InfoAut
Immagine di copertina per il post

Rèmi Fraisse ucciso da una granata durante una manifestazione

||||

Il 26 ottobre 2014 Rémi Fraisse, militante ambientalista di 21 anni, viene mortalmente colpito da una granata lanciata da un gendarme nel corso di una manifestazione contro la diga di Sivens (regione Occitania, Francia sud-occidentale). Rémi era uno dei tanti che si oppongono a questo progetto inutile, dannoso ed imposto. La sua non è una morte accidentale, ma la conseguenza di una strategia di estrema tensione e violenza attuata dallo Stato francese, allora guidato da François Hollande, per spezzare la forza della mobilitazione.

L’8 gennaio 2018 i giudici istruttori del tribunale di Tolosa hanno emesso il loro verdetto: non luogo a procedere nei confronti del gendarme responsabile. Si tratta di una sentenza basata sulla teoria del «responsabile ma non colpevole».

 

Ai mamà (2016) di Rodin Kaufmann – Testo accordi e musica:

 

Dedins la forest

I a un riu que raja

Dedins la forest

I a un riu que raja

 

Ai mamà se sabiás

Coma lo riu fasiá enveja

Ai mamà se sabiás

Coma lei gens se son recampats

 

Volián tot crompar

La terra e leis aubres

Volián tot crompar

La terra e leis aubres

 

Ai mamà se sabiás

Coma lo riu fasiá enveja

Ai mamà se sabiás

Coma lei gens se son recampats

 

Volián tot copar

Dedins lo boscatge

Volián tot copar

Dedins lo boscatge

 

Ai mamà se sabiás

Coma lo riu fasiá enveja

Ai mamà se sabiás

Coma lei gens se son recampats

 

Volián assecar

Lo Tescon sauvatge

Volián assecar

Lo Tescon sauvatge

 

Ai mamà se sabiás

Coma lo riu fasiá enveja

Ai mamà se sabiás

Coma lei gens se son recampats

 

Volián far bastir

La granda restanca

Volián far bastir

La granda resctanca

Volián abeurar

Sei camps sus d’ectaras

Volián abeurar

Sei camps sus d’ectaras

 

Se son arrenjats

An fach sei magolhas

Mamà se sabiás

Coma an cercat garrolha

 

Ai mamà se sabiás

Coma lo riu fasiá enveja

Ai mamà se sabiás

Coma lei gens se son recampats

 

 

Se’n son avisats

De jovents sens crenta

Se’n son avisats

De jovents sens crenta

 

Ai mamà se sabiás

Coma lo riu fasiá enveja

Ai mamà se sabiás

Coma lei gens se son recampats

 

Se son enterrats

Per empachar lo chaple

Se son enterrats

Per empachar lo chaple

 

Ai mamà se sabiás

Coma lo riu fasiá enveja

Ai mamà se sabiás

Coma lei gens se son recampats

 

Lei mes an passat

An mandat l’armada

Lei mes an passat

An mandat l’armada

 

Ai mamà se sabiás

Coma lo riu fasiá enveja

Ai mamà se sabiás

Coma lei gens se son recampats

 

Lei crids d’un costat

De l’autre lei granadas

Lei crids d’un costat

De l’autre lei granadas

 

Dedins la forest

I a de plors que rajan

Dedins la forest

An fach tombar lo fraisse

 

Ai mamà oblidem pas

Lo nom dau paure Remi Fraisse

Ai mamà oblidem pas

Lo nom d’un jove sacrificat

 

Fonte: ildeposito.org

 

Guarda “Ai mamà”:

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Storia di Classedi redazioneTag correlati:

Accadeva Oggi

  1. 1633

    Immagine di copertina per il post

    Galileo Galilei e Bertolt Brecht

    Il 22 giugno 1633 Galileo Galilei fu costretto ad abiurare le sue dottrine scientifiche dinanzi alla Santa Inquisizione per non finire sul rogo. Ricordiamo questo evento, tra i più bui della storia dell’umanità, che segna alcuni dei momenti più belli di “Vita di Galileo” di Bertolt Brecht, in omaggio a tutti gli uomini che hanno […]

  2. 1917

    Immagine di copertina per il post

    La rabbia popolare sfiducia il Governo provvisorio

    Il 3 giugno 1917 viene inaugurata l’apertura del primo congresso dei soviet dei deputati operai e soldati di Russia, al quale partecipa la totalità delle forze rivoluzionarie con una considerevole minoranza di bolscevichi (solo 105 delegati su oltre 1000), fortemente osteggiati dai socialisti rivoluzionari e dai menscevichi, ma forti del potere ottenuto grazie al sostegno […]

  3. 1946

    Immagine di copertina per il post

    Togliatti “libera” gli aguzzini fascisti

    Il 22 giugno 1946 entrò in vigore in Italia il Decreto presidenziale di amnistia legato al periodo dell’occupazione nazifascista. La legge venne proposta dall’allora Ministro di Grazia e Giustizia del Governo De Gasperi, Palmiro Togliatti segretario del PCI. L’amnistia Togliatti comprendeva il condono della pena per reati comuni e politici, dal collaborazionismo coi tedeschi fino […]