Betlemme, scontri in occasione della visita di Trump

Marcia in solidarietà ai prigionieri palestinesi insciopero della fame

 

Stampa

Ieri sera centinaia di manifestanti palestinesi hanno invaso la città di Betlemme in occasione della visita di Trump nella regione e in solidarietà ai 1300 prigionieri, nelle carceri israeliane, in sciopero della fame da 36 giorni.

||||
|||| ||||

Sono partiti dal campo profughi di al-Deheisheh, a sud di Betlemme, durante la marcia di solidarietà l’intervento da parte dell’Autorità Palestinese a portato a duri scontri. Arrivata a Betlemme la marcia ha condannato il presedente degli USA Donald Trump e le politiche imperialiste messe in atto dal governo degli Stati Uniti. Hanno espressamente indicato gli USA, attraverso slogan, i responsabili maggiori della condizione palestinese, definendoli “la testa del serpente”.

Anche a Gaza si manifestava in solidarietà dei 1300 prigionieri in sciopero della fame, e nel tentativo di raggiungere il confine i manifestanti sono stati attaccati dalle forze israeliane.

In entrambi i casi i manifestanti chiedevano il miglioramento delle condizioni di vita dei prigionieri politici palestinesi che si trovano nelle galere israeliane. Sono in sciopero della fame dal 17 aprile e il trattamento a loro riservato peggiora di giorni in giorno. Pesanti sanzioni e limitazioni di diritti sono normalità in uno Stato occupante che in tutti modi cerca di fiaccare la resistenza di un popolo che non abbasserà mai la testa.

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons