a

 


Qualche benpensante lo potrebbe considerare un gioco, altri un modo per non studiare, ma quello che stanno dimostrando gli studenti di Modena in questi giorni si chiama voglia di lottare, di rivendicare i propri diritti senza delegare nessuno. Queste giornate di lotta hanno messo in chiaro come gli studenti non si sentano più rappresentati da nessuno. Una frattura che era nell’aria, che si è consumata con la vicenda del Sigonio. Una situazione che giorno dopo giorno diventa sempre più grossa…
Sono giorni intensi di rabbia e di lotta nel mondo della formazione della città di Modena. Protagonisti gli studenti delle scuole superiori  in particolare quelli dell’ istituto Sigonio che dopo aver fatto saltare le lezioni di Sabato, nella mattinata di oggi sono scesi in piazza per un lunedì di collera della formazione verso politici e  istituzioni, colpevoli di non  garantire la sicurezza degli stabili scolastici. Il tutto è stato organizzato nella giornata di Domenica attraverso un tam tam della rete…
Nella giornata di ieri durante le mobilitazioni studentesche, all'interno di una delle aule dell' istituto Sigonio si è distaccata una porzione d'intonaco di 20cm finendo addosso su alcuni studenti. Una ragazza è stata portata in ospedale per accertamenti. La notizia è arrivata solo a manifestazioni concluse e ha cominciato a fare il tam tam della rete. Questo ha portato alla giornata di oggi con l'intera scuola che si è sollevata: studenti, professori, preside e genitori  hanno interroto del lezioni dopo…
Mentre scriviamo questo articolo ci giunge notizia di un crollo all'interno dello stabile che ospita l'istituto Sigonio. Dalle notizie che arrivano sembra che una studentessa si sia fatta male e che sia stata portata all'ospedale. All'interno della sezione delle foto trovate le immagini del crollo...Alla notizia gli studenti hanno deciso di dare una risposta forte all'accaduto. seguiremo gli sviluppi e aggiorneremo appena arriveranno altre notizie. Una piazza diversa, cattiva e determinata accoglie gli oltre 200 studenti che hanno risposto alla…
Pubblichiamo questa nota della campagna " DalBassoAllaBassa" in vista del corteo No Tav di Sabato 16 Novembre in Val Susa. Nella Bassa modenese a un anno e mezzo dal sisma, la ricostruzione appare sempre più un miraggio, per questo risulta importante collegare tutte queste lotte che trovano la sintesi perfetta nel contrastare una governance che spende soldi pubblici per opere inutili invece di destinarli ad esempio alla ricostruzione. Abbiamo letto con molto interesse la proposta dei comitati aquilani, appoggiata anche…
Castelfranco Emilia (Modena) _ Non si placa la lotta per il diritto all'abitare in provincia di Modena. Non si placa la lotta che vede da alcune settimane protagonista una famiglia di migranti e solidali per ribadire un chiaro e netto NO al proprio sfratto e per chiederne il completo blocco su tutta la provincia. Dopo gli sfratti evitati nella città di Modena ai quali si sono susseguite diverse occupazioni a scopo abitativo e quelli evitati nella bassa colpita dal sisma…
Castelfranco (Modena)_A partire dalle prime ore del mattino, il gruppo Prendocasa si è ritrovato nella cittadina di Castelfranco Emilia (MO) per contrastare il 2° tentativo di sfratto abitativo già respinto lo scorso mercoledi. Presenti davanti all’ abitazione sita in Via Roncagli, i due inquilini hanno trovato pieno sostegno e solidarietà con un picchetto prolungatosi fino alle ore 13:00. Le istituzioni, nella figura di un ufficiale giudiziario e n°2 poliziotti municipali, durante il  presidio, hanno provato a creare le condizioni dello sfratto,…
Castelfranco Emilia, paese di confine tra Modena e Bologna, aria di sfratti. Non ha fine lo sgretolamento della coesione sociale nella nostra provincia. Un tempo era una zona ricca, prossima al pieno impiego, in grado di dare l'idea che quella fama di “Emilia Rossa” che in tutta la penisola le attribuivano, fosse meritata attraverso servizi sociali funzionanti, efficienza burocratica, qualità della vita tutto sommato soddisfacente, seppur noiosa nelle sue città-dormitorio. Eppure questo non era affatto il portato di uno pseudo…
Nella mattinata di ieri, gli studenti del liceo Sigogni di Modena, davanti ai cancelli della scuola, hanno nuovamente manifestato contro le condizioni fatiscenti della propria scuola. Già alla fine dello scorso anno scolastico, gli stessi studenti, ora organizzati  in un collettivo interno,  " collettivo interno sigono",  avevano protestato per le condizioni indecenti dello stabile, danneggiato un po' dal terremoto di un anno e mezzo fa che ha colpito la nostra provincia, ma anche per condizioni igeniche precarie. Alla prima manifestazione,…