Così giovane, così piena d'odio

Stampa

Bionda, giovane e avvenente: “così giovane e così piena d'odio, la polizia cerca questa riot-barbie... e altri 103 casinisti del G20”. È il titolo del tabloid scandalistico tedesco Bild di qualche giorno fa, martedì 19 dicembre. La polizia rilascia le foto e i video dei sospetti. Sono ricercati. La stampa rincara la dose di pornografia.

||||
|||| ||||

Di un quadro complessivo della vicenda abbiamo raccontato pochi giorni fa: la polizia tedesca per rilegittimarsi dopo il tracollo del G20 cerca di rifarsi una reputazione agli occhi dell'opinione pubblica e scatena una caccia all'uomo e pubblica ore di filmati e centinaia di foto per identificare i sospettati autori delle “violenze del G20”. La maxi operazione di delazione via web diventa però presto un boomerang: su internet finiscono anche le foto degli agenti responsabili di un duro sgombero a Berlino di circa un anno fa. Le autorità tedesche gridano al terrorismo, i poliziotti vengono messi in congedo e si pensa di metterli sotto protezione. Ancora una volta la Polizei finisce schernita per la sua vulnerabilità.

Le immagini posso essere catturate da tutti... e di quelle diffuse tutti possono farne l'uso che meglio credono. È una società integralmente mediatizzata la nostra e ogni contenuto multimediale è tale perché o già mercificato o rimercificabile. Per una campagna di rilegittimazione politica delle autorità di polizia i visi, le istantanee di vita di centinaia di persone “sospettate” dagli investigatori vengono diffuse via web. I media ne fanno quello che vogliono. Una giovane ragazza, manifestante, compagna diventa una riot-Barbie, pronta a stuzzicare qualche grasso tedesco annoiato davanti alle edicole tanto da convincerlo a comprare una copia di Bild. Fa parte del gioco. Se qualcuno inizia a giocarci. Se la polizia inizia a giocarci...

WhatsApp Image 2017 12 23 at 01.58.28 copiaQuello che appare un dettaglio di una vicenda che sprofonda nel ridicolo le seriose istituzioni di controllo della tronfia Germania, la prima pagina di un tabloid scandalistico, restituisce la natura di uno sguardo del potere, maschile e impotente. In fondo l'attenzione del guardone lettore di Bild non differisce in molto da quella del poliziotto: entrambi cercano di accedere a un “oggetto” irraggiungibile. Il guardone vuole svelata l'impudicizia, per goderne, da un'immagine catturata, lo sbirro vuole svelata l'identità. Questi due maiali.

La caccia all'oggetto dei desideri è scatenata e con essa le fantasie associate. Fioccano on-line i commenti a sfondo sessuale. Insomma, se mai se ne cercasse conferma, il problema dei titolacci di Libero non sta solo nell'arretratezza della pubblicistica italiana. Anche in Germania esiste un civile contraltare. Tutto il mondo è paese e tutta quella merda è fascista.
C'è chi prova a scoprire qualcosa delle donne che non può possedere e chi prova a incastrarle, ma tutto resta per ora una fantasia, la caccia a un oggetto proibito, a quello che non hanno e non potranno avere né sbirri né il loro universo maschile sfigato di riferimento: la gioventù e l'esser così pieni e piene di quell'odio mosso d'amore...

 

smiling hamburg 810466194 960x640

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons