PERU’: SI DIMETTE DOPO SEI GIORNI DI PROTESTE E DUE MORTI IL NEO PRESIDENTE MERINO

Stampa

E’ durato sei giorni  il governo di Manuel Merino in Perù. Dopo la rimozione, giustificata da accuse di corruzione, di Martin Vizcarra da parte del parlamento Lunedì scorso e l’immediata elezione di Merino sono esplosi proteste e scontri.

La polizia ha represso con durezza le manifestazioni a Lima come in tutto il paese. Almeno sono due le persone rimaste uccise, ma media indipendenti raccontano di una terza vittima. Diverse associazioni che si battono per i diritti umani han riferito di almeno 112 persone ferite e di ben 41 che risultano disperse. I morti accertati sono Jack Pintado, 22 anni  e Jordan Sotelo, 24 anni. 

La rinuncia di Merino, arrivata in diretta televisiva, segue di poche ore la scelta di quasi tutti i ministri del suo governo di dimettersi. Ma la protesta non pare fermarsi, il popolo di Perù non è sceso in strada per difendere Vizcarra ma contro il potere della politica tutta, e l’insoddisfazione e sfiducia verso il parlamento.

Marina compagna italiana che vive e lavora in Perù ci racconta cosa sta accadendo Ascolta o scarica

Da Radio Onda d'Urto

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons