JULIAN ASSANGE VERSO L’ESTRADIZIONE NEGLI USA. UNA SCONFITTA PER LA LIBERTA’ DI INFORMAZIONE

Stampa

La Westminster Magistrates’ Court di Londra ha emesso nella giornata del 20 aprile 2022 l’ordine formale di estradizione negli Usa per il fondatore di Wikileaks Julian Assange.

||||
|||| ||||

Salvo un ricorso dell’ultimo minuto presso l’Alta Corte, spetta ora alla ministra degli Interni britannica, Priti Patel, dare il via libera finale. L’esito appare però scontato e non favorevole per il fondatore di Wikileaks.

Negli Usa l’attivista australiano rischia una pesantissima condanna, 175 anni di carcere, per aver contribuito a diffondere documenti riservati su presunti crimini di guerra Usa in Iraq e Afghanistan. La corrispondezna da Londra da Claudio, nostro collaboratore dalla capitale inglese. Ascolta o scarica

Un commento anche da Vincenzo Vita, giornalista, ex Senatore, e curatore della rubrica de il Manifesto sulla libertà di informazione “Ri-Mediamo”.Ascolta o scarica

Da Radio Onda d'Urto

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons