Giambellino: rioccupata la Base Popolare

04 Gennaio 2019 | in PRECARIATO SOCIALE.

Stampa

A poche settimane dalla vergognosa montatura giudiziaria nei confronti dei compagni e delle compagne del Comitato Abitanti Giambellino Lorenteggio, arriva la risposta da parte delle lotte sociali del quartiere.

||||
|||| ||||

E' stata rioccupata infatti nella giornata di ieri la Base Popolare di via Manzano 4 al Giambellino. Sin da oggi riprendono tutte le iniziative che vi si tenevano prima dell'operazione “Robin Hood”. Vale a dire il doposcuola, l'ambulatorio popolare, la mensa sociale.

Milano è sempre più città dei grandi eventi, in un filo rosso che collega Expo2015 alla possibile assegnazione delle Olimpiadi Invernali del 2026. Questo processo significa anche l'attacco istituzionale alle soggettività più deboli di fronte alle esigenze del capitale finanziario e della speculazione.

Mentre il sindaco Sala finge di opporsi ai provvedimenti vergognosi in materia di sicurezza del governo gialloverde, dall'altro lato attacca dritto contro chi non è compatibile con il suo modello di città.

L'operazione contro il Comitato aveva segnalato come non fosse tollerata alcuna opposizione a questi processi trasformativi della realtà milanese. Da ieri però, riparte una nuova storia di resistenza, in cui i soggetti più deboli tornano protagonisti.

Nel frattempo, rimangono detenute numerosi compagni e compagne colpiti dalle accuse infamanti di associazione a delinquere e di racket in merito alle case di proprietà di Aler. Su di loro va tenuta alta l'attenzione e vanno moltiplicate le iniziative in solidarietà!

Leggi anche:

 

A Cosenza e Milano accuse di associazione a delinquere per i comitati popolari di lotta per l'abitare

Dal Giambellino: "L'unico racket è la solitudine imposta dallo Stato" [video]

Potrebbe interessarti