Bologna - Due esami collettivi in due giorni, rompere i provvedimenti disciplinari è possibile!

Stampa

 

||||
|||| ||||

Continua la mobilitazione a Bologna contro la doppia pena di Procura e Università nei confronti di studenti e studentesse.

Il comunicato del Collettivo Universitario Autonomo:

E’ con l’Affaire Panebianco che per la prima volta viene comminato ad alcuni studenti un provvedimento disciplinare che ne prevede la sospensione. Nei fatti l’impossibilità, per un periodo di tempo di 2 mesi, di sostenere e verbalizzare esami. La pensabilità e fattibilità negli organi accademici di questa misura scaturisce dalla sinergia tra Codice Etico e Regolamento Studenti. Su segnalazione della Digos l’Università riceve i nomi di alcuni studenti coinvolti in mobilitazioni sociali e in seduta di senato accademico li punisce, arbitrariamente. Si avvale cioè della facoltà di giudicare e decidere, ad esempio, che uno studente che paga regolarmente le tasse possa perdere un anno e non laurearsi in tempo.

Porre la legittimità di questo atteggiamento, come abbiamo sentito dire, a partire dalla constatazione che c’è un regolamento che lo prevede è tautologico e filosoficamente improprio, praticamente una presa in giro, pure di bassa lega per una governance che tanto si ammanta di grandiosità progettuale e strategica. E non si racconti la storiella dello “studente cattivo”, qui paghiamo e vogliamo diritti e servizi.

Martedì scorso è stato reso pubblico un appello firmato e redatto da genitori, studenti, docenti e avvocati che, ricostruendo la genealogia di questa pessima attitudine dell’università, ne chiede la fine. No alla doppia pena dell’Unibo vuol dire No all’accanimento personalistico nei confronti degli studenti e delle studentesse che lottano, vuol dire che di fronte a problemi posti da centinaia di persone rispetto ai costi della vita universitaria si devono trovare soluzioni e non punizioni da affiancare a quelle della procura.

Attraverso la pratica dell’esame collettivo sperimentata in questi giorni daremo battaglia e metteremo praticamente in discussione questi dispositivi. A partire dalla forza collettiva, la stessa con la quale a gran voce chiedevamo l’abbassamento dei costi di un pasto in mensa, fatto per cui oggi Sara non avrebbe potuto dare l’esame. Una studentessa di giurisprudenza che per essersi opposta alla chiusura della biblioteca del 36 con gli arcinoti tornelli, è stata detenuta in regime di arresti domiciliari per 3 mesi. Le lotte l’hanno sostenuta e abbracciata, oggi le lotte costruiscono le condizioni materiali per la rottura dell’ennesima misura comminata nei suoi confronti.

Nei prossimi giorni continuerà la diffusione dell’appello, e la pratica dell’esame collettivo. Abbiamo letto dello scalpore suscitato dall’iniziativa di ieri: si crede veramente possa passare sotto silenzio l'ennesimo sopruso dell'Università di Bologna? Si crede che arbitrariamente si possa sospendere gli studenti borsisti e non dalla possibilità di sostenere gli esami? Contestare un barone della guerra destò dalla quiete un grandissima parte dell’Ateneo, e come avviene a margine di un lungo sonno leggemmo e sentimmo molte fesserie a riguardo degli spazi di libera espressione all’interno dell’università (e dell’opportunità di difenderli). A due anni dall’inizio del rettorato Ubertini chiediamoci: dove sta andando l’Università? Dove sta andando l’Università che si arroga la secolare velleità dell’estromissione – dalle sue mura – dell’incontro-scontro tra sistemi di idee spesso opposti e speculari? L’università che prima si magnifica poi rotto il cielo di carta mostra sospensioni e manganelli? Oggi è toccato a qualche studente, domani chissà.

Aderire all’appello non è perciò soltanto questione di porre l’illegittimità situata di un provvedimento situato, quanto interesse collettivo di chi crede che l’università di Bologna debba correggere quanto prima la deriva imposta da Ubertini e persistere come spazio di dibattito, anche duro ed acceso.

Per sottoscrivere inviare una mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

NO alla doppia pena!


Collettivo Universitario Autonomo

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2016 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons