InfoAut
Immagine di copertina per il post

Dana libera tutti! Libertà per chi non si nasconde

||||

Grande è la solidarietà che in questi mesi si è manifestata di fronte all’enorme ingiustizia che ha colpito Dana. Condividiamo l’appello della campagna di crowdfunding su Produzioni dal Basso nata per sostenerla durante la sua carcerazione e richiederne la liberazione immediata, lanciata da parte delle sue amiche ed amici, delle colleghe e dei colleghi.

CAMPAGNA DI CROWDFUNDING A SOSTEGNO DI DANA LAURIOLA, NOSTRA AMICA E COLLEGA, CONDANNATA A DUE ANNI DI CARCERE PER AVER PARLATO AL MEGAFONO DURANTE UN’AZIONE DIMOSTRATIVA PACIFICA.

“Se stiamo insieme non ci sconfiggeranno mai”
Dana Lauriola

Dana Lauriola ha 38 anni e da giovedì 17 Settembre è detenuta nel carcere di Torino, dove sconterà una pena di due anni per aver preso parte ad un’ azione dimostrativa pacifica sull’autostrada Torino-Bardonecchia, nel Marzo 2012.

La manifestazione cui Dana prese parte comportò un danno economico ad Autostrade Italiane di poche centinaia di euro, che Dana e le altre persone imputate hanno rimborsato.

CHI E’ DANA?

dana

Dana è una ragazza di Torino, una giovane donna che ama la sua terra e che ha sempre lottato per difenderla, senza stancarsi mai e senza perdere il sorriso.

Chiunque la conosca non può non sapere che il suo attivismo nel movimento No Tav è parte integrante della sua storia, una storia di passione, di amore, di forza, di cura, di comunità, di onestà intellettuale.

Chiunque la conosca non può non sapere che la lotta per lei è un elemento naturale, e che la sua lotta passa per la sua dolcezza e per il suo ascolto affettuoso verso chiunque abbia incrociato la sua via.

Operatrice sociale in una cooperativa torinese che si occupa di sostegno a persone senza dimora, ha fatto della cura nei riguardi delle altre persone il suo lavoro, il suo modo di essere, il suo stile di vita, rimanendo sempre una combattente, una donna fiera e allegra.

Ha dei bei capelli folti e rossi, è alta, ride molto facilmente, apprezza l’ironia, ha la pelle chiara, parla lentamente in un modo che mette pace, è sagace, ed è capace, senza sforzi, di incoraggiare anche le pietre.

Saperla in carcere scontando una pena che definire sproporzionata è un eufemismo, è una sofferenza che chiunque abbia un minimo senso della giustizia, non può sopportare.

facebook 1602915424409 6723114576263963762 cza5ruk

Dana è stata punita perché porta sempre con sé la sua ribellione, l’orgoglio di appartenere ad un movimento, non se ne divide mai, non l’ha mai lasciato nel cassetto per comodità. E anche dopo la condanna Dana non ha avuto paura di continuare ad esprimere le sue idee e a manifestare il suo dissenso.

E questo l’ha portata a diventare uno scomodissimo emblema, un simbolo,
il simbolo di una comunità coraggiosa che non abbassa la testa.

Per la sua testa pensante e il suo cuore pulsante è stata punita.

CHI SIAMO NOI?

foto da silvia

Noi siamo le amiche, gli amici, le colleghe e i colleghi di Dana.

Tra noi c’è chi la conosce da vent’anni, chi da cinque, chi da dieci, chi l’ha conosciuta sul lavoro, chi nel movimento No Tav, chi all’università, chi per amici e amiche comuni, chi ci ha studiato, chi ci lavora, chi ci ha preso il sole insieme sulla spiaggia, chi ci ha fatto campeggio insieme, chi ci ha passato nottate a giocare a Risiko!

Siamo diverse/i tra di noi, abbiamo età, generi, provenienze geografiche e background diversi, alcune/i di noi neanche si conoscevano tra loro prima di iniziare questa avventura.

Siamo semplicemente persone che le vogliono bene, che la stimano e che proprio non sono riuscite a guardare consumarsi un’ingiustizia di queste proporzioni con le mani in mano.

Quello che speriamo, è che il nome che abbiamo scelto per questa iniziativa sia di buon auspicio, che ci indichi la via per future libertà, per la libertà di tutti e tutte, perché Dana e l’avventura che abbiamo iniziato dedicata a lei, possa dare il via anche a sostenere altri casi come il suo, possa contribuire in qualche modo a far conoscere storie di ingiustizie simili e ci aiuti ad aprire gli occhi.

Vogliamo partire tendendo la mano a Dana, perchè sempre più mani si tendano e sempre più occhi si aprano.

fb img 1602915625421

PERCHE’ QUESTO CROWDFUNDING?

Dana è una raga zza indipendente, ha sempre orgogliosamente lavorato e, seppur modestamente, ha sempre vissuto coi frutti del sudore della sua fronte.

La situazione della detenzione comporta un disagio economico a cui non si pensa se si ha la fortuna di non avere mai vissuto questa esperienza, direttamente o indirettamente.

Noi questa fortuna non ce l’abbiamo più.

Dana ha una casa in affitto dove viveva in Val di Susa, un percorso di studi universitari che aveva da poco ripreso per conseguire la laurea specialistica e gatti che ama e di cui si prendeva cura.

 immagine dana con gatto

Una voce economica importante tra i costi imprescindibili in questo momento, inoltre, è quella delle spese legali.

Considerando che il fatto per il quale è stata incarcerata è avvenuto nel 2012, il budget che leggerete sotto la voce di spese legali, va a coprire una causa di ben otto anni, e va a riferirsi alla difesa anche delle altre persone che, con Dana, hanno preso parte all’iniziativa e che come lei hanno dovuto affrontare un processo.

La vita in carcere in sè, inoltre, non è totalmente gratuita, come si potrebbe pensare: ogni persona detenuta, infatti, deve provvedere con le proprie forze economiche (per chi ne ha) a procurarsi alcuni beni di prima necessità non forniti dall’istituto carcerario (es. assorbenti, prodotti vari per l’igiene personale, stoviglie, radio…).

Va da sé che i detenuti e le detenute che non hanno qualcuno al di fuori delle mura carcerarie che possa occuparsi del loro sostentamento, avranno difficoltà a procurarsi alcuni beni di primaria importanza.

Dana ha sempre contato solo su sé stessa, e adesso tocca a noi sostenerla .

Abbiamo la certezza che lei farebbe la stessa cosa per chiunque di noi e anche di voi, anche chi non conosce! Prendere parte a questa iniziativa per noi ha anche il significato di ripagare la generosità che lei ha donato ogni giorno della sua vita, che ha dimostrato con tutte le persone che l’hanno incrociata, e che ha trasportato nel suo impegno politico e sociale, dandosi senza risparmiarsi per combattere tante forme di ingiustizia.

Dana è in carcere per aver partecipato, otto anni fa, ad una manifestazione pacifica, sta scontando una pena spropositata e incomprensibile, e ha bisogno del nostro sostegno, anche materiale, per andare avanti!

780 440 dana sostieni pdb PxhR1Fr

COME VERRANNO SPESI I SOLDI RACCOLTI?

(proiezioni su base annua)

  • Spese studi universitari: 3.500 €
  • Spese legali: 12.000 €
  • Affitto di casa: 3.860 €
  • Vita in carcere: 4.800 €
  • Sostentamento gatti: 840 €
  • Pertanto ci poniamo l’obiettivo di raccogliere almeno 25.000 €.
    Se supereremo questo goal, le donazioni andranno alle persone che hanno lottato insieme a Dana e che quindi potrebbero trovarsi a vivere la stessa ingiustizia e le stesse difficoltà.
    Perché è questo ciò che vogliamo: p artire da Dana per poi allargare la solidarietà.

    VOCI A SOSTEGNO DI DANA

    DajeDana

    Grafica di Zerocalcare a sostegno di Dana accompagnata da queste parole:

    “[…] E’ francamente difficile prevedere che la vendetta passi per due anni di galera senza misure alternative, ai danni di una persona generosa con una vita spesa a difendere il prossimo e la terra che abita.
    Non vi abbiamo potuto impedire di venirvela a pigliare, ma se pensate che mo ve la lasciamo per due anni in silenzio oltre che infami siete pure scemi. Daje forte Dana”

    Tante sono state le voci autorevoli che si sono levate per protestare contro questa detenzione insensata, per citarne alcune:

    Amnesty International , il cui portavoce italiano, Ricardo Noury, ha detto:

    “Esprimere il proprio dissenso pacificamente non può essere punito con il carcere. L’arresto di Dana è emblematico del clima di criminalizzazione del diritto alla libertà d’espressione e di manifestazione non violenta, garantiti dalla Costituzione e da diversi meccanismi internazionali”

    Greenpeace Italia , che ha dichiarato:

    “L’idea che una persona, come in questo caso, venga condannata perché non si è “pentita” delle sue opinioni (espresse peraltro in maniera nonviolenta) è abominevole. Che questo presunto crimine sia poi “aggravato” dal luogo di residenza del “condannato” (quella Val di Susa dove centinaia di altre persone protestano per una scelta che ritengono esser stata presa sulla propria pelle) lo è forse anche di più”.

    Erri De Luca , da sempre vicino al movimento No Tav, che anche in questa occasione non ha mancato di manifestare il suo pensiero, a sostegno, stavolta, di Dana, la nostra Dana. H a scritto:

    “Considero l’operato della nostra Dana legittimo (…) So per certo che ogni ingiustizia pronunciata e eseguita contro di lei la rafforza.”

    Il comitato nazionale delle Fondazioni lirico sinfoniche , in un post del 23 Settembre sulla sua pagina Facebook ufficiale, scrive:

    “Nel caso di Dana fatichiamo a concepire una pena tanto sproporzionata rispetto al reato”

    Aiutaci a sostenere Dana.
    Perchè questa sentenza,
    ingiusta e crudele,
    lede il diritto al dissenso di tutte e di tutti.
    E difendere il diritto al dissenso significa
    difendere il cuore della democrazia e della libertà.
    La verità è che non lo facciamo solo per Dana,
    lo facciamo per tutte e tutti noi.

     

    [iframe width=”560″ height=”315″ src=”https://www.youtube.com/embed/ioDTfLbWhFI” frameborder=”0″ allow=”accelerometer; autoplay; clipboard-write; encrypted-media; gyroscope; picture-in-picture” allowfullscreen ]
    pubblicato il in Approfondimentidi redazioneTag correlati:

    DANA LIBERA

    Articoli correlati

    Immagine di copertina per il post
    Approfondimenti

    Sulla figura di Danilo Montaldi

    Danilo Montaldi è stata una figura complessa di militante comunista. I suoi lavori hanno un carattere pionieristico nel campo della storia orale del sottoproletariato e degli emarginati e hanno contribuito alla riscoperta della centralità e della vita quotidiana delle classi subalterne. 

    Immagine di copertina per il post
    Approfondimenti

    L’imbroglio della meritocrazia

    Ha fatto molto discutere la scelta della Presidente del Consiglio di rinominare il ministero all’istruzione in chiave “meritocratica”, associando istruzione e merito in un unico dicastero.

    Immagine di copertina per il post
    Approfondimenti

    Stati Uniti e Cina allo scontro globale

    Riprendiamo di seguito l’introduzione del nuovo libro di Raffaele Sciortino uscito per Asterios: Stati Uniti e Cina allo scontro globale. Strutture, strategie, contingenze.

    Immagine di copertina per il post
    Approfondimenti

    Tesi sull’età atomica

    La guerra tornata in Europa ha riaperto, sul terreno ma anche nel nostro immaginario, scenari di distruzione con cui non avremmo più voluto fare i conti.

    Immagine di copertina per il post
    Approfondimenti

    闯Chuǎng | Il sorgo e l’acciaio – Il regime sviluppista socialista e la costruzione della Cina contemporanea

    Segnaliamo l’imminente pubblicazione per le edizioni del Centro di Documentazione Porfido della traduzione italiana del testo “Sorghum and Steel” del collettivo Chuang, prima parte di un corposo lavoro di ricostruzione storica, economica e sociale sulla formazione della Cina contemporanea.

    Immagine di copertina per il post
    Approfondimenti

    Patagonia, l’illusione della Terra come azionista

    Cosa c’è dietro l’annuncio clamoroso del fondatore del marchio Patagonia, Yvon Chouinard

    Immagine di copertina per il post
    Approfondimenti

    L’Europa alla canna del gas: disastri e profitti in tempo di guerra

    Paradossalmente, dopo il sabotaggio dei gasdotti Nord Stream 1 e 2 (NS1 e NS2), questa possibilità non è più a portata di mano della stragrande maggioranza della popolazione europea la quale, ben lungi dal volersi suicidare, avrebbe voluto continuare a “succhiare” il gas russo (magari tappandosi il naso).

    Immagine di copertina per il post
    Approfondimenti

    L’impronta mennonita: i popoli indigeni denunciano lo sfratto, il traffico di terra e la distruzione delle loro foreste in America Latina

    Abbiamo tradotto da Desinformemonos questo interessante articolo sulla deforestazione in America Latina. Il reportage si concentra sulla penetrazione delle comunità mennonite (una delle più importanti tendenze derivate dal credo anabattista) all’interno delle foreste del continente latino-americano.

    Immagine di copertina per il post
    Approfondimenti

    Muoversi nel conflitto in Toscana. Una piattaforma.

    Report dall’Assemblea “ENERGIA, AMBIENTE, GUERRA. TERRITORI IN LOTTA CONTRO IL CAMBIAMENTO CLIMATICO“

    Immagine di copertina per il post
    Approfondimenti

    Introduzione a “Karl Marx’s Ecosocialism”

    Riprendiamo da Antropocene.org l’introduzione al libro di Kohei Saito che sistematizza la componente ecologica del pensiero di Marx. Buona lettura!

    Immagine di copertina per il post
    Crisi Climatica

    DANA È FINALMENTE LIBERA! LIBERTÀ PER LE/I NOTAV!

    Dal post di Dana “Rieducata. L’ultimo atto di questa grande beffa, giudizio improprio come quelli precedenti. Serve questa valutazione per chiudere la partita, a quanto pare. Giustificare la punizione, le stagioni rubate, gli abbracci negati, la solitudine forzata lunga giorni mesi anni. Rieducata, da chi, perché. Ero pericolosa e irrecuperabile, hanno scritto che per questo […]

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Sciopero del carrello, Dana sulle condizioni carcerarie.

    Ieri si è concluso lo sciopero del carrello delle detenute del carcere di Torino a cui ha aderito almeno un terzo della popolazione della sezione femminile. E’ stata una protesta partecipata non solo al carcere delle Vallette ma anche nel resto d’Italia, parallelamente a Torino le Mamme in piazza per la libertà di dissenso hanno organizzato una […]

    Immagine di copertina per il post
    Crisi Climatica

    L’ANPI premia Dana ma il Tribunale le rifiuta la richiesta per ritirare il premio

    Continua l’accanimento da parte del Tribunale di Sorveglianza di Torino che ha negato una nuova richiesta portata avanti da Dana! Nella giornata di ieri, la sezione A.n.p.i. di Bussoleno, Foresto e Chianocco, insieme alle Amministrazioni locali, celebrava l’importante battaglia di Balmafol durante la quale, l’8 luglio del 1944, i nostri partigiani sconfissero un battaglione di […]

    Immagine di copertina per il post
    Crisi Climatica

    Dana finalmente lascia il carcere e va ai domiciliari

    Da ieri Dana è stata trasferita ai domiciliari con tutte le restrizioni legate al divieto di incontro. Di seguito alleghiamo il suo saluto su facebook dopo la scarcerazione e la lettera che le ha rivolto il movimento No Tav. In calce infine un articolo di Alberto Perino che risponde ad un articolo di La Stampa […]

    Immagine di copertina per il post
    Crisi Climatica

    Lettera di Dana: sempre a testa alta, siate saldi!

    Carcere delle Vallette, 19 marzo 2021 Car* tutt*, rieccoci qua dopo un po’ di tempo dall’ultima lettera. Non è mai facile iniziare a scrivervi, molte sono le cose che vorrei condividere e, giorno dopo giorno, si accumulano a tal punto che non so bene come smaltire il grosso. Comunque, ci provo. Intanto vi rassicuro sulla […]

    Immagine di copertina per il post
    Crisi Climatica

    La dichiarazione di Dana sui fatti del 1 maggio 2019: basta accanimenti!

    Condividiamo molto volentieri la dichiarazione spontanea rilasciata da Dana, a nostro avviso doverosa e giusta, durante l’interrogatorio di garanzia in seguito alla denuncia per il Primo Maggio 2019. Questo accanimento deve finire!   “Ho appreso dall’ordinanza applicativa, notificatami in carcere, che mi sono addebitati alcuni reati per la giornata del primo maggio 2019. Sempre della […]

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Torino: processo per la riapertura del CSA Murazzi, Dana in aula

    Questa mattina si è tenuta un’udienza del processo inerente alla riapertura del CSA Murazzi. I fatti contestati riguardano il corteo del 23 giugno 2013 quando oltre un migliaio di giovani della città si erano dati appuntamento per protestare contro il sequestro dello storico centro sociale torinese nell’ambito di un attacco più generale a quel luogo […]

    Immagine di copertina per il post
    Crisi Climatica

    BUON COMPLEANNO DANA!

    Cara Dana, oggi siamo di nuovo noi a scrivere a te perché ci sembra importante poterti augurare BUON COMPLEANNO, nonostante la situazione ti veda ancora purtroppo dietro a quelle maledette sbarre del carcere delle Vallette di Torino. Inoltre, domani (mercoledì) 17 marzo cadono proprio i sei mesi di ingiusta detenzione. Un traguardo che non avremmo […]

    Immagine di copertina per il post
    Crisi Climatica

    Da giuristi e mondo della cultura un appello per la scarcerazione di Dana

    Riprendiamo da notav.info questo appello per la liberazione immediata di Dana Lauriola firmato da oltre un centinaio di membri del corpo accademico, giuristi, intellettuali ed esponenti del mondo della cultura. Dana, attivista notav, è detenuta in carcere da ormai quasi sei mesi per aver parlato in un megafono durante una manifestazione contro il raddoppio della […]

    Immagine di copertina per il post
    Crisi Climatica

    Dana libera tutti: Intervista a Lele Rizzo (video)

    Ala violenta ed ala pacifica?“Il movimento effettivamente ha le ali: sono quelle che usa per volare”. Sono parole di Lele Rizzo, uno degli storici portavoce del movimento Notav, intervistato per danaliberatutti.In questa intervista gli poniamo tutte quelle domande scomode ed inquietanti che da quando Dana è stata sbattuta in carcere, ci rimbombano nella testa.Assolutamente da […]