InfoAut
Immagine di copertina per il post

Catalunya: una talpa di Stato spiava l’attivismo

Un agente del Corpo di Polizia Nazionale spagnolo si è infiltrato nei movimenti sociali di Barcellona per tre anni. È entrato a far parte del centro sociale La Cinètika nel 2020 e ha stabilito relazioni sessuali-affettive strumentali con donne che gli hanno reso più facile partecipare ad assemblee, conferenze e manifestazioni.

Articoli tradotti da Directa, qui e qui gli originali.

Il 2 giugno 2020, un agente del Corpo di polizia nazionale spagnolo (CNP) ha iniziato la sua infiltrazione nella sinistra indipendentista e nel movimento per la casa sotto la falsa identità di Marc Hernàndez Pon. Sette mesi dopo aver pubblicato su questo sito un articolo che lo riguardava, abbiamo certificato che non ero solo. Allo stesso tempo, un giovane maiorchino di nome Daniel Hernàndez Pons è atterrato nel quartiere Sant Andreu de Palomar di Barcellona. Dopo una lunga e approfondita indagine, la Directa è stata in grado di confermare che siamo di fronte a un’operazione per introdurre più spie nell’attivismo, sotto la direzione gerarchica del ministro dell’Interno spagnolo Fernando Grande-Marlaska. Va ricordato che, secondo l’attuale quadro giuridico, questo tipo di infiltrazione può essere effettuato solo su ordine del tribunale, in caso di terrorismo, criminalità organizzata e traffico di stupefacenti.

All’inizio di giugno 2020, questo secondo infiltrato, che all’epoca aveva 31 anni, appariva per la prima volta nella palestra del centro sociale occupato La Cinètika, in Passeig de Fabra i Puig a Barcellona. “Ha detto che ha trovato l’indirizzo online mentre cercava un posto economico dove allenarsi”, ricorda un attivista dello spazio. Il suo rapido coinvolgimento nella vita di quartiere e nel movimento libertario, così come il camaleontico adattamento estetico a cui si sottomise gradualmente, hanno guadagnato la fiducia di tutti. Un’enorme stella del caos – un simbolo che si riferisce all’anarchismo – tatuata sul ginocchio, orecchini ad anello, capelli crestati e magliette con messaggi antifascisti e anti-polizia hanno raggiunto il suo scopo. Di tanto in tanto, scherzando, gli veniva ricordato che quando era arrivato alcune persone erano state sospettose di lui perché si sapeva poco del suo passato a Palma. “L’ha presa sportivamente, con il sorriso, Dani è sempre stato molto divertente”, spiega Jaume – che chiede di apparire sotto pseudonimo – un giovane del quartiere che fino a una settimana fa si considerava il suo migliore amico e che ora è distrutto.

La Directa ha saputo confermare la vera identità dietro Daniel Hernàndez Pons. Si tratta di un agente del Corpo di Polizia Nazionale Spagnolo con le iniziali D.H.P., che coincidono con quelle della falsa identità. Due dei metodi per ottenere la loro vera identità sono stati resi possibili dagli errori commessi dall’infiltrato, che hanno permesso l’accesso a dati aperti sul suo passato e presente. Il terzo è un test di perizia fisionomica che confronta le fotografie del suo periodo alla scuola di polizia di Ávila nel biennio 2018-2019 e la sua galleria di immagini come attivista a Barcellona. “Si può concludere senza alcun dubbio che le fotografie corrispondono a una singola persona e alla stessa persona”, afferma la relazione dell’esperto dopo aver analizzato più di venti caratteristiche facciali e craniometriche dell’individuo.

Dani, che si è diplomato il 24 giugno 2019 come agente di polizia ed è stato inviato in missione segreta a Barcellona, agli occhi di tutti era già un nuovo vicino e un attivista del quartiere

A metà autunno 2020 l’infiltrazione di questa seconda spia si era consolidata. Dani, che si è diplomato il 24 giugno 2019 come agente di polizia – palcoscenico a cui corrisponde la fotografia illustrata sulla copertina di questa pubblicazione – e che è stato inviato in missione segreta a Barcellona, agli occhi di tutti era già un nuovo vicino e un attivista del quartiere. Dall’appartamento in cui era stato installato, un attico in Carrer de la Flor de Neu – vicino ad Avenida de la Meridiana –, camminava due o tre volte alla settimana fino a Plaça de les Palmeres, dove le persone che bevevano una birra venivano raggiunte mentre chiacchieravano sedute sulle panchine fino a dopo mezzanotte. In una di quelle serate, quando era già stato decretato il coprifuoco notturno derivato dalla pandemia, il falso attivista ha affrontato un agente della Guardia Urbana per rimproverarlo di volerlo identificare per sanzionarlo.

Il giovane, che si definiva anarchico, costituì una cerchia di amici con i quali si muoveva per il quartiere e si muoveva in gruppo in tutta la città. Un habitué di feste, concerti e attività serali, è stato spesso visto bere alcolici e in più occasioni avrebbe consumato sostanze stupefacenti, hanno detto testimoni oculari al Direct. Numerose comunicazioni tramite messaggistica mobile tra il poliziotto infiltrato e gli attivisti del quartiere supportano questa conclusione. “Mi sento strumentalizzato, è un abuso di potere che restringe la libertà di tutti noi. Questi sono gli strumenti usati dallo Stato, questa è la nostra democrazia”, dice Manu – pseudonimo – uno degli abitanti del quartiere con cui aveva anche stabilito una stretta amicizia.

Dani posa insieme alla squadra di amici con cui ha partecipato ad un torneo di calcio sui campi di Can Batlló (Barcellona)

L’agente sotto copertura ha ottenuto l’accesso ad alloggi, centri sociali o atenieum – in alcuni casi anche con una copia delle chiavi – in gran parte attraverso le relazioni sessuali-affettive che ha stabilito in ambienti festivi e attraverso l’app di appuntamenti OkCupid. Otto donne intervistate dal Direct hanno avuto rapporti intimi con il falso attivista negli ultimi tre anni, due delle quali hanno avuto una relazione con lui.

Attivo nelle manifestazioni contro l’incarcerazione di Pablo Hasél nel febbraio 2021, è stato uno dei manifestanti fermati dai Mossos d’Esquadra su Carrer Gran de Gràcia durante la protesta del 21. Era anche presente in almeno quattro sfratti, in uno dei quali ha affrontato un plotone della società di sfratti extragiudiziali Desokupa. In un’altra occasione, il 7 aprile 2021, ha partecipato alla resistenza a un intervento dei Mossos d’Esquadra in via Linguadoca e ha tenuto il cordone con altri attivisti alla porta dell’edificio dopo l’arrivo dell’ufficiale giudiziario. È stato sanzionato dalla polizia antisommossa della Brigata Mobile con una multa di 600 euro, in applicazione della legge bavaglio. Non ha impugnato la sanzione amministrativa e, come ha spiegato al suo ambiente, non ha pagato per questo. Nella sua fitta agenda alternativa per il tempo libero non sono mancati i principali festival di La Prosperitat, Poble-sec, Gràcia e Sants, così come gli eventi negli spazi autogestiti e comunitari Can Masdeu, Can Batlló, Kasa de la Muntanya, l’Ateneu l’Harmonia e La Comunal (Barcellona) e la Lokomotiva (L’Hospitalet de Llobregat). E, come minimo, era anche presente a uno dei tagli della piattaforma Meridiana Resist e a una manifestazione contro la minaccia di sfratto dalla vecchia scuola Massana del Raval.


Spie con gli stessi cognomi

L’infiltrazione di Dani, fino ad allora riuscita, è saltata in aria il 7 giugno 2022, quando Directa ha scoperto il caso del primo infiltrato, Marc Hernàndez Pon. Si scopre che Marc – che nella sua vera affiliazione risponde alle iniziali I. J. E. G. – quando effettua pagamenti tramite Bizum si presentava con una lettera diversa alla fine del secondo cognome, cioè Hernàndez Pons, esattamente gli stessi cognomi di Dani. Come la Directa ha potuto confermare attraverso prove documentali, la falsa identità dell’infiltrato di Sant Andreu de Palomar con la sequenza alfanumerica 42394056L contiene l’identità di Daniel Hernàndez Pons. Lo spionaggio spagnolo aveva creato una falsa coppia di fratelli? Uno stratagemma rischioso se uno dei due dovesse essere scoperto, come è accaduto. Nel secondo caso, a differenza del primo infiltrato, una delle informazioni sulla sua vita che ha diffuso durante i suoi tre anni a Barcellona non è stata inventata: è originario dell’isola di Maiorca.

Barbecue con gli amici sul tetto di una casa a Sant Andreu de Palomar

Durante tutto il periodo di infiltrazione, ha mantenuto una doppia vita che lo ha costretto a cercare scuse per le sue assenze. Molte mattine lavorava come assistente di un installatore autonomo di aria condizionata – raccontava – e scompariva per qualche giorno sempre con l’alibi di andare a trovare la sua famiglia a Palma o di andare a trovare un amico a Tarragona. Tra il 4 e il 9 settembre 2022, avrebbe fatto un viaggio a Bruxelles con i suoi “amici” di Maiorca, che è stato registrato per mezzo di un selfie in cui appare da solo e che ha inviato su WhatsApp alla sua cerchia di attivisti più vicina a Sant Andreu de Palomar.

Il ministero dell’Interno spagnolo ha dichiarato durante l’estate del 2022 che le attività di infiltrazione denunciate dalla sinistra indipendentista e da Omnium attraverso i tribunali “erano già cessate”. Questa è stata una delle ragioni addotte dal tribunale nazionale spagnolo per non avviare alcuna indagine in relazione a Marc Hernàndez, ma il caso di Daniel Hernàndez Pons lo nega. La spia era ancora attiva il 29 gennaio 2023, al momento della chiusura dell’edizione di questo report, sia sui suoi account Instagram @cow_tard e @tosabi.xd che su WhatsApp e Telegram. Tuttavia, dalla fine di ottobre non è stato di persona a Barcellona perché, presumibilmente, sarebbe andato a raccogliere le olive a Granada e, in seguito, avrebbe ottenuto un lavoro “molto ben pagato” a Palma. Le ultime comunicazioni con gli attivisti sono avvenute tramite messaggio mobile. “Sto lavorando nei sacchi e mi sto preparando per andare in Danimarca!!! Lavorerò lì tutta l’estate, sono entusiasta vedrete”, ha detto il 21 gennaio. Più tardi, il 28 gennaio, ha spiegato con un audio, che ha accompagnato con una fotografia scattata da una stazione di servizio, che stava facendo un percorso in moto. Come ha visto la Diesta, l’immagine corrisponde a una zona industriale a Quart de Poblet (l’Horta), vicino all’autostrada che collega Valencia con Madrid.

Le relazioni affettive e sessuali come strategia di infiltrazione

Daniel Hernàndez Pons all’interno di un veicolo con una delle donne con cui aveva una relazione

Il poliziotto sotto copertura Daniel Hernàndez Pons ha incatenato e sovrapposto relazioni con donne di diversi progetti politici nella città di Barcellona per rafforzarsi in determinati spazi e dare credibilità al suo personaggio. Directa ha potuto raccogliere le testimonianze e la denuncia di otto di loro.

“Ho incontrato Dani una notte di giugno 2020 in Plaça de les Palmeres nel quartiere di Sant Andreu. Era una persona molto scherzosa, sorridente e vicina con cui era facile connettersi, e le ragazze si avvicinavano a noi con un divertente flirt. Ho dormito con lui diverse volte e in tre occasioni abbiamo fatto sesso”. Joana è una delle donne con cui il poliziotto infiltrato dietro la falsa identità Daniel Hernàndez Pons aveva rapporti appena arrivato nel quartiere. Né lei né nessuna delle altre donne lo avrebbe fatto se avessero saputo che era un poliziotto. L’uomo con cui hanno condiviso la loro intimità non è mai esistito, le loro relazioni sono state una finzione.

La Directa è stata in grado di raccogliere le testimonianze di otto donne che hanno avuto un qualche tipo di relazione sessuale-affettiva con l’agente sotto copertura tra giugno 2020 fino a quando ha lasciato Barcellona, il 30 ottobre 2022. Fanno parte di spazi diversi e non tutte si conoscevano. Con la maggioranza ha stabilito un collegamento attraverso progetti politici nel quartiere Sant Andreu di Palomar, ma in un’occasione lo ha fatto anche attraverso l’app di appuntamenti OkCupid, abbinando il profilo di una donna che ha mostrato il suo orientamento politico. Tutte hanno chiesto di preservare il loro anonimato, motivo per cui in tutta la relazione appaiono sotto pseudonimi.

Mentre è vero che le relazioni che ha avuto nel quadro dell’infiltrazione sono diverse per intensità e durata, la somma di tutte esse disegna schemi comuni: costante simpatia e flirt, evitare conflitti e notorietà politica, grande interesse per i legami dell’ambiente, intermittenze relazionali e capacità di imitare.

Le relazioni dell’infiltrato mostrano modelli di comportamento come flirtare costantemente, evitare conflitti e un basso profilo politico

Il nuovo arrivato da Maiorca, che ha fornito pochi riferimenti al suo passato e ha svolto un presunto lavoro intermittente, ha fatto passi chiave per ritagliarsi la sua credibilità e non sollevare sospetti, come farsi un grande tatuaggio con significato politico o flirtare, mantenere contatti sessuali e persino sviluppare una relazione più stabile, come quella che ha avuto con Clara per quasi un anno. Le relazioni sessuali-affettive servivano da ponte verso determinati spazi e allo stesso tempo aiutavano a rafforzare il suo carattere.

Daniel Hernandez ha selezionato le donne in base agli obiettivi della sua infiltrazione ed è entrato in azione. È così che è riuscito a collegare le relazioni o mantenerle contemporaneamente. Si interessò a Joanna, insistette per avere una “relazione casuale intermittente” con Iolanda, Ruth la cercò attraverso OkCupid, con Txell iniziò una conversazione privata sulla messaggistica mobile e con Iris flirtò per settimane. Ha spiegato e ribadito i suoi sentimenti nelle comunicazioni che ha lasciato registrate e ha cercato di preservare il legame: Clara lo rimproverava di non amarla abbastanza e Bea arrivò a dirle che “era una delle cose che potevano impedirgli di lasciare Barcellona”.

Attraverso tutte loro ha messo piede in vari progetti e spazi politici, come le proiezioni cinematografiche di La Cinètika e il gruppo di lavoro del centro sociale per sviluppare una guida per la prevenzione e l’azione contro la violenza patriarcale. Inoltre, si è unito a un’attività locale del tour che il movimento zapatista ha fatto in Catalogna. Ha anche fatto parte del Coordinamento Antirepressivo di Sant Andreu dall’inizio alla fine, composto da gruppi come Meridiana Resist, l’Ateneu l’Harmonia o l’orto urbano autogestito El Jardí de la Julieta, “una buona opportunità” – secondo Iris – “per vedere tutti coloro che erano attivi nel quartiere”. Dalla relazione sessuale affettiva di due mesi con Eva, un’attivista del distretto di Ciutat Vella, ha anche camminato in altre parti della città. Dopo essersi incontrati presso il centro sociale Kasa de la Muntanya (nel quartiere di La Salut), dove si è tenuta una jam-session hip-hop antifascista, hanno condiviso giornate e concerti in vari spazi autogestiti di Barcellona.

Dopo una relazione semestrale con Ruth – fino a settembre 2022 – si è avvicinato al sindacato CGT: “Dani ha scherzato sul fatto che fosse ‘un vero anarchico'”. Il poliziotto infiltrato ha incontrato i suoi amici, anche loro militanti della CGT, e ha mostrato un interesse speciale nel portarla a La Cinètika e presentarla all’ambiente che si era costruito. “Si circondava di molte persone e parlava con tutti”, ricorda Ruth. Guardando quanto successo in prospettiva, Iolanda, membro di uno dei gruppi di proiezione cinematografica presso il centro sociale Andreu, conclude che “si è dedicato costantemente a creare nuovi legami”.

Costruire un passato

“Dalla sua vita passata, ha evitato le domande, si sentiva a disagio.” Questo è il ricordo di Ruth, a cui è stato detto solo che suo padre, che era presumibilmente morto molto tempo fa, ha abusato di sua madre e che aveva parenti ad Albolote (Granada), dove aveva raccolto l’oliva.

“Della sua vita passata, evitava le domande, si sentiva a disagio”, ricorda Ruth, una delle donne con cui ha avuto relazioni intime durante l’infiltrazione.

Sul portatile nell’appartamento di Barcellona, Dani aveva una cartella con alcune foto che mostrava ad alcune delle donne. “Mi ha mostrato alcune delle sue presunte ex fidanzate e anche di lui con alcuni amici, da adolescenti, ma non ho mai visto foto della sua famiglia”, dice Ruth. Le donne che sono arrivate fino all’appartamento in via Flor de Neu sono ora colpite dal fatto che sia sceso per aprire perché la sua casa non aveva il campanello e anche dal fatto che l’elemento decorativo principale era una composizione di adesivi politici “curiosamente ordinati”.

Nella prima e unica notte che hanno trascorso insieme per il festival di Sant Andreu 2021, Iris gli ha fatto domande sul suo passato. Oltre ad essere una militante a La Cinètika e in altri progetti politici del quartiere, Iris aveva fatto parte di un gruppo musicale che si esibiva spesso a Maiorca e, quindi, ha mantenuto molti legami con il luogo: “Gli ho chiesto di molte persone e non conosceva nessuno. Mi disse che aveva parte della famiglia a Granada e che voleva andare a lavorare lì per un po'”.


Tempo libero, droghe e relazioni intermittenti

Tutte concordano nel descriverlo come una persona affettuosa, loquace e scherzosa, ma senza discorso politico e, per gran parte dei tre anni in cui è stato infiltrato a Barcellona, con una vita notturna molto attiva. “Non ha preso le cose sul serio”, ha detto Iolanda. Dal suo punto di vista, Dani ha oltrepassato le battute nelle attività politiche e sebbene apparentemente non mostrasse particolare interesse, era presente ovunque. Allo stesso tempo, sottolinea che aveva prestato molta attenzione a tutte quelle informazioni personali degli attivisti del quartiere: “Con lui abbiamo fatto il bucato e mi ha parlato molto dei suoi rapporti sessuali, dei cinema porno, dello scambio di coppie e delle ragazze che ha contattato per OkCupid”.

Alcune donne intorno a lei, come Iolanda, erano sorprese che potesse sostenere l’intensa attività notturna con il suo lavoro di installatore di aria condizionata: “Ha risposto che a volte andava al lavoro senza aver dormito”. Con altre, soprattutto con Clara, ha minimizzato questo aspetto e non è uscito tanto a festeggiare: “Mi ha detto che non prendeva molte droghe, ma ho scoperto che lo faceva molto più di quanto mi facesse credere”. Infatti, in una delle migliaia di messaggi WhatsApp scambiati con Clara, Dani specifica letteralmente: “Non è la birra, penso di sentirmi male per le sciocchezze che ho fatto in queste due notti di eme [MDMA o ecstasy]”.

Dopo aver condiviso le serate di festa con lui, molte delle persone colpite confermano il suo consumo. “Era una persona che aveva sempre una birra in mano. Quando c’era una festa più grande, di tanto in tanto, ingoiava pillole o MDMA – non tirava mai – e ci incoraggiava a prendere droghe. Non so dove le ha prese, ma ogni tanto le aveva e invitava sempre tutti. Ho la sensazione di non aver mai perso il controllo, e molte volte sono tornata a casa con la scusa che dovevo andare al lavoro o che ero molto ubriaca”, racconta Joana.

Screenshot di messaggi che Daniel Hernàndez Pons ha inviato a diverse donne, dove si notano relazioni sessuali-affettive e dove lui stesso riconosce il consumo di stupefacenti. I testi giustificati a sinistra corrispondono all’infiltrato

Legata al tessuto politico del quartiere di Sant Andreu de Palomar, Bea lo ha anche incontrato in Plaça de les Palmeres e si è impegnata con lui per la prima volta nell’estate del 2022, ai festeggiamenti di Canyelles. Ricorda che aveva spento il telefono per alcuni giorni e poi si era nuovamente connesso: “In un’occasione si è giustificato dicendo che il suo telefono era caduto in bagno quando era ubriaco e non funzionava bene”. Iolanda è d’accordo, afferma che o inviava i suoi messaggi costantemente o risultava disconnesso e non rispondeva.

Anche Txell, legata all’Ateneu l’Harmonia della sede Fabra i Coats, lo ratifica. “Ci siamo incontrati tre volte e dal primo momento abbiamo avuto conversazioni al telefono, ma è stato molto intermittente.
A volte mi diceva che era fuori, a Madrid con alcuni amici o con la sua famiglia”. Il giorno dopo la prima notte con lui, nel dicembre 2021, Txell ha partecipato a un evento anti-repressivo organizzato da Peripheral Solidarity e dal coordinamento antirepressivo di Nou Barris.

Oltre ad uscire per qualche giorno con il pretesto di andare a trovare la madre a Palma, durante il semestre di relazione, Ruth ricorda che, spesso, quando erano insieme, Dani improvvisamente le diceva che doveva tornare a casa per fare “qualche scartoffia”. Non hanno mai lasciato formalmente la relazione, ma dice che lo scorso agosto ha iniziato a comportarsi in modo molto più ambivalente: “Mi ha detto che era molto a suo agio con me e il giorno dopo non mi ha più parlato o risposto ai messaggi”. L’intermittenza nelle comunicazioni si allargò, Ruth se ne andò per un po’ a vivere fuori e il legame si estinse.

Presumibilmente, la notte del 29 ottobre 2022 è l’ultimo giorno dell’agente infiltrato a Barcellona, nel suo appartamento in via Flor de Neu, e non era solo. Spiegò che avrebbe preso un bus a Sants e che da Granada sarebbe volato a Palma per unirsi a un nuovo lavoro. In precedenza, Bea si era interessata all’appartamento che stava lasciando, ma Dani le assicurò che aveva già risolto.


Dall’impatto emotivo alla denuncia pubblica

Il personaggio era una finzione e le relazioni affettive-sessuali che svolgeva sotto la falsa identità di Daniel Hernàndez Pons facevano parte della scena, erano una bufala. Scoprire ora che in realtà quel giovane con cresta e orecchini è un poliziotto e che le storie sentimentali erano una farsa ha avuto un enorme impatto emotivo su di loro e ha motivato alcune delle donne a riunirsi per fare una denuncia pubblica del caso.

“Quando ho visto la sua foto con l’uniforme da poliziotto, ho provato molta rabbia e non riuscivo nemmeno a parlare”. Bea non solo arrossiva, ma passava anche giorni senza entrare nella sua stanza, dove aveva condiviso le notti con lui. Nonostante l’impatto dell’incidente, non vuole essere letta “come una vittima” e sottolinea che l’infiltrato “non ha vinto”. Txell ricorda anche di “essere rimasta sotto shock” per le prime 24 ore da quando ha appreso la verità, ma il “sostegno reciproco” la conforta: “Denunciarlo pubblicamente fa parte della lotta contro la violenza istituzionale”. E, con perplessità, Eva si rende conto che, inconsapevolmente, “il nemico ha dormito nel tuo letto” e che “sebbene io non abbia commesso alcun crimine, hanno violato la mia privacy, la mia integrità fisica e morale”.

“Se siamo spiati perchè cerchiamo di cambiare questo sistema di miseria, che tipo di società stiamo costruendo?” chiede una delle donne.

“Ti ferisce perché ti sei aperta a una persona che era finzione, ma ti dà anche il potere di esporlo e denunciarlo”, dice Ruth. Quando è emerso un certo senso di colpa, si è detta che “sono persone addestrate”. Come risultato della scoperta, Joana ha attraversato diverse fasi: “Attraversi il vuoto di un processo di lutto quando ti rendi conto che la persona che conoscevi era una bugia, ma dopo la sensazione di vulnerabilità, tristezza e colpa, appare la rabbia”. La ha colpita soprattutto vedere “la facilità” con cui “ha messo piede nei nostri spazi, è entrato nelle nostre case e si è messo nei nostri letti”. “Non c’è riparazione possibile quando sai di essere stata violentata da un ufficiale di polizia nazionale”, ha detto.

Come riflessione femminista, Iris mette sul tavolo il fatto che le donne sono sempre state trattate come “oggetti” e “soggette alle decisioni e agli interessi degli uomini” e che la strategia di entrare nella vita e nelle case di tutte loro “fa parte di un meccanismo eteropatriarcale”.

Tuttavia, le otto donne hanno molte domande: “Se per cercare di cambiare questo sistema di miseria siamo considerate criminali e siamo spiate, che tipo di società stiamo costruendo?” riflette con rabbia Iris. “Mi chiedo da dove siano state prese le decisioni e quale fosse l’obiettivo politico. Inoltre, lo stato ha pianificato la sua strategia sfruttando i privilegi di un uomo cis”, riflette Txell. Iolanda conclude che “è impossibile che una persona abbia fatto tutto questo e i suoi capi non ne sapessero nulla”.

Sebbene siano spesso sopraffatte dal timore di rappresaglie, alcune delle donne colpite dicono che stanno prendendo in considerazione l’idea di intraprendere azioni legali per determinare le responsabilità e impedire che una situazione simile si ripeta.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

ABUSI IN DIVISAcatalunyainfiltratoviolenza sulle donne

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Depistaggi Cucchi, processo per altri tre carabinieri

Secondo i pm dissero il falso durante il processo sui depistaggi. Rinviati a giudizio un ufficiale e due marescialli dell’Arma

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

La polizia odia i/le giovani

Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un inasprimento della violenza poliziesca e delle intimidazioni nei loro confronti.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Conferenza stampa sui fatti di ieri a Torino in occasione della contestazione ai ministri del G7 Ambiente e Energia

La militarizzazione della città deve essere denunciata a fronte della violenza delle cariche della polizia e Torino come laboratorio della violenza è qualcosa di ben noto.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Torture al carcere minorile “Beccaria” di Milano

Torture e violenze (anche sessuali) sui minorenni al Beccaria: arrestati 13 poliziotti penitenziari, 8 sospesi dal servizio.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

USA: La polizia uccide un 26enne afroamericano con 96 colpi in 42 secondi

Video mostra agenti della polizia a Chicago che sparano 96 colpi in 41 secondi durante un fermo

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: un “mondo a parte” che non si lascerà mettere tanto facilmente da parte

Breve reportage sulla grande assemblea che si è tenuta l’altro ieri al parco Don Bosco: centinaia le persone accorse dopo il rilascio senza misure cautelari del diciannovenne arrestato la notte prima.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Un anno dopo Sainte-Soline: solidarietà, rabbia e gioia per le strade di Nantes

Un anno fa, decine di migliaia di noi hanno marciato in mezzo ai campi delle Deux-Sèvres contro i megabacini, e siamo rimasti intrappolati dalla repressione militare, intrappolati sotto il rombo delle granate sparate a migliaia.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Modena: il carabiniere violento già indagato per la morte di Taissir Sakka

Uno dei due carabinieri ripresi nel violento arresto ai danni di Idrissa Diallo il 13 marzo a Largo Garibaldi a Modena è già indagato per la morte di Taissir Sakka avvenuta il 19 ottobre 2023 sempre a Modena

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Pestaggio al carcere di Venezia, detenuto in rianimazione

Un detenuto ha denunciato il pestaggio da parte degli agenti del penitenziario Santa Maria Maggiore di Venezia. Ancora un suicidio a Prato, è il ventunesimo dall’inizio dell’anno

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Carcere a Reggio Emilia: incappucciato, picchiato, calpestato. Pubblicato lo stralcio di un video

La vittima è un 40enne detenuto a Reggio Emilia, lo scorso 3 aprile, e le immagini arrivano dalle telecamere interne che sono state allegate agli atti dell’inchiesta.