InfoAut
Immagine di copertina per il post

Atene (Grecia): Incendio alla stazione di polizia di Exarcheia

||||

Riprendiamo questo comunicato su quanto successo il 4 febbraio ad Atene, in particolare ad Exarcheia, dove un commissariato è stato incendiato.

 

Dark Nights / sabato 12 febbraio 2022

Rivendichiamo la responsabilità dell’attacco incendiario alla stazione di polizia di Exarcheia il 4 febbraio 2022. L’attacco è stato effettuato da un gruppo di compagni che, armati delle armi del cameratismo e dell’organizzazione, hanno sfidato lo stato di polizia e sono riusciti a demolire il mito dell’onnipotenza che la polizia coltiva sistematicamente in questo quartiere. Abbiamo attaccato il corpo di guardia e l’ingresso della stazione di polizia con più di 10 bottiglie Molotov e i poliziotti sono usciti in una fuga disordinata.

Qualche parola sulla situazione generale

La tragica gestione della pandemia, i cambiamenti radicali che ha determinato e gli sviluppi di questo periodo sono indicativi di ciò che ha portato alla base della società. Inflazione, povertà, carenza di accesso all’energia, morti giornaliere dovute al Covid-19, che hanno già raggiunto i 24.000 morti: sono questi i risultati della gestione capitalista, che mira a ripristinare la redditività del capitale.

Allo stesso tempo, contrariamente a quanto dice il governo, la riduzione indiretta dei salari e il sempre crescente deterioramento del Servizio Sanitario Nazionale stanno spingendo sempre più la base della società nella miseria. D’altra parte, il cinismo dei governanti si riflette nelle loro dichiarazioni, che mostrano il loro livello di indifferenza per la vita dei poveri.

Le recenti dichiarazioni di Mitsotakis: “Potremmo aver avuto 16.000 morti, ma abbiamo salvato il turismo”, ha ammesso Plevris [Thános Plévris, ministro della Salute; NdAtt.] :”non abbiamo il comunismo e tutto ciò che viene ordinato è pagato” e la riflessione di Skertzos che è un lusso sostenere il Servizio Sanitario Nazionale non lascia spazio a dubbi.

Mentre il ministro dello Sviluppo, Adonis Georgiades, annuncia la fine della pandemia, i pazienti continuano a morire nei letti e il personale medico e infermieristico a corto di personale crolla sotto il loro carico di lavoro.

E naturalmente non possiamo dimenticare le vere vittime della pandemia, coloro che si sono ammalati e sono morti in terapia intensiva o altrove, così come coloro che sono stati costretti a interrompere le cure e i ricoveri perché erano “troppi”.

Le inesistenti misure di protezione, nei luoghi di lavoro e sui mezzi pubblici, e la riduzione dei giorni di quarantena per i malati (a favore dei benefici dei padroni) sono stati decisivi nel portarci a un gennaio mortale, con 2.710 morti.

La gestione repressiva della pandemia, fin dal primo giorno, ci ha rapidamente dimostrato che l’unica area di investimento per lo stato greco è quella della contro-insurrezione preventiva. Il reclutamento di poliziotti, l’acquisto senza guardare a spese di attrezzature e veicoli, i costi incalcolabili delle “attrezzature di difesa” indignano la società, a causa dell’audacia e dell’arroganza del potere statale.

In tutta questa situazione di crescente povertà e offerta di manodopera a basso costo, lo Stato greco sta contribuendo alle aspirazioni imperialiste dei suoi alleati, chiedendo ricompense sempre maggiori per il capitale nazionale.

L’acquisto di aerei da combattimento Rafale e i preparativi per inviare truppe in Mali e sahel, in Africa, per sostenere le truppe francesi, dimostrano, oltre alla promozione geostrategica dello stato greco, che il governo greco è pronto a impegnarsi in un possibile bagno di sangue a beneficio degli alleati dell’UE e della NATO.

Tuttavia, le promettenti vittorie negli ultimi mesi dei lavoratori della consegna di cibo via Internet e presso l’armatore Cosco, in occasione della morte dell’operaio Dimitris Dagklis, così come lo sciopero offensivo a Kavala Oil, dopo i licenziamenti, con la brutale repressione da parte dei poliziotti, annunciano un futuro di intensa guerra di classe.

Di conseguenza, in un mondo di crisi continue e incessanti, le lotte che stanno scoppiando in Europa e in America Latina, fino alla rivolta popolare armata in Kazakistan, stanno aprendo la strada.

C’è un mondo che lotta, nell’opposizione fondamentale tra capitale e mondo del lavoro, contro lo sfruttamento dell’uomo da parte dell’uomo, contro il fascismo, l’omofobia e il patriarcato.

E se ad alcune persone queste lotte sembrano lontane, le lotte offensive per la soddisfazione della richiesta del militante Dimitris Koufondinas, così come gli eventi insurrezionali di Néa Smýrni sono lì per dimostrare loro il contrario …

Per Exarcheia…

Lo schiacciamento della resistenza nel distretto di Exarcheia è un desiderio ardente per le autorità. La repressione poliziesca, il traffico di droga e il capitale sono gli aspetti principali dell’attacco alle parti più povere del quartiere: gli immigrati, il movimento rivoluzionario e i giovani.

Due decenni fa, in questo quartiere si era già tentato di privatizzare la collina di Stréfi e “riqualificare” piazza Exarcheia, con risultati non molto positivi per il governo dell’epoca. Le varie resistenze e mobilitazioni del movimento e della comunità locale erano riuscite ad annullare gli investimenti e avevano costretto il governo e il capitale privato ad una ritirata disordinata.

Lo svolgimento di eventi politici, sociali e culturali sulla collina e in piazza, il sabotaggio di macchine appartenenti alle aziende private che hanno invaso Piazza Exarcheia, gli attacchi agli spacciatori, le manifestazioni di massa organizzate sul posto e gli attacchi contro obiettivi di polizia hanno creato un ambiente destabilizzante per gli investimenti e favorevole agli interessi della classe operaia e del movimento sovversivo. La ritirata dello stato e del capitale e il terreno guadagnato dalle forze sociali / di classe hanno costruito le condizioni affinché il quartiere mantenesse il suo carattere militante e di classe e diventasse, pochi anni dopo, il punto di riferimento per la più grande rivolta nella Grecia post-dittatura.

Furono le resistenze sociali e di classe che, nel tempo, determinarono il carattere del quartiere, trasformando Exarcheia in un punto di riferimento per il movimento anarchico e sovversivo.

E, nel corso del tempo, lo stato ha usato le sue forze di riserva tanto necessarie – i trafficanti di droga – per schiacciare la resistenza e riconquistare l’egemonia.

Fin dagli anni ’90, in questo quartiere i narcotrafficanti sono stati le grandi braccia della polizia, perché le transazioni, gli affari e lo scambio di informazioni sul movimento e sugli attivisti sono per lo stato un modo strategico per infiltrarsi in questo settore. Oltre a questo, il traffico e il consumo di droga sono stati un fattore di pacificazione per gran parte dei giovani che hanno frequentato Exarcheia, giocando un ruolo come condizione di dipendenza/repressione, che va contro una prospettiva di politicizzazione.

Inoltre, la deliberata trasformazione di questo settore in un enorme mercato della droga all’aperto, che è diventato gigantesco durante il governo SYRIZA / ANEL, è stato un altro aspetto della strategia dello stato e del capitale per neutralizzare la resistenza che si sta sviluppando lì.

L’egemonia della mafia (lo stato) nel quartiere e l’imposizione della paura hanno plasmato i rapporti sociali in modo che, “come previsto”, si sia sviluppata la “domanda” di maggiore sicurezza, tra una parte degli abitanti. Lo stato è riuscito a ridurre le caratteristiche progressiste e libertarie, una delle caratteristiche del quartiere e la sua bandiera nel corso degli anni successivi alla fine della dittatura.

La partenza forzata dei residenti a causa della violenza indiscriminata e incontrollata delle guerre tra narcotrafficanti, i cancelli di ferro dei condomini che hanno sostituito “apertura” e solidarietà, la paura e la sottomissione ai più forti, gli stupri che hanno avuto luogo nel settore, uniti alla generale indifferenza di parte del movimento a questi fenomeni, hanno lasciato spazio alla repressione e terreno per la contro-insurrezione.

Allo stesso tempo, il capitale ha investito pesantemente nel settore, in previsione del suo declino, in modo che la “domanda di maggiore sicurezza” potesse soddisfare la “necessità dello sviluppo capitalista”. La retorica usata dagli stessi capitalisti, quando si riferiscono a questo settore, non è una coincidenza.

Prodea Investments, società immobiliare leader nel settore immobiliare, afferma: “Negli ultimi anni, tuttavia, il deterioramento del centro città ha portato anche al declino di Stréfi Hill. L’abbandono e l’indifferenza hanno trasformato quello che una volta era un polmone verde in un luogo pericoloso”.

È chiaro che, per avere successo, il rapido sviluppo capitalistico dell’area deve porre fine alla resistenza e sopprimere coloro che – nonostante i tempi – continuano a lottare.

I pestaggi di attivisti, gli arresti per manifesti, lo sgombero di squat, la trasformazione di questo quartiere nel settore di Atene dove la presenza della polizia è la più forte dimostrano che il capitale non “negozia” più la sua egemonia.

Investimenti nel mercato immobiliare pari a miliardi di euro, da cinesi, israeliani e altri rifiuti dell’élite locale e internazionale, il prestito/finanziamento di 730 milioni di euro dalla Banca Europea per gli Investimenti, per la costruzione della linea 4 della metropolitana di Atene, la privatizzazione della collina Stréfi da parte di Prodea impongono lo schiacciamento della resistenza sociale e di classe, così come un forte aumento degli affitti e degli sfratti degli affitti.

La strage di classe in atto nel settore exarcheia, con il tentativo di trasformarla in un ambiente storicamente e politicamente disumanizzato, in un “parco divertimenti alternativo” in cui un’ideologia “apolitica” determinerà i rapporti politico-sociali, è l’ambiente che il capitale cerca, per ottenere redditività senza resistenze.

La fine del libero accesso al Politecnico, la trasformazione della storica piazza in un cantiere, il tentativo di distruggere il monumento allo studente anarchico A. Grigoropoulos per costruire abitazioni di lusso in via Mesolonghiou, tutto questo impone l’oblio invece della memoria. Ciò impone la dimostrazione del dominio della polizia e della magistratura, invece della proiezione del pensiero e della prospettiva antiautoritaria sconfitta.

Nel prossimo futuro, dobbiamo trasformare il nostro vicinato in una polveriera, un ambiente inospitale per gli investitori e i loro tirapiedi. Dobbiamo rafforzare le iniziative di controllo esistenti in questo settore e trasferire lì le nostre iniziative politiche. Allo stesso tempo, dobbiamo riconoscere e contrastare le scelte politiche assimilazioniste che trasformano Exarcheia in un quartiere del divertimento, dando le sue caratteristiche politiche ostaggio dell’ideologia del profitto e della cultura dominante.

Ispirato dalle lotte dei decenni precedenti, che è riuscito a bloccare i piani della comunità imprenditoriale per pacificare il quartiere. Ispirato dalla lotta contro lo Stato, contro le mafie della droga e contro il cannibalismo sociale, nonché dal sacrificio di sé mostrato dai compagni e dalle compagne che affrontano un avversario a volte spietato e incontrollabile, che incarna i più selvaggi istinti autoritari e patriarcali.

Riprendiamo la fiaccola delle ostilità contro le forze di polizia, avvenute nella zona durante i primi mesi successivi all’elezione di Néa Dimokratía, ispirate alla rottura della “zona rossa” nel dicembre 2020, quando centinaia di attivisti hanno sfidato la repressione estrema. Riprendiamo il filo delle lotte dalla grande manifestazione del 6 dicembre 2021 e dalla rioccupazione dell’edificio Gini [un luogo occupato all’interno del Politecnico; NdAtt.].

Dichiariamo che consideriamo Exarcheia come il nostro quartiere e che siamo determinati a non abbandonarlo a poliziotti, commercianti e grandi investitori, qualunque sia il costo.

Post scriptum Ancora una volta i giornalisti si sono dimostrati degni di cogliere l’occasione per distorcere i fatti e indegni di servire la verità. Sarebbe stato interessante per loro informare gli spettatori sul numero di forze di polizia e sulla loro posizione intorno alla stazione di polizia di Exarcheia, durante il nostro attacco, e su ciò che non hanno fatto.

P.S. Libertà per il combattente Polykarpos Georgiadis.
Solidarietà con i compagni e le compagne che vengono perseguite nello stesso caso (il processo si svolgerà il 14/02).

Rilascio immediato del compagno Haris Mantzouridis.

Libertà per il compagno Mario Seisidis.

Memoria rivoluzionaria

Da Attaque

 

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

ateneexarchiaGrecia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Iran: sciopero generale nel 60° giorno della rivolta. Il parlamento vota la condanna a morte per chi manifesta nelle strade

Sciopero generale ieri in Iran in occasione del terzo anniversario della rivolta del novembre 2019 che coincide col 60 giorno di rivolta iniziata il 16 settembre con l’omicidio di Mahsa Amini, giovane curda di 22 anni.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Udai Tamimi, la Fossa dei Leoni è la culla popolare della resistenza palestinese

La capacità di Udai di effettuare due operazioni in aree di importanza strategica per lo stato israeliano ed eludere l’arresto per 12 giorni ha catturato l’attenzione dei media popolari mentre l’esercito israeliano assediava il campo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Atene: tra scioperi e rivolte da non dimenticare

Il percorso di mobilitazioni su carovita e contro la guerra continua il 17 novembre, giorno in ricordo della rivolta di Politecnio, una protesta che  si svolse presso il Politecnico di Atene a partire dal 14 novembre 1973 nell’ambito di una massiccia manifestazione studentesca sul rifiuto popolare della giunta militare greca e terminò in uno spargimento di sangue al mattino del 17 novembre, quando un carro armato sfondò i cancelli del campus e furono massacrati 24 civili.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nazione Mapuche: Due organizzazioni rivendicano azioni di sabotaggio “contro la visita di Gabriel Boric e la sua subordinazione all’oligarchia”

Due organizzazioni ribelli, cioè: la Resistenza Mapuche Lavkenche (RML), e l’ORT (Organizzazione di Resistenza Territoriale) “Toño Marchant” del CAM, hanno rivendicato il sabotaggio di un campo di lavoro forestale contro la visita di Gabriel Boric e le sue posizioni sempre più reazionarie riguardo al popolo originario.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il movimento curdo nega il proprio coinvolgimento nell’attentato di Istanbul

Dopo l’attentato di ieri ad Istanbul che ha provocato sei morti e decine di feriti il governo di Erdogan ha immediatamente accusato il PKK e le Ypg/Ypj di essere responsabili dell’attentato. Il movimento curdo ha respinto con forza queste accuse e ha denunciato un piano oscuro del dittatore turco per colpire Kobane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro il “Nido delle Vespe”: l’ascesa della Brigata Jenin

l campo profughi di Jenin è stato trasformato in una “zona liberata” dalle fazioni della resistenza armata. Ora la resistenza spera che il modello Jenin si diffonda in altre parti della Cisgiordania.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: Festa o no nella favela?

Qual è il futuro della relazione dello stato con le periferie urbane?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

First strike: tra opposizione e realtà di una guerra ancora lunga.

La cosiddetta dottrina Biden apre a una serie di considerazioni rispetto alla guerra russa-ucraina rispetto alla sua possibile escalation e minando il campo delle ipotesi di risoluzione del conflitto.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina. Occupazione pacifica delle donne indigene nella Banca Centrale: siamo portavoce della Terra che dice basta!

Il Movimiento de Mujeres y Diversidades Indígenas por el Buen Vivir ha occupato pacificamente la Banca Centrale della Repubblica Argentina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

In Grecia il più grande sciopero generale dal 2012 contro l’aumento dei prezzi

Ieri è andato in scena in Grecia uno sciopero generale di ventiquattro ore contro carovita ed inflazione. Decine di migliaia di manifestanti ad Atene e Salonicco, trasporti bloccati e scontri nei pressi del Parlamento.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Tra Atene e Torino, violenza di genere come pratica di disciplinamento e repressione

Emerge come l’oppressione della polizia è tutt’uno con quella patriarcale. La violenza sessuale diventa così a carattere sistematico, una metodologia che permette al potere di consolidarsi, reprimere e diffondere i propri valori.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

21 settembre: in ricordo di Zakie Oh!

Il 21 settembre 2018, Zakie Oh! – un membro della comunità LGBTQIA+ ateniese, sieropositiv*, genderqueer, drag queen, antifascista e attivista per i diritti umani –  viene brutalmente assassinat* da due commercianti Evangelos Dimopoulos e Athanasios Hortarias in Gladstonos Street a Omonia. L’omicidio si è consumato in pieno giorno in nome della difesa della proprietà del […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Exarchia, il quartiere minacciato da repressione, speculazione e progetto di metropolitana

Cosa è successo nell’estate ateniese ad Exarchia, storico quartiere di resistenza della capitale greca? Il governo con la scusa di voler costruire una stazione della metropolitana della linea 4, ha militarizzato il quartiere. Un pretesto, quella di portare il “traspotro pubblico” nell’area, che cela la volontà di assoggettare e speculare sempre di più sul quartiere […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Il razzismo del sistema di accoglienza greco: lo sgombero del campo di Eleonas ad Atene e la resistenza

In Grecia le persone migranti, in particolare i richiedenti asilo, sono costrette a sottostare a un sistema di “accoglienza” militarizzato e razzista, che prevede la loro ghettizzazione in campi su isole dalle quali non possono uscire o in posti dell’entroterra lontanissimi dalle città. Questa condizione comporta chiaramente forte isolamento sociale, aumento della povertà e condizioni […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Inizia lo sgombero del campo profughi di Eleonas, l’ultimo campo della città di Atene

Riceviamo e pubblichiamo da un compagno presente in loco… Inizia così la deportazione della popolazione nei campi di confinamento sparsi per le campagne. 220 persone dovrebbero essere trasportate nei campi di Scist, Ritsona e Malakasa, contro la loro volontà. Ma ieri hanno detto chiaramente che nessuno vuole lasciare il campo, nessuno vuole lasciare la città. […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Grecia, scontri e repressione all’Università di Salonicco

Vi avevamo parlato già un anno fa delle mobilitazioni contro la riforma della polizia dentro le università, storicamente fulcro dell’organizzazione antagonista, che crea un corpo specifico di Polizia dedicato all’università e limita attraverso l’uso di badge e altri stratagemmi l’accesso ad esse. La legge è vecchia di un anno ma ancora non era stata applicata. […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Un’analisi dalla Grecia, tra guerra, lotte antimilitariste e carovita

Eccoci tornat* in Grecia, con un lungo ed esaustivo approfondimento sul contesto Greco attuale in questi tempi di guerra e carovita. Con un compagno lì presente, ci facciamo raccontare come si sta posizionando lo stato greco nel panorama geopolitico internazionale in tempi guerra, essendo il territorio ellenico luogo strategico per l’Oriente e il Mediterraneo, e […]