ssssssfff
Articoli filtrati per data: Thursday, 17 Gennaio 2019

Mattinata di mobilitazione contro l’edilizia scolastica fatiscente e le promesse vuote del governo che nascondono solo altri tagli all’istruzione.

Negli scorsi giorni, dopo che una protesta simile sta scuotendo Livorno da ormai più di una settimana, anche le scuole superiori di Pisa si sono mobilitate. Le richieste sono chiare: maggiore sicurezza strutturale all’interno degli Istituti e il rifiuto del DDL „scuole sicure“ attuato dal governo, che manda la polizia nelle scuole tagliando in parallelo i fondi all’istruzione.

Dopo l’occupazione del liceo artistico Russoli a dicembre, qualche giorno fa hanno occupato gli studenti del tecnico Santoni - che lunedì sono andati a chiedere conto della situazione della scuola in Provincia con un corteo - e del professionale Fascetti, stamani quelli dell’ITI. Gli studenti in mobilitazione hanno lanciato un corteo che stamani ha attraversato il centro di Pisa, chiamato con il passaparola di persona e su whatsapp.

pisa medi

Cinquecento studenti si sono ritrovati in piazza Guerrazzi, percorrendo via Benedetto Croce e poi corso Italia. Davanti al comune cori contro il sindaco, che fa finta di non vedere la situazione in cui versano le scuole pisane, e la giunta: gli studenti pretendono di entrare per ricevere delle risposte. Si schiera la polizia, ma il corteo spinge compatto e le porte del comune si aprono. La digos e la polizia rispondono a spintoni pur di non far entrare gli studenti. Il corteo rimane comunque fermo a fronteggiarsi incordonato davanti al portone finché non si decide di ricompattarsi e andare a bloccare il ponte di Mezzo con un’assemblea. Tante le voci, incluse quelle di alcune scuole che sono venute da fuori Pisa per partecipare al corteo. Determinazione, rabbia, consapevolezza che insieme si può contare qualcosa, che bisogna chiedere conto a qualcuno dei pavimenti che crollano e delle finestre che si spaccano. Alla provincia, ente preposto alla gestione degli stabili, che da troppo tempo si rifiuta di dare risposte, al governo, che manda polizia e cani antidroga nelle classi e intanto taglia miliardi al comparto istruzione, al sindaco che rifiuta di ascoltare la voce degli studenti della sua città.

Il corteo si ricompatta, attraversa ancora una volta il centro e finisce in piazza dei Cavalieri, rilanciando una nuova data di mobilitazione per lunedì. Le scuole intanto restano in occupazione, l’energia scaturita da questa mattina non permette più di tornare indietro.

Qui una corrispondenza audio da una studentessa presente al corteo.

Informazioni aggiuntive

  • notizia Live normale
in SAPERI

Nelle ultime settimane, oltre alla manovra economica, alla questione della nave Sea Watch e all’arresto di Cesare Battisti, un’altra notizia si è spesso fatta largo all’interno di telegiornali e siti di informazione: l’emergenza rifiuti, in particolar modo quella riguardante città come Roma e Palermo.

Sono oramai familiari le immagini di cassonetti stracolmi e di marciapiedi invasi da buste dell’immondizia, di cittadini avviliti e lanciati in camminate di centinaia di metri alla ricerca di un “buchetto” in cui infilare il sacchetto con i rifiuti del giorno prima; sono anche tristemente note le pseudo-argomentazioni di coloro che ricoprono cariche istituzionali e che sarebbero preposti a risolvere la questione. Ciò che è fondamentale comprendere è che, al di là di fenomeni contingenti quali, ad esempio, l’incendio dell’ex TMB Salario, impianto di smaltimento dei rifiuti alle porte di Roma, e lo sciopero (sacrosanto) delle lavoratrici e dei lavoratori della Rap di Palermo, la questione della produzione e dello smaltimento dei rifiuti ricopre un’importanza non indifferente in tempi in cui si impongono, sempre più urgentemente, misure drastiche nella lotta alle emissioni e al cambiamento climatico. Quello dell’accumulo di rifiuti è, quindi, un problema strutturale, interno agli stessi meccanismi attraverso cui la nostra società riproduce se stessa e che coinvolge l’intero arco produttivo, dalla produzione industriale fino al consumo individuale.

Lasciano, perciò, il tempo che trovano le invettive moraliste nei confronti di chi, anziché avventurarsi nella ricerca di qualche cassonetto vuoto in giro per il quartiere, lascia il proprio sacchetto sul cumulo di immondizia formatosi nei pressi del cassonetto davanti al portone di casa e che, da giorni, non viene svuotato. E se questo genere di ragionamenti è lecito aspettarselo da un’opinione pubblica stanca e frustrata, avvilita dall’incapacità e dalla corruzione di amministrazioni susseguitesi nel tempo ma quasi per nulla distinguibili l’una dall’altra, meno lecito dovrebbe essere aspettarselo dalle stesse amministrazioni che, al fine di mascherare le reali dinamiche interne, puntano il dito contro il cittadino furbetto, immorale, disonesto. Ed è in questo clima che è andata formulandosi l’ultima proposta della giunta capitolina: la selezione, tra i cittadini, di volontari muniti della facoltà di multare colui o colei che, anziché vagare per il quartiere in cerca di un cassonetto, sono rei di aderire alla barbara usanza di lasciare la propria immondizia per la strada. Ciò, oltre a far da megafono allo sterile giustizialismo a cui oramai siamo abituati, pone un problema non indifferente: i cittadini e le cittadine selezionati sarebbero, a tutti gli effetti, lavoratori e lavoratrici non retribuiti, con tutto ciò che questo comporta in termini di diritto del lavoro e, non meno grave, in termini di sicurezza personale; è chiaro che questi, investiti di una mansione punitiva, sarebbero totalmente esposti alla frustrazione e alla rabbia popolare che, giustamente, vedrebbe in loro l’ennesimo attacco a una quotidianità che, in special modo nelle zone periferiche, si allontana giorno dopo giorno dalla soglia minima di vivibilità.

È pertanto inutile e fuorviante basare il ragionamento, e la conseguente ricerca di soluzioni, sul comportamento individuale, anche perché, se dovessimo risalire la scala dei comportamenti immorali al fine di identificare il “colpevole”, dovremmo considerare tutta una serie di passaggi che vanno ben oltre il momento in cui un sacchetto viene tristemente abbandonato accanto a un cassonetto. Dovremmo, ad esempio, domandarci cosa ci fosse dentro quel sacchetto e se fosse proprio necessario produrre quel determinato rifiuto; capire se al suo interno vi fosse della plastica (rifiuto domestico inquinante per eccellenza) e se l’alimento o il prodotto che conteneva non potesse essere acquistato magari sfuso al mercato di quartiere, in modo da non gravare sul bilancio dei rifiuti collettivo; scoprire la natura di quel prodotto e ragionare sull’impatto ambientale che esso, al di là dell’imballaggio, ha prodotto nel corso del ciclo produttivo; ragionare, infine, sul modo in cui è stato acquistato, se il negozio in cui lo si vendeva è stato raggiunto a piedi, con i mezzi pubblici o magari in auto, per quantificare l’emissione di gas serra che è andata ancor più a intorpidire l’aria metropolitana.

Chiaramente, questo sarebbe un esercizio inutilmente gravoso e del tutto sterile, non perché non abbia senso provare a riflettere su abitudini mai sottoposte a una critica seria, tutt’altro; piuttosto, perché è assolutamente irrealistico pensare che i singoli comportamenti siano il risultato di una libera scelta, come se non esistessero fattori quali il grado di istruzione e, quindi, una diversa possibilità di accesso a determinate informazioni, le possibilità economiche, i ritmi sempre più convulsi del quotidiano, una realtà lavorativa sempre più abbruttente e che poco spazio lascia a riflessioni di altra natura, magari concernenti ciò che accade al di fuori del nucleo familiare.

Proviamo, perciò, a metterci nei panni di un operaio o di un’operaia che abitano in una delle periferie romane oramai sommerse dai rifiuti; proviamo a immaginare che escano di casa alle 5 e 30 di mattina per recarsi sul posto di lavoro, che portino con sé la busta dei rifiuti del giorno prima e che ovviamente trovino il cassonetto dell’immondizia stracolmo; immaginiamo che, dopo aver camminato per decine di metri, si accorgano che non c’è modo di buttare il proprio sacchetto se non poggiandolo su un cumulo già esistente di rifiuti, pena la perdita del mezzo pubblico di una rete di trasporti che funziona a singhiozzo e che li porta quotidianamente a un lavoro precario che, però, è l’unico al momento disponibile e per cui un ritardo potrebbe rivelarsi fatale. Proviamo a immaginare che l’operaio o l’operaia (ma soprattutto l’operaia, vista la tremenda disparità di genere esistente) abbiano anche una famiglia e dei figli da accudire, da mandare a scuola e che, perciò, ancor prima di scendere a buttare l’immondizia, ci sia da preparare la colazione, magari anche il pranzo o, addirittura, per mancanza di tempo, la cena. Proviamo a immaginare che, proprio in virtù di quel lavoro precario sicuramente mal retribuito, l’operaio o l’operaia siano costretti ad acquistare, nel discount accanto al loro posto di lavoro, una confezione di insalata già lavata e imbustata piuttosto che una lattuga romana dai banchi del mercato rionale e che quest’ultima, a parità di peso, prezzo e tempo da impiegare nella preparazione, risulta sicuramente meno conveniente seppur con un minore impatto dal punto di vista dei rifiuti prodotti.
Quale assurdo ragionamento moralistico potrebbe applicarsi a questa ipotetica situazione?

La verità è che, nel ragionare sulla questione dei rifiuti, si perde di vista un enorme insieme di fattori che coinvolge dal primo all’ultimo dei tasselli che vanno a comporre il mosaico sociale in cui viviamo: da una rete di trasporti pubblici inefficiente all’abbassamento progressivo del salario medio, dalla precarizzazione del mondo del lavoro alla privatizzazione dell’istruzione pubblica, fino ad arrivare all’inefficienza infrastrutturale degli impianti di smaltimento e riciclaggio dei rifiuti (vedi il caso dell’incendio all’ex TMB Salario) e a una politica non all’altezza e spesso coinvolta in girotondi di favori a beneficio dei grandi capitali del settore.
I cumuli di immondizia sui marciapiedi non sono che la punta dell’iceberg di un modo di produrre e di vivere totalmente irrazionale e che necessita di una gestione politica radicalmente diversa, una gestione politica che abbandoni, una volta per tutte, l’istinto repressivo e punitivo da scatenare addosso alle classi più disagiate e che, per prime, soffrono dei malfunzionamenti strutturali (come nel caso dell’ultima idea della giunta capitolina), e consideri i problemi contingenti come parte di questioni assai più ampie e di ben più articolata composizione.

Danilo Gatto, attivista e scrittore

Informazioni aggiuntive

  • notizia Live normale

Un commento di Davide Grasso ai microfoni di Radio onda d'urto.

Siria del Nord. E’ di almeno 16 morti il bilancio dell’attentato suicida che ha preso di mira oggi, mercoledì 16 gennaio 2019, Manbij, località controllata dalle forze del confederalismo democratico e su cui, da mesi, ha messo gli occhi la Turchia di Erdogan, che continua ad ammassare truppe al confine turcosiriano.

L’esplosione è avvenuta al ristorante Qeser Al Umaraa sulla via Sindis, nel centro di Manbij. Quattro delle vittime sono militari statunitensi della Coalizione anti-Daesh, gli altri sono membri del Consiglio militare di Manbji e civili. Tra i feriti ci sono altri 3 soldati Usa.

L’attacco è stato rivendicato da Daesh, anche se da più parti, sul terreno, si punta il dito nei confronti dei servizi segreti turchi, non nuovi ad agire in…sintonia con il Califfato Islamico.

L’intervista a Davide Grasso, già nostro corrispondente dal Kurdistan, volontario delle YPG, che ha combattuto, nel 2016, durante la conquista della città di Manbij, autore dei libri “Hevalen” e “Il fiore del deserto” e uno dei cinque compagni di Torino per cui la Procura piemontese ha chiesto la misura ultrarepressiva della sorveglianza speciale, proprio per il suo sostegno, diretto, all’esperienza della rivoluzione confederale in Siria del Nord.

Ascolta o scaricaAscolta o scarica

da Radio onda d'urto

Informazioni aggiuntive

  • notizia Live normale

Il 3 gennaio la Digos di Torino ha notificato la richiesta della sorveglianza speciale per due anni con divieto di dimora da Torino, avanzata dalla procura di Torino contro chi ha sostenuto la rivoluzione del Rojava. Di seguito una raccolta di comunicati e contributi per la camapgna che chiede l'abbandono di ogni accusa 

Chiesta la sorveglianza speciale per cinque italiani che hanno sostenuto la lotta all’ISIS in Siria – Infoaut

La Procura di Torino chiede la sorveglianza speciale… per chi ha lottato contro l’ISIS – Wu Ming Foundation

Comunicato di solidarietà – Cronache ribelli

• Di storie a bivi, di chi va a combattere in Rojava e di sorveglianza speciale – Michele "Zerocalcare" Reich

Sono socialmente pericoloso? – Davide Grasso

Comunicato dei 5 – Jacopo Bindi, Davide Grasso, Fabrizio “Jack”, Maria “Eddi”, “Azadi” Pachino

Uno dei più bei gesti di generosità e umanità – Jacopo Bindi

Solidarietà ai compagni – Rete Kurdistan Sardegna

• POESIA DEI 5 EROI, DAVIDE, EDDI, JACK, PAOLO, JACOPO – Matricola 1312

• Il vero pericolo sociale sono i nostri governi ed i loro alleati – Exitmedia

Socialmente pericolosi – Anarres info

• SOCIALMENTE PERICOLOSA?? PER NOI L’ESPERIENZA DI EDDI É UNA RICCHEZZA! – Non una di meno Torino

Noi stiamo con chi combatte l'ISIS – CORTEO IL 19 GENNAIO A TORINO

 

 

 

Informazioni aggiuntive

  • notizia Live normale
in Staff

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons

});})(jQuery);