InfoAut
Immagine di copertina per il post

Essere giovani d’oggi | Giovani incompatibili, volontà di disciplinamento, spazi che si creano

||||

Cosa significa essere giovani oggi?

In questo mondo funestato dalla pandemia, dalla crisi climatica ed economica e dalle guerre, in un paese come il nostro che è abituato ad ignorare ed al limite criminalizzare i bisogni e le esigenze dei più giovani quali esperienze maturano?

Chi oggi vive la condizione giovanile si misura con un’insopportabile compressione degli spazi di libertà, della possibilità di realizzazione, del vivere insieme o anche semplicemente di farsi sentire.

Eppure in questo contesto emerge un’incompatibilità di fondo delle nuove generazioni nei confronti del modello di società che gli è stato consegnato. Tra i movimenti contro il cambiamento climatico, le lotte degli studenti e delle studentesse contro l’alternanza scuola – lavoro, l’emergere di nuove sensibilità e conflitti sulle questioni di genere e del razzismo strutturale e il presentarsi di fenomeni di irregolarità di massa contraddittori e ambivalenti pare evidente che qualcosa, ancora in forme embrionali, si sta muovendo.

Abbiamo deciso di aprire questa nuova rubrica del sito per raccogliere inchieste, spunti, testimonianze, visioni e sfoghi per indagare insieme queste tendenze.

Vuoi contribuire con il tuo punto di vista? Scrivici sulle nostre pagine social o a infoaut@gmail.com. Qualsiasi tipo di contributo, video, audio, grafico o scritto è gradito.

Di seguito apriamo le danze con una riflessione su alcuni nodi di riflessione rispetto all’esperienza giovanile a Torino, dove recentemente l’arresto in carcere di tre ragazzi impegnati nelle lotte contro l’alternanza scuola-lavoro ha fatto emergere la necessità di un dibattito serio sulla città e su come viene affrontata al suo interno la questione giovanile.

Giovani incompatibili, volontà di disciplinamento, spazi che si creano.

Condividiamo alcuni spunti di riflessione a partire dagli eventi degli ultimi tempi e che pensiamo indichino in controluce un disegno inquietante nei confronti della parte sana della società, i giovani e le giovani che si battono per una vita più giusta.

Senza voler immaginare livelli di realtà che non sono verificabili partiamo da alcuni dati. Muoiono dei ragazzi in stage PCTO, migliaia di giovani scendono in piazza, occupano le scuole, portano richieste chiare, vengono da un lato colpiti violentemente e dall’altro completamente inascoltati. Arriva una sola risposta, a Torino 11 giovani vengono arrestati, a Milano e Roma si susseguono giorni di perquisizioni e denunce per le mobilitazioni di qualche mese prima. Un ragazzo in stage a Merano subisce un’ustione gravissima durante l’alternanza scuola-lavoro, di cui ad oggi non si sa più nulla. I daspo urbani chiamati Willy (nome di dubbio gusto, strumentale, si riferisce a Willy Monteiro, ragazzo ucciso dalle botte di due uomini) vengono distribuiti come caramelle, la percentuale di giovani tra i 19 e i 24 anni in carcere aumenta secondo la relazione annuale della garante dei detenuti e, a Torino, rappresenta il 13% della popolazione carceraria.

Parallelamente da quando il sindaco Lo Russo si è insediato la città di Torino non ha pace, tra eventi e carrozzoni, è chiaro l’obiettivo: ridipingere la città come giovane e dinamica, come vivibile e in espansione. La realtà, Torino è una città in crisi, si sta spopolando, la disoccupazione giovanile tocca cifre del 30%, il mantra delle “periferie” da riqualificare e su cui investire è morto insieme al fallimento grillino, Torino è la città che sta tentando di ricostruire un tessuto industriale e un campo di profitto nell’ambito degli armamenti, altro che soddisfare le necessità dei giovani. Ma, tant’è. Da un lato i giovani sono strumentalizzati e vengono organizzati per loro eventi che non sono altro che specchietti per le allodole e dall’altro lato sono picchiati, ammazzati, sfruttati, arrestati.

Questo quadro solleva alcuni nodi che marcano un cambio di segno.

Primo fra tutti la bassezza di chi ci amministra e governa in maniera più generale. Ricordiamo infatti come la ministra degli Interni si sia espressa a seguito delle manifestazioni per Lorenzo e Giuseppe, quindi è chiaro come il livello dello scontro si collochi abbastanza in alto. È chiaro che Torino si riconfermi come anomalia, con le sue specificità, e come capofila nell’applicare le tendenze governative. Un laboratorio che tenta di imbonirsi una parte di pubblico giovanile, emblematico l’esperimento dell’Eurovillage, provando a guadagnare consensi giocando sull’inesistenza di possibilità su tutti i fronti. Un paradigma che si fonda sulla retorica delle ricadute economiche che ha effettività su una parte ben specifica e ristretta della cittadinanza (i privati, grandi proprietari immobiliari, le banche, le fondazioni), guadagnando sulle risorse che andrebbero investite per risanare il debito.

Per tutto il resto, il cambio di segno si riassume nel colpire l’incompatibilità, senza nemmeno più alcuna ambiguità. Da un lato è un paradigma subdolo, dall’altro invece è indice di voler fare selezione. L’obiettivo perseguito è tagliare le gambe a chi si espone in maniera più esplicita per fare in modo che tutta l’agitazione che anima la composizione giovanile sappia qual è il trattamento che gli spetta. Giocare sulla paura, sull’indecisione, sulle condizioni materiali che progressivamente peggiorano, sul pugno duro per chi prova a dire qualcosa di diverso da ciò che è considerato accettabile.

In questo scenario sorge un ulteriore dato. Non esiste indignazione, viene normalizzato anche il fatto che tre adolescenti siano in carcere preventivamente perché potrebbero reiterare il reato, sul quale ancora nessun giudice si è espresso perché non c’è stato nessun processo. Il fatto che un evento del genere implichi dei costi umani e sociali enormi non viene nemmeno nominato. Si tratta di traumi, di soldi per il sostegno psicologico, di vite stravolte perché invece di andare a scuola bisogna occuparsi di sostenere gli amici detenuti, di aprire ferite non marginabili e che sicuramente avranno un effetto opposto a quello sperato dalla controparte.

Una cosa è certa, l’unica opzione possibile e praticabile si manifesta nella costruzione di autonomia e nella scelta di non permettere che il capitale prosciughi le proprie competenze e risorse. La consapevolezza che non ci sia un pianeta B, che non ci sia un piano B, che non ci sia possibilità di realizzazione in questo sistema, è qualcosa che non può essere cancellato, né dal carcere né dalle botte, anzi. È un mondo che obbliga a crescere troppo in fretta, non tutto rimane sotto controllo. La violenza strutturale del sistema in cui viviamo fa sì che i desideri nichilisti di alcuni giovani assumano caratteri abusanti, la risposta è quella sbagliata, la reazione pure, ma alla radice c’è la stessa imposizione. Lo sfruttamento che viene rifiutato dai giovani delle scuole è un dato e questo si traduce in una possibilità, ossia che quella disponibilità allo sfruttamento in quanto persone impiegabili non sia più da dare così per scontata. Chi non vuole produrre profitto, chi è convinto che il sistema di produzione attuale sia la causa della distruzione del pianeta, chi cerca di strappare dei pezzi di ricchezza, non ha e non deve avere alcuno spazio oggi in questa società. Una società che si basa su fondamenta sempre più fragili e dunque questa consapevolezza impaurisce.

La riappropriazione del proprio tempo, il bisogno di costruire relazioni nel rifiuto, l’evidente forza che anche solo uno di questi giovani esprime per il fatto stesso di sapere di avere ragione, vale più di ogni gesto speso per far tacere. È questo che si vuol colpire: la lucidità e l’intelligenza nel delineare i colpevoli e di non cedere ai ricatti, la volontà di costruirsi itinerari di vita contrari a quello che la società propone.

pubblicato il in Bisognidi redazioneTag correlati:

ALTERNANZA SCUOLALAVORODISCIPLINAMENTOESSERE GIOVANI D'OGGIgiovani

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Tensione a Pavia: famiglia con bambina malata sotto sfratto, attivisti impediscono sgombero e trovano una soluzione abitativa

Nella giornata di mercoledì 16 novembre, a Pavia, la Celere in assetto antisommossa si è presentata in viale Cremona a protezione del fabbro intenzionato a sfondare la porta per buttare fuori di casa una famiglia sotto sfratto con una bambina piccola ammalata di bronchite.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Quale convergenza per insorgere contro la guerra?

Ci sembra che lotte sociali e lotta contro la guerra non possano riprodursi come piani separati. E che non sia purtroppo sufficiente dire che le lotte sono già in sé stesse contrapposizione alla guerra.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

A Madrid una marea umana per difendere la sanità pubblica

Oltre 650mila persone secondo gli organizzatori sono scese in piazza a Madrid contro la Riforma neoliberista della Presidenta de la Comunidad Isabel Ayuso.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

InfoAut da oggi è anche su Telegram!

Il mondo dei media, dell’informazione è in continuo mutamento. Questo è il campo di battaglia che ingaggiamo e da oggi abbiamo un nuovo strumento per diffondere la nostra informazione di parte, dalla parte delle lotte e dei movimenti sociali.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sulla sentenza di primo grado del processo contro il Comitato abitanti Giambellino-Lorenteggio

Come abbiamo già detto, il Comitato Abitanti Giambellino Lorenteggio era un comitato di lotta territoriale in un quartiere popolare di Milano in cui esistono e persistono tante – troppe – problematiche, di cui la questione casa è solo la più evidente ma non è affatto l’unica.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Torino: sgombero case Atc di Via Sospello.

Questa settimana il Comune di Torino ha messo in campo ciò che da tempo agitava in maniera propagandistica, ossia procedere con gli sgomberi delle case popolari occupate.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Dalla parte del diritto all’abitare: informazioni ed approfondimenti sulle lotte per la casa

Dalla parte del diritto all’abitare: trasmissione periodica di informazione e approfondimento sulle lotte per la casa, contro sfratti sgomberi e pignoramenti.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

“Ubi solitudinem faciunt, pacem appellant” – Sulle vergognose condanne al Comitato Giambellino Lorenteggio

Si è chiuso mercoledì 9 novembre il processo milanese a carico di nove compagni del ‘Comitato abitanti Giambellino-Lorenteggio.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Padova: violente manganellate della celere dopo uno sgombero di case occupate

Cariche poliziesche contro occupanti ed attivisti ed attiviste del Cso Pedro questa mattina a Padova dopo uno sgombero di 4 alloggi popolari in via Delle Melette.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Torino: vivere in case ATC nuoce gravemente alla salute, sgomberi e alloggi insalubri

In questi giorni abbiamo assistito a diversi sgomberi di case popolari occupate. Chi occupa una casa lo fa per un motivo semplice: il welfare abitativo cittadino non funziona.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Alcuni spunti sulla questione giovanile oggi.

Dalla repressione nel mondo studentesco alla criminalizzazione dei giovani.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Giovani & Elezioni: un’estraneità reciproca

Mentre politica istituzionale e testate giornalistiche riescono solamente a strillare alla tragedia in merito alle ultime politiche del 25 settembre, vogliamo provare a dare una lettura che tenga conto di altre traiettorie e variabili, sotto uno sguardo generazionale che riteniamo assolutamente necessario adottare. A leggere le analisi che da destra a sinistra ci vengono fornite, […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Climate Strike a Torino: basta stragi di corpi e territori

Difendiamo il nostro futuro: Torino, ieri mattina, ha letto questa frase sullo striscione che apriva il corteo del Global Strike, dove migliaia di giovani – ma non solo – hanno occupato le vie della città per protestare contro un sistema che sempre più ci è avverso. Da piazza Statuto a piazza Vittorio, passando per corso […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

La maledetta scuola del “ritorno alla normalità”

Lo chiamano “l’anno del ritorno alla normalità”. Un appellativo che non promette bene. Due anni fa ci siamo resi conto dei danni che la loro “normalità” può provocare, tutte le conseguenze di decenni di scelte e priorità sbagliate si sono scagliate contro di noi senza sconti, rendendo noto quanto ci è stato rapinato fin quando […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Viaggio nei centri di formazione professionale tra sforzo educativo e imprese “poco etiche”

Condividiamo questo iteressante articolo di Radio Popolare a firma Massimo Alberti del febbraio 2022 che ci offre un affresco dei Centri di Formazione Professionale. Il testo ha la virtù di proporre uno sguardo demistificante su cosa rappresentano oggi i percorsi di Formazione Professionale e sulla loro eterogeneità, ma è un po’ debole su due punti: in […]

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Il tritacarne del profitto uccide un altro giovane in Alternanza Scuola-Lavoro

A Noventa di Piave un ragazzo di 18 anni è morto durante uno stage nella BC Service una fabbrica specializzata in metallo. Secondo le ricostruzioni il giovane è stato colpito da una lastra che gli ha schiacciato le gambe e che era caduta dai cavalletti ai quali era appoggiata. Dopo Lorenzo e Giuseppe è il […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

“A scuola di Tav”, ennesima assurdità a firma Telt e Regione Piemonte.

Ripubblichiamo il contributo uscito dalla pagina Ksa Torino – Kollettivo Studenti Autorganizzati a seguito dell’iniziativa svoltasi a San Didero in occasione del campeggio studentesco di questo week end. Un segnale importante nei confronti di una proposta inaccettabile formalizzata dal Consiglio Regionale del Piemonte che individua nei lavori dei cantieri della grande opera inutile una possibilità di formazione […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Chi non danza non sa cosa succede vol. 3

Proponiamo alcune valutazioni a caldo sugli ultimi eventi dell’estate, alcune riflessioni che fanno seguito ad altri approfondimenti già usciti su questo sito. Uno spunto per dotarsi di una chiave di lettura capace di dare slancio verso i mesi a venire facendo tesoro delle esperienze vissute insieme..  L’attesa era altissima. Ultimi giorni di preparativi dopo mesi […]

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Il carcere significa morte.

Un ragazzo di appena 25 anni si è tolto la vita nel carcere Lorusso e Cutugno di Torino, ieri, soffocandosi con un sacchetto di plastica. Dall’inizio dell’anno sono 51 i suicidi avvenuti nelle carceri in Italia. La ministra Cartabia esordisce con le solite dichiarazioni di rammarico, eppure sono tante le questioni che dovrebbero essere inserite […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Banlieue del Garda

Nella tempistica tritatutto del giornalismo mainstream, come sempre, le notizie finiscono per dominare le prime pagine per pochi giorni, massimo una settimana, salvo poi sparire nel flusso indistinto delle news. Gli eventi, si sa, appaiono così auto generati ed indipendenti, perdendo completamente il loro significato complessivo. Ritorniamo quindi in controtendenza, a distanza di un mese, […]