InfoAut
Immagine di copertina per il post

Francia: comitati contro le grandi opere inutili e dannose

Il progetto dell’ aeroporto  Grand Ouest Notre-Dame-des-Landes, oltre a devastare una zona umida, oasi naturalistica caratterizzata da una vegetazione e una fauna particolare, non è necessario. Lo dice anche e inaspettatamente, il sindacato CGT della regione Loire-Atlantique spiegando di aver studiato il progetto sotto differenti aspetti: ” Conservare l’attuale aeroporto nel sito attuale, con i necessari miglioramenti, presenta dei vantaggi rispetto alla costruzione di un nuovo aeroporto”, conclude il documento presentato durante l’incontro annuale dei comitati ambientalisti lo scorso 11 e 12 luglio in Bretagna a cui hanno partecipato circa 15 mila persone.
L’Atelier citoyen composto da residenti, attivisti, esperti e non-esperti che hanno valutato l’impatto economico e del lavoro, e finanziario del progetto: “Abbiamo spulciato ogni minimo dettaglio del prgetto finanziario presentato da Vinci e abbiamo dimostrato che modificare rinnovando l’aeroporto attuale invece di trasferirlo è più vantaggioso per tutti: lo Stato, Vinci (la società che ha in gestione l’appalto del progetto), i comuni interessati e quindi i cittadini”.

Ora che il Tribunale lascia la questione in mani politiche, il governo tramite il primo ministro, Valls, assicura che i lavori della futura piattaforma aeroportuale (aeroporto, due piste e bretella autostradale), affidati ad una filiale di Vinci, cominceranno dopo l’esito degli ultimi ricorsi giudiziari che riguardano la conformità dei decreti firmati dalla prefettura di Nantes alle norme nazionali ed europee sull’acqua e sulle specie protette.

Non sarà facile deportare le specie protette e neanche sgomberare le decine di occupanti che abitano sul sito destinato al cantiere. Numerosi comitati di lotta ambientale in Francia formano in ‘fronte’ che resiste da anni alle politiche predatorie del territorio.  Da Sivens (Tarn) a Roybon (Isère) contro un Center Park, dal TAV Lione-Torino a Bure con il centro di stoccaggio delle scorie radioattive, hanno intenzione di convergere ai primi segnali di lavori e di movimento di macchine in cantiere scortate dalle forze dell’ordine. La rete solidale dei comitati francesi denuncia la forte contraddizione tra le dichiarazioni dei responsabili di governo e degli industriali contro il riscaldamento climatico e la realtà delle politiche economiche che gli stessi difendono attraverso grandiosi progetti di infrastrutture e di trasporti. EDF, GDF-Suez, compagnie di distribuzione energetica, Air France, grandi banche francesi fanno campagne commerciali con aeroporti “verdi” o nucleare “sostenibile”, ecc.,  e sponsorizzano COP21 mentre investono nelle energie fossili, espropriando risorse e terre in ogni angolo del pianeta  e si oppongono a qualsiasi progetto energicamente ed economicamente alternativo.
A cinque mesi dalla conferenza sul clima Cop21 a Parigi il Coordinamento dei comitati lancia uno slogan: “Scalda la lotta, non il clima!” perché “non c’è un pianeta B! Blocchiamo il riscaldamento climatico!”

Marina Nebbiolo – eco-magazine


www.acipa-ndl.fr
www.notredamedeslandes2015.org

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

aeroportofrancia cop21nantes

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: manifestazione contro il progetto della A69

Ben 6.000 oppositori dell’A69 sfidano il divieto di manifestare e si uniscono nella rivolta contro i progetti autostradali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

No Tav: sabato 15 giugno manifestazione popolare contro Grandi Opere Inutili e mafie

Che le grandi opere siano terreno fertile per le mafie non è una sorpresa. L’enorme scritta che ormai da 15 anni compare sul fianco del Musinè “TAV= MAFIA”, ne è una testimonianza concreta.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia, A69, bacini: azioni seriali di disarmo contro le aziende ecocide

Macchine incendiate nel cantiere della A69, un bacino scoperchiato nella Vienne

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Manifestazione di 2.000 persone contro il magazzino Greendock, tentativo di blocco della logistica e arresti.

Sabato, più di 2.000 persone hanno manifestato da Gennevilliers a L’Île-Saint-Denis per mostrare la loro opposizione a un gigantesco magazzino sulle rive della Senna e all’espansione senza fine dei magazzini logistici

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: dalla cordigliera alla meseta e alla costa, la lotta di un popolo per l’acqua

Tra il 15 e il 21 dicembre 2021, il popolo del Chubut abrogò la Legge di Zonificazione Mineraria che era stata approvata sei giorni prima, senza consultazioni, dai deputati provinciali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Brasile: l’acqua che tutto abbatte

Due donne, già negli anni, attendono i soccorsi alle intemperie, sopra il tetto della vecchia casa familiare, in un villaggio del Rio Grande do Sul.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bill Gates, il miliardario che sta industrializzando l’agricoltura mondiale

Utilizzando milioni di dollari, la Fondazione Bill & Melinda Gates sta aggirando e plasmando le politiche agricole internazionali. I grandi vincitori di questo gioco antidemocratico sono le aziende agro-industriali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La strategia estrattivista per entrare nei territori ancestrali raggiunge il suo apice

Il conflitto per il territorio degli Shuar, causato dagli interessi minerari, va avanti da più di 20 anni. Ma questa volta è diverso, sembra essere l’ultima battaglia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

“Il Ponte sullo Stretto è uno specchietto per allodole”. Calabria e Sicilia si preparano alla manifestazione popolare

Il ponte sullo Stretto” tra la Calabria e la Sicilia è uno “specchietto per le allodole.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ponte: avvio dei cantieri rinviato. Ora chiudere la Stretto di Messina S.p.a.

Il comunicato di Antudo a seguito della notizia del rinvio dei cantieri per il ponte sullo Stretto..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Un anno dopo Sainte-Soline: solidarietà, rabbia e gioia per le strade di Nantes

Un anno fa, decine di migliaia di noi hanno marciato in mezzo ai campi delle Deux-Sèvres contro i megabacini, e siamo rimasti intrappolati dalla repressione militare, intrappolati sotto il rombo delle granate sparate a migliaia.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Sciopero degli addetti al settore cargo di Malpensa

Sciopero all’aeroporto di Milano Malpensa degli addetti al settore cargo.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Personale aeroportuale in agitazione

Da giorni lavoratrici e lavoratori del comparto aereo-aeroportuale-indotto è in agitazione fino al 26 luglio, attraverso il rifiuto di fare straordinari e con uno sciopero già fissato al 17 luglio. I motivi sono abbastanza chiari e sotto gli occhi di tutti, terminata per il governo la pandemia, finite le misure di distanziamento, gli aeroporti son […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Lo Stato francese attacca i media autonomi ed indipendenti. Il Ministro dell’Interno annuncia di voler dissolvere Nantes Revoltée

Nantes Revoltée è un media di movimento francese, su base locale, che da anni segue le lotte sociali ed ambientali. Il Ministro dell’Interno, Gérald Darmanin, con legami piuttosto espliciti con l’estrema destra, ha annunciato di fronte all’Assemblea Nazionale di voler procedere alla dissoluzione dei mezzi di comunicazione di Nantes Revoltée dopo che il media ha […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

LAVORO: OTTAVO GIORNO DI SCIOPERO ALLA DHL DI ORIO AL SERIO. “SENZA ACCORDO IL 30 DICEMBRE ANDREMO A BLOCCARE MALPENSA”

Lavoro, lotte operaie. Ottavo giorno di sciopero ad oltranza alla DHL di Orio al Serio, dove 70 lavoratori – con ad Adl Cobas – si oppongono al licenziamento coatto, mascherato da trasferimento senza trasporto e con riduzione delle ore, a Brescia.  Al presidio permanente arrivate le prime lettere di trasferimento “corredate dalle bugie di DHL – denuncia Adl Cobas – […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Nantes, giovane di 22 anni ucciso da un poliziotto. Rivolte in città

Si chiamava Bubakar, ha perso la vita ieri sera a Breil, quartiere popolare a nord di Nantes, per un colpo sparato dalla polizia senza motivo durante un controllo. Si sono susseguite delle rivolte nel quartiere per tutta la notte. « Era già immobile, il poliziotto è arrivato, gli ha tirato un colpo a distanza ravvicinata. […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

Francia. Sgombero all’Università di Nantes

Stamattina all’alba, con una grossa operazione di polizia fortemente voluta dal rettore dell’Università di Nantes Olivier Laboux e dal prefetto Nicole Klein. 300 poliziotti armati hanno circondato gli edifici occupati da più di 150 giovani. Lo sgombero è avvenuto a mano armata, con grande rapidità, buttando gli occupanti del Castello di Tertre e della residenza […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Scontri a Nantes e Tolosa in sostegno alle ZAD, contro la violenza di polizia

A Nantes il corteo, partito nel primo pomeriggio, ha sfilato per la città dietro uno striscione con scritto “Contro le violenze poliziesche, sociali, economiche: resistenza” e portando cartelli coi nomi delle persone uccise dalle forze dell’ordine. La manifestazione era stata convocata a un anno di distanza dalla grande mobilitazione del 22 febbraio 2014 a Nantes, […]