In ricordo di Sahin Qerecox

Stampa

Di oggi l'annuncio che un compagno francese delle YPG è caduto ad Hajin combattendo contro l'ISIS. Pubblichiamo il ricordo scritto da un altro internazionale delle YPG.

||||
|||| ||||

Şehîd Şahîn Qereçox, noto come Waka per i suoi molti amici, è stato tristemente martirizzato nella lotta contro Daesh ad Hajin il 7 ottobre. Aveva prestato servizio nel YPG, combattendo per la rivoluzione in Rojava per 4 mesi. Per tutto il tempo che lo conoscevo, era un compagno d’amore e un vero rivoluzionario. Sto ancora cercando di trovare le parole per descriverlo – era così premuroso e creativo che sfidava la semplice generalizzazione. Qualunque cosa scriva, si limiterà a graffiare la superficie di ciò che ha significato per me e così tante persone.

Non dimenticherò mai le sue azioni e gli sforzi coraggiosi che lottano per un mondo che sapeva fosse possibile. Uno libero dall’oppressione, dal patriarcato e dall’ecocidio dove le persone vivono cooperativamente nello spirito di aiuto reciproco invece di essere rese atomizzate e impaurite dal capitalismo. Era sempre disposto a rischiare la repressione o la violenza della polizia per difendere ciò in cui credeva. Nella foresta di Hambacher, in Germania, non esitò mai a mettersi in pericolo per fermare lo sfruttamento e la distruzione della terra. A Pont Valley, in Inghilterra, la sua creatività e il duro lavoro hanno infiammato una campagna per difendere comunità e fauna selvatica dalle miniere di carbone a cielo aperto. L’intraprendenza di Şahîn lo ha reso un membro prezioso di ogni comunità in cui si trovava. Era spesso al lavoro per costruire strutture, cucinare e semplicemente rendere l’intero spazio più accogliente per il divertimento di tutti. Portava sempre la sua arguzia affascinante ad ogni conversazione e si poteva imparare molto da quello che aveva da dire.

Il suo temperamento non è mai stato aggressivo, né è stato appassionato di confronto fisico e inizialmente è stata una sorpresa sentire che voleva combattere con l’YPG. Ma in realtà, pensando alle sue molte altre coraggiose imprese, non avrebbe dovuto sorprendere che avrebbe lottato per ciò in cui credeva in questo modo. Il suo incrollabile coraggio e autodisciplina senza cadere nei comportamenti macho è una delle tante cose per le quali l’ho ammirato.
Questa è stata una delle cose che lo ha reso un vero rivoluzionario – sapeva che una rivoluzione non è solo qualcosa che fai o costruisci, è qualcosa che fai ed è parte di ciò che sei. Tutto quello che ha fatto è stato molto coscientemente e in modo impeccabile politico. Non ha mai evitato di criticare il proprio comportamento o quello dei suoi compagni. Voleva sfruttare al meglio ogni giorno della sua vita e ogni momento libero era dedicato all’apprendimento di una lingua, alla formazione, alla lettura e alla condivisione di nuove idee. Circa una settimana prima della sua morte, è stato nominato co-comandante della YPG International Tabur ed è stato costantemente motivato ad allenare non solo la condizione fisica di tutti, ma anche a costruire la cultura rivoluzionaria nell’unità.

Un ricordo prezioso che ho di lui prima che arrivasse a Rojava era quando stavamo facendo l’autostop insieme in Europa. Ricordo che, a prescindere da chi ci avesse dato un passaggio, si sarebbe immediatamente intrattenuto con loro nella conversazione come se fossero un vecchio amico. Era sempre pronto a parlare delle sue idee e non aveva mai sentito il bisogno di essere disonesto riguardo alle sue convinzioni. La sua disarmante cordialità e onestà ha lasciato a tutti quelli che abbiamo incontrato in quel viaggio affezionati a lui, anche se lo avevano incontrato troppo brevemente.

Vorrei inviare questo messaggio in memoria di un vero heval. Un difensore della terra, caccia sabotatore, anarchico, esperto autostoppista e sommozzatore, rivoluzionario, amico, e un bellissimo compagno. Mi dispiace solo di non avergli detto tutto questo sulla sua faccia, ma la lotta per la libertà continua e lo farò nella sua memoria, ispirata da tutto ciò che ha fatto e da tutto ciò che mi ha insegnato.

Şehîd namirin.

Dal sito ufficiale dello YPG

 

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons

});})(jQuery);