Io sto con Maya: se la legge (è) del più forte

Stampa
Video

Verso il 25 Novembre 2021 Giornata Internazionale contro la violenza maschile sulle donne.

||||
|||| ||||

In occasione di questa data vogliamo rendere pubbliche le violente e vergognose parole dette durante le udienze del processo che ha coinvolto Maya, una ragazza che non si è voltata dall’altra parte davanti a un’ ingiustizia e per questo è stata fermata dalla Polizia.

Quella notte in commissariato ha ricevuto un pugno da un poliziotto. Da allora, grazie alla coraggiosa scelta di denunciare quanto successo, è iniziato un processo che l’ha vista come parte lesa ma anche come imputata.

Come succede ogni volta che una donna decide di denunciare una violenza di un uomo la giustizia si pone come accusatrice, inquisitrice e colpevolizzante.

Vogliamo che questa doppia violenza non passi sotto silenzio, vogliamo evidenziare come il Tribunale di Torino si schieri sempre dalla parte dei poteri forti di questa città. Le parole dette dentro quelle aule devono risuonare nelle strade e nelle piazze perchè noi questa violenza non vogliamo più subirla, vogliamo ribaltarla. Insieme, solidali e più forti.

Parteciperemo alla piazza organizzata da Non Una di Meno - Torino durante il Presidio contro femminicidi e transicidi domani alle 18:30 in Piazza Castello proietteremo questo video in cui raccontiamo come é andata.

Qui per il primo video racconto della vicenda di Maya: https://www.facebook.com/Iostoconmaya/videos/245355630418723

 

Da Io sto con Maya - Se toccano una, toccano tutte

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons