InfoAut
Immagine di copertina per il post

La politica non è una cosa per giovani (Balilla)

||||

Venerdì 25 novembre nella provincia di Mantova, per l’esattezza a Medole, s’è verificata l’ennesima provocazione di un folto gruppo di neofascisti appartenenti al Veneto Fronte Skinhead. Il gruppo composto da circa una ventina di elementi ha fatto irruzione presso una sede comunale dove si stava svolgendo un incontro sul tema dello Ius Soli presieduto dalla giovane scrittrice Chaimaa Fatihi e da vari rappresentanti dell’associazionismo locale. I neofascisti, mantenendo il solito atteggiamento intimidatorio, appostati in piedi tutt’intorno alla sala con braccia conserte, sono intervenuti interrompendo l’assemblea e provocando con il loro ennesimo teatrino xenofobo contro i migranti e lo ius soli. Da tempo la provincia di Mantova e non solo è vittima di questi loschi figuri che cercano di legittimarsi nei territori di provincia soffiando sul vento dell’odio razziale. Solo qualche mese fa a Mantova si sono resi partecipi di un aggressione ai danni di un giovane ultrà antifascista. Di seguito il comunicato del coordinamento di realtà antifasciste locali Gruppo 25 Luglio.

 

La politica non è una cosa per giovani (Balilla)

Venerdì scorso abbiamo assistito all’ennesima incursione/carnevalata di un noto gruppo di estrema destra (Veneto Fronte Skinheads) presso un’assemblea pubblica il cui tema era quello dello ius soli alla presenza di Chaimaa Fatihi. Innanzitutto come #antifasciste e #antifascisti ci teniamo a rinnovare la solidarietà a Chaimaa e a tutti i presenti all’iniziativa, ma vogliamo anche che questa ennesima provocazione possa essere principio di dibattito sul tema dell’antifascismo e dell’agibilità politica di questi pochi ma pericolosi soggetti organizzati.
Al contrario di quello che è stato scritto sui giornali locali, il Veneto Fronte Skinheads (parola, quest’ultima, di cui si sono indebitamente appropriati) non è affatto un’associazione di bravi giovani che partecipano democraticamente alla vita politica, bensì un’accozzaglia di nostalgici fascisti che nel corso di tutta la loro attività si sono resi protagonisti di aggressioni, pestaggi e accoltellamenti. Di conseguenza la nostra indignazione non si limita alla presenza e intimidazione del Vfs nella sede di #Medole, ma anche alla conseguente analisi politica che è stata divulgata sui giornali, quella che ha presentato i Naziskin come un gruppo (l’unico, addirittura!) di giovani che si interessa alla politica, che stimola il dibattito e che partecipa serenamente alla dialettica politico democratica. 
Per noi questo, oltre ad essere un insulto nei confronti di coloro che hanno dato la vita per liberarci dal giogo del nazi-fascismo, è anche motivo di massima preoccupazione: la legittimazione che questi gruppi della galassia dell’estrema destra si stanno costruendo, non solo il Fronte Veneto, ma anche Forza Nuova e, in primis, Casa Pound, ci riporta agli albori degli anni venti del ‘900, quando il Fascismo dimostrava tutta la sua natura vigliacca e trasformista per cercare di inserirsi tramite il Patto di Pacificazione nella galassia parlamentare, momento che sancirà la fine della libertà politica e l’inizio del Regime.
Pensiamo che oggi come non mai sia necessario creare gli anticorpi per delegittimare politicamente e togliere agibilità politica a questi soggetti, sul nostro territorio ma non solo. La crisi economica e l’allargarsi della forbice sociale hanno loro permesso di soffiare sul vento dell’odio e della violenza razziale. Noi siamo consapevoli che le disuguaglianze non sono causate dai conflitti inter-etnici bensì da un sistema economico che saccheggia, sfrutta e distribuisce guerre tutt’intorno al globo e crea, volutamente o no, le condizioni per i contrasti etnici – un Divide et Impera con cui siamo costretti ancora a misurarci.
Per questo è necessario ritrovare #solidarietà e #complicità fra i segmenti sociali messi sotto attacco – che vengono privati dei diritti e della soddisfazione dei bisogni fondamentali – creare rete sociale e sviluppare un ragionamento collettivo sul tema dell’#accoglienza, che non può e non deve rimanere alla mercé di qualche privato o di istituzioni che finiscono per ghettizzare i soggetti più colpiti, come i migranti, dal resto della società civile, come a nascondere la polvere delle loro ennesime nefandezze sotto il tappeto della comunità politica e sociale.
Solo in questo modo potremo sconfiggere il #razzismo e tutti i suoi derivati, per allentare le disuguaglianze e vivere in città e territori in cui le differenze possano essere un arricchimento e non un limite, e la libertà di movimento un diritto e una risorsa e non una corsa ad ostacoli con i cecchini ai lati e i becchini pronti al guadagno. 
Vogliamo concludere con un contributo di Wu Ming 1 sulla necessità dell’#antifascismo, un documento semplice, ma che ci può aiutare a riflettere sulla nostra vita politica quotidiana:

Antifasciste e Antifascisti del territorio mantovano

“È orribile doversi occupare dei fascisti, di chi li sdogana, di chi li corteggia, di chi ci beve lo spritz assieme. Si vivrebbe meglio, senza tutti costoro e senza doverne scrivere.
Negli anni scorsi, in effetti, molti hanno proposto di ignorarli: non ragioniam di lor ma guarda e passa, «non abbassiamoci al loro livello», «se li contesti gli fai pubblicità» ecc. Una fallacia logica dietro l’altra, per una linea di condotta nefasta.
«Non mi abbasso al loro livello». Come i bimbi che si coprono gli occhi e credono che, così facendo, il mondo intorno scompaia. Mentre non si ragionava di lor, i fascisti suonavano il piffero e si tiravano dietro la gente. Lasciando fare i fascisti — o addirittura isolando chi li contrastava, magari ripetendo, senza capirla minimamente, una frase di Pasolini sul «fascismo degli antifascisti» — si è permesso loro di allargarsi e conquistare spazi.
Quanto alla «pubblicità», non gliel’hanno fatta i contestatori. Al contrario, contestando i fascisti si è spesso riusciti a privarli di agibilità, tribune e riflettori, a far saltare iniziative, anche a spingerli verso grottesche figure di merda…
Non contrastare i fascisti; lasciarli parlare; citare una frase di Voltaire che Voltaire non ha mai scritto… Una linea non solo nefasta, ma gretta, perché da privilegiati, da inabili alla solidarietà: molte persone, infatti, non possono permettersi di «ignorare» il fascismo, perché è il fascismo a non ignorarle, le va a cercare, le colpisce. Soprattutto loro vivrebbero meglio, senza i fascisti e i loro reggimoccolo.”
Wu Ming 1

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Antifascismo & Nuove Destredi redazioneTag correlati:

antifa

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ilaria Salis agli arresti domiciliari a Budapest. Accolto il ricorso degli avvocati.

Ilaria Salis può uscire dal carcere e andare agli arresti domiciliari a Budapest.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ignobile pestaggio di Chef Rubio a Roma

Gabriele Rubini, a tutti noto come Chef Rubio, è stato aggredito mercoledì notte davanti alla sua casa romana da almeno sei persone, che lo hanno pestato e insultato al grido di “Pezzo di merd*, così impari”.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

25 Aprile 2024: appunti di lotta dalla piazza di Milano

Condividiamo di seguito la cronaca della giornata del 25 aprile milanese e le indicazioni di lotta che arrivano da questa piazza, tutta a sostegno della resistenza Palestinese.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Livorno è antifascista!

Giovedì 2 Maggio il ministro delle infrastrutture e dei trasporti Matteo Salvini è venuto a Livorno per presentare un suo libro, vergognosamente ospitato all’interno del cinema teatro “4 Mori”..

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Il significato conteso del 25 aprile di fronte al genocidio. Spinte e possibilità.

Le iniziative ufficiali del 24 e 25 aprile di quest’anno sono state la dimostrazione della separatezza che intercorre tra il sinistro antifascismo istituzionale e quello quotidiano di chi non si rifugia in un’identità stantia priva di sostanza e attinenza alla realtà.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Puntata speciale 25 aprile: resistenze di ieri e di oggi.

In questa puntata del 25 aprile dell’informazione di Blackout abbiamo voluto sottolineare il legame forte e prioritario che ha la resistenza palestinese oggi con le possibilità che si aprono anche alle nostre latitudini.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Contro fascismo, sessismo, razzismo e guerra. Ora e sempre resistenza! Siamo sempre qua.

La facciata del centro sociale Askatasuna assume una nuova veste. In un presente senza storia rimettiamo al centro la Storia di ieri per guardare in avanti, in una prospettiva in cui c’è bisogno di tutta la capacità, le forze, le intelligenze di ognuno e ognuna per produrre trasformazioni .

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Antifa Budapest: Corteo a Roma né prigione né estradizione

Sabato 23 marzo a Roma c’è stato un corteo in solidarietà con Ilaria Salis, Gabriele e tutte le persone imputate per i fatti di Budapest. Il corteo è partito da metro Policlico, è passato nei pressi dell’ambasciata e poi è entrato nel quartiere di San Lorenzo dove si è concluso. Abbiamo raccolto diverse voci dal […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Non è più tempo degli appelli, bisogna liberare Ilaria subito

Legata ai polsi e ai piedi, una cintura stretta in vita, un guinzaglio di catena, Ilaria Salis è comparsa davanti al tribunale di Budapest.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ilaria Salis: la prima udienza si chiude con un rinvio al 24 maggio. “Non e’ piu’ tempo degli appelli, bisogna portarla via subito”

Si è aperto a Budapest lunedì 29 gennaio il processo a Ilaria Salis, l’insegnante antifascista di Monza detenuta da un anno in Ungheria per gli scontri con un gruppo di neonazisti.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Ilaria Salis: un voto che (per una volta) serve

Se la campagna per la sua liberazione passa attraverso le urne andremo a cercare dove diavolo è finita la tessera elettorale e faremo la nostra parte.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Milano: fascisti imbrattano la facciata del COA T28. Domenica 17 settembre iniziativa antifascista in Via dei Transiti

Nella notte tra sabato 9 e domenica 10 settembre alcuni fascisti hanno imbrattato la facciata del Centro Occupato Autogestito T28 di via dei Transiti a Milano.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Germania: cariche e scontri a Lipsia nel corso di una manifestazione antifascista

Citta militarizzata e corteo vietato a Lipsia in occasione di una chiamata antifascista convocata dopo la condanna a Lina a 5 anni e tre mesi implicata nel processo Antifa Ost.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

In qualche modo, da qualche parte. Antifa a Budapest

Lo scorso 11 febbraio una compagna italiana e un compagno tedesco  sono stati arrestati in Ungheria. Da allora si trovano nel carcere di Budapest in condizioni piuttosto difficili e con scarsissimi contatti con familiari e avvocati.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Reconquest a Marsiglia: la polizia reprime una manifestazione antifascista e difende l’estrema destra

Durante una manifestazione contro l’apertura di una sede di Reconquest a Marsiglia, almeno una persona è stata aggredita e tre persone arrestate dalla polizia.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Milano: La polizia protegge i fascisti e picchia gli antifascisti

Il corteo antifa è partito da piazza Fontana, a pochi giorni dall’anniversario che ricorda l’attentato di matrice fascista che il 12 dicembre 1969 uccise 17 persone.
Assieme alla comunità curda, alla comunità iraniana, a Non Una Di Meno Milano e a diverse realtà sociali, i/le manifestanti hanno attraversato il centro di Milano cantando slogan e cori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Colombia: scontri a seguito di una manifestazione fascista internazionale

La polizia si è scontrata con manifestanti antifascisti fuori da un hotel che ospitava un incontro internazionale di organizzazioni di estrema destra venerdì. Questo incontro di rappresentanti del partito spagnolo Vox e di gruppi di estrema destra provenienti da Colombia, Perù, Cuba, Venezuela e Cile, ha attirato una contro-manifestazione. Gli antifa hanno lanciato pietre e […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’assoluzione di Rittenhouse consegna ai vigilanti razzisti una licenza per uccidere

Il Party for Socialism and Liberation si unisce a milioni di persone in tutto il paese nell’esprimere la nostra completa indignazione per l’assoluzione di Kyle Rittenhouse da tutte le accuse. Ancora una volta, il sistema giudiziario degli Stati Uniti ha funzionato per proteggere un assassino razzista, che è uscito per le strade di Kenosha il 25 […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kenosha, mi dispiace morire

Riprendiamo questa traduzione a cura di Noi non abbiamo patria dal testo pubblicato su ill will il 17 novembre 2021 di riflessione e analisi sul processo a Kyle Ritthenhouse. Buona lettura!   Il processo Il 25 agosto 2020, Kyle Rittenhouse ha ucciso Joseph Rosenbaum e Anthony Huber e ferito Gaige Grosskreutz. Non è il soggetto […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Germania: due antifa condannati a Stoccarda

Mercoledì 13 ottobre, il cosiddetto processo “Wasen” contro due antifascisti di Stoccarda si è concluso presso il Tribunale Regionale Superiore di Stoccarda con pene estremamente pesanti: pene detentive di 4 anni e mezzo per Jo e 5 anni e mezzo per Dy. I due attivisti sono accusati di essere coinvolti in un alterco fisico con […]