ssssssfff
Articoli filtrati per data: Sunday, 15 Novembre 2020

 

Dopo quasi un anno tra carcere e arresti domiciliari, da domani, #Nicoletta sarà di nuovo libera!

Undici mesi a testa alta, tre mesi di carcere, anche lei nella terza sezione, proprio come #Dana, e poi altri otto a Bussoleno, nella sua casa. Con tutte le problematiche connesse, anche legate al covid-19, che poi hanno portato i magistrati a condurla agli arresti domiciliari.

Se lo scopo della carcerazione, come abbiamo potuto leggere nella sentenza di Dana, era una fantomatica “rieducazione”, crediamo che nessuna donna abbia bisogno di conoscere l’educazione della privazione dell’umanità e della libertà, per poter poi vivere abbassando la testa di fronte alle ingiustizie.

Se lo scopo era quello, cari magistrati non ha funzionato! Al massimo siete voi a dover imparare dalla dignità di Nicoletta, di Dana e di tutte/i le/i #notav.

Nicoletta, una donna tenace, modello di resistenza e coraggio per tutte e tutti. Siamo felici di sapere che prestissimo potrà tornare sui sentieri della amata Val Clarea.

“Non posso essere davvero contenta, se da sola…. Aspetto altre liberazioni. Vi abbraccio tutte e tutti”

Ora vogliamo anche Dana, Emilio, Stefano liberi! Libertà per le/i No Tav! Tutte e tutti liberi!

Avanti No Tav!

Da notav.info 

 

Informazioni aggiuntive

  • notizia Live normale

Mazlum Duman prende il nome “Şerzan Kato” nella guerriglia. Ha mostrato grande prova di resistenza contro il nemico che opprimeva la sua famiglia e il suo popolo e si è unito alla carovana dei martiri in Botan. Il Kurdistan è una terra che è stata perseguitata dagli oppressori per secoli, ma non si è mai inchinata al nemico. In Kurdistan i bambini crescono con la resistenza perché crescono vivendo la crudeltà del nemico e le vicende degli eroi curdi che lo combattono. E poi vivono nella realtà quotidiana ciò di cui sentono raccontare. 

I bambini crescono rapidamente in Kurdistan, maturano rapidamente a causa della realtà del nemico e presto cominciano a partecipare alle imprese coraggiose che ascoltano. Uno di quelli che ha vissuto queste storie è Şerzan Kato. In Kurdistan ci si ricorda di chi non si arrende. Si ascoltano le narrazioni della guerriglia, inseguendo la primavera oltre le bufere di neve. A volte non ci sono le parole per esprimere ciò che è accaduto, ma la memoria che dà voce alla verità porta in sé il futuro. È la quotidianità della guerriglia che incontra le sue origini. Tutti possono diventare parte di questo paese e cadere su questa terra.

Cresciuto con la sofferenza di un paese che i nemici vogliono distruggere, Mazlum Duman è nato a Şırnak nel 1993. Dopo che lo stato fascista turco ha bruciato e saccheggiato il suo villaggio, è dovuto emigrare, trasferendosi a Mardin con la sua famiglia. Mazlum, che è sempre stato attivo, si è unito alla guerriglia nel 2012 per vendicare l'arresto del fratello da parte delle forze fasciste e per intraprendere la sua accresciuta battaglia contro la persecuzione del popolo curdo. Ha dimostrato una forte resistenza contro il nemico che ha perseguitato la sua famiglia e la sua gente sulle libere vette delle montagne. Nella guerriglia, Şerzan prese il nome di Kato. Per le sue qualità altruistiche e coraggiose, qualunque compagno sarebbe voluto andare in missione con lui. Dopo aver passato la maggior parte del tempo a leggere i libri del presidente Ocalan per rafforzare la sua ideologia, Serzan ha condiviso con i compagni ciò che aveva imparato, cercando risposte su "come essere, come vivere" e ha condiviso senza esitazione le sue contraddizioni con i compagni.

Şerzan Kato si è unito alla carovana dei martiri nel 2019 a Botan, fu la sua ultima battaglia.

Da https://anfenglishmobile.com/kurdistan/guerrilla-Serzan-kato-a-child-of-kurdistan-47927

Informazioni aggiuntive

  • notizia Live normale

Sulla scia della rivoluzione russa del 1917 e dopo la prima guerra mondiale, i movimenti e le organizzazioni rivoluzionarie si diffusero in tutto il mondo, anche negli Stati Uniti A partire dal novembre 1919 e continuando nel 1920, il Dipartimento di Giustizia (DOJ) lanciò i Palmer Raids: massicci raid mirati contro comunisti, socialisti, radicali e libertari. I loro obiettivi dichiarati erano "i rossi", chiunque fosse sospettato di simpatia per la rivoluzione russa o di appartenenza a qualsiasi organizzazione comunista o libertaria.

Quando gli agenti federali si sono riversati nei luoghi di incontro, nei luoghi di lavoro e nelle case in tutto il paese, hanno picchiato e arrestato brutalmente tutti quelli che hanno trovato. I raid sono stati effettuati in più di 50 città. Non ci sono statistiche ufficiali sul numero di persone radunate in questi raid, ma le stime vanno da 4.000 a 10.000. Le incursioni furono guidate dal procuratore generale A. Mitchell Palmer e J. Edgar Hoover (in seguito direttore dell'FBI). Queste incursioni hanno rappresentato una grande escalation dell'apparato repressivo del governo e hanno avuto luogo nel mezzo del "Red Scare", una campagna per suscitare isteria di massa, odio e violenza diretta contro i rivoluzionari e i sindacalisti dell' lWW.

Sebbene non esistesse una base legale per la maggior parte degli arresti e la maggior parte delle persone arrestate siano state successivamente rilasciate, molte persone sono state deportate e molte altre sono state trattenute per mesi senza accuse. Le persone sono state picchiate e torturate, le vite sono state rovinate e le famiglie sono state lacerate.

Una persona arrestata in seguito ha detto: "mentre stavo insegnando in una classe matematica e il russo, un agente del Dipartimento di Giustizia ha aperto la porta della scuola, è entrato con una rivoltella in mano e ha ordinato a tutti di farsi da parte; poi mi ha ordinato di avvicinarmi. Indossavo occhiali da vista e l'agente del Dipartimento di giustizia mi ha ordinato di toglierli. Poi senza alcuna provocazione, mi ha colpito alla testa e contemporaneamente altri due mi hanno colpito . Dopo essere stato picchiato e senza la forza di reggermi in piedi, sono stato buttato giù per le scale e mentre rotolavo giù, altri uomini, presumo agenti del Dipartimento di Giustizia, mi hanno picchiato con pezzi di legno che poi ho scoperto sono stati ottenuti. rompendo le ringhiere. Ho subito una frattura della testa, della spalla sinistra, del piede sinistro e del fianco destro".

Quando gli Stati Uniti entrarono nella prima guerra mondiale nell'aprile 1917, l'Espionage Act fu introdotto nel Congresso e promulgato entro due mesi. Questo atto proibiva l'interferenza con le operazioni militari o il reclutamento, l'insubordinazione nell'esercito e il sostegno dei nemici degli Stati Uniti durante la guerra, ed era specificamente usato per fermare l'opposizione alla guerra e altre attività radicali.

L'Espionage Act è stato emendato nel maggio 1918 con il Sedition Act, che vietava specificamente molte forme di discorso, incluso "qualsiasi linguaggio sleale, profano, scurrile o offensivo sulla forma di governo degli Stati Uniti ... o la bandiera del Stati Uniti o l'uniforme dell'esercito o della marina. ".

Il governo ha utilizzato questo gruppo di leggi per eseguire massicci arresti di attivisti contro la guerra e radicali durante la guerra, per attaccare organizzazioni radicali e, vietando l'uso del sistema postale, per chiudere molti giornali radicali come The Masses che erano state le principali voci contrarie la guerra.

Nel giugno 1919, Palmer fondò la Divisione Radicale . Alla fine del 1919, questa divisione avrebbe raccolto 60.000 nomi di persone "sospette" e il palcoscenico era pronto per i Raid di Palmer.

Guidato da Palmer e Hoover, il Dipartimento di Giustizia effettuò la prima delle incursioni il 7-8 novembre 1919, consapevolmente programmate per iniziare nel secondo anniversario della rivoluzione russa. I raid sono stati effettuati in oltre 15 città ed erano diretti contro l'Unione dei lavoratori russi e agli immigrati russi in generale. Uno dei raid è stato alla Russian Peoples House di New York, un centro comunitario per immigrati russi dove l'Unione dei lavoratori russi aveva un piccolo ufficio. L'edificio è stato saccheggiato e tutti nell'edificio sono stati arrestati, picchiati, gettati giù dalle scale e arrestati. La maggior parte non aveva alcun legame con l'Unione dei lavoratori russi, che era diventata principalmente un'organizzazione sociale per gli immigrati russi. Diverse persone hanno fornito resoconti della brutalità delle loro prove:

Sono stato colpito alla testa e ... sono stato attaccato da un detective, che mi ha buttato di nuovo a terra, mi si è seduto sulla schiena, spingendomi a terra con il ginocchio e piegando il mio corpo all'indietro finché il sangue non è uscito dalla mia bocca e naso.

Ho ... fatto domanda per un permesso per vedere un amico, Mike Lozuk, che è stato arrestato l'8 novembre 1919, in un luogo di incontro dei russi a Bridgeport [Connecticut]. ... Appena sono comparso ... sono stato perquisito e immediatamente messo agli arresti e interrogato da un agente del Dipartimento di Giustizia. Sei uomini, presumo agenti del Dipartimento di Giustizia, mi hanno interrogato e minacciato di impiccarmi se non avessi detto loro la verità. In un caso, un agente ... ha portato una corda e me l'ha legata al collo, affermando che mi impiccherà immediatamente se non gli dico chi conduce le riunioni e chi sono i principali lavoratori di un'organizzazione chiamata Unione dei russi Lavoratori. Questa inquisizione durò ben tre ore,

Il secondo round dei Palmer Raid era rivolto al Partito Comunista e al Partito Comunista Laburista, dove il DOJ aveva agenti sotto copertura. Questi agenti furono incaricati di organizzare riunioni la notte del 2 gennaio 1920, in modo che i raid potessero radunare quante più persone possibile e che i registri potessero essere sequestrati allo stesso tempo. Raid sono stati effettuati in almeno 33 città e dozzine di piccoli centri.

Gli arrestati nei raid sono stati torturati, picchiati, sottoposti a pubblica umiliazione e, a Boston, hanno sfilato per le strade in catene. Alcuni sono stati trattenuti per mesi senza accuse in isolamento o con poco cibo, senza servizi igienici e senza cure mediche.

Il Rapporto sulle pratiche illegali descrive le incursioni nella città di Detroit il 2 gennaio 1920 in cui 800 persone furono arrestate durante le incursioni nella sede del Partito Comunista e in altre località. Sono stati imprigionati da tre a sei giorni in uno stretto corridoio buio, senza finestre, nell'edificio federale della città, con una fontana d'acqua, un bagno, senza cibo per 24 ore e nessuna comunicazione con la famiglia o gli avvocati. Tre mesi dopo, c'erano ancora 450 persone detenute.

Dopo le incursioni del gennaio 1920, il Dipartimento di Giustizia inviò materiale di propaganda ai giornali di tutto il paese affinché la stampa potesse creare tra l'opinione pubblica il sostegno a questa repressione.

Sebbene gli atti di spionaggio, sedizione e immigrazione fornissero un quadro giuridico per i raid, il DOJ in realtà non aveva l'autorità legale per effettuare raid e rastrellamenti di persone per la deportazione. L'autorità legale ufficiale per l'applicazione delle leggi sull'immigrazione e l'emissione di mandati di arresto per l'espulsione apparteneva al dipartimento del lavoro.

Man mano che la violenza e gli atti extralegali commessi durante i raid divennero ampiamente noti, c'era opposizione anche da parte di elementi della classe dirigente. Nel maggio 1920 un gruppo di eminenti avvocati, giudici e professori di legge firmò e pubblicò il Rapporto sulle pratiche illegali del Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti .

Il rapporto denunciava atti illegali e incostituzionali che il DOJ aveva commesso nei raid in violazione dei diritti democratici e civili. Ha ristampato le istruzioni date agli agenti del DOJ per organizzare riunioni alla data delle incursioni del 2 gennaio e ha riprodotto pezzi di propaganda che il DOJ ha inviato alla stampa. Principalmente, ha riprodotto resoconti di prima mano di persone arrestate e trattate violentemente durante le incursioni. Il rapporto ha documentato sei modi in cui il Dipartimento di Giustizia ha violato la Costituzione degli Stati Uniti nei raid: 1) punizioni crudeli e insolite; 2) arresti senza mandato; 3) perquisizioni e sequestri irragionevoli; 4) uso di "agenti provocatori" sotto copertura (agenti che incitano altri a svolgere attività illegali); 5) costringere le persone ad essere testimoni contro se stesse; 6) propaganda del Dipartimento di Giustizia.

Mitchell Palmer , procuratore generale degli Stati Uniti dal 1919 al 1921, fu l'artefice delle brutali incursioni nel novembre 1919 e nel gennaio 1920. Palmer entrò in carica come democratico liberale - sostenne il diritto di voto delle donne e il diritto di sciopero dei lavoratori, e ha rilasciato alcune persone precedentemente arrestate ai sensi dell'Espionage Act. Dopo una serie di bombe nella primavera del 1919 attribuite agli anarchici, Palmer, agendo per conto della classe dominante, inseguì con vendetta chiunque fosse considerato comunista, anarchico, socialista o altro radicale. In seguito ha incolpato il Congresso per non aver agito abbastanza rapidamente contro "i Rossi".

Edgar Hoover fu nominato nel 1919 da Palmer a capo della divisione radicale dell'Unità di intelligence generale, il cui obiettivo era monitorare e interrompere il lavoro dei radicali . Hoover ha svolto un ruolo di primo piano nell'organizzazione e nell'orchestrazione delle incursioni di Palmer e delle loro conseguenze. Ha manipolato la stampa per creare l'opinione pubblica alimentando propaganda e comunicati stampa prima, durante e dopo i raid. Hoover divenne il direttore del FBI, istituito non molto tempo dopo i Raid di Palmer. Rimase direttore dell'FBI e continuò la missione di inseguire i comunisti fino alla sua morte, attaccando cause e persone progressiste e radicali, inclusa la feroce repressione condotta sotto COINTELPRO negli anni '60 e '70.

Woodrow Wilson . Come presidente degli Stati Uniti, Wilson aveva la responsabilità ultima delle azioni del Dipartimento di Giustizia e dei Raid di Palmer. Nella campagna presidenziale del 1916, esortò a far approvare una legislazione contro le persone che mostravano comportamenti sleali e disse che non avevano diritto alle libertà civili a causa del loro comportamento: "Qualsiasi uomo che porta con sé un trattino [riferendosi a tedesco-americano, Italo-americano, ecc.] Porta un pugnale che è pronto a immergere nelle viscere di questa Repubblica. " Ha inviato 13.000 soldati in Russia dopo la rivoluzione per intervenire nella guerra civile con l'intenzione di distruggere la rivoluzione bolscevica e di trascinare la Russia nella prima guerra mondiale.

I media sono stati un fattore importante nel suscitare sentimenti anti-immigrati, anti-radicali e anti-rivoluzione russa.

Nell'immediato periodo successivo alla prima guerra mondiale, gli Stati Uniti furono sconvolti da un'enorme quantità di sconvolgimenti in risposta all'inflazione dilagante e alla mancanza di posti di lavoro per i veterani di ritorno dalla guerra. Il 1919 vide grandi scioperi nelle industrie dell'acciaio, del carbone e dell'imballaggio della carne, nonché centinaia di scioperi in tutto il paese, ci furono in media 200 scioperi al mese. All'inizio di gennaio 1919 si verificò uno sciopero generale a Seattle di 60.000 lavoratori che paralizzò i normali servizi della città per circa una settimana. Lo sciopero nazionale dell'acciaio degli Stati Uniti del settembre 1919 coinvolse oltre 365.000 persone. Gli storici descrivono questo sconvolgimento come un aumento di nuove richieste e un linguaggio rivoluzionario ispirato alla rivoluzione russa

L'estate e l'inizio dell'autunno del 1919 videro dozzine di comunità nere prese di mira dagli attacchi dei vigilanti bianchi. Per la prima volta, la stampa ha riconosciuto la resistenza dei neri nel combattere questi attacchi, e allo stesso tempo ha cercato di demonizzare la resistenza, ad esempio un titolo a Chicago recitava: "I rossi cercano di mescolare i negri alla rivolta".

Durante il periodo successivo alla prima guerra mondiale e alla vittoria della rivoluzione russa del 1917, discorsi dei più alti livelli di governo, editoriali e articoli sulla stampa accusarono comunisti, iww e socialisti di voler rovesciare il governo con la forza nel futuro prossimo. Gli immigrati sono stati particolarmente demonizzati e presi di mira come minacce agli Stati Uniti.

Palmer ha giustificato le incursioni in un saggio che ha scritto nel febbraio 1920, "The Case Against the 'Reds'":

Come un fuoco di prateria, il tripudio della rivoluzione investiva ogni istituzione americana di legge e ordine ... Si faceva strada nelle case dell'operaio americano, le sue lingue taglienti di calore rivoluzionario lambivano gli altari delle chiese , balzando nel campanile della campana della scuola, strisciando negli angoli sacri delle case americane, cercando di sostituire i voti matrimoniali con leggi libertine, bruciando le fondamenta della società.

In un discorso del dicembre 1915 al Congresso, il presidente Woodrow Wilson dichiarò in parte:

Ci sono cittadini degli Stati Uniti, devo ammetterlo arrossendo, nati sotto altre bandiere ma accolti dalle nostre generose leggi sulla naturalizzazione alla piena libertà e opportunità dell'America, che hanno versato il veleno della slealtà nelle arterie stesse della nostra vita nazionale; che hanno cercato di disprezzare l'autorità e il buon nome del nostro governo, di distruggere le nostre industrie ovunque ritenessero efficace per i loro scopi vendicativi colpirli e di svilire la nostra politica agli usi di intrighi stranieri ... ti esorto a emanare tali leggi il prima possibile e senti che così facendo ti sto esortando a fare niente di meno che salvare l'onore e il rispetto di te stesso della nazione. Tali creature di slealtà devono essere annientate ".

I primi anni del 1900 furono segnati da enormi disordini sindacali e da una massiccia attività radicale e contro la guerra negli Stati Uniti. Molti lavoratori, inclusi molti immigrati, erano seguaci di partiti socialisti e comunisti. Mentre gli Stati Uniti emersero dalla prima guerra mondiale come una potenza imperialista in ascesa, il cambiamento più significativo nel mondo dopo la prima guerra mondiale fu la rivoluzione russa, la prima volta nella storia che una rivoluzione comunista aveva trionfato in qualsiasi parte del mondo. Sulla scia di questa rivoluzione, il sentimento radicale e rivoluzionario è cresciuto ancora più forte in gran parte del mondo e negli Stati Uniti La crescita dei movimenti rivoluzionari in molti paesi, l'ondata diffusa di sostegno alla rivoluzione e l'influenza delle idee rivoluzionarie hanno fatto paura nei governanti di ogni paese capitalista.

In quanto grande potenza imperialista, i governanti statunitensi non potevano permettere la diffusione e la crescente influenza del comunismo. Il governo federale aveva bisogno e cominciò a forgiare un apparato repressivo centralizzato. I Palmer Raid, insieme alla soppressione del dissenso, alla violazione dei diritti costituzionali, agli arresti illegali e alla propaganda diffusa contro le attività e le idee "antiamericane", facevano tutti parte della campagna per consolidare questo apparato e schiacciare l'opposizione comunista e radicale.

Informazioni aggiuntive

  • notizia Live normale

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons