InfoAut
Immagine di copertina per il post

Cosa si sa dei poliziotti arrestati per violenze e torture a Verona

Calci e pugni fino allo svenimento, giochi sadici, spray al peperoncino negli occhi e poi insulti e risate, commenti sprezzanti alla luce del sole nella sicurezza di una completa impunità, mentre nei documenti ufficiali il comportamento dei tutori dell’ordine appariva irreprensibile

da Osservatorio Repressione

Nelle ultime ore sono stati diffusi maggiori dettagli e informazioni sui cinque poliziotti arrestati martedì a Verona con l’accusa di aver picchiato e torturato alcune persone che avevano preso in custodia in questura. Sono quattro agenti e un ispettore: Alessandro Migliore, Loris Colpini, Federico Tommaselli, Roberto Da Rold e Filippo Failla Rifici, accusati dei reati di tortura, lesioni, falso, omissioni di atti d’ufficio, peculato e abuso d’ufficio. Per tutti la giudice delle indagini preliminari (gip) di Verona ha ordinato gli arresti domiciliari, in via cautelare.

Nell’ordinanza della giudice Livia Magri si racconta che l’indagine che ha portato agli arresti, condotta dal reparto di polizia della squadra mobile, era cominciata in seguito a un’intercettazione compiuta nell’ambito di un’altra indagine il 22 agosto del 2022 nei confronti di Migliore, che ha 25 anni.

La polizia stava indagando su una perquisizione fatta cinque mesi prima da Migliore nei confronti di un gruppo di persone albanesi accusate di tentato omicidio e detenzione di armi: la polizia sospettava che quella perquisizione fosse stata fatta con eccessiva leggerezza per via di presunti legami personali tra Migliore e alcuni parenti delle persone albanesi perquisite: sarebbero stati i gestori di una discoteca frequentata dal poliziotto e da altri colleghi che per questo erano soprannominati «ballerini».

 Il 22 agosto Migliore era stato intercettato mentre parlava al telefono con la fidanzata e si vantava delle violenze commesse in questura nei confronti di una persona italiana fermata la sera prima: «Ha iniziato a rompere il cazzo…Vi spacco sbirri di merda, di qua e di là. Allora ha dato una capocciata al vetro. Il collega apre la porta e “Vieni un attimo fuori, adesso ti faccio vedere io quante capocciate alla porta dai”. Boom boom boom boom…E io ridevo come un pazzo», diceva Migliore.

Nell’intercettazione il poliziotto aveva aggiunto poi di aver a sua volta picchiato la persona fermata, stando attento a non farsi riprendere dalle telecamere di sorveglianza dentro la questura: «Amò, mi guarda, mi ero messo il guanto, ho caricato una stecca, amò, bam, lui chiude gli occhi, di sasso per terra è andato a finire, è rimasto là… È svenuto…Minchia che pigna che gli ho dato».

A quel punto la squadra mobile guidata dal questore Roberto Massucci, d’accordo con la procura di Verona, decise di non denunciare Migliore e di continuare indagare inserendo microspie e telecamere nascoste nei locali della questura per verificare se ci fossero stati altri casi di pestaggio. Le indagini sono proseguite fin al marzo del 2023 e hanno permesso di individuare altri sei casi di violenze e torture, tutti compiuti nei confronti di persone straniere residenti a Verona a parte uno, in cui Migliore avrebbe istigato un collega a dare un calcio alla schiena di una persona italiana.

Tra gli altri c’è il caso di un uomo che dopo essere stato fermato era stato costretto a urinare per terra e in seguito trascinato sulla propria urina «impiegandolo come uno straccio per pulire il pavimento». La gip descrive anche un ampio uso di insulti a sfondo razzista da parte dei poliziotti indagati, come quando il 21 ottobre un uomo fermato era stato definito un «tunisino di merda, figlio di puttana»: l’uomo era stato poi preso a calci e un poliziotto gli aveva urinato addosso. In un altro caso era stato invece spruzzato spray al peperoncino sui genitali di una persona in custodia.

da il post

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

ABUSI IN DIVISAtorturaveronaviolenza di polizia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

48 palestinesi di Gaza torturati a morte da Israele

Quarantotto detenuti palestinesi di Gaza sono stati torturati a morte durante la loro detenzione dall’esercito israeliano, ha riferito Haaretz. L’esercito afferma che sta conducendo indagini penali sulle morti.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Depistaggi Cucchi, processo per altri tre carabinieri

Secondo i pm dissero il falso durante il processo sui depistaggi. Rinviati a giudizio un ufficiale e due marescialli dell’Arma

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

La polizia odia i/le giovani

Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un inasprimento della violenza poliziesca e delle intimidazioni nei loro confronti.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Conferenza stampa sui fatti di ieri a Torino in occasione della contestazione ai ministri del G7 Ambiente e Energia

La militarizzazione della città deve essere denunciata a fronte della violenza delle cariche della polizia e Torino come laboratorio della violenza è qualcosa di ben noto.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Torture al carcere minorile “Beccaria” di Milano

Torture e violenze (anche sessuali) sui minorenni al Beccaria: arrestati 13 poliziotti penitenziari, 8 sospesi dal servizio.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

USA: La polizia uccide un 26enne afroamericano con 96 colpi in 42 secondi

Video mostra agenti della polizia a Chicago che sparano 96 colpi in 41 secondi durante un fermo

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: un “mondo a parte” che non si lascerà mettere tanto facilmente da parte

Breve reportage sulla grande assemblea che si è tenuta l’altro ieri al parco Don Bosco: centinaia le persone accorse dopo il rilascio senza misure cautelari del diciannovenne arrestato la notte prima.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Un anno dopo Sainte-Soline: solidarietà, rabbia e gioia per le strade di Nantes

Un anno fa, decine di migliaia di noi hanno marciato in mezzo ai campi delle Deux-Sèvres contro i megabacini, e siamo rimasti intrappolati dalla repressione militare, intrappolati sotto il rombo delle granate sparate a migliaia.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Modena: il carabiniere violento già indagato per la morte di Taissir Sakka

Uno dei due carabinieri ripresi nel violento arresto ai danni di Idrissa Diallo il 13 marzo a Largo Garibaldi a Modena è già indagato per la morte di Taissir Sakka avvenuta il 19 ottobre 2023 sempre a Modena

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Pestaggio al carcere di Venezia, detenuto in rianimazione

Un detenuto ha denunciato il pestaggio da parte degli agenti del penitenziario Santa Maria Maggiore di Venezia. Ancora un suicidio a Prato, è il ventunesimo dall’inizio dell’anno