NoTav: attivisti assolti per i fatti del 3 ottobre 2015

Stampa

Il tribunale di Torino ha assolto 4 attivisti No Tav della Val Susa per gli scontri con le forze dell’ordine e, come si ricava dal dispositivo, ha applicato anche la speciale causa di non punibilità prevista per chi reagisce a un “atto arbitrario di un pubblico ufficiale”.

||||
|||| ||||

L’episodio contestato risaliva al 3 ottobre 2015 e si era verificato nei pressi del cantiere del Tav. La mattina di sabato 3 ottobre, era prevista la passeggiata in Clarea, dopo essere partiti da Giaglione. Una passeggiata che è stata bloccata da decine di poliziotti, un idrante e alcuni mezzi. I presenti hanno deciso comunque di proseguire: decine le persone coinvolte dagli spintonamenti degli agenti, con No Tav scaraventati a terra, eurodeputati compresi, tra pressioni e calci. I quattro, a seconda delle singole condotte, rispondevano di resistenza a pubblico ufficiale, oltraggio, lesioni, danneggiamento, inosservanza dei provvedimenti dell’autorità. La ‘non punibilità’ è stata riconosciuta a uno di loro; per gli altri è arrivata l’assoluzion

Valentina Colletta avvocata del Movimento No Tav Ascolta o scarica Ascolta o scarica

 

 

da radiondadurto,orgradiondadurto,org

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons

});})(jQuery);