione neoliberista

Una crisi del capitale L’epidemia dovuta al diffondersi del COVID-19 rappresenta la più grave pandemia dai tempi dell’influenza spagnola del 1918-1920 e promette di innescare la più grave crisi economica del sistema capitalistico dallo scoppio della Grande Recessione del 2008. Tra le economie più colpite vi sono infatti le più grandi potenze industrializzate del mondo, […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

30/31 maggio: “Per una critica della città globalizzata” – Programma del convegno a Bologna

Programma della due giorni di discussione (scaricabile qui) che si terrà al Laboratorio Crash! di Bologna. Tra arte e politica, ricerche e quadri teorici, un momento di incontro per confrontarsi criticamente con le attuali trasformazioni urbane e con le nuove dinamiche del politico che da esse emanano.    L’8 agosto 2017 veniva sgomberato il Laboratorio Crash! […]