ssssssfff
Articoli filtrati per data: Saturday, 08 Febbraio 2020

In vista delle presidenziali statunitensi 2020 tradurremo alcuni articoli apparsi su siti e riviste "di movimento" di oltreoceano (anche con punti di vista diversi dal nostro) con delle brevi introduzioni critiche.

Crediamo che sia importante provare a rendersi conto del dibattito in corso nella "left" USA, tanto nella sua difficoltà, quanto negli spunti interessanti. Per il momento non si vede la luce in fondo al tunnel e il portato del trumpismo con le sue articolazioni sociali rimane ancora incompreso e irrisolto. La risposta allo "shock" tarda a farsi avanti se non con proposte di riforma del capitalismo come il Green New Deal che però non paiono avere al momento la forza di confrontarsi con l'armamentario del "Make America Great Again".

In questa seconda traduzione riportiamo un articolo apparso su New Politics a firma Andrew Sernatinger. New Politics è un forum socialista indipendente per il dialogo e il dibattito a sinistra. Nella sua presentazione si può leggere che "insiste sulla centralità della democrazia per il socialismo e sulla necessità di fare affidamento sui movimenti di massa dal basso per una progressiva trasformazione sociale." L'articolo in questione in particolare ritrae la discussione interna ai Democratici Socialisti d'America rispetto alla campagna in favore di Bernie Sanders. I DSA sono attualmente la più grande organizzazione che si definisce socialista negli Stati Uniti e sono gli eredi del Socialist Party of America di Eugene V. Debs che hanno incontrato le teorizzazioni della New Left degli anni '60 e '70. Il dibattito riassunto è particolarmente interessante perchè non si riduce a una posizione elettoralista contro una astensionista, ma chiama in causa le questioni di fase, di tattica e di strategia.

 

Nel marzo del 2019, i Socialisti Democratici d'America (DSA) hanno appoggiato la candidatura di Bernie Sanders come Presidente degli Stati Uniti. I membri dei DSA hanno votato in un referendum consultivo che chiedeva semplicemente se i Socialisti Democratici d'America avrebbero dovuto sostenere Bernie Sanders presidente. Il 76% dei 13,324 membri che hanno partecipato (il 24% degli iscritti complessivi) hanno votato sì. Nessun voto ha citato i dettagli dell'approvazione: il referendum ha fatto votare solo i membri sull'opportunità o meno di approvare un piano per una campagna di spesa indipendente, che è stata adottata immediatamente dopo l'endorsement.

Il dibattito formale sull'approvazione tra l'allora membro dell'NPC Elle Mahony (a favore) e Dan La Botz (contro) ha articolato le posizioni politiche in gioco: il pericolo del Partito Democratico (La Botz) contro il potenziale della campagna di Sanders (Mahony). Mahony scrive, Bernie Sanders sta correndo come presidente, e potrebbe attualmente vincere. Quello che possiamo fare - che dovremmo fare - è utilizzare l'opportunità organizzativa della campagna di Bernie Sanders per raggiungere milioni di persone mentre sono più aperti alla politica - e alla politica socialista in particolare! Dobbiamo convertirli in combattenti impegnati per il programma democratico socialista, ed essere sicuri che loro non ritornino nel pessimismo o nell'inattività dopo che le elezioni presidenziali finiranno.

Gli argomenti Mahony incarnavano le prospettive di molti membri dei DSA, che erano d'accordo che la campagna di Sanders rappresentasse un'opportunità e che sarebbe stato un errore non avvantaggiarsi della situazione. La combinazione tra lo status di outsider di Sanders (un candidato che corre contro l'establishment politico), una piattaforma social-democratica, e il senso di un'opportunità storica portarono chiaramente la maggioranza dei membri dei DSA all'approvazione.

Per coloro che erano scettici del Partito Democratico, fu offerto un compromesso - gli argomenti Pro - Sanders erano stati in grado di riconoscere i problemi dell'elettoralismo, e tracciare un percorso in avanti che ha sostenuto il coinvolgimento condizionale ai fini della costruzione del movimento, della coscienza di classe e dell'organizzazione socialista.

La Convention del 2019 dei DSA ha articolato queste condizioni nelle risoluzioni elettorali approvate. Queste hanno dichiarato, specialmente nella strategia delle elezioni di lotta di classe, che DSA "si impegnerà ad usare le campagne e gli uffici eletti… indipendentemente dalle campagne e dai candidati del Partito Democratico"; che ha il desiderio di rompere dal Partito Democratico; che si impegna a sostenere solo Bernie Sanders e non altri Democratici (disclaimer: io sono l'autore di questa risoluzione); e infine:

"che il DSA adotterà un approccio di lotta di classe nella campagna di Bernie Sanders. Questo include creare propaganda socialista indipendente; costruire un forte DSA per la campagna di Bernie Sanders; supportare gli sforzi di Labor for Bernie per democratizzare i processi di endorsement dei sindacati e vincere il sostegno sindacale per Sanders; e prepararsi per costruire una organizzazione della working-class dietro la campagna di Sanders, sia che vinca, sia che perda."

Questa discussione ha mostrato consapevolezza delle questioni che sarebbero state coinvolte in una campagna presidenziale e che avrebbero creato qualifiche per il coinvolgimento. Fare campagna per Sanders è stata presentata come una relazione strumentale, partendo dalla politica elettorale come sito di politicizzazione per le attività del labor e del movimento sociale.

DSA avrebbe utilizzato lo spazio aperto dalla campagna per creare organizzazioni che sopravvivessero dopo novembre, discutere di socialismo al di fuori dei nostri milieu, e portarci più vicini alla costruzione di un partito del lavoratori attuabile (ad un certo punto nel futuro). Questi sono gli argomenti che sono stati presentati dai leaders dei DSA e adottati nella Convention.

BERNIEART.web 850 593

Stiamo facendo quello che abbiamo detto avremmo fatto?

A seguito della Convention di agosto del 2019, la campagna per Sanders è iniziata sul serio. Il DSA ha investito in DSA for Bernie, la campagna di spesa indipendente, fornendo materiale e direzione. I membri desiderosi di organizzare sono stati guidati da attività di campagna che riflettevano il programma ufficiale dei volontari di Sanders: fare propaganda elettorale localmente, inserire i dati dentro l'ActionNetwork e chiamare i votanti al di là della propria zona. Basati su una campagna di dati i centri di questa attività sono New York, Seattle, Philadelphia, Chicago, Phoenix, East Bay and Miami.

La proposta della DSA di Chicago di dare la priorità al lavoro di Sanders nel loro gruppo, ad esempio, interpreta la campagna come composta da quattro elementi: ricerca di intenti, sensibilizzazione degli studenti, mobilitazione interna e propaganda (media locali, letteratura e "una forte presenza sui social media"). La DSA non si sta coordinando ufficialmente con la campagna Sanders.

La campagna sui media, ciò che stiamo dicendo su Sanders, è stata una componente centrale dell'attività di DSA. Una campagna concertata per incrementare il messaggio di Sanders da parte di autori di DSA e compagni di viaggio è incorsa in varie pubblicazioni, in particolare su Jacobin e su These Times, che hanno postato dozzine di articoli e più pubblicazioni su Sanders. Nel 2019, Jacobin da solo ha postato 340 articoli con "Bernie" o "Sanders" nel titolo o nel sommario sul suo sito web, solitamente argomentando perché Sanders può vincere o perché è il candidato giusto per tutte le istanze.

Mentre la campagna di Bernie Sanders è decollata, i membri di DSA sono stati incoraggiati a partecipare alle conference call per la campagna e a scaricare ed usare l'applicazione ufficiale Bern. I membri di DSA hanno assunto lavori di staff nella campagna di Bernie Sanders, come personale sul campo, consulenti e affiliati alla campagna, e stanno incoraggiando i membri di DSA a partecipare alle funzioni ufficiali di Bernie Sanders e ai "Barnstorms".

https cdn.cnn.com cnnnext dam assets 170803181630 democratic socialists of america parade

Causa di preoccupazione

Sulla base di questa presentazione di ciò che è pubblicamente disponibile, possiamo iniziare a fare alcune valutazioni. Primo, queste attività si focalizzano principalmente sull'affluenza alle urne dei singoli elettori: fare propaganda, chiamare al telefono, fare presentazioni - queste sono attività di routine di ogni campagna elettorale, e sebbene possano dare uno scopo ai membri della DSA che cercano dove dirigere i loro sforzi, essi non contribuiscono di per sé ad approfondire la politicizzazione o l'attivazione nei movimenti sociali o del lavoro. Se questi sforzi sono diretti verso i quartieri e i campus dove Sanders ha già il consenso, fare campagna elettorale potrebbe non estendere il nostro pubblico oltre le misure già esistenti.

Secondo, se è la prospettiva di un'elezione di lotta di classe quello che ci guida, dobbiamo essere "indipendenti dalle campagne dei candidati del Partito Democratico". DSA ha generalmente gestito le sue operazioni parallelamente all'infrastruttura di Sanders, il che confonde le linee tra DSA e Sanders, soprattutto quando i nostri membri diventano membri della sua campagna. Sia che tu pensi che sia giusto o meno, non è comunque politicamente indipendente. Il pericolo è sostituire la strategia elettorale del candidato (dando meno priorità agli sforzi locali per rafforzare la propaganda negli stati che sono campo di battaglia) al posto degli sforzi del DSA nel costruire una forza politica duratura, come convenuto alla Convention.

Prendi l'esempio di un dibattito alla fine del 2019. Un articolo dell'Atlantic ha riferito che i gruppi della DSA in Iowa non stavano perseguendo una campagna elettorale - non stavano “facendo nulla”, ma hanno preso la decisione di concentrarsi sull'organizzazione locale: “I singoli membri sarebbero invitati a fare volontariato per Sanders nel loro tempo libero... ma fare una campagna per lui come gruppo distrarrebbe dagli sforzi locali [dell'Iowa centrale]... "; "Per quanto molti dei nostri membri adorino Bernie, vediamo ancora di più la nostra importanza nella costruzione della coscienza di classe e del potere della classe operaia nelle nostre comunità, perché alla fine durerà più a lungo". Questo discorso è stato accolto con un rimprovero ampiamente letto da un membro del DSA di New York: "L'incapacità dei gruppi della DSA dell'Iowa di contribuire a dare energia ai votanti progressisti dell'Iowa e ai nuovi frequentatori di caucus è un errore enorme".

Una importante parte della campagna del 2016 per Sanders fu l'emersione di Labor for Bernie, uno sforzo di base dei membri del sindacato per sostenere Sanders. Nel 2020, Labor for Bernie è stato eclissato dalla iniziativa ufficiale di Bernie Sanders "Union Members for Bernie", direttamente affiliata alla campagna. Qual è la differenza? Joah Fuhrman, membro del DSA e parte dello staff di "Union Member for Bernie", scrive: "Labor for Bernie riguarda di più gli attivisti che provano a spostare le posizioni dei loro sindacati verso Bernie (che è stupendo, ma a cui la campagna ufficiale non può partecipare politicamente!) e la campagna ufficiale sta provando a fare cose più convenzionali con l'ID dei votanti, la persuasione, ingaggiare membri che sono nei sindacati ma che non sarebbero andati a votare Bernie."

In teoria non dovrebbero esserci conflitti, ma laddove gli organizzatori di L4B hanno preso contatto con i membri di "Unions for Bernie", ciò riduce la capacità dell'iniziativa indipendente a favore di quella guidata dalla campagna.

democratic socialists of america

La narrazione di Sanders

Consideriamo l'analisi de facto che sembra informare la campagna di DSA per Sanders. Se noi guardiamo a cosa viene inserito nelle pubblicazioni come Jacobin, articoli diffusi su Sanders e social media, quindi proviamo a dargli un senso coerente, c'è una narrazione in fase di avanzamento:

1: Bernie Sanders ha fatto un'offerta storica per la presidenza nel 2016, riportando il socialismo nel dibattito nazionale. Non è chiaro come sia stato in grado di farlo, ma le persone erano pronte ad un'alternativa alla solita politica. Mentre aveva trovato un supporto popolare

o è stato truffato riguardo alla nomination per inganni del Partito Democratico, o è stato incapace di organizzare una forte campagna a causa della partenza tardiva e della sua sorpresa per essere così popolare, o entrambi.

2: Lo scenario politico è stato trasformato dalla sua campagna. Le evidenze che noi abbiamo di ciò è la crescita del DSA fino a diventare la più grande organizzazione socialista da oltre 50 anni e

sondaggi che mostrano la preferenza delle persone per il "socialismo" rispetto al "capitalismo".

3: Una campagna per Sanders con più tempo, più soldi, e supporto potrebbe essere in grado di espandere questa radicalizzazione e raggiungere più persone, che sarebbe un grande guadagno per la sinistra.

4: La popolarità di Sanders, in particolar modo quando si scontra con Trump, dimostra che potrebbe vincere la nomination in un contesto democratico; anche quelli a cui potrebbe non piacere Sanders dovrebbero accettare la sua nomination come la migliore possibilità di sconfiggere Trump, che odiano.

5: La fattibilità del socialismo democratico alle urne è dimostrata dall'elezione di candidati socialisti negli uffici locali, statali e federali.

I giovani preferiscono Sanders, allo stesso modo molte persone di colore, se queste persone saranno mobilitate specificatamente per votare, Sanders potrebbe vincere la nomination.

6: Il problema maggiore è che l'establishment politico tenta di sopprimere Sanders ignorandolo, demonizzando lui e i suoi supporters, o rifiutando di riconoscere la sua popolarità e la sua statura.

7: Pertanto, un compito centrale per la sinistra è contrastare questa campagna mediatica e incoraggiare Sanders a rafforzare la fiducia degli elettori nelle Primarie democratiche. Il modo di fare questo è attraverso la propaganda, le telefonate, i social media, le risoluzioni sindacali e le donazioni. Ogni sforzo deve essere fatto per ricollegare le istanze a Sanders.

Un'attenzione particolare va spesa nelle primarie iniziali, come in Iowa, per segnalare la popolarità e la possibilità di vincere di Sanders. I socialisti possono fare la differenza tra vincere o perdere una primaria con gli sforzi per parlare direttamente con gli elettori.

8: Dopo aver mobilitato questo voto, Sanders vincerà la nomination del Partito Democratico e andrà a sconfiggere Trump nel novembre 2020. Quindi presiederà come "organizzatore capo" e supervisionerà un "governo dei lavoratori".

Questo è un orientamento completamente diverso rispetto a quello iniziale alla campagna Sanders. L'obiettivo è passato da "convertire l'energia elettorale del 2020 in un'organizzazione durevole di movimento sociale e del lavoro" (Mahony) alla costruzione di un movimento per Bernie, "Perché Chicago dovrebbe andare all in per Bernie" (Sean Duffy); tra parentesi, andare "all in" è un termine di gioco che significa che o vinci alla grande o te ne vai senza nulla.

Prendendo sul serio questa presentazione, ci sono buchi nell'argomento e saltano importanti problemi. Vorrei solo prendere in considerazione tre elementi. Innanzitutto, la narrazione elude completamente il processo di nomina, che è progettato per impedire ai candidati indesiderati di diventare nominati. La campagna di Sanders ha reso questa realtà dolorosamente evidente nel 2016 facendo luce sui meccanismi del Partito Democratico che sono normalmente nascosti alla vista - e che il confronto pubblico, mettendo a nudo l'operazione del Partito Democratico, è stata una delle cose più importanti che Sanders è stato in grado di realizzare nel 2016.

Questa realtà non è cambiata. La nomina del Partito Democratico non è una competizione democratica - è un evento orchestrato che è costruito per garantire che il candidato neoliberista prevalga sempre. Come il resto della democrazia capitalista, questo opera su più livelli che si rafforzano a vicenda: in primo luogo c'è il concorso per il denaro della campagna per poter persino candidarsi alle elezioni; poi ci sono le "primarie invisibili" dei media per sottrarre il supporto a qualsiasi indesiderabile; l'impegno a sostenere i democratici in carica; quindi le primarie statali con le loro regole arcane; e infine la Convenzione nazionale democratica e il sistema dei superdelegati. E questa è solo la roba strutturale.

Uno dei motivi principali per cui funziona è perché si basa su un'illusione della democrazia e il processo crea un senso di affinità con l'eventuale candidato ("il nostro ragazzo"). Il sistema dei superdelegati, che nel 2016 si è legato a Clinton prima ancora che iniziassero le primarie, è ancora intatto - si ricorda che questo è stato introdotto dopo George McGovern per respingere i "candidati anomali" e da allora nessun candidato outsider ha preso la nomina democratica. Questo non è menzionato nella narrativa di Sanders perché interrompe la storia: come può Sanders vincere in questo ambiente?

Problemi simili sussistono quando consideriamo cosa potrebbe accadere dopo le primarie se a Sanders viene assegnata la nomination democratica. È improbabile che i sostenitori del Partito Democratico accettino Sanders come candidato presidenziale. Sanders, naturalmente, guida tra gli elettori guadagnando meno di $ 50.000, sebbene abbia anche il minor supporto tra gli elettori più ricchi. Ciò è significativo negli Stati Uniti, dove più denaro hai, più probabilità avrai di votare. La risposta di Sanders è che ha tentato di mobilitare nuovi elettori dando loro un motivo per votare, ma questo è notoriamente difficile.

bernie charity getty ringer.0

Il New York Times ha scritto, "La questione di Cosa Fare con Bernie e il più largo imperativo dell'unità del partito ha, per esempio, sorvolato una serie di cene democratiche inedite a New York e Washington organizzate dal finanziatore del partito di lunga data Bernard Schwartz." Bret Stephens, scrivendo più recentemente sul NYT op-ed (la sezione delle opinioni ndr) aggiunge: "Quello che non possono fare [i Democratici] è nominare un candidato spericolato dei loro e insistere che è l'unica scelta morale. Per alcuni di noi, nessuna-delle-precedenti è un'opzione praticabile. Per troppi altri, sarà il diavolo che conoscono [Trump]." Tutto questo per dire che non è scontato che Sanders comanderà il sostegno di tutti gli elettori democratici se dovesse vincere la nomination, e c'è una reale possibilità che le differenze di classe saranno troppo per i democratici più ricchi.

Infine, l'approccio del DSA per vincere le elezioni per Sanders è fondamentalmente lo stesso del piano di Momentum per Jeremy Corbyn eil Labour Party: usare i social media, bussare alle porte, propaganda e chiamate come non ci fosse un domani e vincere le elezioni attraverso lo sforzo disumano di un piccolo esercito di volontari. Puntare agli elettori giovani, dato che sono più interessati a programmi di sinistra, e fare appello ai vecchi bastioni della classe lavoratrice industriale perché dissertino dai candidati di establishment e vedano la sinistra come la migliore via d'uscita dalla situazione attuale.

La prospettiva guida si riduce al "populismo di sinistra" articolato da Chantal Mouffe ed Ernesto Laclau. Il populismo di sinistra suggerisce che l'assenza di organizzazioni della società civile significa che la sinistra deve spostarsi verso un orientamento populista. Il neoliberismo governa un "vuoto" senza consenso, quindi un appello populista può sconfiggere la politica dell'establishment. Per creare una base per il futuro, Anton Jager scrive, "Una società disorganizzata potrebbe semplicemente aver bisogno di un risveglio organizzativo dall'alto."

Gruppi come Momentum e DSA possono sostituire l'attività della classe, che può funzionare perché una piccola organizzazione in un mondo disorganizzato ha un effetto fuori misura. È come lanciare un'Ave Maria politica e sperare che il completamento di quel passaggio crei rapidamente organizzazioni della classe operaia.

Ciò è al contrario. I partiti di sinistra sono giunti storicamente al potere in periodi di lotte sociali con forti organizzazioni di classe, dove i lavoratori avevano organizzazioni in grado di agire, vedere che è necessario combattere, credere che si poteva vincere, e aumentavano le loro aspettative.

Presentare un'alternativa di per sé può radunare i voti dell'opposizione, ma molti lavoratori valuteranno l'equilibrio delle forze e pensano che la sinistra non sia realistica. Le elezioni avranno un ruolo nell'avanzare della lotta, ma non possono saltare oltre la storia.

Non abbiamo un problema come la Brexit negli Stati Uniti, ma la perdita del Labour ci dà un assaggio di un possibile futuro: non vi è stato alcun "terremoto" per spostare i dati demografici degli elettori, molti elettori laburisti si sono astenuti o hanno votato fuori dal partito e la popolarità del Manifesto del Labour non si è tradotto in un sostegno che potrebbe superare gli ostacoli.

I Tories non dovevano "vincere"; hanno raccolto solo 360.000 voti dal 2017: il Labour ha dovuto perdere, facendo cadere 2,6 milioni di voti. Kim Moody scrive: "Gli attivisti della stagione elettorale devono diventare partecipanti perenni a rami, collegi elettorali, sindacati e luoghi di lavoro che vanno oltre la modalità elettorale per l'organizzazione di base in corso, il sostegno alle lotte sindacali e l'azione diretta di massa... Se, cioè, il progetto Jeremy Corbyn... lanciato nel 2015 e raccolto da migliaia è destinato a sopravvivere alla sua leadership formale ".

GettyImages 580024434 1024x683

Una formulazione differente

Non c'è dubbio che la campagna di Bernie Sanders sia stata un punto di riferimento per la politica di sinistra. Il problema che sto ponendo qui è che non siamo stati particolarmente chiari su cosa significhi per la sinistra. Possiamo concordare sul fatto che esiste un'opportunità, ma esattamente quale sia tale opportunità o il modo migliore per sfruttarla è stato ampiamente indefinito. In questo spazio ambiguo, possiamo facilmente scivolare in surrogati acritici per la campagna ufficiale di Sanders.

I criteri di DSA su come interagire con la campagna Sanders sono stati utili e convincenti - solo non sono sicuro che siano stati osservati. I membri di DSA potrebbero usare lo spazio di Sanders per creare qualcosa al di là delle elezioni, ma questo non è evidente quando guardiamo al messaggio che i socialisti stanno proponendo.

Il primato ha posto gli ostacoli ai movimenti di massa e il valore della riforma ribalta la nostra comprensione di come cambia la società, in vista del fatto che senza una vittoria di Sanders siamo finiti. Questo è esemplificato nel titolo di un recente articolo di Jacobin: "Il tiro lungo del socialismo democratico è il nostro unico tiro". C'è un senso di disperazione qui, e che sembra essere nato da una mancanza di fiducia nei lavoratori e nei movimenti sociali da sviluppare come una forza oltre queste elezioni.

Consentitemi di presentare una diversa formulazione: Bernie Sanders è stata in grado di sfondare nel 2016 a causa della debolezza dell'establishment politico neoliberista, non della forza della sinistra. Mentre Sanders avrebbe potuto generalmente avere più sostegno di Clinton, non vi è dubbio che la primaria democratica fosse truccata a suo favore.

Il problema che affrontiamo è che la crisi politica che ha permesso a Sanders di farsi avanti non continuerà per sempre - è ancora in atto nel 2020, ma il Partito Democratico sta rapidamente cercando di ricomporsi per evitare contese future. Sanders offre una vera alternativa al neoliberismo, anche se gli ostacoli per vincere la nomination e quindi la presidenza sono formidabili.

Mentre avrebbe potuto articolare il momento politico, la profondità della politicizzazione intorno a Sanders è nella migliore delle ipotesi disomogenea e orienta verso una maggiore attività elettorale a meno che non ci sia uno sforzo cosciente per inviarlo altrove. Noam Chomsky sostiene da anni che l'opinione pubblica è costantemente alla sinistra della politica; l'effetto Sanders probabilmente non ha cambiato la coscienza di classe ma ha fornito una via per rimostranze esistenti che non hanno avuto espressione politica per decenni in un momento in cui la politica dell'establishment è la più problematica. Se il nostro obiettivo è sviluppare la coscienza di classe, ciò avverrà attraverso movimenti di massa e confronto con i datori di lavoro. Il nostro messaggio dovrebbe creare esplicitamente un percorso da Sanders all'organizzazione sul campo; così com'è, la formulazione viene invertita dove l'organizzazione scorre verso Sanders.

Essenziale per la campagna è che dobbiamo rimanere radicati e autocritici. Se DSA seguisse l'esempio di Sanders nella campagna elettorale, depriorizzando la campagna locale a favore delle prime primarie e degli stati contesi, non solo non avremmo creato nulla di duraturo, ma avremmo paracadutato in propaganda porta a porta con effetto discutibile. Questa è una delle maggiori preoccupazioni per le posizioni dello staff, che per loro natura precludono serie critiche a Sanders perché il loro lavoro retribuito è quello di ottenere voti, non di costruire una sinistra.

Sollevare questi problemi non è una partenza radicale: ho cercato di dimostrare che questa era l'opinione sostenuta da DSA fino a sei mesi fa e che dovrebbe continuare a guidarci. Questo si riduce a quattro cose: 1) che la campagna elettorale esplicitamente dovrebbe portare all'organizzazione del movimento sociale e del lavoro, e non viceversa; 2) che le nostre prime priorità dovrebbero essere lo spostamento delle organizzazioni esistenti verso l'approvazione democratica per rafforzare gli organismi collettivi e creare l'infrastruttura in grado di spostare più persone; 3) che non ci asteniamo dal criticare Sanders e che ci vacciniamo contro la potenziale sconfitta di Sanders e i contrattacchi che arriveranno; 4) che favoriamo l'attività locale e lo sviluppo dell'organizzazione rispetto ai contatti nazionali. Ciò non preclude la ricerca di reti ma è destinato a spostare il centro di attività.

Dovremmo avere una visione più ampia di come le nostre forze possano uscire da queste elezioni più forti piuttosto che impiegare uno schema per crescere rapidamente per andare all-in con Sanders. L'opportunità è quella di utilizzare la campagna di un politico che è favorevole a una visione del cambiamento della società attraverso movimenti di massa, collegando i sostenitori di Sanders all'organizzazione del sindacato, gruppi di comunità, campagne locali e altri sforzi riconosciuti da Sanders come importanti. Dobbiamo dare la priorità agli sforzi di base come Labour for Bernie rispetto a quelli affiliati alla campagna proprio perché è auto-organizzazione, è diretta ai detentori del potere e prepara le basi per un'attività più duratura.

 

 

DSA Chicago democratic socialists america 1501871125

Qui trovate la prima traduzione: [NOT a presidential debate] Questa non può essere solo una campagna elettorale. Deve essere una rivoluzione politica

Informazioni aggiuntive

  • notizia Live normale

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons