ssssssfff
Articoli filtrati per data: Thursday, 29 Ottobre 2020

Siamo alle solite, viene chiesta l’archiviazione dal procuratore capo di Ivrea Giuseppe Ferrando per le denunce dei detenuti riguardanti maltrattamenti e violenze.

Un aspetto criticato di tutta questa vicenda riguarda una scelta di Ferrando, per lo svolgimento delle indagini si è avvalso della Polizia penitenziaria del carcere di Ivrea, alla quale appartengono gli indagati e le persone che, in virtù degli esiti di tali indagini, avrebbero potuto essere indagate.

Sarà quindi la procura generale di Torino a completare le indagini e mandare a processo gli agenti della polizia penitenziaria del carcere di Ivrea, accusati di aver pestato e vessato i detenuti. "Le indagini espletate dalla Procura della Repubblica di Ivrea appaiono sotto vari profili carenti" scrive il procuratore generale Francesco Saluzzo che ha firmato il provvedimento di avocazione di tre delle quattro inchieste sulle violenze nel carcere di Ivrea.

Da anni il garante dei detenuti, Armando Michelizza prima e ora Paola Perinetto, e l'associazione Antigone si battono perché venga fatta chiarezza su quanto è accaduto nel carcere tra il 2015 e il 2016.

L’avvocato Simone Filippi, che difende l’associazione Antigone, racconta così: "Ci abbiamo riflettuto bene prima di chiedere l'avocazione perché era qualcosa di non scontato. Sui 4 procedimenti però abbiamo visto un rallentamento eccessivo e azioni che non venivano fatte dalla procura di Ivrea".

L’avvocata Marialuisa Rossetti, che rappresenta la garante dei detenuti, Paola Perinetti, attaccata in un articolo di STORIE DI POLIZIA PENITENZIARIA E SICUREZZASTORIE DI POLIZIA PENITENZIARIA E SICUREZZA , giornale on-line della stessa polizia penitenziaria, si esprime così: "C'è molta soddisfazione per la decisione della procura generale che ha deciso su tre delle quattro richieste di avocazione"

C'è attesa rispetto alla quarta richiesta di avocazione, quella che riguarda la repressione violenta delle proteste nel carcere, avvenuta tra il 25 e il 26 ottobre 2016, e denunciata per prima da una lettera dei detenuti pubblicata dal nostro sito InfoAut e ripresa poi da Repubblica.

 

In un comunicato la procura generale di Torino esprime un parere negativo sull’operato di quella di Ivrea e dichiara che contrariamente a quanto riportato per l’archiviazione vi sarebbe un detenuto con referti medici di escoriazioni su gambe, braccia, polsi e sanguinamento nasale e avrebbe riferito di essere stato immobilizzato a trasporto di peso da alcuni agenti di polizia penitenziaria, qui però nessuna indagine è stata svolta per circostanziare i fatti e i maltrattamenti.

L'elenco delle mancanze, già denunciate dal garante e da Antigone, l'associazione che si occupa della difesa dei detenuti, è lungo in quanto le uniche indagini svolte si sono concretizzate nell'acquisizione, presso la Casa circondariale di Ivrea, del registro delle sanzioni disciplinari, da cui risulta che dal 7 al 17 agosto 2015 il detenuto è stato sottoposto a isolamento.

Ora non ci resta che aspettare ed attendere le indagini, forse un po’ in ritardo, della procura di Torino.

Informazioni aggiuntive

  • notizia Live normale

La famiglia ha confermato la fatale conclusione. Il presidente eletto Luis Arce e l’ex mandatario Evo Morales hanno espresso le loro condoglianze attraverso le reti sociali.

Il segretario esecutivo della Federazione Sindacale dei Lavoratori Minerari della Bolivia (FSTMB), Orlando Gutiérrez, è morto questa mattina a seguito delle gravi lesioni subite in un attentato dopo le elezioni.

Il dirigente si trovava ricoverato nella clinica Cemes, della città di La Paz, dal 22 ottobre e il suo stato di salute era delicato.

Questa mattina il fratello di Gutiérrez, Abel Zambrana, ha confermato il decesso a La Razón.

Il presidente eletto, Luis Arce Catacora, ha espresso le sue condoglianze attraverso Twitter. “Esprimo la mia profonda pena per la dipartita del fratello Carlos Orlando Gutiérrez Luna (Q.E.P.D.). Grande dirigente minerario che ha sempre difeso gli interessi del popolo boliviano. In questo momento difficile la mia solidarietà alla famiglia, li accompagnano nel loro dolore”.

Anche l’ex presidente Evo Morales: “Con profondo dolore, sono venuto a conoscenza della morte del compagno Orlando Gutiérrez, un giovane, coraggioso e impegnato dirigente minerario della storica FSTMB e militante del Proceso de Cambio. Le mie sentite condoglianze e la mia solidarietà alla sua famiglia”.

Gutiérrez aveva partecipato in modo attivo alla campagna elettorale del MAS in vista delle elezioni di domenica 18 ottobre. È stato lui che ha detto a Oruro che si sta consumando un eventuale frode contro il MAS, ci saranno mobilitazioni nelle strade.

28 ottobre 2020

Resumen Latinoamericano

 

Informazioni aggiuntive

  • notizia Live normale

Lunedì, 19 ottobre 2020

Cari tutti,

è ormai terminato il mio primo mese di detenzione. Di come sto e dei miei pensieri più personali vi scriverò dopo, ora vorrei dedicare qualche riga alle emergenza pandemica Covid-19.
Ieri sera in moltie abbiamo ascoltato il discorso di Conte e ogni giorno sfogliamo i giornali alla ricerca di qualche notizia sulle carceri e sulla tutela di noi detenute. Niente. Non vi riporto gli sfottò che girano su Bonafede, dal mio punto di vista sicuramente non un grande giurista, ma soprattutto un ministro che non sta facendo nulla per le carceri, luogo di assembramento per antonomasia.
Qui, dove le distanze di sicurezza anti-contagio non possono essere rispettate, il covid incombe come una minaccia fatale. Si spera, consapevoli e con il timore. Un paese civile attento alle fasce più deboli della popolazione (la popolazione detenuta è una di queste) si attrezzerebbe in maniera diversa. Il carcere non è un luogo isolato, decine se non centinaia di persone entrano ed escono ogni giorno per permettere il funzionamento, così come è organizzato.

Come si può pensare che questa non sia una popolazione ad alto rischio? Anzi mi correggo, sicuramente i nostri governanti lo sanno, ma non interessa perché qualsiasi azione a nostro favore andrebbe a scontrarsi con la pancia più forcaiola di questo paese, importante bacino di voti. E allora si attende e si spera, temendo l’interruzione dei colloqui con i propri cari e di parte delle attività che, col passare dei giorni, appaiono sempre più probabili. Per concludere, dall’alto dovrebbero arrivare dei provvedimenti per ridurre significativamente la popolazione detenuta, bisognerebbe poter essere soli in cella e potenziare i finanziamenti per per la salute di questa popolazione “fragile”. Ovviamente non credo questo accadrà, ma credo sia importante almeno dircelo.

Rispetto a me vi dico che sto bene. Ammetto di aver avuto qualche momento di sconforto, come potrebbe essere altrimenti, ma ora i giorni, poco alla volta, diventano più leggeri ed i miei movimenti si stanno adattando a questi spazi ristretti. Penso molto spesso alle due ore di libertà che, appena saputa la notizia della mia imminente carcerazione, mi sono presa andando a Castel Borello. Là avevo guardato dall’alto un pezzo della Valle, respirato a pieni polmoni e mi sono ripromessa, cosa che rinnovo quotidianamente, che non mi avrebbero allontanato dalla Valle e dai miei compagni di lotta. È così è.

Sono lì con voi, spero mi sentiate vicina. Questa forza interiore, che prendo dai ricordi, ma anche dall’affetto che ogni giorno ricevo dalle lettere, mi sta aiutando a costruire un nuovo equilibrio. Continuo a pensare che questa detenzione sia la nostra ennesima vittoria perché il potere è stato costretto a svelare il suo volto più feroce e vendicativo. È stato sotto gli occhi di tutti, non si potrà cancellare. Forse questa consapevolezza non servirà a risolvere la mia situazione attuale, ma resterà impressa in chi domani, insieme a tutti noi, vorrà lottare per una società più giusta. A breve potrò concludere la mia laurea specialistica (mi mancano due esami) e per noi detenute studentesse (siamo in un po’) è stata allestita un’aula studio al quarto piano. Questa cosa mi fa piacere non lo nego!
Frequento la biblioteca, leggo, scrivo, gioco a pallavolo. Insomma, bene così, nonostante tutto.
In questi giorni mi sto facendo grosse risate leggendo dell’affaire Muttone. Vedere i nomi di chi ci accusa da sempre fregiandosi di alte qualità morali, affiancati dal solito tema di corruzione e malaffare non ha prezzo.
Come si dice? La ruota gira! Speriamo giri sempre di più e che in tempi difficili come questi (a causa del covid) si riesca a continuare a lottare per ciò che è giusto, dare voce a chi da solo non ce la fa, difendere dalla devastazione i nostri territori e il nostro pianeta che ci chiede di fare in fretta.

Siate tenaci anche per me!
Un saluto ai Mulini che resistono, vi penso spesso!
Avanti No Tav!
Dana

Dana ha scritto questa lettera prima di ricevere risposta sull’istanza di sospensiva. Pertanto riportiamo un ulteriore commento da parte sua in seguito al rigetto dal parte del Tribunale:
“Il Tribunale di Sorveglianza, come già sapete, ha respinto l’istanza di sospensiva. Prevedibile direi, come anche l’immaginarsi le varie pressioni in gioco per non dover ammettere di aver agito nei miei confronti in maniera ingiusta. Sicuramente farò delle osservazioni più approfondite, per ora vi dico che con serenità affronterò i mesi che mi attendono qui in carcere.
Siamo dalla parte della ragione!”

da notav.info

 

Informazioni aggiuntive

  • notizia Live normale

Ospitiamo volentieri il primo di tre contributi introdotti e tradotti da Liaisons Italia sulle elezioni negli USA in rapporto con i movimenti sociali in corso. Buona lettura!

“Cambiare tutto per non cambiare niente” è la lente con cui tendenzialmente guardiamo alle tornate elettorali, come un passaggio di testimone. E certamente non è analisi superficiale quella che evidenzia la continuità delle politiche effettive messe in campo dai governi di diverso colore politico, in scale di grigio.

I contributi che vi proponiamo, tradotti da It’s going down, blog di compagni e compagne statunitensi, oltre ad analizzare un contesto inedito per il Paese delle Libertà, ovvero un’elezione contestata già sul nascere e un possibile colpo di stato, restituiscono una visione complessa della situazione.

Questo esercizio viene fatto ipotizzando scenari possibili e quali reazioni potrebbero generare: quali forze in campo, ma soprattutto come e cosa fare, tenendo conto anche delle reazioni innescate dai risultati elettorali nella popolazione americana e nel vasto spettro di attori che abbiamo visto agire nelle strade (manifestanti, gruppi di mutuo aiuto, paramilitari, suprematisti di destra). L’obiettivo di questi testi diventa quello di fornire una base solida per l’azione.

Pensiamo che per il lettore italiano possano essere tre letture dense che tratteggiano i contorni del vivace dibattito nei mondi antagonisti statunitensi, tre letture che ci forniscono un’idea impressionante dello stato di avanzamento delle lotte in una regione del mondo che è luogo di sperimentazione di buona parte delle pratiche di lotta più interessanti dallo scoppio della pandemia.

 

RESISTERE AL COLPO DI STATO DI TRUMP

Di Matthew N Lyons Da Three Way Fight

Le persone di tutto lo spettro politico - dagli anarchici ai socialdemocratici ai neoconservatori - hanno avvertito che Trump potrebbe tentare di sabotare le elezioni per rimanere in carica. Si tratta di un pericolo serio e realistico. Un colpo di stato di Trump avrebbe conseguenze disastrose ed è necessaria un'azione di massa per fermarlo. Allo stesso tempo, ci sono una serie di insidie e di potenziali idee sbagliate nel modo in cui interpretiamo e rispondiamo a questa minaccia. Senza entrare in scenari dettagliati, voglio evidenziare alcuni punti chiave che penso possano aiutarci a inquadrare la situazione in modo più chiaro e a organizzare la resistenza nel modo più efficace.

Il caos come strategia per prendere il potere

Se Trump tenta di rubare le elezioni, definendolo un colpo di stato, sottolinea che si tratta di una presa di potere antidemocratica. Allo stesso tempo, il termine "colpo di stato" può essere fuorviante, perché evoca immagini di soldati che occupano uffici governativi e stazioni televisive, che creano blocchi stradali e arrestano gli oppositori politici. Trump che ruba le elezioni sarebbe,di proposito , molto più confuso di così. Come sostiene Barton Gellman, la strategia di Trump fa uso dei metodi tradizionali di soppressione degli elettori - come la pulizia delle liste elettorali e (probabilmente) l'intimidazione della gente alle urne - ma il punto cruciale non è il controllo delle elezioni, ma lo screditamento del processo elettorale stesso.

Ad esempio, gli sforzi di Trump per interrompere il voto per corrispondenza (come lo sventramento del servizio postale) possono contribuire a spostare i risultati a suo favore, ma il loro effetto principale - unito alle implacabili menzogne del suo team sul presunto pericolo di frodi diffuse tra gli elettori - è quello di mettere in discussione la validità dei risultati. Attraverso questa e altre tattiche, secondo le parole di Gellman, Trump "potrebbe ostacolare l'emergere di una vittoria legalmente inequivocabile per Biden nel Collegio Elettorale e poi al Congresso". Potrebbe impedire la formazione di un consenso sull'esistenza o meno di un risultato. Potrebbe cogliere questa incertezza per mantenere il potere". A quel punto, l'esito potrebbe dipendere dal controllo di Trump sulle principali agenzie federali e dal sostegno delle forze di strada di destra (gruppi patriottici, Proud Boys, ecc.), ma solo perché l'elezione stessa è stata screditata.

Questo approccio è ben calibrato sia ai vincoli che Trump affronta, sia a tutto il suo approccio alla politica. Da un lato, come sottolinea Gellman,

"Trump è, per certi versi, un debole autoritario. Ha la bocca ma non la forza di agire la sua volontà in tranquillità. Trump ha denunciato il Consigliere Speciale Robert Mueller ma non ha potuto licenziarlo. Ha accusato i suoi nemici di tradimento ma non è riuscito ad imprigionarli. Ha piegato la burocrazia e violato la legge, ma non si è liberato del tutto dei loro vincoli.”

“Un vero despota non rischierebbe l'inconveniente di perdere le elezioni. Sistemerebbe la vittoria in anticipo, evitando di dover ribaltare un risultato non corretto". Trump non può farlo".

 

Ma come strategia, screditare i risultati delle elezioni ha anche senso, perché seminare confusione e caos è una delle poche cose che Trump fa bene. Trump non ha la pazienza o la capacità di pianificare e realizzare un'operazione ben organizzata in stile militare, ma è molto bravo a diffondere la disinformazione. Alcune persone credono alle sue bugie e - altrettanto importante - altri non sanno a cosa credere. Trump ha contribuito a un più ampio cambiamento nella cultura politica, in cui l'informazione stessa è sempre più trattata come partigiana, e questo a sua volta rende più facile far leva sul potere attraverso il caos.

Stato diviso, élite divise

 

Per anni, liberali e parte della sinistra hanno avvisato che Trump, l'estrema destra, e la classe dirigente stanno lavorando fianco a fianco per stabilire una dittatura - o, come dice Henry Giroux, "fascismo neoliberale". Questa affermazione non solo dissimula il complicato e a volte ostile rapporto dell'estrema destra con Trump, ma nasconde anche la natura contraddittoria dell'amministrazione Trump come un'alleanza instabile di neoliberisti filo-societari e populisti di America First. Trump ha ottenuto il sostegno di alcuni capitalisti, ma anche l'opposizione di molti altri, tra cui la destra integralista come i fratelli Koch. Sicuramente non era il candidato preferito della classe dirigente nel 2016, e non c'è motivo di pensare che lo sia ora. Un neoliberale centrista come Joe Biden è molto più in linea con ciò che la comunità imprenditoriale - e gran parte del Partito Repubblicano - vuole, piuttosto che un imprevedibile demagogo che si preoccupa più di glorificare e arricchire se stesso che di rafforzare il capitalismo americano in patria o all'estero.

Trump ha avuto anche un successo limitato nel consolidare il sostegno all'interno della burocrazia federale. Come osserva It's Going Down, ha usato efficacemente le nomine politiche per controllare agenzie chiave come i dipartimenti di giustizia e sicurezza interna, ma ha avuto molto meno successo nell'estendere tale controllo sull'esercito. Questo ha implicazioni dirette per uno scenario di colpo di stato. Trump potrebbe essere in grado di schierare la polizia federale e agenti della Sicurezza nazionale per "prevenire le frodi" nelle aree a maggioranza democratica, ma è improbabile che possa schierare truppe vere e proprie .

Alcuni esponenti della sinistra concludono, a torto, che queste limitazioni rendono poco plausibile un colpo di stato di Trump. Roger Harris del Partito della pace e della libertà sostiene che Trump non tenterà un colpo di stato perché i capitalisti non lo vogliono:

"Nell'Europa degli anni '30, sezioni della classe dirigente dei rispettivi paesi accettavano le dittature di Hitler e Mussolini per paura che i partiti comunisti e socialisti della classe operaia arrivassero al potere politico. Non esiste una tale contesa politica negli Stati Uniti contemporanei.... Se il governo di e per le élite è accettato, perché la borghesia dovrebbe sperperare questo dono e optare per una dittatura fascista più costosa?

 

"Anche se Donald Trump di per sé aspirerebbe anche ad essere il primo Fuhrer degli Stati Uniti, non ha sufficiente sostegno da parte della classe dirigente, in particolare il capitale finanziario. Molti generali militari lo detestano. L'establishment della politica estera non si fida di lui. Almeno la metà dei membri del servizio attivo sono insoddisfatti di lui. E le cosiddette agenzie di sicurezza dello Stato - Fbi, Cia, Nsa - sono tra i suoi più severi detrattori .

 

"Trump potrebbe essere in grado di mobilitare alcuni skinheads con armi da mostrare come souvenir. Ma questi malcontenti emarginati non sono neanche lontanamente paragonabili  all'apparato coercitivo della superpotenza mondiale"

 

Harris esagera la capacità delle élite di determinare i risultati politici. Sì, in termini generali i capitalisti statunitensi detengono il potere dello Stato e, come blocco, esercitano un'influenza politica che va ben oltre la loro quota di popolazione. Ma se potessero semplicemente dettare chi è stato presidente, Trump non sarebbe mai arrivato alla Casa Bianca. Questo punto è stato portato a casa quando abbiamo riesumato  ciò che Harris ha scritto esattamente quattro anni fa:

"Non dobbiamo preoccuparci che [Trump] venga eletto nel 2016. Le élite al potere si preoccuperanno che sia fortunato a vincere l'Alaska. Le prospettive presidenziali di Trump, già fatalmente traballanti, saranno enormemente meno impressionanti, dato che i media aziendali continuano a sminuire lui e le sue grandi mani".

 

La realtà è che non tutti i presidenti - e non tutti gli spostamenti in direzione favorevole o contraria dell'autoritarismo - riflettono le preferenze della classe dirigente. Per avere successo, un tentativo di colpo di stato di Trump non richiede il sostegno attivo dell'establishment economico, politico o militare. La loro accettazione passiva, la disunione o l'indecisione in un momento critico potrebbe essere sufficiente. Allo stesso tempo, i limiti del sostegno di Trump ostacolano  ciò che può fare sia prima che dopo le elezioni, frenano  la sua capacità di consolidare il controllo e lo lasciano vulnerabile a un'opposizione determinata anche dopo un colpo di stato riuscito.

Non è fascismo contro democrazia

 

La minaccia di un colpo di stato di Trump non è una lotta tra fascismo e democrazia. Come sostengo dal 2015, mentre Trump promuove elementi importanti della politica fascista, non è egli stesso un fascista e non ha la capacità di creare uno stato fascista. Il fascismo, a mio avviso, comporta molto di più della repressione o addirittura della dittatura totale. Tra le altre cose, comporta uno sforzo sistematico di trasformazione della società per conformarsi a una visione ideologica unificata (come lo stato totale di Mussolini o il rinnovamento della razza ariana da parte di Hitler), così come una mobilitazione di massa indipendente e organizzata per rovesciare il vecchio ordine politico e attuare la visione trasformativa in tutte le sfere sociali. Trump sfrutta temi politici di estrema destra, ma non offre alcuna visione reale per trasformare la società, e non ha mai cercato di costruire una base organizzativa indipendente che gli permettesse di farlo.

Questo non per sminuire la minaccia. Qualsiasi tipo di seconda amministrazione Trump sarà ancora peggiore della prima, ma se Trump ruba le elezioni e la fa franca, l'erosione del sistema di governo costituzionale e repubblicano sarà drammaticamente maggiore. Le strutture politiche formali non scompariranno probabilmente, ma diventeranno molto più deboli e vuote di quanto non siano ora. (Pensiamo alla Russia di Putin, che ha ancora un parlamento e persino una stampa indipendente e una sorta di opposizione politica). Possiamo aspettarci un forte aumento della repressione e della brutalità da parte dello Stato e dei suoi alleati vigilanti, che sarà disastroso per tutti i nostri movimenti e per la grande maggioranza della popolazione degli Stati Uniti. Eppure anche questa versione iper-autoritaria del Trumpismo sarebbe meno ideologicamente guidata del fascismo, più caotica, più disorganizzata, più dipendente dalla leadership volubile di Trump per tenerlo insieme. Anche questo, come i limiti del sostegno di Trump sopra indicati, potrebbe creare vulnerabilità che possiamo sfruttare.

Dall'altra parte, opporsi a un colpo di stato di Trump non significa "difendere la democrazia". Come ho scritto nel 2015,

"Gli Stati Uniti non sono e non sono mai stati una democrazia. È un mix di apertura pluralistica e repressione, una società oppressiva, gerarchica, dove la maggior parte del potere politico è detenuto da rappresentanti di una minuscola élite capitalista, ma dove c'è un reale spazio politico per alcune persone e alcune idee che non sarebbero permesse in un sistema del tutto autoritario, comprese le opportunità di organizzare, discutere, partecipare alla politica elettorale, e criticare chi è al potere. Questo spazio è stato conquistato attraverso la lotta ed è importante e vale la pena difenderlo, ma non è la democrazia".

 

Lo spazio politico negli Stati Uniti è stato per molti versi ridotto per decenni, poiché l'apparato repressivo e di sorveglianza dello Stato è stato costantemente ampliato sotto i presidenti repubblicani e democratici. Eppure il presidente Trump ha accelerato il processo attraverso il suo rifiuto della responsabilizzazione del governo, la demonizzazione degli oppositori e la palese manipolazione degli organi statali per fini personali. Un colpo di stato di Trump farebbe precipitare le cose ancora di più.

Possiamo riconoscere che lo spazio pluralistico è più a rischio in caso di un colpo di stato di Trump senza romanticizzare il sistema politico nel suo complesso. Navigare in questa realtà bifronte è, credo, una sfida centrale nello sviluppo di risposte radicali a Trump. Come possiamo definire la natura fondamentalmente antidemocratica dell'attuale ordine politico, pur essendo chiaro che le future offerte di Trump sarebbero drammaticamente peggiori?

Anti-trumps vs la sinistra

 

Un'altra sfida per la sinistra che risponde a un potenziale colpo di stato di Trump è il fatto che molti anti-Trumpers sarebbero felici di gettarci sotto un autobus. Uno dei tanti aspetti surreali dell'era di Trump è stato osservare i neoconservatori - che solo pochi anni fa erano i principali sostenitori dell'espansionismo e delle uccisioni di massa negli Stati Uniti - che si ripulivano la facciata presentandosi come voci di moderazione e di civiltà. Nel 2003, il neocon David Brooks è stato uno dei principali sostenitori dell'invasione dell'Iraq, uno degli atti più brutali e devastanti dell'imperialismo statunitense degli ultimi decenni. Ora invoca l'attivismo di massa per fermare un colpo di stato presidenziale, ma il suo grido di protesta è diretto quasi tanto contro la sinistra quanto contro Trump.

Brooks dichiara che "Se Trump rivendica una vittoria che non è giustamente sua, qualche marcia per le strade non sarà una risposta adeguata. Potrebbe essere necessaria una campagna sostenuta di azione civica, come a Hong Kong e in Bielorussia, per radunare la maggioranza che vuole preservare la democrazia...". Questa campagna unirebbe "persone perbene  e militanti dell'America" - tra cui "un certo tipo" di conservatori, moderati e liberali - contro "la miriade di nemici che parlano allegramente di smantellare sistemi, disordini e distruzione". Questi nemici includono da un lato "l'assalto alla briscola", ma anche "la frangia della sinistra" dall'altro, persone che colgono "la loro possibilità di scatenare il caos... con passione a volte violenta". È la classica teoria a ferro di cavallo, come equiparare i suprematisti bianchi e gli attivisti della Black Lives Matter a pericolosi estremisti che minacciano l'ordine civile e il dibattito "sobrio".

I neoconservatori non sono gli unici anti-Trumpers inclini al centrismo della teoria a ferro di cavallo. Per esempio, mentre demonizzare l'antifa potrebbe sembrare prerogativa  di Trump e dei suoi sostenitori, la storia recente dimostra il contrario. Sulla scia del raduno "Unite the Right" dell'agosto 2017 a Charlottesville, dove una nazionalista bianca ha assassinato  l'antifascista Heather Heyer, i liberali da Nancy Pelosi a Chris Hedges si sono uniti a una campagna di propaganda contro gli antifascisti militanti che ha esagerato e distorto il loro uso della violenza. Il sindaco liberale di Berkeley, Jesse Arreguin, ha dichiarato che gli antifa dovrebbero essere classificati come una "gang / gruppo organizzato ", mentre la Lega Anti-Defamation ha esortato l'FBI a infiltrarsi e a spiare i gruppi antifascisti. Se il conflitto si intensificherà intorno alle prossime elezioni e alle sue conseguenze, possiamo aspettarci che molti anti-Trumpers liberali abbraccino la "sobria" condanna di David Brooks nei confronti della sinistra.

Resistenza di massa e non settaria

 

Le elezioni presidenziali statunitensi presentano regolarmente alla sinistra la deprimente domanda se votare per il male minore o rifiutare le opzioni presentate come una falsa scelta. Quest'anno molti di sinistra, ma non tutti, sostengono a malincuore Biden, non tanto per il male minore sul maggiore, quanto per quello abissale sul catastrofico. Ovunque si arrivi a questa domanda, che si intenda o meno votare, la minaccia di un'elezione rubata dovrebbe chiarire come mai prima d'ora che il voto di per sé non lo deciderà. Trump deve essere fermato, e per farlo è necessaria una resistenza organizzata di massa.

La resistenza di massa a un colpo di stato presidenziale ha il potenziale per attrarre un ampio e vario sostegno, perché Donald Trump è ampiamente odiato e disprezzato, e perché questo è un periodo di radicale attivismo di massa su una scala che gli Stati Uniti non vedono da decenni. In questo contesto, alcuni anti-Trumpers presenteranno la richiesta settaria di soffocare ogni impulso radicale a favore della moderazione del minimo comune denominatore. Un quadro organizzativo migliore e più potente è il principio antifascista della "diversità delle tattiche". Che chiamiamo Trump fascista o meno, il seguente passaggio dalla mia prefazione al libro Fascism Today di Shane Burley si applica qui:

"La lotta contro il fascismo deve essere ampia e lasciare spazio alla gente per agire in modi diversi e con politiche diverse. Come ha detto Anti-Racist Action nei suoi Points of Unity quasi trent'anni fa, dobbiamo praticare una difesa non settaria degli antifascisti - mettere da parte le nostre differenze per sostenere coloro che sono seri nell'opporsi al nostro comune nemico. Alcuni approcci comporteranno un confronto fisico diretto con le forze di destra. Altri comporteranno proteste nonviolente, iniziative di parola e di scrittura, iniziative legali o elettorali, organizzazione di comunità, o anche il confronto con persone che sono attratte dal fascismo per cercare di allontanarle da esso. Sebbene le persone spesso pensino che gli approcci militanti e non militanti si escludano a vicenda e siano in conflitto, funzionano meglio quando sono complementari e si rafforzano a vicenda".

 

Tuttavia, rendere il movimento di resistenza di massa inclusivo e dinamico è qualcosa di più di una tattica. Si tratta di fare in modo che, accanto agli appelli a "difendere la democrazia" contro Trump, ci sia anche spazio per denunciare l'ordine politico, sociale ed economico che ha dato origine a Trump in primo luogo. La soppressione degli elettori è reale, ma ci sono anche milioni di persone in questo Paese che non votano perché non vedono nessuno per cui valga la pena votare. In definitiva, un movimento di resistenza di massa deve offrire non solo azioni di contenimento difensivo, ma anche visioni radicali che parlino a coloro per i quali "Build Back Better" è uno scherzo crudele.

 

Informazioni aggiuntive

  • notizia Live normale

Il 25 ottobre del 1949, dai calanchi dell’Aspromonte, sull’altopiano del Crotonese, alle pendici della Sila, in ogni paese della Calabria, dapprima in piccoli gruppi poi in decine di migliaia, un esercito di braccianti, di donne, di pastori, di reduci, invase il latifondo incolto. Il 29 ottobre, l’eccidio di Melissa.

Quel giorno, appena velato dalle nuvole, i braccianti che da qualche giorno avevano occupato i fondi di Fragalà, videro arrivare da lontano gli uomini in divisa e si disposero a semicerchio: le donne ed i bambini avanti, gli uomini dietro. Accolsero la celere con applausi «W la polizia della Repubblica, W i carabinieri della repubblica!»

Spararono! Angelina Mauro doveva sposarsi qualche giorno dopo, trovò la morte sui campi di Melissa e con Lei Antonio Zito e Francesco Nigro. Lucia Cannata lottò per gironi tra la vita e la morte. Zito era poco più di un bambino, aveva appena quindici anni.

Compiuto l’eccidio, le forze dell’ordine sparano anche sugli asini, sui barili, sfondarono le sporte.

A sera, questo esercito di lavoratori dagli scarponi chiodati, di donne scalze, rientrò in paese, portando i morti a dorso di asino, i feriti legati ai basti, trascinando le armi con cui erano andati a combattere: gli attrezzi del loro lavoro.

A Fragalà restarono le prove dei loro “crimini”: la terra liberata dai rovi, ed alcuni alberi selvatici che avevano appena innestato.

Questi “criminali” volevano lavorare, produrre per sé stessi e per gli altri.

Avevano creduto nella Costituzione che vuole le Repubblica fondata sul lavoro.

Volevano un Sud rinato grazie al loro sudore.

Incontrarono lo stato che non fu mai il loro Stato.

Morirono giovanissimi per la loro terra. Nessuno li riconobbe come martiri e come eroi. I loro nomi non dicono niente fuori della Calabria e pochissimo nella nostra stessa Regione. Le loro ossa sono andati a finire negli ossari comuni.

Dopo le cariche di polizia dei giorni precedenti alla Ferdinandea, a Polistena, a Strongoli, ad Isola, e decine di altre città si voleva dare un esempio ai “fuorilegge” che occupavano le terre, e fu dato a Melissa!

Anche allora in Calabria c’erano tanti pregiudicati, per esempio a Cutro, nelle elezioni del 1948, non ebbero diritto di voto 272 cittadini. Erano pregiudicati! Avevano raccolto legna nel latifondo del barone Barraco che circondava il paese.

I Barraco erano la legge, i contadini i delinquenti.

Dopo Melissa, nel giro di qualche anno, l’esercito dei contadini si trasformò in un esercito di emigranti. Morirono a centinaia nelle miniere del Belgio, nelle fonderie tedesche, sui cantieri di mezzo mondo. Delle rimesse spedite in Calabria dagli emigranti, le banche drenarono il 90% per finanziare il “miracolo economico”.

Sono passati tanti anni. Adesso non è solo il latifondo ad essere incolto. I rovi hanno invaso le colline e scendono veloci verso la pianura. Eravamo un popolo di braccianti senza terra, di paesi in cui la gente abitava nei tuguri, siamo diventati una terra senza più contadini, di case abbandonate, di paesi deserti.

Franco Costabile, poeta calabrese, lasciava la sua terra scrivendo: «Ce ne andiamo via / dai paesi più vecchi e più stanchi / via dai feudi / via dai baroni / o / via dai pretori, dalla polizia, dagli uomini di onore…»

Fummo sconfitti!

Nel frattempo, la Calabria ha perso la sua anima e con essa la sua dignità, l’antica fierezza, l’indomita volontà di riscatto. In Calabria e nel Sud non si produce più. Il popolo cresce i figli per vederli partire. Noi siamo gli sconfitti.

Ripensando a Melissa verrebbe la voglia di serrare i denti per non gridare la nostra rabbia. Non ci umiliate chiamandoci mafiosi. Noi siamo i figli della legge Pica, del brigantaggio, delle guerre altrui, di Melissa, della criminalizzazione di massa, dell’esodo. Noi siamo i figli diseredati dell’ingordigia e delle smisurate ricchezze dei pochi. La ’ndrangheta che, come lebbra, divora il nostro corpo è composta dagli scarti di una ben più diffusa ’ndrangheta che come una piovra soffoca il Paese. Un contadino lasciando quelle terre affermava “noi ci ritorneremo”. E forse è arrivato il momento di tornare…

(Ilario Ammendolia)

Informazioni aggiuntive

  • notizia Live normale

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons