I leccapiedi del Colonnello

Stampa

Le due puntate dell'intervista al presidente egiziano Al SIsi pubblicate ieri e oggi in prima pagina da Repubblica, segnano uno dei punti più bassi del giornalismo mainstream nel nostro paese. Non si mette qui in discussione la legittimità e puntualità di un'intervista a un capo di stato, solo ci si aspetterebbe un minimo di deontologia professionale, fare insomma il proprio lavoro, porre due domande scomode (una almeno).

Assistiamo invece a perifrasi, commenti amorevoli, introduzioni circostanziate al testo in cui il colonnello ci viene presentato in tutta la sua umanità e credibilità. Al posto del giornalista c'è un appuntato che prende nota. Ci si dirà che quelle erano le condizioni che il presidente egiziano ha posto, allora fatecelo almeno sapere (o rifiutate la pseudo-esclusiva). Il punto più ridicolo, di una goffaggine però tragica perché tinta del sangue di un ricercatore torturato da sgherri per giorni consecutivi, è all'inizio, dove gli intervistatori partono subito in medias res e ci fanno partecipi di questa stomachevole epifania:

Alla fine il generale Al Sisi, presidente dell'Egitto, che per due ore aveva risposto alle nostre domande ci fa segno con la mano di aspettare, si schiarisce la gola e dice in inglese: "Permettetemi di rivolgermi alla famiglia di Giulio Regeni". Allora è subito chiaro che tutto quel tempo serviva soprattutto a questo, a mandare un messaggio forte all'Italia, a mostrare che l'Egitto ha capito cosa l'opinione pubblica, il governo, i giornali e soprattutto una famiglia chiedono da settimane.

Si notino i toni, lo stile letterario (da Harmony), l'assoluta mancanza di una benché minima parvenza di sdegno per il locutore di queste frasi... Niente! Con questo "scoop" misuriamo il bassissimo livello giornalistico della nuova direzione Calabresi. Del resto, non c'era molto da aspettarsi da un capo-redattore che ha avuto come unico merito biografico l'aver ricoperto il ruolo pubblico di "orfano d'Italia". 

Vero è, che di fronte a tanta incompetenza, Al Sisi brilla per brillantezza analitica da statista, allorquando analizza le possibili ricadute politiche, militari, gesotrategiche di un eventuale, prossimo intervento italiano in Libia. "Volete un'altra Somalia, un altro Afghanistan? [...] Qual è la exit strategy?" Calabresi/Mr. Bean non ha niente da dire in proposito.

La vera funzione di fondo dell'intervista riecheggia come un ritornello in tutta la prima parte dell'Intervista: l'importante è non interrompere i rapporti commerciali tra i due paesi, soprattutto il recentissimo grande investimento infrastrutturale dell'Eni nel mare egiziano per future estrazioni di gas naturale, "il più grande giacimento [...] del Mediterraneo".

Appunto, i vostri affari, i nostri morti.

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons

});})(jQuery);