InfoAut
Immagine di copertina per il post

Università in rivolta, le piazze studentesche si preparano

Ci siamo, il countdown è iniziato, siamo agli sgoccioli della battaglia contro la riforma dell’università targata Gelmini. Martedi 30 novembre è in calendario, alla Camera dei deputati, l’approvazione del ddl. Le università restano in mobilitazione, occupate, in attesa dalle giornate cruciali… Maggioranza di governo permettendo, considerando gli emendamenti vari ed eventuali, tenendo presenti gli accordi che stanno incorrendo le segreterie dei partiti, è molto probabile che Berlusconi e company vogliano incassare l’ok della Camera per la riforma, pur nella possibilità di un suo passaggio, burocraticamente d’obbligo, di nuovo al Senato. L’altra faccia della medaglia di questo caos governativamente direzionato sono le piazze degli studenti e delle studentesse, che ben hanno compreso la cifra della partita, le sue tempistiche e possibilità! Perchè se è vero che il 25 novembre doveva essere la giornata decisiva per il ddl Gelmini e non lo è stata per i mal di pancia e giochi interni alla maggioranza, si deve anche considerare la potenza politica espressa dalle piazze studentesche in tutt’Italia, che certo non hanno aiutato il governo, anzi, hanno contribuito ad alimentare quella grande confusione sotto il cielo che ha mandato in tilt il governo Berlusconi! Esplicative le prime pagine dei telegiornali e dei quotidiani nel day after, titolava La Repubblica: “Gli studenti bloccano la riforma!”. E così è stato, perchè il livello di radicalità e diffusione delle mobilitazioni contro il ddl ha raggiunto una forza tale da non poter essere ignorata e fatta passare sotto silenzio! Anomalo questo movimento studentesco, ancora di più dell’Onda Anomala, che si è dato in tempistiche particolari e calzanti, che ha fin qui espresso soggettività figlie quantomai del prodotto e della sedimentazione del ciclo di lotta dell’autunno 2008. Certo nella settimana ventura, con più lucidità e raziocinio, si dovrà tornare sulla questione per indagare, analizzare e comprendere ancora più appieno quanto attraversato e da attraversare: il livello delle mobilitazioni studentesche, le caratteristiche dell’agitazione, la composizione politica e tecnica delle assemblee, etc. Resta la sfida che il movimento studentesco ha dinnanzi per lunedi 29 e martedi 30 novembre, con il ddl che torna in discussione alla Camera e l’urgenza del conflitto per le strade e nelle piazze per provare a bloccarlo. Abbiamo visto come il 25 novembre, nella giornata che si immaginava clou, sia sato decisivo il protagonismo studentesco, la presa forte di parola e la produzione di una conflittualità incompatibile, indisponibile, ingovernabile. In tutte le città d’Italia gli studenti e le studentesse sono state in grado di far emergere quella che è l’opposizione diffusa alla riforma Gelmini nelle scuole e nelle università, di riprodurre pratiche mediaticamente funzionali (occupazione Torre di Pisa, Colosseo di Roma, Mole di Torino), di spingere in avanti una mobilitazione importante di migliaia di persone dentro la dimensione delllo scontro, della contrapposizione e della rottura. Che quanto praticato il 25 novembre debba essere il piano dal quale ripartire è fuori di dubbio, il giro di boa delle università in rivolta è oggi, e lo sarà ancora di più domani, ad un punto nel quale osare significa provare a vincere, contemplare l'”eventualità” di portare a casa un risultato mai stato così palpabile e possibile come lo è oggigiorno. Resta tutto ancora da combattere, da inventarsi, da bloccare; i conti li si farà alla conclusione (nella parzialità) della partita. Occorre provarci, con in testa l’immaginario dolce di un “We are winning” da far diventare realtà, nelle piazze, sulle strade, nelle stazioni, sulle autostrade, negli atenei, sotto i palazzi del potere…!

pubblicato il in Formazionedi redazioneTag correlati:

nogelministudentiuniversità

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Formazione

Alternanza Scuola-Caserma in Sicilia: adesso pure alla Stazione Elicotteri della Marina Militare di Catania

Dopo il Protocollo firmato dall’Esercito italiano e l’Ufficio Scolastico Regionale della Sicilia per i PCTO (Percorsi per le Competenze Trasversali) nelle principali caserme siciliane, arriva l’Alternanza Scuola-Lavoro nelle grandi basi della Marina Militare.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Una scuola di merito e disciplina

Oggi in tutta Italia studenti e studentesse sono scese in piazza portando discorsi lucidi in un presente e in una scuola assuefatti.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Giornata di sciopero e cortei studenteschi in tutta Italia contro il governo Meloni e il Ministero del Merito

Giornata di sciopero e mobilitazioni studentesche in tutta Italia. Oltre 25 città da Nord a Sud sono scese in piazza contro il governo Meloni e il Ministero del Merito.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Bologna: sgombero in corso di Via Oberdan 16. “Università sfrattatrice”

Da questa mattina all’alba è in corso lo sgombero di Via Oberdan 16 a Bologna. L’occupazione era avvenuta subito dopo il corteo della Convergenza per porre l’accento sulla condizione abitativa di migliaia di studenti e studentesse che si confrontano con un mercato immobiliare drogato e fuori controllo.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Invalsi conferma la schedatura di massa degli studenti fragili. A insaputa dei genitori

Invalsi, per bocca del suo Presidente Roberto Ricci, conferma che nelle scuole italiane, è in atto una schedatura di massa degli studenti fragili.

Immagine di copertina per il post
Formazione

No ai Rincari Mense, studenti e studentesse per le strade di Torino

Emerge come in un periodo di crisi legato ai conflitti globali e al post pandemia sia vergognoso scaricare i costi sui giovani e su studenti e studentesse, i soldi per cui l’Italia si sta indebitando fino al collo dovrebbero essere spesi per permetterci di vivere bene e non per gonfiare le tasche di multinazionali e industrie investendo in grandi opere inutili, armi ed energie inquinanti.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Torino: blitz di studenti e studentesse agli uffici dell’assessora al diritto allo studio

Ieri mattina alcuni studenti e studentesse di Torino hanno fatto un blitz nell’ufficio dell’assessora Chiorino, appendendo uno striscione nel corridoio e consegnando dei volantini al personale dell’ufficio.

Immagine di copertina per il post
Formazione

La risposta delle Regione Piemonte alle proteste degli studenti e delle studentesse contro il rincaro mense

Dopo settimane di silenzio da parte della regione rispetto a cosa stesse succedendo, dopo che studenti e studentesse avevano affermato forte chiaro le proprie richieste  l’assessora Chiorino ha deciso di negare un confronto facendo portare un foglio siglato regione Piemonte in cui afferma “non è mia intenzione, e non lo sarà in futuro, ricevere alcuna delegazione di studenti per questa protesta specifica perchè so bene qual è il valore del tempo […] preferisco dedicarlo a lavorare”. 

Immagine di copertina per il post
Formazione

Venezia: dopo l’occupazione del rettorato di Ca’ Foscari, presentate le rivendicazioni di universitari ed universitarie

A Venezia nel tardo pomeriggio di martedì 25 ottobre il collettivo universitario Lisc – Liberi Saperi Critici ha occupato la sede centrale dell’Università Ca’ Foscari a conclusione della campagna “Facciamoci spazio”, lanciata dopo la notizia di sgombero dello spazio delle associazioni e dei collettivi studenteschi.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

SUI FATTI DI IERI IN SAPIENZA: L’Università di polizia e di merito

Ieri all’università La Sapienza la polizia carica il presidio di studenti e studentesse antifasciste contro una conferenza organizzata da Azione Universitaria, gruppo neofascista.
L’università mostra il suo volto più oscuro e colluso con l’attuale governo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: Repressione contro le studentesse di Teteles che bloccavano una strada

Città del Messico / Le studentesse della Normale di Teteles, nel Puebla, hanno denunciato la repressione e la persecuzione di circa 500 granatieri per sgomberare il blocco che le normaliste tengono nell’Avenida Reforma, a Città del Messico, per chiedere che non si privatizzi la loro scuola, la destituzione delle autorità corrotte, giustizia per due studentesse […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

La maledetta scuola del “ritorno alla normalità”

Lo chiamano “l’anno del ritorno alla normalità”. Un appellativo che non promette bene. Due anni fa ci siamo resi conto dei danni che la loro “normalità” può provocare, tutte le conseguenze di decenni di scelte e priorità sbagliate si sono scagliate contro di noi senza sconti, rendendo noto quanto ci è stato rapinato fin quando […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Viaggio nei centri di formazione professionale tra sforzo educativo e imprese “poco etiche”

Condividiamo questo iteressante articolo di Radio Popolare a firma Massimo Alberti del febbraio 2022 che ci offre un affresco dei Centri di Formazione Professionale. Il testo ha la virtù di proporre uno sguardo demistificante su cosa rappresentano oggi i percorsi di Formazione Professionale e sulla loro eterogeneità, ma è un po’ debole su due punti: in […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

“A scuola di Tav”, ennesima assurdità a firma Telt e Regione Piemonte.

Ripubblichiamo il contributo uscito dalla pagina Ksa Torino – Kollettivo Studenti Autorganizzati a seguito dell’iniziativa svoltasi a San Didero in occasione del campeggio studentesco di questo week end. Un segnale importante nei confronti di una proposta inaccettabile formalizzata dal Consiglio Regionale del Piemonte che individua nei lavori dei cantieri della grande opera inutile una possibilità di formazione […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

Torino: persecuzioni della procura contro studenti minorenni

Continuano le persecuzioni della procura nei confronti degli studenti e delle studentesse che hanno preso parte alle mobilitazioni degli scorsi mesi. Questa volta è uno studente minorenne ad essere stato bersaglio di una denuncia in merito alla piazza del 28 gennaio. Da KSA Torino Ci ricordiamo bene tutti e tutte le inaudite violenze compiute dalla […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

Arrestati studenti del movimento contro l’alternanza scuola-lavoro a Torino

Questa mattina all’alba sono state emesse diverse misure cautelari contro giovanissimi e studenti in riferimento ai fatti del 18 febbraio a Torino quando un partecipatissimo corteo studentesco ha portato le proteste contro l’alternanza scuola-lavoro sotto Confindustria dopo la morte di Lorenzo e Giuseppe.  Le mobilitazioni erano nate in risposta alla morte dei due giovani durante […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

MOBILITAZIONI STUDENTESCHE: UNA VALUTAZIONE SUL PRIMO CICLO DI LOTTE, OCCUPAZIONI E VOGLIA DI “RISCATTO”

Nelle scuole la mobilitazione di studenti e studentesse non si ferma. Aumentano di giorno in giorno le occupazioni, soprattutto nelle grandi città come Milano, Bologna e Torino. I temi caldi sui quali i ragazzi si stanno battendo dopo due anni di pandemia sono quelli dell’alternanza scuola-lavoro, della seconda prova all’esame di maturità, della didattica a […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

18 febbraio, corteo studentesco a Torino: un momento di riscatto!

Riprendiamo dalla pagina del Kollettivo Studenti Autorganizzati Torino…   La morte di Lorenzo prima e di Giuseppe dopo ci hanno posto come irrimandabile la necessità di scendere nelle piazze per metterci di traverso a questo sistema di morte dentro cui ci costringono a stare. La parola d’ordine è chiara: “vogliamo vivere”. Questo non è solamente […]

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Chiarire gli orizzonti nelle faglie del presente, alimentare le spinte di rifiuto.

Ora i media, i politici, il Ministero pensano di poter ridurre il portato di queste piazze a una misura colma, per colpa della dad, per colpa della pandemia, per colpa di due anni un po’ più difficili del solito. I giovani sono stufi, sono dei poverini, i giovani si ispirano a Mattarella, sono consapevoli. Eppure […]