ssssssfff
Articoli filtrati per data: Thursday, 12 Maggio 2022

Un muro popolare di decine di persone ha bloccato la Celere a Parma, impedendo così lo sfratto di Maria, gravemente malata di diabete, e della nipote di 11 anni pure lei malata.

Rete Diritti in Casa, Ecologia politica, collettiva transfemminista e Artlab hanno dovuto faticare non poco per fare rispettare l’istanza presentata all’Onu, che ha recentemente preso posizione contro gli sfratti senza alcuna soluzione alternativa.

Prima che il tribunale di Parma accogliesse l’istanza, con rinvio in aula a giugno e sfratto a luglio, c’è stato un lungo fronteggiamento come ci ha raccontato Filippo, compagno della Rete Diritti in Casa di Parma.
Ascolta o scarica

Da Radio Onda d'Urto

Informazioni aggiuntive

  • notizia Live normale

Questa mattina all'alba sono state emesse diverse misure cautelari contro giovanissimi e studenti in riferimento ai fatti del 18 febbraio a Torino quando un partecipatissimo corteo studentesco ha portato le proteste contro l'alternanza scuola-lavoro sotto Confindustria dopo la morte di Lorenzo e Giuseppe.

 Le mobilitazioni erano nate in risposta alla morte dei due giovani durante uno stage in alternanza scuola-lavoro, a Torino la prima manifestazione era stata duramente repressa da parte della violenta gestione di piazza con il risutato di decine di feriti tra studenti e studentesse. Nei mesi successivi si sono susseguite occupazioni di istituti scolastici e cortei con la rivendicazione chiara di abolire l’alternanza scuola-lavoro e per una scuola più vivibile. Oggi tre studenti sono stati tradotti in carcere, quattro ai domiciliari tra cui una studentessa per il solo fatto di aver parlato al megafono e altri quattro con l’obbligo di firma giornaliero.

La persecuzione giudiziaria nei confronti di chi si oppone al modello di scuola esistente non ha colpito solo a Torino ma anche a Roma ed in altre città del nostro paese. Questo è il modo in cui le istituzioni affrontano ormai da tempo le richieste dei giovani che si trovano un presente devastato ed un futuro incerto a causa di una classe politica ed imprenditoriale che ha messo al primo posto il profitto sopra ogni cosa.

La capacità di movimento, l'autonomia e la forza espressa da studenti e studentesse in occasione delle mobilitazioni di febbraio è stato un segnale importante in mezzo alla rassegnazione ed alla fatica che si vive ogni giorno sulla propria pelle tra la pandemia e l'esplosione della guerra in Ucraina.

Un segnale che vuole essere ad ogni costo silenziato, con un'operazione invocata a gran voce dalla Ministra Lamorgese per provare a spaccare l'unità studentesca e scomporre quella volontà di cambiare le traittorie delle proprie esistenze verso una vita più dignitosa e una formazione che risponda alle esigenze dei giovani finalmente.

Il clima a Torino ormai da anni è sempre più militarizzato e securitario e i temi sociali vengono ridotte costantemente a questioni di ordine pubblico. A tal punto da mandare in carcere e ai domiciliari giovani appena maggiorenni. Ma la rabbia di una generazione non disposta a piegarsi tracima da ogni fessura di questa città asfittica.

In aggiornamento...

 

 

 

Informazioni aggiuntive

  • notizia Live normale
in SAPERI

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons