InfoAut
Immagine di copertina per il post

È giunto il momento che la FIFA sospenda Israele!

I palestinesi chiedono di fare pressione sull’organo di governo del calcio mondiale, la FIFA, finché non sospenderà l’adesione di Israele, in conformità con i suoi principi e impegni. L’inazione della FIFA è il via libera affinché Israele continui il suo genocidio contro i palestinesi.

da ISM

Il Comitato Nazionale Palestinese BDS (BNC), la più grande coalizione palestinese alla guida del movimento globale BDS, chiede di esercitare pressioni sulla Federcalcio internazionale (FIFA) affinché rispetti i suoi obblighi relativi ai diritti del popolo palestinese. In questo contesto, la BNC ricorda l’appello della comunità sportiva palestinese e delle organizzazioni per i diritti umani che rappresentano milioni di persone, che la FIFA ha ignorato per anni, di sospendere l’adesione alla Federcalcio israeliana (IFA) per l’inclusione di squadre sportive che giocano o giocano partite negli insediamenti israeliani illegali su terra palestinese rubata. L’IFA consente a queste squadre degli insediamenti illegali di giocare nei suoi campionati e le difende dalle responsabilità, in flagrante violazione del diritto internazionale e degli statuti della FIFA.

Nel momento in cui Israele sta conducendo una guerra genocida contro 2,3 milioni di palestinesi a Gaza, non ci sono scuse affinché i forum internazionali, sportivi e non, non espellano Israele. L’incapacità di questi forum di ritenere Israele responsabile dei suoi crimini rivela più di prima la portata del dominio delle potenze coloniali occidentali, che sostengono Israele e il suo regime genocida di apartheid, su questi forum “internazionali”.

La BNC invita le federazioni calcistiche nazionali del Sud del mondo, le federazioni calcistiche arabe e l’Unione delle federazioni calcistiche arabe a tradurre le risoluzioni dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, dell’Organizzazione per la cooperazione islamica e della Lega araba in pressioni sulla FIFA fino a quando non agisce immediatamente per sospendere l’adesione di Israele, in conformità con i suoi principi e impegni.

Per più di 50 giorni, 2,3 milioni di palestinesi sono stati sottoposti ad una guerra genocida intrapresa da Israele e sostenuta, finanziata e armata dalle potenze coloniali occidentali, guidate dagli Stati Uniti. Nonostante le chiare richieste della Federcalcio palestinese, incentrate sul ruolo della FIFA e delle organizzazioni sportive internazionali nel condannare l’aggressione israeliana contro i palestinesi a Gaza e le pressioni per un cessate il fuoco, la rottura dell’assedio e l’ingresso di aiuti di emergenza a Gaza, la federazione sportiva internazionale non è stata finora in grado nemmeno di assumere una posizione morale contro il genocidio.

Secondo lo Statuto della FIFA, la Federazione si impegna a “rispettare tutti i diritti umani riconosciuti a livello internazionale e si impegna a promuovere la tutela di tali diritti” [Articolo 3]. La FIFA sottolinea inoltre che “la discriminazione di qualsiasi tipo contro un paese, un privato o un gruppo di persone… è severamente vietata e punibile con la sospensione o l’espulsione” [articolo 4]. La Politica della FIFA sui Diritti Umani afferma inoltre che la Federazione “si sforzerà di andare oltre la propria responsabilità di rispettare i diritti umani, come sancito dagli UNGP, adottando misure per promuovere la tutela dei diritti umani e contribuire positivamente al loro godimento” [Articolo 4] , e che “si impegnerà in modo costruttivo con le autorità competenti e le altre parti interessate e farà ogni sforzo per sostenere le proprie responsabilità internazionali in materia di diritti umani” [Articolo 7].

Infatti, meno di una settimana dopo l’inizio dell’aggressione della Russia contro l’Ucraina, la FIFA si è affrettata ad adottare misure energiche per garantire che i suoi impegni e obblighi non fossero compromessi consentendo alla Federcalcio russa di continuare a giocare nei suoi tornei. In questo caso, la FIFA non ha nemmeno aspettato le risoluzioni delle Nazioni Unite su cui si era basata in precedenti casi quando aveva sospeso l’adesione delle federazioni calcistiche nazionali e vietato loro di partecipare ai suoi tornei per motivi politici, come la Federcalcio sudafricana durante il regime dell’apartheid. La decisione della FIFA, del Comitato Olimpico Internazionale e di altri organismi sportivi internazionali di sospendere l’adesione del Sudafrica all’epoca fu uno dei più importanti strumenti di pressione che contribuirono allo smantellamento del sistema di apartheid del Sudafrica. Dove sono oggi questi organismi sportivi e perché stanno fallendo nel loro ruolo di proteggere i palestinesi dalla guerra genocida di Israele e dal suo regime di apartheid?

Nel corso degli anni, è apparso chiaro che il disprezzo della FIFA per le richieste palestinesi e il suo deliberato abbandono dei propri obblighi e responsabilità nei confronti dei diritti umani quando si tratta dei diritti del popolo palestinese, è un riflesso del razzismo profondamente radicato e dell’ipocrisia dell’Occidente e delle potenze che controllano la FIFA e sono complici del regime israeliano di colonialismo e apartheid. Oggi, mentre il nostro popolo è sottoposto a questo crimine di genocidio in mondovisione, l’inazione della FIFA è il via libera affinché Israele continui il suo genocidio contro i palestinesi.

Comitato Nazionale Palestinese per il BDS (BNC)

Palestinian BDS National Committee (BNC) https://bdsmovement.net/news/its-past-time-for-fifa-suspend-israel

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

ASSEDIO DI GAZAbdsbds italiacalcioFifaisraele

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA per la Palestina: dipendenti Google licenziati e studenti alla Columbia University sgomberati dalla polizia

Negli Stati Uniti proteste in corso a sostegno del popolo palestinese, per il quale diversi settori della società civile si sono mobilitati.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Giornata di mobilitazione per il clima e a sostegno della Palestina.

Da Nord a Sud Italia questa mattina lo sciopero climatico lanciato da Fridays For Future ha riempito le piazze di giovani e giovanissimi che hanno ribadito le connessioni stringenti tra la devastazione dei territori e le guerre, rappresentando un forte grido in sostegno alla Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Appello alla mobilitazione in sostegno alla popolazione di Gaza ed alla resistenza palestinese

Ci appelliamo a tutt3 coloro che vogliono sostenere la resistenza del popolo palestinese per difendere una prospettiva universale di autodeterminazione, uguaglianza, equità e diritti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Attacco iraniano a Israele: quali conseguenze per il Libano?

Lo Stato ebraico potrebbe intensificare la lotta contro Hezbollah, ma secondo gli esperti una guerra aperta sul territorio libanese è improbabile.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: il popolo mapuche convoca una marcia a Temuco contro un megaprogetto elettrico

Viene convocata anche per chiedere la fine della promulgazione e dell’applicazione di leggi che cercano di fronteggiare i genuini processi di rivendicazione territoriale che comunità e Pu lof portano avanti in attesa della ricostruzione e liberazione nazionale mapuche.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Federico II di Napoli: assemblea di massa in solidarietà con il popolo palestinese

Napoli venerdi 12 aprile, h 11.30. Dopo aver impedito al direttore di Repubblica Molinari di portare avanti la sua propaganda guerrafondaia, dopo aver occupato il rettorato, gli studenti della Federico II hanno costretto ad un tavolo il rettore Lorito.  L’aula Conforti della facoltà di Giurisprudenza è stracolma, parliamo almeno di 500 persone.  L’intervento d’apertura da […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le elezioni USA: non solo uno scontro tra un “rimbambito” e un “delinquente”

Dopo il Super Tuesday del 5 marzo, la partita delle primarie presidenziali negli Stati Uniti si è chiusa con lo scontato risultato della vittoria di Biden da un lato e di Trump dall’altro, che quest’estate verranno incoronati quali candidati per la corsa del novembre 2024 nelle Conventions dei rispettivi partiti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

In un recente comunicato, l’Assemblea Comunitaria di Puente Maderas, Municipio de San Blas Atempa, Oaxaca, intitolato significativamente “Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione”, ribadisce il suo rifiuto fondato e il suo impegno di resistenza alla megaopera del Corridoio Interoceanico dell’Istmo di Tehuantepec.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’obiettivo finale di Netanyahu e le ambizioni regionali dell’estrema destra israeliana

Gli eventi degli ultimi giorni suggeriscono che potremmo vedere prendere forma l’obiettivo finale di Israele. Gli obiettivi del governo di estrema destra di Netanyahu non si limitano a Gaza: vuole conquistare tutta la Palestina e iniziare una guerra anche con Hezbollah e l’Iran.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: cariche alla manifestazione contro il concerto “in onore” dei 75 anni della NATO. 10 gli attivisti feriti

Scontri e feriti alla manifestazione contro la Nato e le politiche di guerra, 10 i manifestanti feriti.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sapienza: un racconto della giornata di ieri (17 aprile)

Il 17 aprile in Sapienza è stata una giornata di lotta e smascheramento dei rapporti che l’università coltiva (e non vuole interrompere) con la guerra e Israele.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Cosa vuol dire un’università libera?

In TV e sui giornali si è scatenata la canea mediatica nei confronti degli studenti e delle studentesse universitarie che richiedono la fine degli accordi di ricerca militari o di dual use con le università israeliane.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Torino: 23 aprile corteo contro il convegno vergognoso del Politecnico

Condividiamo di seguito l’appello degli studenti e delle studentesse universitarie torinesi mobilitati in sostegno al popolo palestinese in vista del convegno che si terrà il 23 aprile al Politecnico alla presenza del Ministro Tajani, di Eni e MAECI.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

“Lavender”: la macchina dell’Intelligenza Artificiale di Israele che dirige i bombardamenti a Gaza

L’esercito israeliano ha contrassegnato decine di migliaia di gazawi come sospetti per l’assassinio, utilizzando un sistema di puntamento AI con scarsa supervisione umana e una politica permissiva per i danni collaterali, rivelano +972 e Local Call.