InfoAut
Immagine di copertina per il post

Guerra di Classe in Wisconsin: 10 cose che dovreste sapere

Per la maggior parte dello scorso decennio, ho vissuto nel folle, freddo e contraddittorio stato che è il Wisconsin. Ho scritto articoli di ricerca a Madison, dato reading di poesia a Milwaukee, fatto cordoni a Jefferson, organizzato conferenze studentesche ad Eau Claire, condotto laboratori artistici a Green Bay, parlato al matrimonio del mio compagno di stanza a Merrill, e sono stato in campeggio con la mia futura moglie a Black River Falls.

Da ragazzo metropolitano proveniente dalla East Coast, non mi sono mai completamente abituato al candore abbagliante del Wisconsin — dell’inverno e, certamente, delle persone. Ma alla fine ho imparato come indossare cinque strati di vestiario a Febbraio e che, tra le fattorie e le fabbriche abbandonate, c’era della gente della working class con una forte etica democratica. Come mi disse una volta il mio nuovo compagno di stanza di Wausau, “Josh, non seguo la politica. Odio solamente le corporation.”

Arriviamo al 2011: il nuovo Governatore Repubblicano, Scott Walker, ha dichiarato guerra al mio vecchio compagno di stanza ed a tutti i lavoratori del Wisconsin. Con la scusa del deficit di bilancio, Walker ha appena pubblicato una proposta di legge che distruggerà i sindacati che rappresentano gli insegnanti, gli operatori sociali, ed oltre 100.000 impiegati pubblici. Sta anche effettuando enormi tagli alle scuole, al servizio sanitario, ai trasporti pubblici, ed in realtà a qualunque cosa che aiuti la gente a campare.

Un’altra follia? Walker ha ordinato alla Guardia Nazionale di prepararsi a rispondere ad uno sciopero o a qualunque resistenza al suo piano. L’ultima volta che il Wisconsin ha schierato la Guardia Nazionale durante una vertenza è stato nel lontano 1886, quando i miliziani della Guardia  spararono su un raduno di lavoratori di Milwaukee che chiedevano la giornata lavorativa di 8 ore. Cinque lavoratori disarmati furono uccisi nel massacro.

Ho amato vivere nel Wisconsin. A dire il vero, l’ho odiato anche svariate volte, specialmente quando è venuto fuori il suo lato spiacevole come ora. Ho combattuto questa stessa lotta per la maggior parte dei miei anni all’Università del Wisconsin. Le richieste per cui ci mobilitavamo non erano nulla di nuovo: minori tasse per gli studenti, migliori servizi sanitari per i lavoratori, tasse più alte per i ricchi ed un investimento reale nella pubblica istruzione anziché nelle carceri private. Questo con Jim Doyle in carica. Ma adesso con questo tizio di Walker, siamo su un piano del tutto diverso.

Ovviamente, il popolo non si arrenderà senza combattere. Questa settimana ci sono state ogni giorno manifestazioni inaudite al Campidoglio di Madison — dalle 1.000 persone del primo giorno alle oltre 25.000 di ieri (16 febbraio N.d.T.).

Vorrei essere là fuori in State Street con i miei Badgers in lotta, ma come minimo posso fare del mio meglio per diffondere la notizia. Così, per tutti i miei vecchi studenti e compagni di stanza che scendono per le strade, e per chiunque altro che si stia domandando cosa diavolo stia succedendo nella Latteria d’America, chiariamo alcune cose:

 

1.      Quella del deficit è una crisi artificiale.
Come molti stati, il Wisconsin sta lottando nella recessione, ma lo stato non è proprio in bancarotta. L’ufficio fiscale del congresso statale ha stimato che lo stato terminerà l’anno con un saldo di 121 miloni di dollari. Walker sostiene che ci sia un deficit di 137 milioni di dollari — ma questo non dipende da un aumento nei salari o dei benefici dei lavoratori. Secondo il Capital Times, ciò dipende dal fatto che “Walker ed i suoi alleati hanno deliberato a gennaio 140 milioni di dollari di nuovi contributi a favore dei gruppi aziendali e di interessi lobbistici.” Bene. Una “crisi” prefabbricata come scusa per promuovere tagli neoliberisti: qualcuno ha detto Shock Doctrine?

2.      Anche se ci fosse un deficit, prendetevela con Wall Street — non con i lavoratori.
L’economia non sta crollando perché i lavoratori statali di Madison hanno delle pensioni decenti. Lo sta facendo perché i banchieri di Wall Street hanno rubato i nostri soldi, perché Bush ed ora Obama ci hanno coinvolti in due guerre multimiliardarie, e perché stati come il Wisconsin continuano a spendere più in prigioni che in scuole. Cosa pagano i ricchi? Secondo il Dipartimento della Fiscalità del Wisconsin, il gettito proveniente dalla tassazione delle imprese si è ridotto della metà dal 1981 ed oltre i due terzi delle imprese del Wisconsin non pagano tasse.

3.      I Green Bay Packers sono col popolo.
Hanno vinto il Super Bowl. Il loro datore di lavoro è la gente di Green Bay, non qualche carogna di miliardario. Ed ora quelli del Pack si alzano solidali con i loro fratelli e le loro sorelle nei sindacati. Se solo Brady Poppinga (nella foto sotto) placcasse Scott Walker così! Se il verde e l’oro sono in campo, sapete già con chi giocare. (E comunque ho sentito che Walker è un fan dei Vikings.)

4.      Questa non è “l’ennesima protesta di Madison.”
Madison è famosa per la sua tradizione progressista, ma questo è più che l’ennesimo corteo per State Street. Questa lotta sta coinvolgendo la gente in tutto lo stato – non solo Madison e Milwaukee, ma a LaCrosse, Eau Claire, e nel circondario della casa del Goverantore Walker a Wauwatosa. Questa lotta è multirazziale, multigenerazionale e multitematica. I bianchi della working- e della middle-class (la maggioranza della popolazione) potrebbero finalmente rendersi conto che l’unità nel lungo termine è più forte degli sgravi fiscali nel breve termine. Cercate l’antidoto progressista al Tea Party? Qualcosa bolle in pentola nel Badger State.

5.      I sindacati dei lavoratori pubblici sono stati fondati nel Wisconsin.
Il primo sindacato degli impiegati pubblici ha iniziato le sue attività a Madison nel 1932, per garantire salari minimi ai lavoratori e porre fine alle raccomandazioni politiche per i posti di lavoro statali. Il maggiore sindacato pubblico, l’AFSCME, nacque proprio dove stanno avvenendo oggi le proteste di Madison. Il Wisconsin ha sempre avuto una doppia eredità — sede dell’ultimo sindaco Socialista del paese (Frank Zeidler di Milwaukee) e dello stesso anticomunista per eccellenza, Joe McCarthy; più di recente, ci sono stati il senatore progressista Russ Feingold e quello anti-immigrati Rep. Jim Sensenbrenner — ma l’ethos democratico della Latteria può essere fatto risalire all’Epoca Progressista ed ai suoi sindacati pubblici.

6.      Colpire i lavoratori pubblici non vi aiuterà a procurarvi un lavoro migliore.
Molti conservatori e persino alcuni liberal, sostengono che abbiamo bisogno di “portare i benefici dei lavoratori pubblici al livello dei lavoratori privati.” Prima di tutto, non è vero che i lavoratori pubblici se la passino meglio — di solito percepiscono salari minori in cambio di benefici maggiori. Più importante, tuttavia, è l’idea che dovremmo favorire l’economia in generale, anziché continuare in questa corsa al ribasso. Russ Feingold ha detto ieri che i “Repubblicani stanno provando a mettere i lavoratori del privato contro le loro controparti pubbliche.” Mai più dividi e conquista. Certo, le persone che lavorano nel privato (oppure, le persone che come il 50% dei neri di Milwaukee non hanno affatto un lavoro) hanno diritto ad essere arrabbiati: ma quella rabbia dovrebbe essere riservata alle compagnie che stanno ridimensionando il personale e delocalizzando questi lavori, non per gli insegnanti delle medie e la signora al bancone.

7.      In ballo c’è più dei sindacati.
Si tratta di pubblica istruzione, giustizia sociale, diritti dei migranti, blocco dei pignoramenti e diritti umani di base. Più o meno è questo il bottino con cui la Destra Radicale pensa di svignarsela. Si tratta di tracciare una linea nella sabbia – se prendono di mira i sindacati ora, a chi toccherà in seguito?

8.      Il paese sta osservando il Wisconsin.
Gli avvenimenti di questa settimana a Madison hanno implicazioni nazionali. Proprio ora, gli occhi di tutti sono sul Wisconsin. I governatori di Ohio e Tennessee stanno minacciando di adottare simili provvedimenti — ed Obama ha la sua proposta di bilancio conservatrice a livello federale. Se riescono ad imporla nel Wisconsin, relativamente liberal, il vostro stato potrebbe essere il prossimo.

9.      Il Wisconsin ha osservato l’Egitto.
Le notizie viaggiano veloci, e le rivolte ci ispirano l’un l’altro attraverso i continenti. I contestatori sulle strade di Madison hanno osservato i milioni di egiziani che hanno deposto con successo e nonviolentemente il loro dittatore. Molti di essi stanno adesso reggendo cartelli come quello sotto che definisce Scott Walker “il Mubarak del Midwest.” E mentre i media statunitensi stravedono per i sindacalisti che hanno deposto un dittatore in Egitto, la CNN ha poca simpatia per quei lavoratori che saranno ridotti al silenzio proprio qui in patria.

10.  Il Campidoglio di chi? Il NOSTRO!
Questo è il nostro tempo. Il nostro stato. Il nostro crescente movimento per cambiare il corso del paese. L’assemblea legislativa potrebbe votare la legge Walker entro oggi (17 febbraio N.d.T.) – a meno che i veri Badgers non si facciano avanti per fermarlo.

 Le proteste si stanno intensificando di giorno in giorno, dentro e fuori dal Campidoglio. A tutta la mia gente di Madison: tenete duro e sappiate che siamo con voi. Al resto del paese: diffondete la notizia, fate una donazione alle casse di difesa legale, ed assicuratevi che i vostri stati non percorrano questa stessa strada.

Per altre risorse ed informazioni aggiornate su quanto sta accadendo nei territori, consultate:

AFT-Wisconsin
Wisconsin Wave
Teaching Assistants’ Association
Student Labor Action Coalition

Avanti, Wisconsin! Per sempre solidali!

pubblicato il in Approfondimentidi redazioneTag correlati:

lavoroscioperotraduzioniUsawisconsin

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Civiltà ecologica, rivoluzione ecologica. Una prospettiva ecologico-marxista

Sui nessi tra civiltà ecologica, marxismo ecologico e rivoluzione ecologica, e dei modi in cui i tre concetti, qualora considerati insieme dialetticamente, possano essere intesi nella direzione di una nuova prassi rivoluzionaria per il XXI secolo.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Sulla figura di Danilo Montaldi

Danilo Montaldi è stata una figura complessa di militante comunista. I suoi lavori hanno un carattere pionieristico nel campo della storia orale del sottoproletariato e degli emarginati e hanno contribuito alla riscoperta della centralità e della vita quotidiana delle classi subalterne. 

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’imbroglio della meritocrazia

Ha fatto molto discutere la scelta della Presidente del Consiglio di rinominare il ministero all’istruzione in chiave “meritocratica”, associando istruzione e merito in un unico dicastero.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Stati Uniti e Cina allo scontro globale

Riprendiamo di seguito l’introduzione del nuovo libro di Raffaele Sciortino uscito per Asterios: Stati Uniti e Cina allo scontro globale. Strutture, strategie, contingenze.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Tesi sull’età atomica

La guerra tornata in Europa ha riaperto, sul terreno ma anche nel nostro immaginario, scenari di distruzione con cui non avremmo più voluto fare i conti.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

闯Chuǎng | Il sorgo e l’acciaio – Il regime sviluppista socialista e la costruzione della Cina contemporanea

Segnaliamo l’imminente pubblicazione per le edizioni del Centro di Documentazione Porfido della traduzione italiana del testo “Sorghum and Steel” del collettivo Chuang, prima parte di un corposo lavoro di ricostruzione storica, economica e sociale sulla formazione della Cina contemporanea.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Patagonia, l’illusione della Terra come azionista

Cosa c’è dietro l’annuncio clamoroso del fondatore del marchio Patagonia, Yvon Chouinard

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’Europa alla canna del gas: disastri e profitti in tempo di guerra

Paradossalmente, dopo il sabotaggio dei gasdotti Nord Stream 1 e 2 (NS1 e NS2), questa possibilità non è più a portata di mano della stragrande maggioranza della popolazione europea la quale, ben lungi dal volersi suicidare, avrebbe voluto continuare a “succhiare” il gas russo (magari tappandosi il naso).

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’impronta mennonita: i popoli indigeni denunciano lo sfratto, il traffico di terra e la distruzione delle loro foreste in America Latina

Abbiamo tradotto da Desinformemonos questo interessante articolo sulla deforestazione in America Latina. Il reportage si concentra sulla penetrazione delle comunità mennonite (una delle più importanti tendenze derivate dal credo anabattista) all’interno delle foreste del continente latino-americano.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Muoversi nel conflitto in Toscana. Una piattaforma.

Report dall’Assemblea “ENERGIA, AMBIENTE, GUERRA. TERRITORI IN LOTTA CONTRO IL CAMBIAMENTO CLIMATICO“

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

First strike: tra opposizione e realtà di una guerra ancora lunga.

La cosiddetta dottrina Biden apre a una serie di considerazioni rispetto alla guerra russa-ucraina rispetto alla sua possibile escalation e minando il campo delle ipotesi di risoluzione del conflitto.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Black Friday: un buon giorno per “far pagare Amazon”

La “stagione di punta” dello shopping è il momento giusto per azioni coordinate. Dall’Italia agli Usa, la lotta sindacale nel gigante antisindacale

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le elezioni di Mid-Term negli USA. Un nuovo terremoto?

Le elezioni di Mid-Term si annunciano come una probabile sconfitta per il presidente in carica Biden. A pesare sarebbe l’incipiente recessione, l’inflazione che non accenna a diminuire e la percezione di insicurezza economica e sociale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cuba: all’ONU voto schiacciante contro il Bloqueo, ma resta in vigore per il veto USA

Il rapporto presentato all’Onu sulle sanzioni Usa in occasione del voto mostra che “solo fra agosto 2021 e febbraio 2022, questa politica unilaterale degli Usa, in vigore ormai da 60 anni, ha causato a Cuba perdite dell’ordine di quasi 4 miliardi di dollari.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA: all’interno del vasto reclutamento di Lookheed Martin nei campus universitari

Abbiamo tradotto da In These Times questa lunga ed articolata inchiesta a firma Indingo Oliver sui rapporti tra università ed industria della difesa negli Stati Uniti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il clima come arma

Qual è il nesso, davvero, tra cambiamenti climatici e sicurezza?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La strategia di sicurezza nazionale di Biden

Alla luce di tali linee strategiche risultano più chiare anche al lettore medio le cause profonde della guerra in atto in Ucraina e le crescenti tensioni in Estremo Oriente sia rispetto alla questione di Taiwan che alla penisola di Corea.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Prove di internazionalizzazione del renminbi yuan e de-dollarizzazione

Riprendiamo da ACrO-Polis questo estratto del nuovo libro di Raffaele Sciortino, “Cina e Usa allo scontro nella crisi globale”, la cui uscita è prevista per ottobre. Buona lettura! “Tutto ciò rimanda, giova ricordarlo, alla complessa strutturazione dell’imperialismo finanziario del dollaro, che ha preso forma all’indomani della crisi degli anni Settanta facendo da base per la […]

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Il tritacarne del profitto uccide un altro giovane in Alternanza Scuola-Lavoro

A Noventa di Piave un ragazzo di 18 anni è morto durante uno stage nella BC Service una fabbrica specializzata in metallo. Secondo le ricostruzioni il giovane è stato colpito da una lastra che gli ha schiacciato le gambe e che era caduta dai cavalletti ai quali era appoggiata. Dopo Lorenzo e Giuseppe è il […]