La marea sta cambiando sulla riunificazione irlandese?

Stampa

Alleghiamo questi due interessanti testi tratti da lesenfantsterribles che trattano la riemersione della questione dell'unità irlandese a fronte della Brexit. La nuova fase politica supera in parte la tradizionale divisione tra cattolici repubblicani e unionisti protestanti facendo emergere nuove importanti istanze nel conflitto. Tra gli interessi contraddittori della borghesia nordirlandese e le pulsioni popolari molto più trasversali si affacciano tempi interessanti. 

||||
|||| ||||

Heather Wilson si descrive come una “libera pensatrice”. Proveniente da una famiglia protestante a North Belfast, nel 2017 la 29enne è diventata la prima donna di origine unionista a candidarsi alle elezioni per l’SDLP, il partito nazionalista che ha contribuito alla firma dell’Accordo del Venerdì Santo. Potrebbe non essere sola. Una generazione fa, i nazionalisti protestanti erano quasi sconosciuti, ma un sondaggio di LucidTalk per il Sunday Times a gennaio suggerisce che alcuni altri “liberi pensatori” stanno sfondando. Oltre il 47% di tutti gli elettori ha sostenuto lo status quo contro il 42% che vuole un’Irlanda unita e l’11% che era indeciso. Tra i 18-44enni, un confine che estende il termine “giovane elettore”, il 47% ha sostenuto la riunificazione, mentre il 46% è convinto nel Regno Unito. Il restante 7 per cento è indeciso. “C’è un cambiamento in arrivo ed è molto eccitante”, dice Wilson. “Offre ai giovani in particolare la possibilità di far parte di qualcosa di più grande”. Sebbene una ristretta maggioranza abbia affermato di volere un referendum, i margini sono stretti e la maggioranza a favore della riunificazione, che sarebbe necessaria al segretario dell’Irlanda del Nord per attivare un referendum, come affermato nell’accordo del Venerdì Santo, rimane sfuggente. Ma è una tendenza incoraggiante per i nazionalisti come Wilson. E, mentre i leader politici tradizionali affrontano il coronavirus e le ricadute della Brexit, nuovi gruppi civici si stanno intensificando per corteggiare l’oscillazione.

Il futuro dell’Irlanda? Niall Murphy, il segretario di uno di questi gruppi civici, l’Ireland’s Future, sa meglio della maggior parte degli altri che al momento l’Irlanda del Nord deve affrontare problemi più urgenti. A marzo, ha trascorso 16 giorni attaccato ad un ventilatore per il coronavirus e altri sei mesi di assenza dal lavoro. “Non voglio un sondaggio al confine durante la Brexit o la pandemia”, dice. “Questo è irresponsabile. Ma vogliamo che la pianificazione inizi ora”. Il gruppo sta portando avanti le conversazioni sull’unità irlandese, guidate da accademici, uomini d’affari, senatori, giornalisti, storici e professionisti legali come Murphy, un rispettato avvocato di Belfast noto per rappresentare le famiglie delle vittime dei Troubles. L’immagine professionale proietta la competenza, rafforzata da la loro posizione al di fuori della scena politica irlandese del Nord. Fondato nel 2019, Ireland’s Future ha organizzato eventi di alto profilo a Belfast e altrove, mentre Murphy ha ottenuto il sostegno degli irlandesi americani a New York. Costretti online durante la pandemia, i loro incontri video, compreso uno con giovani nazionalisti protestanti come Wilson, hanno attirato “migliaia” di seguaci, dice Murphy. Il piano è accelerare i progressi verso uno scrutinio di frontiera e dare forma ai preparativi. “I movimenti civici sono spesso più avanti della politica”, spiega Murphy. ‘La Brexit ci ha dato uno slancio’ Il mese scorso, Ireland’s Future ha pubblicato un documento che chiede al governo irlandese di organizzare le assemblee dei cittadini, come ha fatto prima dei referendum sui matrimoni gay e sull’aborto nel 2015, e di condurre ricerche su una nuova Irlanda unita. Questo, dice Murphy, eviterebbe situazioni come la “bomba nucleare costituzionale che è la Brexit”. Piuttosto che andare in un referendum senza sapere cosa comporterebbe un’Irlanda unita, dice, “vogliamo che i modelli economici inizino ora, vogliamo che le proposte siano modellate in quella direzione in una campagna referendaria”. L’opposizione di tutti i nazionalisti alla Brexit, “ci ha fornito l’impulso per incoraggiare le conversazioni sull’Unità irlandese”, afferma un rappresentante di Think32, un gruppo nazionalista civico online. Istituito nel 2015, Think32 ha accolto nei loro blog relatori e collaboratori unionisti che, a seguito della Brexit e del crollo di tre anni del parlamento nordirlandese di Stormont, “ora vedono l’unità come un’opzione praticabile”. In base al protocollo dell’Irlanda del Nord, il paese continua a seguire alcune regole dell’UE e i controlli e le verifiche sulle merci che viaggiano dalla Gran Bretagna alla provincia, hanno contribuito a svuotare gli scaffali dei supermercati in Irlanda del Nord e alimentato aspri dibattiti a Stormont. Questioni come queste attirano gli elettori non politici nelle discussioni costituzionali. Wilson dice: “I miei amici normalmente non hanno alcun interesse, ma non appena il Protocollo interrompe la vita delle persone e non puoi ricevere il tuo pacco Amazon in tempo o mia sorella non può portare il suo cane a casa per Natale [dalla Gran Bretagna ], penso che coinvolga tutte le persone”. Le questioni culturali, nel frattempo, stanno allontanando gli elettori dall’unionismo politico. “Il DUP, l’UUP e il TUV non hanno nulla da offrire a me o a qualsiasi giovane che conosco”, ha scritto su Twitter questa settimana uno studente protestante di 22 anni. Nel mondo reale, Philip Smith, un consigliere dell’UUP, riconosce la sfida. “Il tradizionale messaggio unionista non sta atterrando in quel gruppo demografico. Dobbiamo passare dagli spitfire sulle immagini delle bianche scogliere di Dover a qualcosa che piacerà a una generazione più giovane”.

Smith ha co-fondato il suo nuovo gruppo civico, UnitingUK. Anche se non vuole un referendum, dice che l’unionismo non può “tenere la testa sotto la sabbia”. Vuole prendere di mira le “persone di medio livello che né in un modo né nell’altro si sentono particolarmente più forti”. Nei focus group con donne e giovani provenienti principalmente da ambienti unionisti, ha trovato un “conforto con la cultura irlandese” e un rifiuto dell’unionismo politico. “Non c’è bisogno di mettere un’etichetta su se stessi”, dice Scarlett Reid, una studentessa di Belfast di 19 anni che ha partecipato all’inizio di gennaio. “Mia madre parlava di crescere nei Troubles e di come fosse strano avere quella posizione allora, ma io sono solo nordirlandese”. Non puoi creare una nuova Irlanda con un’Irlanda del Nord distrutta. Se si dovesse tenere un referendum, Smith, un tempo consigliere liberaldemocratico a Wokingham, pensa che gli elettori come Reid apprezzerebbero una vendita “più liberale e internazionalista” dei valori britannici. Gli intervistati nei suoi gruppi di discussione hanno elogiato la diversità della Gran Bretagna, il suo ruolo nel contrastare il cambiamento climatico, l’energia delle proteste britanniche per Black Lives Matter e il suo aiuto internazionale come punti di forza britannici, sebbene questa risorsa finale sia stata spogliata dai recenti tagli dei conservatori. Pochi membri della squadra di Smith sono attivi politicamente e il loro stile è andato bene. Un partecipante ha detto: “Non vogliamo che uomini calvi di mezza età vengano a parlare con noi. Vogliamo persone che ci assomigliano, vogliamo vedere coinvolti giovani e persone più diversificate”. L’ex primo ministro del DUP Peter Robinson ha invitato gli unionisti a prepararsi per un sondaggio di confine e Smith è tra i primi a fare un passo in quella direzione con un altro gruppo, WeMakeNI, che verrà lanciato il 10 febbraio. Mentre i personaggi del DUP e dell’UUP si sono congratulati con lui in privato, gli attori politici del partito non saranno impegnati in conversazioni sull’unità irlandese per qualche tempo. “Sono abbastanza astuti da rendersi conto che, affinché una campagna come questa abbia successo, l’ultima cosa di cui hanno bisogno è il coinvolgimento dei parlamentari unionisti in prima linea”, dice Smith.

La “realpolitik” di un referendum

Per entrambi i lati della discussione, Wilson dice, “eliminare la politica è molto importante”. Invece, sono le questioni di “realpolitik” che possono influenzare una campagna referendaria. Chiede: “Le persone staranno davvero meglio in un’Irlanda unita? Sarà meglio crescere con la loro famiglia? Da giovane, come sarà crescere in una nuova Irlanda con le tasse universitarie? Devono rispondere a tutte queste grandi cose, che è ciò che Ireland’s Future sta iniziando a fare”. Ma il sistema sanitario nazionale, la NHS, rimane una carta vincente per gli unionisti, nonostante i suoi problemi in Irlanda del Nord. Un irlandese del Nord su 6 è in lista d’attesa, ma è probabile che l’assistenza sanitaria gratuita si riveli più allettante del sistema irlandese. Mentre Reid utilizza servizi gratuiti all’università di Glasgow, gli amici che studiano al Trinity College di Dublino hanno pagato 20 euro per una ricetta per un’infezione all’orecchio. I pazienti senza assicurazione – circa il 60% delle persone – pagano abitualmente fino a 60 euro per visitare il proprio medico di famiglia. Sebbene l'Ireland’s Future e altri desiderino un’assistenza sanitaria universale, gratuita al momento del servizio, questo rimane un “mito”, afferma Smith. “Le persone stanno avanzando proposte per un servizio sanitario nazionale irlandese, ma non è altro che una proposta”. Sull’economia, invece, le discussioni potrebbero rivelarsi più interessanti. L’Irlanda del Nord riceve fino a 10 miliardi di sterline all’anno in una sovvenzione dal Tesoro, ma la crescita è impallidita rispetto al successo del basso regime fiscale della Repubblica negli ultimi decenni. Conor Devine, un imprenditore di Belfast che sostiene l’unificazione, dice che il paese sta “entrando molto rapidamente nel ristagno economico”, incapace di autonomia fiscale. Al contrario, fa riferimento al modello del 2015 di una società di consulenza canadese, che ha scoperto che l’unificazione potrebbe aumentare il PIL pro capite dell’Irlanda del Nord a lungo termine dal 4 al 7,5%. Lo slancio si svilupperà dietro queste visioni in competizione. Per ora l’atmosfera è quasi collegiale e amichevole. Ireland's Future e Think32 hanno accolto con favore le voci unioniste che partecipano alle loro discussioni. Smith loda Ireland’s Future come "un'organizzazione seria”, anche se pensa che alcuni nazionalisti civici stiano “predicando al coro”. Alla fine, un approccio logico piuttosto che emotivo potrebbe vincere. Reid dice: “Mi piacerebbe vedere un sondaggio e vedere come va e come si sentono effettivamente le persone al riguardo. Non ho idea di come voterei, devo fare molte più ricerche”. Quel referendum, se dovesse accadere, potrebbe avvenire tra un decennio e, come dice Smith, l’Irlanda del Nord ha altri problemi da risolvere: sviluppo economico, riforma dei servizi pubblici e miglioramenti delle infrastrutture. Wilson, che intende candidarsi di nuovo alle elezioni, dice: “Non so da dove le persone stiano prendendo le info per un referendum a cinque anni. Far funzionare l’Irlanda del Nord dovrebbe essere la priorità assoluta per tutti. Non puoi creare una nuova Irlanda con un’Irlanda del Nord distrutta. Non funzionerà”.

Ian Johnston per Independent 

3500

Le esportazioni del Regno Unito verso l’UE sono diminuite del 68% dall’accordo con l’aggravarsi del caos della Brexit

Le esportazioni britanniche verso l’Unione europea sono diminuite di un incredibile 68% nel gennaio di quest’anno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, dice uno studio. Secondo la Road Haulage Association (RHA), il 65-75% dei veicoli in arrivo dall’UE tornava vuoto nel blocco europeo. L’organizzazione ha affermato che ciò era dovuto alla mancanza di merci, ai ritardi in Gran Bretagna e al fatto che le aziende britanniche avevano smesso di esportare nel blocco. L’amministratore delegato della RHA Richard Burnett ha dichiarato all’Observer che è stato “profondamente frustrante e fastidioso che i ministri abbiano scelto di non ascoltare l’industria e gli esperti” che hanno costantemente chiesto una maggiore deliberazione del governo. Le cifre, basate su un sondaggio tra i membri della RHA, sono state dettagliate in una lettera che la RHA ha inviato lunedì al ministro dell’ufficio di gabinetto Michael Gove chiedendo un “intervento urgente” per supportare le catene critiche di approvvigionamento. Burnett ha detto di non aver ricevuto risposta dal ministro Gove, nonostante le richieste di aiuto. “Michael Gove è maestro nell’estrarre informazioni da te e non restituire nulla”, ha detto. L’amministratore delegato che ha ampiamente incolpato la Brexit per il declino ha dichiarato al giornale: “Dalla transizione, abbiamo lavorato instancabilmente per dimostrare le conseguenze devastanti che questi cambiamenti stanno avendo, ma è molto chiaro che il governo non sta facendo abbastanza per affrontarli”. Ha tuttavia sottolineato che non credeva che la pandemia di coronavirus fosse responsabile del drammatico calo delle esportazioni. “Per chiarezza, la situazione attuale non dovrebbe essere considerata una conseguenza del coronavirus. Semmai, l’assenza della pandemia avrebbe peggiorato la situazione, perché i volumi sarebbero stati maggiori”, ha detto Burnett. Inoltre, l’organizzazione ha chiesto di aumentare il numero di agenti doganali per assistere le imprese con i documenti relativi alla Brexit. Ha detto che il numero attuale di circa 10.000 agenti è solo “circa un quinto” di ciò che è necessario. Negli scorsi quindici giorni,, la RHA ha affermato che un periodo di grazia di 12 mesi e un aiuto finanziario urgente sono necessari per appianare i problemi con il confine commerciale del Mare d’Irlanda post-Brexit. Ma il governo ha insistito sul fatto che “le merci fluiscono in modo efficace” tra il Regno Unito e l’Irlanda del Nord. L’accordo britannico sulla Brexit con il blocco – concordato la vigilia di Natale – assicura scambi senza dazi e quote tra la coppia. In base all’accordo, cibo e merci importati nel Regno Unito da paesi terzi e poi spediti nell’UE saranno soggetti a spese. L’accordo introduce anche nuovi controlli doganali e pratiche burocratiche alla frontiera. L’accordo commerciale UK/UE include una rinuncia di un anno alle dichiarazioni sulle condizioni di “regole di origine”, che stabiliscono la quantità di un articolo che deve essere prodotta localmente per evitare tariffe. Secondo i termini, le tariffe verranno addebitate sulle merci che non soddisfano i requisiti delle regole di origine. Ma si dice che il nuovo sistema Brexit e gli enormi volumi di scartoffie abbiano causato confusione e ritardi alle frontiere dal 1° gennaio. Le aziende britanniche dovranno presentare altri 215 moduli doganali un anno dopo la Brexit, il che potrebbe costare 12 miliardi di sterline (16,4 miliardi di dollari), secondo i calcoli governativi pubblicati lo scorso luglio.

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons