Cile, Ola Feminista in ogni piazza

Stampa

Cile, migliaia di persone sono scese in piazza nella giornata di ieri in varie città per rivendicare un'educazione non sessista e maggiori diritti per le donne. Ieri a Santiago erano circa 15mila le persone che atteaversavano la città.

||||
|||| ||||

Dozzine di carabineros sono stati scherati lungo l'arteria principale della città, Avenida Libertador OHiggins, in cui passava la manifestazione cantando gli slogan come "È urgente un'educazione femminista e dissidente" e "Non sono nata donna per morire per esserlo". ll corteo è terminato con tensioni fra manifestanti e polizia, che dai mezzi imbrattati di scritte ha riempito la folla di gas lacrimogeni.

La mobilitazione femminista che sta scuotendo il Cile dallo scorso aprile cresce sempre di più, si diffonde a macchia d'olio in tutto il paese. La Ola Feminista ha cominciato a fiorire  nelle università, dove fra aprile e maggio ci sono state numerose occupazioni. Dai comitati e i collettivi femministi universitari viene infatti messa al centro la necessità di prendere delle contromisure rispetto alle violenze sessuali in università -richiesta sempre ignorata dalle istituzioni- assieme a un'educazione e una formazione libere dal sessismo.

Il governo di Sebastián Piñera ha presentato un'agenda per le donne di dodici punti che il movimento ha ritenuto assolutamente insufficiente e inadeguato.
"Per combattere il maschilismo, è necessaria un'educazione non sessista, ma in nessun momento la menziona, né menziona parole come il femminismo, ma parla di "nostre donne", di questo sentimento di possesso, ed è proprio contro ciò che ci stiamo alzando"

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons

});})(jQuery);