InfoAut
Immagine di copertina per il post

Mentre il sionismo è in crisi la Resistenza Palestinese erige un nuovo fronte

Per troppo tempo, il movimento di solidarietà globale ha inteso i palestinesi solo come vittime della violenza israeliana. Il momento attuale ci chiama a mettere in discussione l’invincibilità del progetto sionista e a rivalutare la nostra lotta.

Fonte. English version

Movimento Giovanile Palestinese – 16 aprile 2023

Immagine di copertina: I membri della Resistenza Palestinese impugnano le armi durante una cerimonia commemorativa per Mohammed al-Azizi e Abdul Rahman Sobh, uccisi dalle forze israeliane nel luglio 2022, nella città di Nablus, in Cisgiordania. (Foto: Shadi Jarar’ah/Immagini APA)

Nelle ultime settimane, eventi significativi si sono verificati nella Palestina storica. Il 7 gennaio 2023 ha segnato l’inizio delle proteste sioniste in risposta alle proposte di riforma giudiziaria israeliana. Parallelamente, abbiamo anche assistito a un’intensificazione della continua violenza dei coloni perpetrata dall’entità sionista contro i palestinesi: gennaio è stato il mese più mortale in Cisgiordania in quasi un decennio e le ultime settimane hanno visto un aumento della violenza contro i palestinesi ad Al-Aqsa. In risposta a questi assalti, abbiamo assistito a un aumento degli sforzi di resistenza da parte di gruppi in tutta la Palestina storica, così come in Libano e Siria. Sebbene i media possano indurre a credere che questi eventi siano isolati politicamente, geograficamente e temporalmente, raccontano una storia collettiva di sviluppi significativi nella lotta di liberazione palestinese.

È facile liquidare le proteste sioniste contro le riforme giudiziarie come insignificanti per i palestinesi, per i quali la sottomissione alla violenza israeliana persiste indipendentemente da chi è al governo. Sebbene ciò sia vero, l’approfondimento delle contraddizioni all’interno del movimento sionista globale riflette le fondamenta traballanti su cui è stato costruito lo Stato Sionista e la conseguente tensione tra la sua base estremista sottostante e la parvenza di democrazia che l’entità trasmette al mondo. Queste tensioni mettono in luce la natura artificiale della colonia sionista: mentre tutti i coloni sono uniti contro la minaccia esterna della Resistenza Palestinese e a favore dell’ordine sociale coloniale, c’è ben poco altro che la vincola politicamente o la tiene unita.

In questo senso, va poi notato che è attraverso gli eccessi dell’impresa di insediamento, attraverso la colonizzazione e lo sfruttamento del popolo palestinese, che il sionismo mira a risolvere le sue contraddizioni interne. Pertanto, il tentativo di costruire un binario tra “cittadino” e “colono”, uno in cui il suo ramo “liberale” a volte cerca di prendere le distanze dall’estremismo del movimento dei coloni, deve essere analizzato. Sosteniamo che i due esistono in relazione l’uno con l’altro e, cosa più importante: in relazione al colonialismo sionista. Il movimento dei coloni sionisti è stato a lungo parte integrante dell’espansione dello Stato Sionista: lo Stato attraverso il quale i sionisti liberali hanno esercitato il potere e all’interno del quale esercitano la “democrazia” per la quale affermano di lottare oggi. Rifiutando di impegnarci in termini di “democrazia” contro “autocrazia” e interrogando invece la relazione di questa contraddizione con il colonialismo, siamo in grado di comprendere il ruolo della Resistenza e dell’unità palestinese nell’inevitabile fine del progetto sionista.

Sebbene siano gli interessi del movimento dei coloni sionisti ad essere rappresentati dalle riforme giudiziarie proposte dal governo di coalizione, sono anche i loro interessi a sostenere la crescente violenza ad Al-Aqsa. Molti si sono affrettati a sottolineare correttamente che gli attuali assalti ad Al-Aqsa sono da manuale: la violenza israeliana nei confronti dei palestinesi aumenta ogni anno durante il Ramadan, sia che si tratti di invasioni di Al-Aqsa o di bombardamenti su Gaza. Tuttavia, la violenza nei confronti dei palestinesi aumenta anche durante le festività ebraiche, e quest’anno Pasqua ebraica, Pasqua cristiana e Ramadan si intersecano e l’accresciuta violenza, quindi, deve essere letta come tale: come la manifestazione di uno Stato estremista che cerca  imporre una nuova realtà, che si avvicini allo smantellamento di Al-Aqsa nella speranza di costruirvi sopra il Tempio di Salomone. Sebbene il movimento che insiste per entrare ad Al-Aqsa durante la Pasqua ebraica è una comunità che è stata isolata dai sionisti “pro-democrazia”, ​​questi sogni di convertire Gerusalemme in una città di un’unica fede sono molto più ampi nella società sionista, rivelando ancora una volta la relazione simbiotica tra le correnti apparentemente contraddittorie del sionismo quando collocate all’interno del suo più ampio contesto coloniale.

Di fronte alla crisi del sionismo, i palestinesi si sono uniti e si sono coalizzati attorno a maggiori sforzi di resistenza in tutta la Palestina storica, basandosi sull’eredità delle rivolte dell’unità del 2021. Mentre le rivolte di maggio crescevano, un canto comune risuonò da Haifa a Ramallah: mishan Allah, ya Gaza yalla (per l’amor di dio, vieni su Gaza). Per la prima volta a memoria d’uomo, le città dell’interno, terre conquistate nel 1948, guidano una rivolta anziché sostenerla. I giovani della comunità, composta da due milioni di persone, si sono scatenati per le ripetute incursioni delle forze di polizia ad Al-Aqsa. Autobus da decine di città palestinesi sono arrivati a Gerusalemme, con la polizia inviata a bloccare le strade principali. Le immagini drammatiche degli anziani che scelgono di camminare a piedi e aggirare i posti di blocco hanno cristallizzato l’unità tra due aree che le politiche sioniste hanno tentato per 75 anni di frammentare. Quando la resistenza è entrata nella mischia, l’isolata e assediata Gaza ha risposto a favore di Gerusalemme e si è imposta alle valutazioni di Tel Aviv. Più o meno nello stesso periodo a Jenin, il venticinquenne martire Jamil Alamoury e i suoi compagni si unirono alla Brigata Jenin, iniziando un nuovo capitolo del confronto che trasforma l’ambiente urbano locale in area di azione e l’affetto popolare come suo scudo. Piccole unità di resistenza iniziarono a formarsi in tutta la Cisgiordania e oggi fanno fronte a quasi il 60% delle forze di occupazione. Quando Gaza può garantire la guerra, l’interno e Gerusalemme una rivolta, e la Cisgiordania una guerra di logoramento e resistenza popolare, i costi dell’impunità sionista diventano insopportabili. Il popolo palestinese oggi possiede qualcosa che Israele ha cercato di smantellare: l’unità e l’impeto rivoluzionario.

Le rivolte del maggio 2021 si sono fuse nello slogan “Unità di Tutti i Fronti” e attualmente stiamo assistendo alla trasformazione di questo motto in una realtà politica. In particolare, stiamo assistendo all’espansione di questa nozione al Libano e alla Siria. In risposta al ripetersi degli abusi del 2021 sui fedeli ad Al-Aqsa, le fazioni palestinesi operanti in Libano e in Siria in due occasioni la scorsa settimana hanno lanciato raffiche di razzi nel Nord della Palestina. Crescono le proteste nelle città del ’48, e i battaglioni della Cisgiordania raddoppiano gli sforzi. I leader sionisti hanno scelto di attaccare Gaza in risposta, confermando che le politiche di contenimento e isolamento hanno fallito e che prevale l’”Unità di Tutti i Fronti”. Per la prima volta che si ricordi, è stata l’entità sionista ad agire con moderazione, affrettandosi ad assolvere gli attori regionali in Libano e Siria dal ruolo che indubbiamente svolgono nel sostenere la Resistenza Palestinese. Il regime sionista ha anche assicurato che il suo bombardamento di Gaza evitasse una grande perdita di vite umane e risorse della Resistenza.

Il 10 aprile, i giornalisti israeliani hanno confermato che le forze di occupazione hanno smesso di usare il nome “Operazione Frangiflutti” per descrivere i loro tentativi di soffocare la Resistenza palestinese in Cisgiordania, riconoscendo implicitamente che i gruppi di resistenza palestinesi sono qui per restare. L’11 aprile, Netanyahu ha annunciato che ai coloni non sarebbe stato permesso di entrare ad Al-Aqsa per tutta la durata del Ramadan per paura di crescenti tensioni a Gerusalemme. Questi esempi illustrano collettivamente la mancanza di fiducia nella valutazione della sicurezza dell’entità sionista mentre fa i conti con la forza della Resistenza Palestinese oggi.

I sostenitori della Palestina non devono mai dimenticare la verità che questo rivela: sono finiti i giorni dell’invincibilità dell’entità sionista, ed è la persistenza e il consenso della Resistenza Palestinese che hanno portato a questo.

Per troppo tempo, la diaspora palestinese e il movimento di solidarietà globale sono stati paralizzati da una posizione reattiva che considera i palestinesi solo vittime della violenza israeliana. Tuttavia, questo momento ci chiama a mettere in discussione l’invincibilità del progetto sionista e a rivalutare gli strumenti della nostra lotta. Oggi possiamo sostenere che il progetto sionista è fragile come non lo è mai stato. Allo stesso tempo, la Resistenza Palestinese è più forte che mai. Il cambiamento globale a cui stiamo attualmente assistendo riflette il potenziale per un cambio di modello in questa cornice: siamo vittime della loro violenza ma siamo anche in grado di prendere in mano il nostro destino. Nella diaspora, questo significa unirsi alle organizzazioni per costruire il potere transnazionale e impegnarsi in una lotta di principio per realizzare la promessa di liberazione.

Il Movimento Giovanile Palestinese è un movimento popolare transnazionale e indipendente di giovani palestinesi e arabi dedito alla liberazione della Patria e del popolo palestinese. Attualmente comprende 15 succursali in Nord America ed Europa.

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

coloniisraelepalestinasionismo

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cella di isolamento per Marwan Barghouti: si teme per la sua vita, afferma gruppo per i diritti dei prigionieri

La Commissione palestinese per gli Affari dei detenuti ha dichiarato lunedì di temere per la vita dell’importante leader Marwan Barghouti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia al comando della nuova missione militare europea ASPIDES per proteggere Israele e il commercio di fonti fossili

E’ sempre più Risiko nell’immensa area marittima compresa tra Bab el-Mandeb, Hormuz, Mar Rosso, golfo di Aden, mar Arabico, golfo di Oman e golfo Persico

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sono un medico americano che si è recato a Gaza. Quello che ho visto non è stata una guerra, è stato un annientamento

Il mio ultimo giorno, un ragazzo è corso verso di me e mi ha dato un piccolo regalo. Era una pietra trovata sulla spiaggia, con un’iscrizione in arabo scritta con un pennarello: “Da Gaza, con amore, nonostante il dolore”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fasano: manifestazione contro il G7 ed in solidarietà con il popolo palestinese

Tutti quanti hanno ribadito che quella del G7 a Fasano  non è la tanto declamata “Vetrina Internazionale” sostenuta dagli enti locali ma un incontro che porta con sé solo guerre, miseria per il l’intero pianeta, feroci cambiamenti climatici, distruzione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele vuole Anan Yaeesh, l’Italia intanto lo fa arrestare

Il caso del 37enne palestinese, residente a L’Aquila, accusato da Tel Aviv di finanziare la Brigata Tulkarem.

Immagine di copertina per il post
Culture

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Verona: cariche al corteo contro la fiera delle armi

Sabato si è tenuta a Verona la “European Outdoor Show. Caccia, tiro sportivo, pesca, nautica, outdoor”, una Fiera internazionale delle armi, all’interno della quale sono presenti stand dei principali marchi al mondo dell’industria bellica e balistica.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Medio Oriente: aggiornamenti dal Libano

Bombardamenti nel Sud del Libano: un’escalation controllata?