10 Luglio 1985: Nuova Zelanda-affondata barca Greenpeace anti-nuke

Stampa

Il 10 luglio 1985, il Rainbow Warrior fu affondato in un pontile di Auckland da due bombe piazzate sullo scafo della nave da agenti segreti francesi.

||||
|||| ||||

L'evento è spesso definito come il primo atto di terrorismo in Nuova Zelanda.

Due agenti francesi hanno piazzato due bombe sulla nave mentre era attraccata al molo di Marsden, la seconda esplosione ha ucciso il fotografo di Greenpeace Fernando Pereira.

Nel 1985, gli abitanti degli atolli di Rongelap nelle Isole Marshall hanno chiesto a Greenpeace di aiutarli a trasferirsi in una nuova casa nell'atollo di Mejato. La loro isola era stata contaminata dalle ricadute radioattive dei test sulle armi nucleari degli Stati Uniti nel Pacifico.

All'epoca Greenpeace era molto piccola, un'organizzazione in erba.

Avevano un piccolo ufficio nel centro di Auckland ed Elaine Shaw era la coordinatrice ed era piuttosto preoccupata che questo sarebbe stato un viaggio di soglia.E stata probabilmente la prima campagna di Greenpeace a essere, anche, umanitaria, non solo ambientale - per salvare sostanzialmente le persone che avevano sofferto di radiazioni nucleari".

La barca era un ex peschereccio a strascico di 49 metri, originariamente chiamato Sir William Hardy , costruito ad Aberdeen, in Scozia, era abbastanza a suo agio in mare, essendo stato rimodellato come nave a vela ambientale .

Gli Stati Uniti avevano effettuato 67 test nucleari alle Isole Marshall. Anche la Francia stava effettuando 193 test nel Pacifico e Greenpeace aveva pianificato di affrontare quella situazione nell'atollo di Moruroa dopo i suoi sforzi di salvataggio nelle Isole Marshall.

La Nuova Zelanda aveva già espresso disapprovazione per i test nella regione e rimproverava l'arroganza con cui la Francia di Mitterand stava proseguendo il programma nucleare nel mare, a due passi, del paese.

Tre giorni dopo l'attracco della nave a Auckland, a bordo si tenne una festa di compleanno per Steve Sawyer, organizzatore della campagna di Greenpeace. L'attacco è avvenuto dopo la festa.

Poco prima di mezzanotte, la sera del 10 luglio 1985, due esplosioni scossero lo scafo della nave.

Il membro dell'equipaggio il fotografo portoghese Fernando Pereira è stato ucciso dopo essere tornato a bordo dopo la prima esplosione a recuperare il suo materiale fotografico.

"Fu un oltraggioso atto di terrorismo e gli agenti dei servizi segreti francesi sapevano molto bene, dato che stavano ottenendo informazioni in continuazione, che c'era una grande folla a bordo del Rainbow Warrior quella notte e le probabilità erano molto alte che lì avrebbe potuto esserci una perdita di vite umane. "

Due membri dell'equipaggio di cabina erano situati immediatamente sopra la sala macchine quando la prima bomba piazzata lì è esplosa. La seconda bomba fu piazzata vicino all'elica per garantire che la nave fosse resa inoffensiva.

Tredici agenti francesi furono coinvolti, operando in tre squadre. La prima squadra ha portato gli esplosivi, la seconda squadra li ha piantati e la terza era in stand-by nel caso in cui qualcosa fosse andato storto con le prime due squadre. Un ufficiale in comando ha tenuto una visione d'insieme dell'intera operazione. Penso che ci fosse un elemento di arroganza, la stessa arroganza del test stesso. C'era un'enorme quantità di arroganza nel compiere un'operazione come questa in un paese pacifico e all'epoca alleato della Francia - ed è straordinario che presumessero di poter sfuggire a questo atto oltraggioso.

Due delle spie furono catturate. Due funzionari della direzione generale della sicurezza esterna (DGSE), Dominique Prieur e Alain Mafart, sono stati arrestati il ​​24 luglio. Entrambi sono stati accusati di omicidio, dichiarati colpevoli di omicidio colposo e condannati a 10 anni di reclusione.

La Nuova Zelanda era impopolare con le principali potenze nucleari e non vi era certamente alcuna simpatia per la posizione della Nuova Zelanda riguardo ai test nucleari. Quindi, non c'è stata davvero alcuna cooperazione, nemmeno dal vicino più vicino, l'Australia.

Il caso fu fonte di notevole imbarazzo per il governo francese.

Hanno pagato un risarcimento dopo l'arbitrato che è andato avanti con il governo della Nuova Zelanda e Greenpeace. Ma la giustizia non è mai stata realmente fatta... , sia Prieur che Mafart erano parte dei negoziati con il governo francese.

"Fondamentalmente, la Francia ricattava la Nuova Zelanda, così furono raggiunti compromessi e Prieur e Mafart furono consegnati alla Francia per tre anni. Essenzialmente arresti domiciliari presso l'atollo di Hao, la base posteriore delle operazioni nucleari francesi in Polinesia. Un "Club Med" militare. Non hanno nemmeno trascorso tre anni lì, ma sono partiti per la Francia molto prima.

La Francia con l'azione contro la Rainbow Warrior stava difendendo il suo potenziale nucleare in tutti i modi e ,in quel periodo, stava anche attuando una politica repressiva contro i movimenti di indipendenza in Nuova Caledonia e Tahiti con assassini mirati come quello del leader Kanak Eloj Machoro,il 12 gennaio 1985.

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons