InfoAut
Immagine di copertina per il post

Gli israeliani non manifestano per la democrazia

La democrazia in Israele significherebbe la fine dell’Apartheid. Non è quello che vogliono i manifestanti israeliani.

Fonte: English version
Di Yara Hawari – 16 gennaio 2023

Immagine di copertina: Gli israeliani protestano contro la nuova coalizione di destra del Primo Ministro Benjamin Netanyahu e le sue proposte di riforma giudiziaria a Tel Aviv il 14 gennaio 2023 (Reuters/ Amir Cohen)

Durante il fine settimana, decine di migliaia di israeliani sono scesi nelle strade di Tel Aviv e di altre città per protestare contro quella che vedono come un’erosione della democrazia del loro Paese. Le manifestazioni sono state innescate dalla legislazione annunciata dal governo del Primo Ministro Benjamin Netanyahu che, se approvata dalla Knesset (Parlamento), depotenzierebbero il sistema giudiziario israeliano. La mossa è vista da molti come un tentativo del Primo Ministro, perseguito con l’accusa di corruzione, di frenare la magistratura e di evitare il carcere.

Alcuni degli slogan esposti durante le proteste proclamavano: “la fine della democrazia” sotto un “governo criminale”. Di sicuro, la coalizione di Netanyahu di partiti religiosi di estrema destra e conservatori non è sostenitrice del pluralismo, dei diritti civili e delle libertà. Includono il kahanista armato di pistola Itamar Ben-Gvir, che è il nuovo Ministro della Sicurezza Nazionale, e l’autoproclamato “orgoglioso omofobo” Bezalel Smotrich, che ha assunto il Ministero delle Finanze.

Lo stesso Netanyahu non è di sicuro un sostenitore dello stato di diritto, avendo fatto di tutto e di più per aggrapparsi al potere ed evitare di essere ritenuto responsabile di corruzione.

Ma individuare lui come un “Ministro del Crimine” e il suo governo come colui che “distrugge la democrazia israeliana” è una vera forzatura. Non c’è stato nessun Primo Ministro israeliano che non sia stato un criminale e non si sia macchiato le mani del sangue dei palestinesi, e non c’è stato nessun governo israeliano che abbia effettivamente sostenuto la democrazia. Lo “Stato democratico” israeliano è ed è sempre stato un mito, un’illusione costruita per sostenere l’oppressione del popolo palestinese e continuare la sua espropriazione.

Basta guardare chi si è presentato alle proteste “pro-democrazia”. C’era l’ex Primo Ministro e Ministro della Difesa Benny Gantz, che è stato accusato di crimini di guerra durante la guerra a Gaza del 2014. Ha detto alla folla che avrebbero dovuto combattere in “tutti i modi legali per prevenire un colpo di Stato”. Poi c’era l’ex Ministra degli Esteri Tzipi Livni, accusata anche lei di crimini di guerra a Gaza, ma per la guerra del 2009 nella Striscia. Ha dichiarato: “Insieme proteggeremo lo Stato perché è lo Stato di tutti noi”.

Ma “per tutti noi” non è. Ciò è stato chiaro quando la folla è diventata ostile nei confronti del piccolo numero di antisionisti che si sono presentati alla protesta con bandiere palestinesi. Questi sono stati subito aggrediti da altri manifestanti “pro-democrazia”.

Vale anche la pena dare un’occhiata all’istituzione che Netanyahu è accusato di aver aggredito: la Corte Suprema di Israele, che supervisiona l’impegno del regime israeliano nei confronti del suo quadro costituzionale, noto anche come Leggi Fondamentali. I manifestanti affermano che è un’organo importante che, se depotenziato, ridurrebbe i controlli e gli equilibri all’interno dello Stato israeliano.

Ma il lungo primato di sentenze della Corte Suprema contro i diritti dei palestinesi mette in discussione se abbia mai mantenuto controlli ed equilibri sul potere militare israeliano assoluto o piuttosto se abbia fornito una copertura legale per i crimini del regime israeliano contro il popolo palestinese.

Ad esempio, in una sentenza del 2018 sulle regole d’ingaggio del fuoco libero utilizzate dall’esercito israeliano durante la Grande Marcia del Ritorno a Gaza, la Corte ha concluso che l’esercito si è attenuto ai principi di necessità e proporzionalità, il che palesemente non è il caso. Durante i due anni in cui si è svolta la Marcia, 214 palestinesi disarmati sono stati uccisi e decine di migliaia sono rimasti feriti (molti sono diventati invalidi) a causa delle sparatorie indiscriminate da parte dell’esercito israeliano.

A luglio, la stessa Corte ha stabilito che un insediamento ebraico illegale costruito su un terreno palestinese di proprietà privata in Cisgiordania era legale, aprendo la strada a ulteriori confische di massa di terra palestinese occupata, il che equivale a un crimine di guerra. Lo stesso mese ha anche approvato la revoca della cittadinanza ai cittadini palestinesi di Israele ritenuti “sleali”.

Questi sono solo alcuni esempi tra i tanti che dimostrano come la Corte Suprema israeliana abbia continuamente avallato le violazioni dei diritti palestinesi fin dalla sua istituzione. Naturalmente, questo fatto è completamente ignorato dai manifestanti, che la vedono come un’istituzione che garantisce i loro diritti.

Di fatto, la legislazione sulla riforma giudiziaria insieme all’agenda ultraconservatrice perseguita dagli alleati di estrema destra di Netanyahu ha scatenato il panico tra i sionisti liberali. Le loro libertà, di cui hanno sempre goduto a scapito dei diritti dei palestinesi, stanno per essere erose. Non potranno più proclamare orgogliosamente che il loro Stato è un baluardo in una regione altrimenti selvaggia.

La maschera sta cadendo e il regime israeliano sta rivelando al mondo una dura verità: che le sue stesse fondamenta sono intrinsecamente antitetiche alla democrazia.

In quale altro modo si può descrivere un’entità che è stata costruita sulla pulizia etnica di altre persone e implementa un regime di Apartheid? In quale altro modo si può descrivere un regime che tiene sotto chiave un intero gruppo di persone? In quale altro modo si può descrivere un regime le cui leggi fondanti sanciscono la supremazia di un gruppo di cittadini su un altro?

Se il governo di estrema destra di Netanyahu dovesse cadere domani, nulla di tutto questo cambierebbe. Infatti, i manifestanti “pro-democrazia” non vogliono che cambi. Questo perché vogliono preservare la supremazia ebraica e l’Apartheid israeliano dal Fiume Giordano al Mar Mediterraneo più di ogni altra cosa.

Yara Hawari è Analista Capo della Rete Politica Palestinese Al-Shabaka. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Politica del Medio Oriente presso l’Università di Exeter, dove ha tenuto vari corsi universitari e di cui continua a essere ricercatrice onoraria. Oltre al suo lavoro accademico, incentrato sugli studi indigeni e sulla storia tramandata, è una assidua commentatrice politica che scrive per vari media tra cui The Guardian, Foreign Policy e Al Jazeera English.

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

israelenetanyahupalestina

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il tempo è arrivato, libertà per Ocalan!  Pace in Kurdistan! Manifestazione nazionale a Roma

Tra il 2013 e il 2015, 10 milioni e 300 mila persone nel mondo hanno sottoscritto un appello internazionale che chiedeva la libertà per Abdullah Öcalan, rapito da un complotto internazionale il 15 febbraio 1999, e per i prigionieri politici in Turchia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Riforma delle pensioni in Francia: nascita di un nuovo movimento?

Proprio ieri, giovedì 19 gennaio, era prevista la prima giornata di sciopero generale contro la riforma delle pensioni di Elisabeth Borne, sesta riforma in trent’anni che vorrebbe aumentare l’età pensionabile da 62 a 64 anni e che ha avuto il pregio di accordare in un unico fronte contrario tutti i sindacati e diverse categorie e settori lavorativi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I militari guardiani dell’estrattivismo in America Latina

Stanno uscendo nuovi dati che confermano il ruolo delle forze armate nell’assalto di domenica 8 gennaio al parlamento, al palazzo del governo e alla Suprema Corte di Giustizia a Brasilia. Non ci si sbilancia con il sospetto che gli assaltatori (terroristi secondo media e autorità) contarono sulla simpatia o un puntuale appoggio dei militari, ma loro sono stati gli organizzatori dell’evento.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia paralizzata per lo sciopero generale contro la riforma delle pensioni

Francia paralizzata ieri, giovedì 19 gennaio, dallo sciopero generale di tutti i sindacati contro la riforma delle pensioni, una prova di forza di Macron, con l’allungamento da 62 a 64 anni dell’età pensionabile come principale provvedimento, oltre a ridurre i regimi previdenziali speciali per una serie di grandi realtà (dalle Ferrovie alla società di gas ed energia), con contestuale riduzione delle tutele per i lavori usuranti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Atlanta: attivista ucciso dalla polizia durante una violenta irruzione nell’accampamento di protesta contro “Cop City”

Un attivista è stato ucciso dalla polizia mercoledì durante una violenta irruzione nell’accampamento di protesta e spazio di aggregazione della comunità che ha bloccato la costruzione di un’enorme struttura di addestramento della polizia, nota come “Cop City”, su circa 100 acri di foresta pubblica nel sud-est di Atlanta.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Perù: Migliaia di abitanti si dirigono in carovana a Lima per chiedere la rinuncia della Boluarte

La Marcia dei Quattro Suyios fa riferimento a quella che ebbe luogo nell’anno 2000, quando migliaia di persone protestarono a Lima contro la fraudolenta rielezione di Alberto Fujimori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Un Camion Vela contro l’APARTHEID

IL 21 Dicembre parte a Torino la CAMPAGNA “APARTHEID in PALESTINA”.
Dopo pochi giorni, il Gruppo Trasporti Torinese, appellandosi al contratto di concessione, fa rimuovere i 12 manifesti a led 100x200cm.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Defend Kurdistan: appello al mondo accademico in solidarietà al popolo curdo ed alla rivoluzione del Rojava

“Un appello al mondo accademico per la solidarietà al popolo curdo e alla rivoluzione del Rojava” è stato diffuso oggi dalle pagine social della campagna Defend Kurdistan Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: fermata e deportata dall’esercito israeliano Stefania Costantini. Intervista alla compagna italiana

E’ stata deportata, messa su un volo Tel Aviv – Roma, arrivato nella serata di martedì 16 gennaio 2023, la compagna italiana Stefania Costantini, fermata all’alba dai soldati occupanti israeliani nel campo profughi di Dheisheh a Betlemme in Cisgiordania.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Questo é il messaggio di Karim Younis dopo 40 anni nelle prigioni israeliane: Libertà per la Palestina, il popolo e i prigionieri palestinesi

Eccomi, appesantito da quarant’anni di prigionia, con qualche capello grigio e molte malattie, ma con tutta la dedizione per continuare il cammino di liberazione con dignità e determinazione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Itamar Ben Gvir mette al bando la bandiera palestinese

l nuovo Ministro della Sicurezza Nazionale israeliano ha vietato l’esposizione dei colori della bandiera palestinese negli spazi pubblici. È l’ultimo tentativo israeliano di cancellare l’identità palestinese.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ilan Pappe: Le formazioni socio-politiche dietro il governo neo-sionista di Israele

Due mesi dopo l’elezione del nuovo governo di Israele, il quadro offuscato sta diventando più chiaro, e sembra che si possano offrire alcuni spunti più informati circa la sua composizione, personalità, e le possibili politiche future e reazioni ad esse.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il nuovo governo Netanyahu accentua l’ipocrisia dell’occidente

A parte le molte dichiarazioni e azioni razziste e violente fatte da Netanyahu e dai suoi alleati negli ultimi anni, il nuovo governo ha già dichiarato che il popolo ebraico ha “diritti esclusivi e inalienabili sull’intera Terra di Israele”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Un appello dalla Palestina: agire per la libertà di Ahmad Sa’adat e dei prigionieri palestinesi

Ahmad Sa’adat e il movimento dei prigionieri resistono in prima linea nella lotta e meritano i nostri sforzi, la nostra militanza e la nostra iniziativa attraverso ogni forma di solidarietà e di sostegno.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ragazzino ucciso dalle forze israeliane a Nablus

Nablus. Il ministero della Sanità palestinese ha dato l’annuncio, all’alba di oggi, giovedì, della morte di Amer Abu Zeitun, 16 anni, colpito alla testa da proiettili sparati da soldati dell’occupazione durante la loro aggressione alla città di Nablus, nel nord della Cisgiordania.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Governo israeliano si prepara a sfollare 8 quartieri di Masafer Yatta

Il governo israeliano appena insediato si sta preparando allo sgombero forzato di otto dei 28 quartieri nell’area di Masafer Yatta, situata nelle colline a sud di Hebron, nella Cisgiordania occupata.