17 Giugno 1978: Contro lo spaccio di eroina a Roma

Stampa

La diffusione sempre più massiccia dell'eroina nella periferia romana induce, nell'autunno 1978, alcuni militanti provenienti da formazioni extraparlamentari e dall'autonomia, a creare una organizzazione armata, Guerriglia Comunista, finalizzata a creare nei quartieri "zone franche dall'eroina".

||||
|||| ||||

Nel settembre 1978, la nuova formazione diffonde un documento ciclostilato, di 20 pagine articolate in sette capitoli, intitolato: "Guerriglia comunista. Direzione di strategia urbana".

In esso vengono esposte le tesi generali del gruppo. Tra l'altro vi si legge: “(...) Sviluppare la guerriglia comunista, questo può e deve essere nel movimento proletario di resistenza offensiva un contributo importante per una formazione del partito comunista combattente: creare zone franche dall'eroina; attaccare i centri del lavoro nero; attaccare i centri della speculazione edilizia ed alimentare”.

Tra giugno e dicembre del 1978, Guerriglia Comunista compie alcuni attentati mortali contro spacciatori di eroina. Il primo a venire colpito è Giampiero Cacioni il 17 giugno 1978, nel quartiere di Centocelle, di anni 32, raggiunto da un colpo di pistola alla testa. Lo seguiranno gli agguati a Saaudi Vaturi, libico, a Roma, il 27-11-78 che oltre a essere uno spacciatore di eroina viene accusato anche di molestare minorenni e infine Enrico Donati il 14 dicembre 78.

Il primo di essi viene rivendicato con la sigla Movimento Proletario di Resistenza Offensiva - Nucleo Antieroina.

Tra il dicembre 1978 e l'aprile 1979, l'intervento si allarga agli altri punti esposti nel programma. Vengono compiuti attentati contro:

organi di stampa (Roma 25-12-78); centri di speculazione alimentare (Roma 15-4-79); caserma in costruzione dei carabinieri (Roma 13-6-79).

Dopo il giugno del 1979 l'organizzazione Guerriglia Comunista cessa di essere operativa.

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons